Il 6 luglio cade il World Kiss Day, la Giornata mondiale del bacio, una festività ideata nel 1990 in Gran Bretagna per celebrare amore, affetto, passione e amicizia, sentimenti di cui il bacio è portavoce quasi universale. Per l'occasione, ecco 7 curiosità, tra scienza e non, che potreste non conoscere.

"Un bacio appassionato è anche un discreto esercizio fisico: mette in moto 29 muscoli facciali, generando un consumo di 12 calorie."

I benefici del bacio

In campo scientifico esiste una disciplina che studia il bacio e le sue mille sfaccettature. Si chiama filematologia e ha dato vita a un gran numero di ricerche e teorie. Il bacio ad esempio è in grado di abbassare i livelli di cortisolo, facendo diminuire lo stress, e dare il via alla produzione di ormoni quali la dopamina, la serotonina e l'adrenalina, che generano una sensazione di benessere e felicità. A suo modo, un bacio appassionato è anche un discreto esercizio fisico: mette in moto 29 muscoli facciali, generando un consumo di 12 calorie.

Destra o sinistra?

Una ricerca pubblicata su Nature rivela che, per evitare di scontrarsi con il naso, le persone inclinano più spesso la testa a destra che a sinistra. Baciare in un verso o nell'altro dipenderebbe dalla propensione a spostare la testa verso destra o sinistra all'interno dell'utero e nelle prime settimane dopo la nascita.

Anche gli animali si baciano

In natura molte specie avvicinano il muso in segno di affetto. Ma quanto a romanticismo, nessuno batte il bonobo (lo scimpanzé pigmeo che vive nelle foreste pluviali del Congo), che ha l'abitudine di dispensare lunghi e intensi baci sulla bocca. Se invece vedete due esemplari di Helostoma temminckii (un pesce tropicale noto anche come "gurami sbaciucchione") con le bocche serrate, non lasciatevi ingannare: si tratta di un approccio aggressivo per affermare la propria forza e non di un atto di tenerezza.

Bacio al cinema

Risale al 1896 il primo bacio cinematografico, in un cortometraggio di pochi secondi intitolato "The Kiss", con May Irwin e John Rice. Nel 1963 Andy Warhol è autore di una pellicola dal titolo quasi analogo ("Kiss"), che per 50 minuti vede sfilare diverse coppie che si baciano per 3 minuti e mezzo ciascuna. Nel 1990, ad aggiudicarsi l'Oscar per il Miglior Film Straniero è Nuovo Cinema Paradiso, dell'italiano Giuseppe Tornatore, che nella sua sequenza finale omaggia quasi 50 tra i baci più iconici della storia del cinema.

Effusione da record

Il primato per il bacio più lungo del mondo appartiene a due thailandesi, che nel 2013 sono rimasti incollati ininterrottamente per 58 ore, 35 minuti e 58 secondi. La performance è entrata di diritto nel libro dei Guinness, surclassando il precedente record di 50 ore.

Il bacio nel mondo

I titolo di bacio romantico e passionale per eccellenza spetta a quello “alla francese”. La pratica non è però apprezzata ovunque: in Cina è considerato un gesto poco igienico, mentre in Giappone baciarsi in pubblico è ritenuto poco rispettoso. E il rituale non è sempre identico: il bacio degli eschimesi, forse il più particolare al mondo, non coinvolge la bocca, ma prevede di strofinare le punte dei nasi con labbra e occhi chiusi.

Credits foto: Mondadori Portfolio/Age Fotostock