Roberto Sinagoga da Cassino, in provincia di Frosinone, è arrivato in tutto il mondo grazie alla sua voce e al suo stile “classical groove”, un mix di sonorità classiche e contaminazioni moderne. Ma soprattutto grazie al suo rapporto con il pubblico, diretto e strettissimo: “Ognuno di loro - dice – si è portato via un pezzetto del mio cuore”.

"Molti Soci CostaClub sono ormai dei veri amici per me. Quando mi confronto con loro so che si aspettano un livello sempre più alto e accontentarli è una piacevole sfida."

Prima di salire a bordo delle navi Costa, la tua voce ti aveva già fatto viaggiare a lungo.

Ho interpretato dal 2004 al 2006 Gringoire, uno dei personaggi principali del musical campione d’incassi “Notre-Dame de Paris” di Riccardo Cocciante, che è in scena ancora oggi dal 1998. Arrivavo dalla gavetta ed ho iniziato a lavorare con uno degli spettacoli più straordinari del momento! Anche dopo quell’esperienza non ho mai smesso di studiare, e ho avuto la fortuna di frequentare a Los Angeles i corsi di grandi maestri come Seth Riggs e Gary Catona, che hanno seguito artisti del calibro di Madonna, Michael Jackson e Whitney Houston.

Com’è iniziata la tua collaborazione con Costa?

Ho sempre avuto il desiderio di cantare su una nave da crociera, così nel 2009 ho mandato il mio curriculum e sono stato selezionato. Quando sono salito a bordo mi sono sentito come Alice nel Paese delle Meraviglie: i teatri sono incredibilmente all’avanguarda, con tecnologie avanzatissime, luci e scenografie pazzesche. Sono stato a Las Vegas, Broadway, Londra, e solo là ho visto meccanismi e strutture di questo tipo.

Quindi lavorare a uno show di bordo richiede grande professionalità e dà grande soddisfazione.

C’è una squadra tecnica eccellente, collaboriamo tutti per realizzare lo show. Prepariamo ogni volta la selezione dei brani in base alla stagione, alla nave, a molte variabili. Il repertorio è sempre diverso, soprattutto per accontentare i Soci che viaggiano molto e regalare loro emozioni nuove ogni volta. La bellezza degli spettacoli di bordo, poi, è quella di avere di fronte un pubblico di diverse nazionalità. Arrivare al cuore di tante persone che parlano lingue diverse è una sfida meravigliosa.

Che rapporto hai col pubblico delle navi Costa?

Straordinario, soprattutto con i Soci CostaClub: molti di loro sono ormai dei veri amici per me. Quando mi confronto con loro so che si aspettano un livello sempre più alto e accontentarli è una piacevole sfida. Lo scorso autunno ho partecipato alla crociera del CostaClub su Costa Magica e ho addirittura fatto imbarcare delle scenografie ad hoc! Ogni Socio si è portato via un pezzo del mio cuore, sono contentissimo quando mi scrivono sulla mia pagina Facebook e rispondo a tutti personalmente. Ascolto sempre il loro giudizio: sono disposto a cambiare il repertorio in corsa in base alle loro impressioni. L’emozione più bella? Quando sento che si commuovono con me. Ogni spettacolo è un meraviglioso scambio di energia tra artista e pubblico.

Raccontaci il tuo ricordo più bello legato a una crociera.

La prima volta che mi sono esibito a bordo. Ero in Nord Europa con Costa Deliziosa, nella prima esibizione della serata è successa una cosa stupenda: molti Ospiti hanno saltato la cena, che li attendeva dopo lo show, per assistere anche al secondo spettacolo! C’erano persone in piedi, altre sedute sui gradini. È stata una soddisfazione incredibile. Vale la pena fare questo lavoro solo per vivere momenti come questo.

"Un abbraccio a tutti i Soci! Spero di vedervi preso a bordo. Magari in una Crociera CostaClub…"