Festa del Papà, Father’s Day, Isänpäivä: ovunque nel mondo esiste una giornata in cui si celebrano i papà. Questa gioiosa ricorrenza ha una storia antica e viene festeggiata in date diverse a seconda dei paesi. Per i bambini è l'occasione di regalare una poesia o un piccolo dono al proprio babbo, mentre le mamme cucinano un dolce da condividere in famiglia. Un giorno da trascorrere insieme, nel calore della famiglia.

"In Francia si usa regalare una rosa, con una speciale distinzione: rossa ai papà presenti, bianca a quelli che sono scomparsi"

Quando si festeggia

In molti paesi di tradizione cattolica la ricorrenza cade il 19 marzo, che dal XV secolo è fissato come giorno della commemorazione di San Giuseppe. Ma non è così ovunque. Infatti, in alcuni paesi la ricorrenza è l'occasione per celebrare il padre in senso più ampio: la figura del papà viene associata talvolta a quella di difensore della patria (in Russia, 23 febbraio), di re (Thailandia, 5 dicembre) o addirittura al documento fondatore dell'ordinamento del paese, la Costituzione (Danimarca, 5 giugno). Tuttavia, in definitiva, la maggior parte del mondo festeggia i papà o il 19 marzo o la terza domenica di giugno.

Come è nata la festa

I primi a istituzionalizzare la Festa del Papà come ricorrenza laica furono gli Stati Uniti. L'idea di celebrare non solo le madri – che già potevano contare sulla loro giornata di festa a maggio – ma anche i padri venne a Sonora Smart Dodd. La donna, figlia di un veterano che allevò da solo i suoi sei figli, propose alla chiesa locale di preparare un sermone ad hoc per festeggiare tutti i papà. Inizialmente la speciale messa si sarebbe dovuta tenere il 5 giugno, compleanno del padre di Sonora ma, dato il poco tempo disponibile per preparare il discorso, i sacerdoti la rimandarono di due settimane. Nel 1972 il presidente statunitense Richard Nixon ufficializzò definitivamente il Father’s Day rendendolo una festività civile nazionale.

Curiosità e leccornie

Ogni Paese festeggia i papà attingendo alla propria tradizione culinaria. In Italia si preparano dolci, dalle raviole emiliane (pastafrolla ripiena di marmellata) alle zeppole napoletane (frittelle ripiene di crema). In Francia si usa regalare una rosa, con una speciale distinzione: rossa ai papà presenti, bianca a quelli che sono scomparsi. In Inghilterra i papà vengono sommersi da cioccolatini e bigliettini affettuosi, mentre in alcune città della Germania i padri hanno una loro apposita parata in cui vengono trasportati per le strade a bordo di carri trainati da buoi. In Sud America si usa invece accendere dei piccoli falò e sfidare i papà a superarli con un grande balzo; in Thailandia i membri della famiglia usano vestirsi del colore preferito del papà.