La costruzione di una nuova scuola a Cartagena, in Colombia, permetterà a 1.300 ragazzi di avere un’istruzione di qualità. Ve lo racconta uno dei suoi principali artefici: Luca Casaura, Senior Vice President Global & Strategic Marketing di Costa Crociere.

"Il Mattone è già in viaggio a bordo delle navi Costa, con una ‘staffetta della felicità’ sul mare che sta facendo il giro del mondo."

Luca Casaura è arrivato in Costa nel 2014. A lui e al suo team del Global & Strategic Marketing si devono molte delle novità che hanno cambiato il modo di vivere una vacanza Costa, come la partnership con Shakira, la scelta di testimonial d’eccezione come Bruno Barbieri, i Turisti per Caso e Peppa Pig, lo show Tu sí que vales. Un lavoro che non si ferma mai, in collaborazione con gli altri dipartimenti dell’azienda, per offrirvi la migliore esperienza di vacanza possibile. Questa volta però Luca una pausa se l’è presa volentieri, per raccontarvi in esclusiva un progetto davvero unico che vede Costa al fianco della fondazione di Shakira.

Luca, puoi presentare ai nostri soci questo importantissimo progetto?

Fatemi dire prima di tutto che pensare a questo progetto ci riempie tutti di buonumore, oltre che di soddisfazione. Con Shakira e la sua fondazione, Pies Descalzos, costruiremo una scuola per i bambini di Cartagena, sulla costa nord della Colombia. Daremo loro l’opportunità di avere un’istruzione di qualità e di crescere sviluppando le loro potenzialità. E siamo orgogliosi di essere l’unico partner privato a essere protagonista di questa grande iniziativa.

Come è nata la collaborazione con Shakira per la costruzione della scuola?

Come una bella canzone in cui ogni musicista del gruppo dà il suo meglio. Con Shakira abbiamo da due anni un rapporto molto stretto. Con la sua fondazione lei ha già realizzato tanti progetti a sostegno dei bambini in diversi continenti, mentre noi dal 2014 abbiamo istituito la Costa Crociere Foundation, che rappresenta la naturale evoluzione dell’impegno dell’azienda nel sociale e per l’ambiente. L’unione di tutti questi ingredienti ha dato vita a questa collaborazione e così oggi insieme possiamo aiutare i bambini e le loro famiglie anche in Sud America.

Dove verrà costruita la scuola e quando suonerà la prima campanella?

La scuola sorgerà tra i distretti di Ciudad del Centenario e Villa de Aranjuez, zone di Cartagena dove la popolazione è giovanissima. I lavori di progettazione sono già iniziati, mentre la parte di costruzione vera e propria comincerà nella primavera del 2018. L’inaugurazione, con l’inizio dei corsi, è prevista per giugno 2019.

Sappiamo che sarà una scuola molto grande e con un modello educativo molto evoluto.

Esattamente. L’istituto ospiterà 1.300 tra bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni. Come per gli altri centri che la Fondazione Pies Descalzos sostiene, la cosa interessante è che non sarà solo una scuola. Sarà un vero e proprio centro di aggregazione per tutta la comunità, con un’istruzione pubblica di qualità. Perché, come dice Shakira stessa, “l’istruzione è un diritto naturale, e la qualità dell’istruzione è il solo modo grazie al quale un bambino può realizzare i suoi sogni”. La scuola offrirà anche programmi alimentari e sanitari, oltre ad attività di formazione dedicate per i genitori e la comunità locale.

Il complesso si svilupperà su una superficie di ben 4.000 metri quadri. Come sarà strutturato?

Sarà dotato di strutture all’avanguardia. Le aule saranno più di 40 tra scuola primaria e secondaria. Ci saranno dei laboratori destinati alla formazione professionale, alle materie scientifiche e a quelle tecnologiche. Gli studenti avranno a disposizione una mensa, una libreria e un auditorium. Infine, ci saranno aree attrezzate per lo sport e tanti spazi per le attività dei bambini più piccoli.

Il simbolo di questa partnership e della costruzione della scuola è un oggetto “molto curioso“ e importante che hai consegnato personalmente nelle mani di Shakira e di Neil Palomba.

Eh già… è “il Mattone della Felicità”, la prima pietra “fisica” della nuova scuola e al tempo stesso il simbolo di una concreta opportunità di vita migliore - e di felicità! - per quelli che, con affetto, mi piace chiamare i “nostri” 1.300 bambini e ragazzi. Shakira e Neil hanno posto i loro nomi sul Mattone, ma sono solo i primi della lista… il suo viaggio infatti è appena cominciato e in realtà possiamo accompagnarlo in Colombia tutti insieme!

Il Mattone infatti sta raggiungendo Cartagena in maniera molto particolare… e anche i nostri soci potranno portarlo a destinazione!

Verissimo! Il Mattone è già in viaggio a bordo delle navi Costa, con una “staffetta della felicità” sul mare che sta facendo il giro del mondo. Sta passando di nave in nave, di mano in mano, tra i comandanti, l’equipaggio, gli ospiti. Sono sicuro che alcuni di voi hanno già avuto occasione di trovarsi in crociera con questo “passeggero” davvero speciale. Perché questo è un viaggio collettivo, da condividere tutti insieme. Quindi, cari soci, se il Mattone sta viaggiando in crociera con voi, potrete lasciare una dedica, un messaggio che porteremo in Colombia. E chi non è a bordo può comunque seguire il viaggio sulla nostra pagina Facebook, dove stiamo pubblicando tutte le sue tappe.

Qual è l’aspetto che ti è più caro di questa iniziativa?

La cosa più bella è che questo è un progetto di libertà. Perché dà ai bambini l’opportunità di studiare, e con l’istruzione di poter decidere della propria vita. Una possibilità che noi abbiamo e consideriamo normale, mentre in molte realtà del mondo, come in Colombia, l’accesso all’istruzione non è affatto scontato. I bambini di Cartagena potranno invece studiare e seguire le loro inclinazioni, per costruirsi un futuro contando sulle proprie capacità. E diventare, un giorno, ciò che desiderano.

Conosci bene Shakira. Che cosa apprezza di più di questa collaborazione?

Che una grande compagnia come la nostra condivida con lei l’importanza di sostenere un’educazione di qualità come valore fondamentale per accrescere il benessere nella nostra società. E che ci siamo lasciati conquistare dal suo grande entusiasmo, sposando con passione questo progetto di felicità da costruire nel suo Paese.

1 of 4