Quali sono le più belle isole dei Caraibi? Difficile scegliere. Veri e propri paradisi terrestri, i Caraibi sono da sempre le mete più ambite per delle vacanze. L’idea di potersi stendere al sole, sorseggiando un cocktail colorato ai piedi di una palma da cocco sembra per molti un sogno difficilmente realizzabile. Eppure i Caraibi con una crociera Costa diventano una meta non solo raggiungibile, ma anche particolarmente stimolante. Con così tante isole ed arcipelaghi può risultare infatti complicato selezionare le mete, ma con Costa si possono visitare numerose isole e non solo abbronzarsi, ma anche entrare in contatto con le loro peculiarità.

 

Le isole caraibiche, infatti, godono ognuna di caratteristiche molto forti che ne rimarcano l’originalità. La presenza di spiagge e di barriere coralline ne rende molte particolarmente adatte alla pratica di sport acquatici, così come le foreste pluviali offrono sentieri straordinari sui quali praticare delle escursioni a contatto con la natura. Tante scelte, tutte diverse a seconda dell’isola che si sta scoprendo.

 

Visitare le città, con le loro costruzioni così particolari, come accade in Martinica o Giamaica è un’esperienza diversa rispetto alla visita delle città di Cuba o della Repubblica Dominicana. Questione di dimensioni, certo, ma anche di storia, usi e costumi molto distanti tra loro.

 

Eppure di ogni isola visitata, al visitatore rimane qualcosa. Il colore del tramonto a Guadalupa, il profumo delle spezie di Granada o anche lo scorcio di una gradinata in Martinica possono fissarsi nella memoria, così come lo possono fare gli abitanti di quei luoghi incantati in cui si coltivano le banane e il cioccolato. Ai Caraibi si può andare alla ricerca delle spiagge, di location molto suggestive come Grand Cayman, di praticare sport subacquei nelle barriere coralline o del relax, ma oltre a questo, il visitatore, troverà qualcosa in più: la possibilità di vivere a contatto con la natura. Ai Caraibi, infatti, si è costantemente circondati dalla bellezza. Una crociera Costa ai Caraibi non è quindi una semplice vacanza, ma è una esperienza di vita.

 

Quali sono le isole caraibiche più belle? Ecco la nostra selezione.

Caraibi: le isole più belle

  • Repubblica Dominicana

  • Bahamas

  • Antille

  • Barbados

  • Giamaica

  • Porto Rico

  • Antigua

  • Barbuda

  • Martinica

  • Guadalupa

  • Tortola-Isole Vergini

  • Dominica

  • Saint Vincent e Grenadine

  • Trinidad e Tobago

  • Santa Lucia

  • Grenada

  • Grand Cayman

  • Aruba

  • Anguilla

  • Cuba

Repubblica Dominicana

La Repubblica Dominicana è tra le isole più famose dei Caraibi. Le sue spiagge, come Punta Cana o Bayahibe, hanno un fascino irresistibile. Descritte come veri e propri paradisi terrestri, queste spiagge confermano ogni descrizione, dall’intensità dell’azzurro dell’acqua al bianco della sabbia, è tutto straordinario. Ma le spiagge della Repubblica Dominicana non sono solo perfette per rilassarsi, magari sorseggiando un cocktail, sono anche attrezzate per tutti gli sport acquatici e subacquei.

 

E non c’è mica solo il mare! Famosissima è la capitale della Repubblica Dominicana, Santo Domingo, una città tra le più antiche dei Caraibi. Costruita nel ‘500, porta ancora nel suo centro storico fortificato edifici e strade originali dell’epoca, tra cui la Cattedrale di Nostra Signora dell’Incarnazione, la prima ad essere costruita in epoca coloniale. E se invece con una crociera Costa attraccaste a La Romana? Vi sembrerà di essere in un film, risalendo in battello il fiume Chavón ballando a ritmo latinoamericano e magari potreste visitare Altos de Chavón, una cittadina in cui sembra che il tempo si sia fermato, per lasciare spazio all’incanto della vista panoramica. La Repubblica Dominicana saprà sorprendervi!

Bahamas

Le Bahamas contano su ben 700 tra isole e isolette per conquistare tutti. Natura incontaminata e spiagge, infinite spiagge di colore bianco intenso oppure rosa, fanno da cornice a una vacanza ideale. Parola d’ordine: relax, perché alle Bahamas è davvero possibile abbandonare i ritmi frenetici ed entrare in contatto con la natura.

 

Grand Bahama accoglie i visitatori con le sue paludi di mangrovie e la barriera corallina ed è anche una delle poche isole abitate dell’arcipelago. Ospita Freeport e Lucaya, i due centri in cui si concentra la popolazione locale, ma offre ampio spazio a parchi e riserve naturali. Tra questi va ricordato il Garden of the Groves, un giardino tropicale che ospita non solo fiori e piante esotiche ma anche moltissimi animali e uccelli tropicali tra i quali non mancano i fenicotteri rosa che sono gli uccelli nazionali delle Bahamas.

Antille

L’arcipelago delle Antille è composto da isole prevalentemente montuose in grado di offrire dei panorami e degli scorci mozzafiato. La loro disposizione ad arco le porta ad estendersi dalla Florida al Venezuela e segnano la linea di separazione tra il mare dei Caraibi e l’Oceano Atlantico.

 

Al loro interno vengono suddivise in Grandi Antille, che comprendono Cuba, Giamaica, Hispaniola e Porto Rico e nelle Piccole Antille che a loro volta si suddividono in Isole Sopravento e Isole Sottovento oltre che nelle Isole Vergini.

 

Sono tantissime le isole che compongono l’arcipelago, ciascuna con proprie caratteristiche ma accomunate da un mare e una natura dalla bellezza indimenticabile: per questo, spesso i turisti che arrivano alle Antille scelgono di non trascorrere la loro vacanza su un’unica isola, ma di vederne diverse nel corso della loro permanenza. Una crociera Costa ai Caraibi, per esempio, può portarvi a scoprire anche sette isole in una sola vacanza! È il modo ideale per godersi non solo le bellezze a terra, ma anche il meraviglioso mare delle Antille.

Barbados

Barbados nei suoi 430 chilometri quadrati racchiude un microcosmo tropicale. La sabbia bianca delle spiagge, la sua barriera corallina e la possibilità di praticarvi sport acquatici come lo snorkeling, sono solo alcune delle attrattive che può offrire, oltre a distese verdi, pascoli e piantagioni di canna da zucchero.

 

Molto interessante anche la visita alla capitale di Barbados, Bridgetown, ricca di monumenti e di edifici coloniali e con un porto molto vivace. Per gli amanti della natura i Giardini di Andromeda con le loro piante tropicali sono una tappa obbligata così come il Farley Hill National Park.

 

Dopo infinite proposte a cielo aperto si può anche scegliere una visita alle Harrison’s Cave, grotte ricche di stalattiti e stalagmiti, laghi e cascate, un vero e proprio tesoro naturale di Barbados che dal 1891 è visitabile con un pratico tram.

 

Giamaica

La Giamaica è senza dubbio una delle isole più famose del Mar dei Caraibi. Montego Bay con le sue spiagge, barriere coralline e foreste pluviali oltre alla sua architettura coloniale e Negril, un vero e proprio paradiso per tutti gli appassionati di immersioni, sono mete che rientrano facilmente nelle liste dei desideri di persone di ogni età.

 

Facile immaginarsi al sole, a ballare sulle note della musica reggae con un cocktail in mano, oppure a lasciarsi incantare dalla natura e dalle cascate del fiume Dunn.

 

Cuore pulsante della Giamaica è la città di Kingston, creata con un piano geometrico perpendicolare e a griglia basato su alcuni progetti pensati per la ricostruzione di Londra dopo l’incendio del 1666. Una città moderna con un centro storico in cui non manca un museo dedicato a Bob Marley, il cantautore e chitarrista reggae giamaicano famoso in tutto il mondo.

Porto Rico

Americano o non americano? Il Porto Rico è uno stato non incorporato degli Stati Uniti, e nonostante i suoi abitanti amino dichiararsi indipendenti, seguono le direttive dello stesso Presidente. Nonostante questa particolarità, quest’isola è indubbiamente una delle perle dei Caraibi.

 

Si può visitare San Juan, la capitale di Porto Rico, per capire quanto gli usi e i costumi siano distanti dalla frenesia americana, magari facendo una sosta in uno dei suoi pittoreschi bar sulla spiaggia, o lasciarsi ammaliare dalla Vecchia San Juan, cuore storico e anima dell’isola con le sue due antiche fortezze: El Morro e La Fortaleza.

 

Non si può però lasciare Porto Rico senza addentrarsi nella Foresta Nazionale di El Yunque e lasciarsi sorprendere dalla cascata La Mina Falls. Una cascata accessibile da tre diversi sentieri, situata nel centro della foresta. Una meraviglia della natura in cui è possibile anche nuotare, tra acque fresche e limpidissime.

Antigua

Antigua colpisce sempre. Con i suoi 150 km di costa può contare su 365 spiagge che consentono di rilassarsi, ma anche di praticare tutti gli sport nautici o dedicarsi ad altre attività. Tra queste si può scegliere di andare, con Costa a nuotare con le razze, regalandosi un’esperienza da ricordare e da raccontare agli amici.

 

Per i surfisti l’appuntamento è sulla spiaggia di Galley Bay, che oltre alle palme e alla vegetazione rigogliosa, è la spiaggia in cui nidificano le tartarughe marine e può capitare di assistere alla nascita dei loro piccoli.

 

Per gli amanti dei panorami va segnalata Shirley Heights, una collina che ospita ancora le rovine di un’antica fortezza ma da cui si può ammirare tutta la baia e le isole vicine, e al tramonto offre una vista da brividi. Una passeggiata per la capitale, Saint John’s, oltre a una visita alla sua Cattedrale, vi offrirà l’occasione di scoprire i colori e la vivacità di Antigua.

Barbuda

Barbuda è la meta perfetta per chi cerca pace e relax. Essendo un’isola di piccole dimensioni le sue spiagge bianche si susseguono di fronte a una barriera corallina visibile spesso anche a occhio nudo. Gravenor Bay è una delle spiagge preferite dagli amanti dello snorkeling, ma nelle acque di Barbuda capita spesso di trovarsi a nuotare in mezzo a pesci di tutti i tipi.

 

Tra le spiagge è molto nota anche quella che dal sito archeologico di Palmetto Point porta a Cedar Tree Point, che alle prime luci dell’alba si tinge di rosa. L’alba ai Caraibi merita sempre un risveglio anticipato, anche perché regala una luce e dei colori inediti in altre parti del mondo.

 

E se cercaste qualcosa di diverso? Il Frigate Bird Sanctuary di Barbudavi emozionerà. Una vera e propria riserva ornitologica nel cuore delle mangrovie della laguna di Codrington in cui incontrerete oltre 170 specie di uccelli.

 

Martinica

La Martinica va assaporata. I suoi colori e i suoi contrasti sono affascinanti e colpiscono dal primo istante i visitatori. Modernità e tradizione convivono in un’isola ricca di spiagge incantevoli e di piantagioni di canna da zucchero e cacao.

 

La sua capitale, Fort de France, anticamente Fort-Royal a cui Napoleone Bonaparte ha cambiato il nome, è l’esempio perfetto. Nel cuore di un piazza moderna ci si può imbattere nella stupenda Biblioteca Schoelcher, dell’architetto Henri Picq. L’edificio, sorto a Parigi, è stato smontato e ricostruito in Martinica, dove si trovano altre opere dello stesso architetto come la Cattedrale di Saint-Louis e il Mercato Coperto. Quest’ultimo merita sempre una visita perché racchiude un universo di profumi e di colori. Dalle banane, alla vaniglia, al cioccolato, a innumerevoli spezie, è una tentazione continua!

 

Ma la Martinica è unica, anche per la sua cultura, che spazia dai grandi autori a molti generi musicali ballabili come il Bel Air la Calenda, la Mazurka o lo Zouk.

.

Guadalupa

Guadalupa al tramonto diventa magica. Un’isola che racchiude in sé tutto ciò che ci si potrebbe aspettare dai Caraibi. Spiagge con sabbia bianca, dorata o nera circondate da natura incontaminata attendono i turisti con scorci da favola. E come resistere alla tentazione di entrare nelle acque cristalline e turchesi che le sfiorano? Impossibile.

 

Una passeggiata a Pointe-à-Pitre, si rivelerà altrettanto stimolante, con un susseguirsi di case tipiche affiancate da edifici più moderni. La spaziosa Place de la Victoire, in leggero declivio, ricorda quasi una moderna arena, su cui fanno capolino delle enormi palme da cocco. E come non perdersi tra le vie del mercato dell’artigianato e delle spezie? A Guadalupa ci sono mille colori, che si armonizzano al tramonto, prima di lasciare spazio al blu intenso del mare e del cielo della notte, che restano nel cuore.

 

Tortola, Isole Vergini

Tortola tra pirati e canna da zucchero, è da sempre una meta molto ambita. Tra le Isole Vergini britanniche risulta la più grande e quella che ospita il numero maggiore di abitanti. Deve il suo nome a Cristoforo Colombo, che volle darle il nome dell’uccello che in italiano viene chiamato tortora. Tra i suoi primi abitanti ci furono pirati come Barbanera o William Kidd, ma oggi la sua capitale, Road Town, conta poco più di quindicimila abitanti ed è considerata il paradiso degli yacht e un ottimo centro turistico.

 

Fare scalo a Tortola, con una crociera Costa, vi offrirà l’occasione di tuffarvi in acque cristalline e di potervi stendere al sole in lunghe spiagge in cui il colore dominante è il bianco. Per chi ama praticare surf la Apple Bay Beach è una spiaggia da visitare e in cui divertirsi, mentre gli amanti dello snorkeling trovano più interessante Smuggler’s Cove. Da segnalare, a Tortola, anche Trellis Bay, ottima per i surfisti, ma molto apprezzata per i suoi ristoranti in spiaggia.

 

Dominica

Gli sportivi non potranno che innamorarsi di Dominica. L’isola che Cristoforo Colombo avvistò il 3 novembre del 1493, e che porta il nome di quel giorno, ovvero domenica, è un susseguirsi di location perfette per tenersi in attività. La Baia di Soufrière si rivela perfetta per lo snorkeling e per le immersioni grazie a caverne subacquee tra le quali si possono incontrare barracuda, razze, pesci pappagalli e pesci ballerini.

 

Dominica è un’isola ricca di foreste pluviali, laghi e fiumi, dominata dal Morne Diablotin, un monte di 1447 metri. Molte le escursioni possibili, quindi, attraverso la natura incontaminata, a piedi ma anche in mountain bike. Da non perdere l’atmosfera nebulosa del Lago Bollente, un lago di vapore tra i più grandi del mondo, con l’acqua che arriva a temperature tra gli 80 e i 90 gradi. A Dominica non mancano nemmeno le cascate e le sorgenti termali, per completare una visita davvero entusiasmante!

 

Saint Vincent e Grenadine

Non una semplice isola ma un arcipelago vero e proprio, in cui sognare e praticare lo snorkeling: Saint Vincent e Grenadine contano su una barriera corallina tutta da scoprire, oltre che su spiagge bianche e tante palme. Coltivazioni di banane e noci di cocco, sono queste le produzioni delle isole, in cui l’attività principale storicamente era la pesca.

 

Una gita alla capitale, Kingstown, rivelerà una cittadina in cui si possono trovare numerosi edifici coloniali che si alternano a quelli in stile creolo e ad altri più moderni. Fort Charlotte, una fortezza di epoca coloniale britannica domina la cittadina ed è indubbiamente il luogo ideale per osservare l’arcipelago di Saint Vincent e Grenadine. Scendendo ci si può soffermare tra le coloratissime bancarelle che vendono pesce, rum e cioccolato, sperando magari di incontrare qualche star del cinema, della musica o dello sport che ha scelto di costruirsi una casa in una delle isole private dell’arcipelago.

 

 

Trinidad e Tobago

Una destinazione ideale per tutti gli amanti del turismo da spiaggia. Trinidad e Tobago sono due isole che compongono uno stato perfetto per dedicarsi al relax e all’abbronzatura. Un mare cristallino fa da cornice a un’atmosfera paradisiaca ma è anche perfetto per praticare snorkeling, alla scoperta della fauna marina o della barriera corallina di Buccoo Reef di Tobago.

 

Una visita alla capitale, Port of Spain, nell’isola di Trinidad, offrirà un assaggio della cultura del luogo, con il suo porto e le sue costruzioni moderne. Ma è anche il centro in cui si svolgono le manifestazioni del Carnevale Caraibico di Trinidad e Tobago che è diventato ormai un evento di portata mondiale.

 

Ma a Trinidad e Tobago si trova anche il Caroni Bird Sanctuary, in cui è di casa l’Ibis scarlatto insieme a tante altre specie di uccelli tropicali. Un’area in cui gli animali trovano facilmente cibo e protezione e in cui è possibile praticare un’esperienza di eco turismo.

 

 

 

Santa Lucia

Una montagna in mezzo al mare? No, due! I Pitons sono due formazioni vulcaniche dalla forma affusolata che caratterizzano l’isola di Santa Lucia e sono stati riconosciuti Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Considerati ormai spenti, i due Pitons sono ricoperti da una rigogliosa vegetazione che li colora di verde e che li fa risaltare in contrasto con il blu dell’acqua da cui sembrano emergere.

 

Santa Lucia, comunque, è ricca di sorprese, come le sue spiagge vulcaniche e la sua straordinaria barriera corallina. snorkeling, immersioni, windsurf e kite surf sono tutti sport praticabili in un mare incantevole. Non mancano le foreste pluviali, dove si possono ammirare delle cascate sbalorditive in cui nuotare.

 

La capitale di Santa Lucia, Castries, merita una visita per la sua piazza, Derek Walcott Square, circondata da edifici in legno e dalla Cattedrale della Immacolata Concezione e per il suo mercato che offre artigianato locale oltre a frutta e verdura.

Grenada

Grenada sta conquistando il mondo intero con il suo fascino. Attira coloro che amano il mare, perché conta su una trentina di siti di diving in cui è possibile nuotare con la tartaruga embricata. C’è anche il Grenada Underwater Sculpture Park, un progetto artistico sottomarino che prevede 75 sculture di Jason deCaires Taylor che dovrebbero stimolare la formazione di una nuova barriera corallina. Irresistibile quindi per gli amanti del mondo subacqueo.

 

Per gli amanti del verde, a Granada, ci sono foreste pluviali, coltivazioni di alberi di spezie e tante cascate. Sentieri da percorrere in mezzo alla natura per lasciarsi stupire dalla vegetazione e dalla sua fauna.

 

Grenada però sa rendersi ancora più intrigante prendendoci per la gola con la cioccolata e con le sue profumatissime spezie, o con tante occasioni per fare festa come il Carriacou Maroon Music Festival o il Carnevale.

Grand Cayman

Acque blu zaffiro in cui immergersi, sabbia bianchissima e soffice e tutt’intorno il verde delle palme. Benvenuti a Seven Mile Beach, a Grand Cayman, considerata la spiaggia più bella dei Caraibi. Parasailing, kite surf, jet ski sono solo alcune delle attività che vi si possono svolgere, per una vacanza paradisiaca. Non vi basta? Qui è anche possibile accarezzare le stelle marine!

 

Ma Grand Cayman ha un cuore da esplorare anche lontano dalla spiaggia, con le sue Crystal Caves ricche di stalattiti e stalagmiti, laghi sotterranei e alcuni tratti a cielo aperto. Si può restare strabiliati anche dalla visita al Queen Elizabeth II Botanic Park in cui si possono vedere le rarissime iguane blu.

 

Un’isola così ricca non può che avere una capitale come George Town, in cui si può visitare anche il Cayman Islands National Museum, dedicato al patrimonio culturale delle Cayman oltre alle rovine di Fort George, una fortezza che risale all’epoca coloniale.

Aruba

Aruba è l’isola in cui divertimento e avventura si incontrano, per la gioia dei visitatori. Spiagge dedicate al relax, come accade a Eagle Beach, oppure spiagge in cui praticare i più moderni sport acquatici come Andicuri oppure Dos Playa.

 

La capitale di Aruba, Oranjestad, è stata fondata nel 1796, nei pressi del Forte Zoutman, uno dei principali monumenti della città, che risente molto delle influenze europee nei suoi edifici.

 

Molto variegate le offerte per le escursioni legate alla fauna. Coloratissima la Butterfly Farm, ma indimenticabile sarà la visita al Philip’s Animal Garden in cui convivono oltre cinquanta specie di animali esotici. Un discorso a parte , invece, va fatto per il Parco Nazionale Arikok di Aruba in cui convivono moltissime specie di animali e vegetali, ma che include anche letti fluviali secchi, baie protette e paesaggi suggestivi.

Anguilla

Anguilla è un’isola in cui regna la calma. Lontana dallo stress e dalla vita frenetica delle grandi città questa piccola isola obbliga tutti a godersi la giornata senza dover guardare continuamente il telefono o l’orologio.

 

In un’atmosfera di questo tipo diventa quindi ancora più importante trovare la spiaggia giusta in cui spendere la giornata. Incantevole, indubbiamente, Little Bay, con la sua sabbia bianca e le alte scogliere che la proteggono, così come non è da meno Shoal Bay East, segnalata da molti come tra le più belle del mondo.

 

Anguilla però è tutta da scoprire e si può partire da uno dei sette parchi marini che la circondano e che mirano a proteggere le risorse naturali cercando di assicurare loro un luogo sicuro oltre che un futuro. La stessa capitale, The Valley, sembra seguire gli influssi benefici dell’isola, distinguendosi per la pace e la sensazione di rilassamento che riesce a infondere ai visitatori, cui non potrà che sembrare che ad Anguilla si possa vivere in un sogno!

Cuba

Cuba è un’isola, ma è anche un stato di una fama mondiale. Spesso ci si può dimenticare che si trovi nel mare dei Caraibi. Eppure come le altre, anche questa isola ha delle grandi spiagge bianche, come le Playas del Este, che si estende su nove chilometri o la Playa Jibacoa protetta da colline con una fitta vegetazione.

 

Cuba è anche nota per i numerosi campi di tabacco, fondamentali per la realizzazione dei sigari, apprezzati dagli intenditori di tutto il mondo, e per le coltivazioni di canna da zucchero fondamentale per ottenere il pregiato rum.

 

A Cuba è imperdibile anche una visita alla sua capitale, L’Avana, con le sue case color pastello e sulle cui strade sfrecciano ancora automobili anni ‘50. Dal 1982 sono partite molte azioni di ammodernamento della parte vecchia della città sotto la tutela dell’UNESCO. Non si contano le piazze e gli edifici da visitare, in una città in cui la storia ha vissuto pagine molto importanti, ma in cui si possono ancora vedere le persone ballare per le strade e nei suoi locali, frequentati da personalità di rilievo come Ernest Hemingway, cui è dedicato anche un museo.

Visitare le più belle isole dei Caraibi è un’esperienza appassionante, da fare anche più di una volta nella vita. Grazie a una crociera potete visitarle a fondo riuscendo ad assaporarne le caratteristiche più importanti. Mare, sport acquatici, escursioni in mezzo alla natura, passeggiate in città decisamente originali e visite a mercatini di spezie e artigianato come non li avete mai visti prima. Ma avrete anche qualcosa in più: la vista emozionante delle isole che compaiono all’improvviso, come per magia, nel blu del mare dei Caraibi, rivelandosi con crescente precisione man mano che ci si avvicina al porto, in tutta la loro bellezza.

Parti con Costa Crociere