Un monopattino intelligente. Il Segway offre un modo di spostarsi nuovo e diverso. Oltre alle classiche due ruote, ha sensori stabilizzanti per restare in equilibrio e guidarlo, in piedi sulla sua pedana, con il solo spostamento del corpo! Con le oscillazioni corporee si regolano infatti direzione e velocità, marcia in avanti e indietro, risparmiando la fatica del cammino. Il motore è elettrico e non inquina. Non resta che salire, indossare il caschetto, impratichirsi rapidamente e partire, per esplorare in modo insolito luoghi e destinazioni da una prospettiva diversa… lievemente soprelevata e col passo accelerato! Visitare una città, ma anche un luogo immerso nella natura con la prospettiva del Segway è qualcosa di unico. Ecco perché. Al posto dei muscoli di chi lo guida (sul Segway si sta quasi immobili e rilassati), c’è un motore silenzioso a gestire i chilometri da percorrere, a una velocità superiore al passo umano (20 km orari)). Un cervello hi-tech regola l’equilibrio, e le dimensioni contenute gli permettono di intrufolarsi in ogni dove, soprattutto nei luoghi in cui i mezzi tradizionali non possono arrivare. Comodo e divertente, a metà tra un monopattino tradizionale e un hoverboard (il mezzo volante che ha fatto sognare generazioni, reso famoso dal film “Ritorno al futuro”), il Segway è il compagno ideale per alcune originali escursioni nelle destinazioni Costa. Due esempi su tutti? Il lungomare e la spiaggia della caraibica Grand Turk, o un divertente tour del centro di Lisbona, dove tra sali e scendi un aiuto tech è proprio quello che ci vuole!

"A Lisbona, saltate in groppa al Segway e sgattaiolate tra i vicoli ciottolati stretti arricchiti da ceramiche di azulejos, impossibili da percorrere con altri mezzi di trasporto"

La Grand Turk coloniale e la spiaggia in Segway

Arrivati nel piccolo gioiello caraibico di Grand Turk, invece che camminare per miglia sul suo lungomare sotto al sole, potrete godere della sua architettura e delle acque turchesi a bordo del Segway. Con la brezza ad accarezzare il viso, ammirerete da un lato le acque turchesi del mare, a un passo da voi, e dall’altro l’alternarsi di architettura coloniale e delle tipiche case bermudiane, basse, bianche, eleganti, le chiesette. Passerete davanti alla più amata, quella di Saint Mary, con le tipiche imposte rosse che spiccano nel bianco dei suoi muri. Percorrete le vie della capitale Cockburn Town: le due arterie principali della città, Front Street e a seguire Duke Street, vi accompagnano per alcuni chilometri lungo la costa. Guardando quindi verso l’interno, parallele alle due grandi vie a poche decine di metri – vi basterà inforcare uno dei tanti vicoletti che da qui partono – si apre poi la vista delle grandi saline dell’isola, simbolo della ricchezza di Grand Turk per via dei commerci del sale prezioso qui estratto. Tornando sulla via maestra, girate gli occhi verso il mare oceanico. Con il vostro segway potrete arrivare fino alla spiaggia: quella davanti al centro di Cockburn Town ha un accesso semplice per il monopattino. Indugiate sul bagnasciuga e godete del panorama: il lungo litorale sabbioso qui è diviso in piccole spiaggette delimitate da pontili e piccoli moli. Sceglietene uno per un tuffo nel turchese delle sue acque, o per rimirar l’oceano e la barriera corallina davanti a voi, prima di ripartire a bordo del Segway alla scoperta di Grand Turk.

Lisbona: discese (e salite) ardite su due ruote

Lisbona, capitale delle grandi salite… e discese, famosa per il tram antico – il numero 28 – che si inerpica sui suoi binari fino ai belvedere della città. Potete iniziare a visitarla dalla collina del suggestivo quartiere medievale di Alfama: saltate in groppa al Segway e sgattaiolate tra i vicoli ciottolati stretti arricchiti da ceramiche di azulejos, impossibili da percorrere con altri mezzi di trasporto. Superato questo dedalo di stradine, casa di marinai e avventurieri già dal Medioevo e oggi trasformati in abitazioni e localini trendy amati dalla movida cittadina, ecco aprirsi uno dei panorami più belli al mondo: siete arrivati su due ruote al Castello di Lisbona. Dai suoi bastioni curioserete verso il basso, sui tetti a tegole rosse della città vecchia, o in linea d’aria verso la cattedrale (Sé de Lisboa), la chiesa più antica del Paese con la tipica facciata romanica e le due torri. Ritornati a bordo del Segway potrete raggiungere il Miradouro de Santa Luzia, altro punto panoramico da cui riconoscere almeno tre dei sette colli che dominano la città, e il fiume Tago che la attraversa. Sentite la musica nell’aria? È il Fado, la struggente melodia locale (da scoprire anche nel museo dedicato alla sua tradizione). E con la musica nelle orecchie e la città ai vostri piedi, o meglio, alle vostre ruote, potrete davvero dire di aver vissuto un’esperienza nuova e coinvolgente!