A quasi mille chilometri dalle coste dell’Ecuador, nel cuore dell’Oceano Pacifico, c’è un paradiso di acque cristalline e natura incontaminata che ti attende a braccia aperte. Sei il benvenuto alle isole Galapagos, dove l’ecosistema viene preservato scrupolosamente affinché i turisti possano godere appieno delle bellezze locali.

Le Galapagos sono infatti dimora di meravigliose specie di flora e fauna, alcune delle quali potrai trovare solo qui. Se stai cercando un motivo in più per imbarcarti su una nave Costa e raggiungere queste bellissime isole, sei arrivato nel posto giusto.

Conosciute anche come l’Arcipelago di Colombo, le Galapagos sono costituite da 13 isolotti di origine vulcanica, le cui caldere sono attualmente considerate tra le più attive del globo. Il loro relativo isolamento le ha rese un luogo perfetto per la proliferazione di specie endemiche che Charles Darwin ha avuto modo di studiare per trarre ispirazione per la sua teoria dell’evoluzione (l’Origine delle Specie). Pensa solo che alcune delle isole di questo arcipelago risalgono a circa 4 milioni di anni fa, mentre le più recenti sono ad oggi in via di formazione.

L’isola principale si chiama Isabela, che è anche la più grande.

Anche se hai poco tempo a diposizione, le Galapagos sono relativamente piccole, e possono essere ammirate nel loro pieno splendore noleggiando viaggi in barca direttamente sul posto. In questo modo, avrai la facoltà di esplorarle tutte da un punto di vista privilegiato, riuscendo così ad ammirarle in poco tempo e con poca fatica. Affitta una barca con fondo trasparente e porta con te l’attrezzatura per lo snorkeling: successo assicurato.

Se invece preferisci una sosta da spiaggia, sei comunque nel posto giusto. Le spiagge delle Galapagos non ospitano solo paesaggi straordinari, ma anche meravigliosi tratti di sabbia immacolata che digradano dolcemente in qualche tiepide e cristalline. Oltre ad essere perfette per tornare a casa con una tintarella da invidia, sono anche la destinazione più ambita dagli appassionati di nuoto, snorkeling e kayak. È qui, infatti, che avrai molte probabilità di avvicinarti ai leoni marini o a tartarughe, pinguini e delfini!

Chi pratica immersioni potrà circondarsi e ammirare oltre 440 specie marine endemiche della zona, tra cui granchi, razze, spugne, coralli e tantissime altre creature.

Anche la cucina delle Galapagos merita la tua attenzione: con piatti a base di pescato fresco, l’isola di Santa Cruz offre alcuni dei pasti più ricchi e sfiziosi che tu abbia mai assaporato in vita tua.

Ultimi ma non per importanza, i vulcani: il Vulcano Wolf, Daphne, Major, Sierra Negra, Fernandina e Genovesa offrono paesaggi incantevoli per ammirare la ferocia della natura all’opera.

Abbiamo fatto un elenco delle isole più belle delle Galapagos, così che tu possa avere un’idea chiara dell’itinerario da percorrere una volta che scenderai dalla nostra grande nave. Da qui potrai partire per uno qualsiasi dei nostri tour organizzati, o metterti lo zaino in spalla e andare all’avventura!

Santa Cruz

Santa Cruz è una delle isole di riferimento per il turismo alle Galapagos. Un po’ perché è davvero incredibile, e un po’ perché da qui si possono raggiungere tantissime altre isole vicine come Baltra, Seymour, Santa Fe, Isabela e Rabida. Se vuoi ammirare la vita selvaggia delle Galapagos è proprio qui che devi venire, e fare una delle gite o escursioni attorno a Santa Cruz.

Fai un salto alla baia di Tortuga, una striscia di costa di sabbia bianchissima impreziosita da una linea di vegetazione fitta. Qui potrai ammirare le iguane che prendono il sole e, se fai una deviazione per Playa Mansa, troverai anche una location perfetta per un bagno insieme a tutta la famiglia – bambini inclusi. Ti piace nuotare? Non perderti Garrapatero, a 30 minuti da Puerto Ayora. Questa spiaggia favolosa è spesso abitata da turisti che vogliono fare il bagno (ma non se arrivi presto la mattina!), fenicotteri rosa e iguane.

Se preferisci un viaggio di natura più culturale, puoi recarti al Centro di Ricerca di Charles Darwin, il quale ti fornirà un’introduzione comprensiva di tutte le specie presenti alle Galapagos. Scoprirai tutto quello che hai sempre desiderato sapere sui programmi di riproduzione delle tartarughe e ammirerai le tartarughine appena nate, le iguane e tantissime altre specie. A tal proposito, la riserva El Chato ospita moltissime tartarughe giganti che vivono indisturbate nel loro habitat.

Da vedere anche Las Grietas, crepacci di roccia dove l’acqua oceanica penetra nell’isola. Qui potrai nuotare e fare snorkeling. I turisti che vogliono dedicarsi a un’escursione, possono camminare attraverso i tunnel di lava dell’isola, formati dal raffreddamento della stessa e adesso esplorabili. Non avrai bisogno di una guida per esplorare.

Se vuoi fare un’esperienza culinaria in pieno stile Galapagos, devi fare uno spuntino ai chioschi di Los Kioskos, dove assaporerai la cucina locale tipica in un contesto ancora più tipico!

Bartolomé

Collocata a est dell’isola di Santiago, Bartolomé è forse una delle destinazioni più intriganti delle Galapagos. L’isola deve il suo nome a un amico del celebre naturalista Charles Darwin, Bartholomew James Sullivan. Pur essendo non più grande di un chilometro quadrato, Bartolomé è un posto magico che merita una visita, specialmente se sei un escursionista nato o un grande appassionato di fotografia.

A Bartolomé potrai ammirare la caldera di un vulcano estinto che l’ha fatta emergere: secondo i biologi, infatti, l’isola è la più recente di tutto l’arcipelago, e conta non più di un milione e mezzo di anni.

Oltre al paesaggio in sé, che spezza il fiato, vieni a Bartolomé per immergerti in un contesto naturale incontaminato e aggiungere fotografie indimenticabili alla tua collezione di posti speciali. Puoi raggiungere la sommità dell’isola tramite una ripida scaletta di legno che ti conferirà una vista a 360° gradi sull’isola. Le sue rocce nere di origine vulcanica si confondono con la vegetazione e digradano bruscamente verso un oceano che sembra uscito dalle migliori cartoline di sempre.

Da vedere ti consigliamo Pinnacle Rocks. Un misto di flora, fauna e spettacoli magnifici dove ammirare da vicino una colonia di pinguini delle Galapagos, i quali condividono le loro rocce con bellissimi uccelli acquatici e leoni di mare. Vieni qui a fare snorkeling: non te ne pentirai.

A Bartolomé si viene per ammirare il paesaggio… anche quello sottomarino. Vi sono due importanti siti adatti alle immersioni. Uno è dalla parte opposta di Pinnacle Rock, raggiungibile a piedi, che ti permette di ammirare bellissime formazioni di roccia vulcanica. Nei periodi in cui le immersioni sono consentite, sarai in grado di esplorare i fondali e, con un po’ di fortuna, avvistare un esemplare del favoloso pesce pipistrello dalle labbra rosse.

Seymour

Benvenuto a Seymour, una delle isole più belle per tutti coloro che vogliono dedicarsi al bird watching. Collocata a poca distanza da Baltra, è un’isola di origine vulcanica caratterizzata da formazioni rocciose di lava e vegetazione bassa ma lussureggiante. Il nome deriva dal nobile inglese Hugh Seymour. Con la sua superficie di 2 chilometri quadrati, Seymour (o Isla Seymour Norte) è l’habitat naturale di una miriade di favolosi uccelli, come ad esempio la sula piediazzurri, il gabbiano codadirondine, la fregata maggiore e la fregata magnifica.

Se il periodo è favorevole, non appena arriverai sull’isola verrai accolti da un branco di leoni marini che sonnecchiano pigramente al sole, sulle rocce.

C’è un percorso che attraversa Seymour nella sua interezza, permettendoti di visitarla quasi tutta. Percorrilo per esplorare flora e fauna locali: con un po’ di fortuna farai un avvistamento con le spettacolari tartarughe che abitano il posto.

Anche le iguane hanno un ruolo di riguardo sull’isola. Nei primi anni ’30 del Novecento, un naturalista in erba di nome Allan Hancock è arrivato sull’isola e si è reso conto della sua completa assenza di iguane. E così ha deciso di trasferirne alcune dall’isola di Baltra. Le iguane si sono riprodotte a dismisura, specialmente perché le piante autoctone non disponevano dei meccanismi di difesa necessari a proteggersi da loro. Negli anni ’50 le iguane di Baltra si erano completamente estinte, a causa soprattutto dei militari americani che stazionavano qui e le uccidevano per divertimento. Grazie alla presenza delle iguane su Seymour, anche Baltra è stata ripopolata.

South Plaza

Pur essendo una delle isole più piccole delle Galapagos, se vai a South Plaza in determinate stagioni ti imbatterai in uno degli spettacoli più variopinti dell’arcipelago. Situata a est di Santa Cruz, è un isolotto piccolissimo con un’altitudine massima di 13 metri. Formata dalla lava emersa dall’oceano, South Plaza è divenuta famosa per la sua biodiversità e per la presenza di tantissime specie animali e fiori bellissimi. Vieni ad ammirare il fetonte beccorosso e il gabbiano codadirondine. L’isola è inoltre un luogo ideale per la proliferazione delle iguane di terra e le iguane marine.

In base alla stagione, il Sesuvium (una pianta da fiore endemica su South Plaza) cambia il suo colore da verde a rossa, creando un paesaggio bellissimo e tutto da fotografare.

Santa Fe

Di tutte le isole delle Galapagos, probabilmente Santa Fe è una delle più antiche. Alcune delle rocce vulcaniche qui sono state datate a più di 4 milioni di anni fa. È conosciuta anche col nome di Barrington Island, dovuto all’ammiraglio Samuel Barrington.

Santa Fe è la patria dell’iguana di terra di Barrington, specie endemica unicamente sull’isola, e di un gecko particolare. Ti basta camminare sulle spiagge di sabbia bianchissima, macchina fotografica alla mano, per ammirare alcuni spettacolari cactus Opuntia, leoni di mare e specie animali davvero meravigliose.

L’accesso a Santa Fe è consentito solo a chi prenota una gita di yacht. Qui attorno, però, puoi fermarti con le barche dei vari tour per fare snorkeling e ammirare un fondale stupendo, in compagnia anche dei leoni marini, delle tartarughe di mare e di piccoli squali. L’esperienza non è pericolosa: avrai la sensazione di nuotare tra vecchi amici, sinceramente incuriositi quanto te di questo strano incontro ravvicinato. Ti consigliamo di imbarcarti in questo viaggio se sei un nuotatore esperto. Porta con te la macchina fotografica: avrai il privilegio di scattare foto indimenticabili che solo pochi hanno avuto il privilegio di fare!

Vieni qui se sei un appassionato di natura, e non dimenticare di portare un costume da bagno e abbondante crema solare. Sarai ricompensato da viste incredibili e un’esperienza naturalistica impareggiabile.

Baltra

Conosciuta anche col nome di South Seymour, Baltra è un’isola caratterizzata da rilievi poco alti nel cuore delle Galapagos. Nel periodo della Seconda Guerra Mondiale, Baltra era divenuta una base statunitense della Air Force. Ad oggi, Baltra è una base militare ecuadoregna.

La storia di Baltra è un po’ diversa rispetto a quella delle isole circostanti: quest’isola non è affiorata dalle reminiscenze di un vecchio vulcano, ma è stata spinta in superficie dalla sua attività tellurica. L’isola è dunque caratterizzata da meravigliose spiagge bianche, natura lussureggiante e tanto relax per chi sta cercando una vacanza semplice, a base di sole e mare.

A Baltra puoi ammirare le iguane di terra, la cui storia è molto interessante. Nel 1932, gli scienziati hanno deciso di trasferire parte della popolazione delle iguane dell’isola a North Seymour, la quale ne era sprovvista. Dopo l’insediamento degli americani a Baltra, a seguito del quale le iguane si sono praticamente estinte, nel 1991 sono state reintrodotte da North Seymour.

San Cristobal

San Cristobal è probabilmente una delle destinazioni più amate dai viaggiatori che scelgono le Galapagos per le loro vacanze, insieme a Isabella e Santa Cruz. Pur essendo popolare, Cristobal è anche la più tranquilla delle tre, caratterizzata da un’atmosfera rilassante che decisamente non ti aspetti.

Ci sono tantissime cose da fare a San Cristobal. Partiamo per esempio dall’esplorazione della fauna marina locale, come le nuotate insieme ai leoni di mare o alle iguane. Ottima idea anche cimentarsi nello snorkeling insieme alle tartarughe.

Se preferisci una vacanza di stampo più culturale, devi fare un salto al San Cristobal Interpretation Centre, centro specializzato nella divulgazione di storia e cultura locali che ti spiegherà, con foto, reperti e video, tutto quello che devi sapere sulla flora e sulla fauna locali. All’interno del percorso, viene sottolineato anche il ruolo dell’uomo all’interno di questo delicato equilibrio naturale.

Indossa un paio di scarpe da trekking e parti per l’escursione fino al Cerro Tijeretas. Supera il centro di interpretazione e attraversa il ponte di Frigade Bird Hill per arrivare a una vista sensazionale sulla Shipwreck Bay e su Kicker Rock. Ci vogliono circa 45-50 minuti ad arrivare lì, pause fotografiche escluse. La camminata vale però ogni minuto della tua permanenza.

A Kicker Rock puoi fare snorkeling, se ti ricordi di portare con te l’attrezzatura. Questa è conosciuta tra gli esperti come una delle location più importanti per le immersioni. Anche conosciuta col nome di Leone Dormiente (Leòn Dormido), la formazione presenta ciò che rimane di un antico cono vulcanico, eroso dai secoli sott’acqua. Si erge per circa 140 metri sotto il livello dell’Oceano Pacifico ed è dimora di moltissimi animali.

Non perderti anche una visita a Laguna El Junco, a 19 chilometri da Puerto Baquerizo Moreno, spettacolare laguna di acqua dolce sorta nella caldera di un vulcano. Anche l’habitat de la Galapaguera Tortoise è un posto che vale la pena di includere nel tuo itinerario: vieni qui ad ammirare le testuggini e tutti i programmi di conservazione della specie che vengono intrapresi sull’isola.

Santiago

L’isola di Santiago è situata nel centro delle Galapagos, a nord ovest di Santa Cruz. Si tratta di una delle isole più grandi, con un’altezza massima di 907 metri sul picco più alto. Inizialmente, l’isola doveva chiamarsi James Island, come Re Giorgio II di Inghilterra.

La storia di Santiago è ricca e affascinante: in passato, i pirati la usavano come punto di raccolta per fare rifornimenti di cibo, nutrendosi soprattutto di tartarughe. Successivamente, prima negli anni ’20 e poi negli anni ’60 del Novecento, Santiago è stata dimora di un impianto di estrazione di sale. Gli abitanti delle Galapagos hanno anche provato a colonizzare l’isola, fallendo sempre. Santiago, ad oggi, è infatti disabitata.

La costa, di origine indiscussamente lavica, è un paradiso da gustare con un ombrellone e un asciugamano da stendere sulla sabbia soffice. Santiago è un paradiso naturale dove godere appieno della bellezza incontaminata dell’isola: vieni qui se cerchi relax e creature che sembrano uscite dalle illustrazioni dei libri sugli animali!

Fernandina

L’isola Fernandina si trova sul lato ovest delle Galapagos, ed è una delle più giovani dell’arcipelago, formatasi quasi un milione di anni fa. Pur trattandosi di una terra emersa molto grande per gli standard delle Galapagos, Fernandina è costituita da un vulcano a scudo la cui caldera si espande per svariati chilometri. Da un punto di vista strettamente scientifico, al momento questa è l’isola più attiva in termini di vulcanologia.

Le attività vulcaniche recenti hanno spazzato via buona parte della lussureggiante vegetazione che un tempo copriva l’isola, creando grosse formazioni rocciose scure dove solo gli uccelli e i cactus sopravvivono oggi. La varietà naturale che si vive e si respira qui è impressionante: vieni a fare bird watching, oppure ammira le iguane, che qui risultano essere di dimensioni assai più considerevoli rispetto al resto delle Galapagos.

La principale attività di Fernandina è, di certo, l’immersione. Dopo una passeggiata a Punta Espinosa, vai a Punta Mangle e immergiti nell’acqua per osservare tartarughe, mante, squali e l’iconico pinguino delle Galapagos!

Isabela

Isabella o Isabela è una spettacolare isola delle Galapagos che ha tanto da offrire ai turisti che decidono di visitarla. Tra le attività più belle qui, dobbiamo certamente menzionare una visita a Concha de Perla, una baia strepitosa dove le rocce sembrano avere la stessa texture di un’ostrica. Vieni qui a fare snorkeling insieme alle tartarughe e ai pinguini, o a nuotare insieme a una straordinaria varietà di pesci tropicali coloratissimi.

Da vedere a Isabela anche Las Tintoretas, isolotti che circondano Isabela, paradisi naturali dalla bellezza indiscussa dove è possibile ammirare paesaggi rocciosi e incredibili. Porta con te la macchina fotografica!

Anche a Isabela c’è un centro per la riproduzione delle testuggini, specializzato nella preservazione delle testuggini giganti delle Galapagos.

Se preferisci sdraiarti al sole, vai a fare un salto a Elizabeth Bay o al lago Flamingo.

Il muro del pianto è una destinazione molto popolare tra i turisti che vogliono scoprire qualcosa di più sulla storia dell’isola. Qui, durante la Seconda Guerra Mondiale, per circa 14 anni, i prigionieri sono stati trattenuti in una colonia penale con il compito di costruire un muro altissimo e molto largo. Il muro è arrivato ai giorni nostri e si è guadagnato quel soprannome viste le terribili condizioni di vita dei detenuti.

Genovesa

Genovesa, conosciuta anche come “Isola della Torre”, è una bellissima isola a forma di ferro di cavallo dove trascorrere una giornata indimenticabile. Pur trovandosi a una certa distanza dalle altre isole dell’arcipelago, Genovesa ha tanto da offrire ai turisti curiosi di scoprirla. Quasi completamente disabitata da sempre, offre però una storia ricchissima in termini geologici.

Vieni qui a fare bird watching immerso nella natura incontaminata.

Rabida

Benvenuto a Rabida, una delle isole più belle che avrai occasione di ammirare nella tua vita. Il motivo di questa variopinta bellezza è, naturalmente, l’attività vulcanica. Il terreno è composto perlopiù da ferro e assume una colorazione rossastra inframmezzata da macchie di foresta lussureggiante. Vieni qui per ammirare i leoni marini o per fare bird watching. Il periodo migliore per visitare questo posto è fra giugno e settembre.

Espanola

L’isola di Espanola, conosciuta anche come Hood Island (dal Visconte Hood) si trova nella parte sud dell’arcipelago ed è considerata una delle più antiche delle Galapagos. Tra le location da non perdere in questo posto ci sono sicuramente Bahìa Gardner, con la sua spiaggia da cartolina, e Punta Suàrez, ideale per tutti gli appassionati di bird watching.

Floreana

L’isola Floreana deve il suo nome a Juan José Flores, primo presidente dell’Ecuador nel periodo in cui la nazione ha preso possesso dell’arcipelago. La sua origine vulcanica la rende bellissima da visitare in qualsiasi momento dell’anno. Nel XIX secolo, i balenieri tenevano sull’isola un barile di posta, il quale veniva raccolto e consegnato in America o in Europa.

Vieni a fare snorkeling alla Corona del Diavolo, nella parte nord dell’isola, dove potrai ammirare uno spettacolare cono vulcanico, habitat di una fauna straordinaria. Se preferisci ammirare i leoni marini dalla costa, vai invece a Punta Cormorant.

Lobos

L’isola deve il suo nome ai leoni marini che la popolano. Vieni a Lobos per fare snorkeling o immersioni: se sarai abbastanza fortunato, queste simpatiche creature si immergeranno per giocare con te! Se preferisci, puoi comunque goderti la spiaggia e rilassarti tra un tuffo e l’altro.

Parti per le isole Galapagos con Costa Crociere

Parti al più presto per le Galapagos con Costa Crociere! La crociera è il modo migliore per esplorare queste isole favolose. Che tu voglia immergerti nella bellezza di Seymour o abbia deciso di scoprire le meraviglie di Santa Cruz, le Galapagos ti aspettano con la loro strabiliante fauna. Nuota con i leoni marini e vivi un’esperienza indimenticabile!

Cerca la tua prossima crociera