Un’isola nell’isola che regala una vacanza immersi nella bellezza del mare e della natura. La Maddalena si trova a 15 minuti di navigazione da Palau, nel nord della Sardegna. E nonostante i suoi piccoli 20 chilometri quadrati di superficie è pronta a sorprendervi. E non solo con spiagge che non hanno nulla da invidiare a quelle caraibiche, ma anche grazie a pittoreschi palazzi e a tracce di storia e di folclore. Il massimo, però, è quello di concedersi una gita in barca alla scoperta di spiagge e calette.

L’Isola è perfetta anche per fare degli sport acquatici, ma anche per dedicarsi al trekking o a semplici passeggiate in mezzo al verde. Per gli amanti dello shopping si possono trovare tradizionali negozietti o botteghe per scegliere con calma il proprio souvenir. E poi a due passi c’è l’isola di Caprera, che è stata la casa di Garibaldi. Qui si respirerà la storia di Italia e ci si potrà rilassare in spiagge appartate, calette circondate da rocce.

Quali sono le cose da vedere a La Maddalena? Il centro storico, la chiesa, le spiagge e molte altre. Scopri le migliori cose da vedere e da fare sull’Isola con una crociera Costa.

  • Centro storico di La Maddalena
  • Chiesa di Santa Maria Maddalena
  • Porto di Cala Gavetta
  • Sobborgo di Moneta
  • Museo Nino Lamboglia
  • Le spiagge di La Maddalena
  • Gita a Caprera

Centro storico di La Maddalena

Chi ha detto che c’è solo il mare? Il centro storico di La Maddalena è un piccolo gioiello, fatto di piccole vie incastonate, scalinate, negozietti tradizionali, scorci imperdibili ed edifici architettonici che sono pronti a sorprendervi. Un primo punto di ristoro è piazza Garibaldi, dove potrete fermarvi in uno dei tanti caffè, che animano la vita quotidiana. La vostra passeggiata tra una casa e una sbirciatina al mare può proseguire in piazza Umberto I. I vostri sensi saranno stimolati, a cominciare dalla vista che si perderà e spazierà fino all’orizzonte. L’olfatto miscelerà gli aromi del mare ai profumi di ginepri e lentischi.

Arrivati in questa piazza scoprirete che a svettare sono gli edifici del Comando della Marina militare. Nella via principale, corso Garibaldi, si può fare shopping nei negozietti tradizionali. Ma sono presenti anche alcune bancarelle di fronte al porto.  

Nella parte alta della città svetta l'ex forte di Sant'Andrea, che si trova su uno sperone granitico. La sua storia è particolare, così come il suo utilizzo. La struttura era nata come luogo in cui si potevano appoggiare le navi della Regia Marina Sarda. Per diverso tempo e fino a qualche anno fa fu trasformato in una prigione.

Chiesa di Santa Maria Maddalena

Si tratta della chiesa principale dell’Isola, un esempio di stile romanico. La struttura della chiesa è stata pensata, a partire dal 1205. E da allora ha subito diversi lavori di rimodellamento nei secoli. C’è una curiosità storica che riguarda l’edificio e si interseca con le vicende dell’ammiraglio inglese Horatio Nelson. Egli fece capolino in più occasioni nelle acque de La Maddalena con la sua flotta per controllare le navi francesi. Durante una delle ultime sue soste nell’arcipelago, in segno di ringraziamento per l’ospitalità ricevuta, volle regalare una croce d’argento e due candelieri.

Porto di Cala Gavetta

È il porto commerciale di La Maddalena, una vera chicca che regala scorci meravigliosi. Qui si può respirare aria buona e vedere le barche dei pescatori che sono accanto ai panfili dei turisti. Intorno a fare da cornice si possono ammirare i più antichi edifici della città, che risalgono al 1700. Sarà un piacere perdevi tra le piazzette e le stradine e concedervi magari una pausa sotto le stelle in uno dei localini presenti nella zona, magari provando la cucina tipica dai ravioli tipici (culurgiones) ai dolci (seadas)

Sobborgo di Moneta

Questo sobborgo è conosciuto per alcune caratteristiche particolari, a cominciare da un pittoresco mercato che settimanalmente regala raffinati oggetti di artigianato locale. Si parte dai manufatti o dai tappeti realizzati a mano, per arrivare ai souvenir lavorati con il corallo. Nei pittoreschi vicoletti detti “corrugi” fioriscono bancarelle piene di sorprese.

La seconda peculiarità riguarda una versione musicale e “incomprensibile” del dialetto locale, che è riuscito a conservarsi intatto. Alle vostre orecchie risuonerà una sorta di cantilena. Prendetelo come un’importante testimonianza di storia e di folclore che è stata tramandata.

Museo Nino Lamboglia

Un museo particolare in cui convivono in un certo senso tecnologia e storia. Il Museo Nino Lambroglia incentrato sull’archeologia marina. La struttura fu inaugurata nel 1982. Il pezzo forte della collezione sono i reperti di una nave romana, che naufragò nel 120 a.C. nei pressi dell’isola di Spargi. Il ritrovamento fu molto utile per rendersi conto dei metodi di navigazione e la vita dei marinai, attraverso diversi strumenti che furono analizzati. Sullo scafo, insieme a tegole, chiodi e parte del rivestimento, vennero trovate diverse ancore, che erano state stipate secondo l’uso e l’ordine in voga presso i Romani.

Il Museo si sviluppa su due sale e ospita diversi oggetti recuperati nelle acque dell’Arcipelago. Tra questi spiccano ceramiche, altre anfore e ceppi d’ancora, a partire dall’Età punica. Il museo si trova su un’altura dalla quale si può avere una vista suggestiva sul tratto di mare che separa la Maddalena da Caprera.

Le spiagge di La Maddalena

Questo arcipelago, formato da decine e decine di isolotti, sa regalare spiagge in stile caraibico e un mare cristallino. Decine e decine i punti in cui bisognerebbe fermarsi e fare una nuotata. Iniziamo dalla spiaggia Il Carlotto, ospitata in una splendida caletta. Accanto c’è quella della Madonetta, così chiamata grazie all’omonima chiesa. La zona è ricca di calette da scoprire e ospita anche un fortino militare.

Una di quelle più popolari si chiama Cala Lunga, e si trova nella parte settentrionale dell’Isola. I suoi punti di forza sono acqua limpida e sabbia fine e bianchissima. Mare trasparente, sabbia chiara e possibilità di abbronzarsi e rilassarsi sono anche gli elementi della spiaggia Monte d’Arena. Se volete uno scenario di rocce davvero particolare dovrete andare nella spiaggia Bassa Trinità. Anche qui vi troverete di fronte a un mare spettacolare e a una sabbia soffice. Rocce di granito rosa, mare limpido e giochi di luce saranno protagonisti sulla spiaggia Testa di Polpo.

Continuando il nostro tour arriviamo a Cala Spalmatore. Due promontori la proteggono dai venti e così le acque sono calme e il fondale digrada dolcemente. La spiaggia è adatta per famiglie con bambini. Da non perdersi è anche Cala Francese, un promontorio che si trova nel sud dell’Isola. La costa regala profonde insenature particolarmente suggestive. Nelle vicinanze c’è anche una cava di granito dismessa, che negli anni è stata usata per lavori anche al di fuori dell’isola.

Gita a Caprera

Una gita sulla limitrofa isola di Caprera attraverso il ponte-diga Passo della Moneta è assolutamente da fare. Qui si può visitare la casa di Garibaldi dove visse gli ultimi 26 anni della sua vita. Nella “Casa Bianca” colpirà il contrasto fra il passato glorioso e la frugalità della dimora. Oggetti, cimeli e ritratti racconteranno la quotidianità dell’Eroe dei due mondi. Sarete immersi in documenti storici, libri, fotografie e avrete anche un supporto multimediale. Tra gli oggetti più importanti c’è sicuramente lo scrittoio originale appartenente al generale. Qui sono state scritte e pensate alcune delle pagine storiche più importanti della futura Italia. La dimora fa parte del Compendio garibaldino, un sito nato per tutelare i luoghi in cui trascorse la sua vita Garibaldi.

L’isola è ovviamente famosa per le sue cale. Una delle più famose è sicuramente Cala Coticcio, definita “la Tahiti sarda” per il suo mare incontaminato e le sfumature turchesi. Particolarmente caratteristica è la spiaggia del Relitto, così chiamata per i resti di una nave che affiorano appena dalla sabbia. Questo è il luogo ideale soprattutto per lo snorkeling e le immersioni. Altri tre tesori sono sicuramente Cala Napoletana, caratterizzata da una rigogliosa macchia mediterranea, Cala Garibaldi famosa per lo scenario delle poderose rocce e per la natura selvaggia. Cala Serena ha dalla sua una distesa di sabbia rilassante. A Punta Rossa i protagonisti, oltre al mare calmo e perfetto, saranno gli scogli rosa di granito. Esistono su tutta l’isola diverse escursioni anche per andare alla scoperta di delfini, tartarughe marine, capodogli e balenottere.

A Caprera, tra le altre attrattive, ci sono il Museo del Mare, dove attraverso documenti e fotografie si racconta la vita sull’isola e le tradizioni marinaresche. E soprattutto il Museo Geo-mineralogico, che in due sale custodisce fossili, sabbie e minerali. Per gli appassionati sono a disposizione approfondimenti sulla flora e la fauna marina.

Parti per La Maddalena con Costa Crociere

Come avete visto l’Arcipelago della Maddalena promette sorprese. E non solo per le bellezze naturali che alternano pittoresche pareti di rocce, vegetazione rigogliosa, a un mare incontaminato e a sabbia fine. Sull’isola troverete anche quel pizzico di storia e folclore che sono necessari in ogni viaggio. Aggiungeteci musei, chiese, elementi architettonici importanti e anche una cucina ricca di gusto e tradizioni. E allora segnatevi questa destinazione sulla vostra agenda e siate pronti a ripartire.

Parti con Costa Crociere