Lo sport in acqua non è solo nuoto. Negli ultimi anni sono nate svariate discipline da praticare immersi in questo elemento: ce ne sono per tutti i gusti, dal woga (lo yoga acquatico) al biribol (una sorta di pallavolo), passando per l'hydro-kickboxing. L'acqua è infatti un ambiente particolarmente indicato per fare sport, perché alleggerisce la pressione sulle articolazioni e al tempo stesso rende i movimenti più faticosi, favorendo il consumo calorico e il dimagrimento. Queste attività sono quindi adatte a chi vuole mantenersi in forma divertendosi, ma anche alle persone che desiderano perdere peso e per le donne incinte.

"Correre in acqua è la nuova frontiera del running: si consumano molte calorie senza mettere a dura prova le articolazioni."

Woga

Se lo yoga è già una disciplina completa e benefica per corpo e mente, il woga (water-yoga) lo è ancora di più. A livello psicologico, serve a mettersi in contatto con il proprio elemento primordiale: immergersi nell'acqua ripristina infatti inconsciamente le sensazioni di benessere provate durante i nove mesi trascorsi nel liquido amniotico del grembo materno. Inoltre, grazie alla resistenza esercitata dall'acqua, con il woga si riescono a mantenere più a lungo anche posizioni yoga (asana) complesse, il che significa purificare con più efficacia i canali energetici del corpo e contribuire a risvegliare punti specifici dell'organismo, aumentando il grado di benessere psicofisico. Un consiglio: per un effetto ancora più benefico e intenso, fate woga immersi in pozze di acque termali naturali.

Biribol

A pallavolo si può giocare anche in acqua: lo sanno bene soprattutto in Brasile, dove impazza il biribol, nuova disciplina di volley acquatico. I giocatori (4 contro 4), immersi fino alla vita nel mare o in piscina, si scambiano passaggi e schiacciano sugli avversari a ritmo sostenuto. Si giocano 3 set da 12 punti e il campo ufficiale misura 4 metri per 8, per 1,30 metri di profondità, con una rete da pallavolo a filo d'acqua, ma per partite amichevoli ci si possono inventare squadre e misure a seconda del numero di partecipanti e dello spazio a disposizione. Questo sport tonifica e rafforza i muscoli degli arti superiori e inferiori, senza pesare troppo sulle articolazioni.

Hydro-kickboxing

Uno sport cardio che in più aiuta a liberarsi dallo stress quotidiano. L'hydro-kickboxing consiste in lezioni intense nelle quali si combatte contro un avversario immaginario direttamente immersi in acqua, facendo a pugni e tirando calci, sfidando la resistenza del liquido. La pratica si fa ancora più faticosa quando vengono impiegati anche guanti e tavolette. Nonostante le lezioni si tengano generalmente in piscina, nulla vieta di allenarsi anche al mare, godendo della bellezza del panorama e del piacere dell'aria aperta.

Hydro-power

Ovvero, una ginnastica aerobica acquatica fatta di esercizi impegnativi come salti, squat e movimenti coordinati, con pochissime pause per riprendere fiato. Per questo è un'attività benefica sia per il sistema cardiovascolare che per la tonificazione di tutto il corpo, che si rinforza grazie alla pressione dell'acqua, che rende gli esercizi più faticosi. Il risultato? Pancia piatta, gambe e braccia sode.

Deep running

Correre in acqua è la nuova frontiera del running: si consumano molte calorie senza mettere a dura prova le articolazioni. Questa disciplina è adatta, oltre che per gli allenamenti cardio, anche per tonificare addominali e muscoli di gambe e braccia. Perché sia efficace, il deep running deve essere praticato in un punto in cui non si tocca, indossando speciali salvagenti per rimanere a galla.

Credits foto: Olycom