Come si riconosce un buon vino? È il dilemma di molti eppure bastano poche indicazioni per iniziare a prendere confidenza con i gusti diversi. Le dritte giuste, seguite da un po’ d’esperienza, vi aiuteranno a destreggiarvi bene tra le varie etichette e a riconoscere il vino al primo colpo. Cosa aspettate? Iniziate ad allenare mente, naso e palato per prepararvi alla degustazione. E se in crociera volete affidarvi a degli esperti, rivolgetevi ai sommelier delle navi Costa, a disposizione degli ospiti amanti del buon vino o semplicemente curiosi, per degustazioni che sono un viaggio nei sensi e nella cultura. Intanto, approfittate di qualche dritta.

"Avvicinare il bicchiere al naso senza agitare il vino consente di valutare l’intensità del suo profumo ed eventuali difetti come quello di tappo"

Scegliete il bicchiere adeguato

Primo passo? Scegliere il bicchiere adeguato: il classico calice da vino permette di trattenerne le fragranze da annusare per riconoscere quello che gli esperti chiamano “bouquet”, ovvero l'insieme dei suoi aromi.

Versate il vino e lasciatelo risposare

Il vino ha bisogno di essere esposto all’aria per ossidarsi dopo essere stato chiuso a lungo in bottiglia. Una volta versato, va lasciato riposare almeno 5 minuti per gustarlo in tutta la sua corposità, senza compromettere il gusto originario.

Osservate il colore

L’occhio vuole la sua parte, anche in tema di vini. Osservarne il colore permette di individuarne l’annata. Un esempio? I riflessi violacei nei rossi e i riflessi verdi nei bianchi indicano la giovinezza di un vino. Un rosso in tonalità scarica e un bianco tendente al giallastro ne indicano invece la maturità.

Usate l'olfatto

Per valutare l’intensità del profumo del vino, avvicinate il bicchiere al naso, così da assimilare il suo odore più puro. L’olfatto è il senso che consente di individuare eventuali difetti, come quello di tappo.

Fate girare il vino nel bicchiere

Successivamente, una volta respirato il profumo più intenso e originario del vino, si procede con la rotazione del calice, che consente di sprigionare il suo bouquet grazie all’arieggiamento: un vino giovane presenta aromi semplici e leggeri, uno maturo vanta profumi più complessi che spaziano dal floreale allo speziato, e che talvolta cambiano se lasciato qualche minuto nel bicchiere. Ma non solo. Il movimento rotatorio del calice consente di riconoscere anche il contenuto alcolico della bevanda. Per individuarne la gradazione, osservate la velocità con cui il vino scorre contro le pareti: se tende ad aderire al vetro formando degli archetti sulle pareti interne del bicchiere - chiamate “lacrime” – significa che ha un alto contenuto alcolico e zuccherino.

Sorseggiate

Le sensazioni del palato sono le più complesse e devono coinvolgere tutta la bocca. Una volta sorseggiato, fate in modo che il vino scorra sulla punta della lingua, sui suoi lati e su ambo le parti della bocca, anteriore e posteriore. Oltre alla temperatura, in questo modo potete riconoscere ad occhi chiusi la corposità del vino, l'astringenza del tannino dei vini rossi, la presenza di bollicine e il calore trasmesso dall’alcol.

Valutate persistenza e retrogusto

Dopo aver deglutito il vino, si può valutare la persistenza del sapore – ovvero per quanto tempo si avvertono in bocca le stesse sensazioni provate durante la degustazione - e il retrogusto, il cosiddetto finale di gusto. Un vino con una persistenza limitata a un paio di secondi è un vino semplice, un vino importante lascia la sua impronta per circa 15 secondi. Il retrogusto è la sensazione ultima propriamente legata al gusto, che può essere più o meno gradevole.

Degustazioni a bordo

Sulle navi Costa sono tantissime le occasioni per degustare un buon vino, nello scenario suggestivo della crociera. Le enoteche di Costa Diadema e tutti i Wine Bar sulle altre navi, infatti, propongono in un ambiente sofisticato ed elegante con vista mare, le eccellenze vinicole delle regioni italiane, accompagnate da stuzzichini e formaggi abbinati ad hoc per esaltarne il sapore. Agli appassionati, inoltre, è dedicato il Wine Tasting Package: un appuntamento per assaggiare etichette di pregio e proposte selezionate che prevede la degustazione di 2 bianchi, 2 rossi e 1 bollicina, tutti DOC o DOCG e 100% made in Italy.

Credits foto: AGE/MONDADORI PORTFOLIO

1 of 8