Il mar Mediterraneo è uno scrigno di tesori e le sue gemme più preziose sono le isole. Tra spiagge, storia, arte, cultura e mito ce n’è davvero per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Abbiamo selezionato per voi 30 delle più belle isole del Mediterraneo da scoprire insieme.

Palma di Maiorca

Cominciamo con Palma di Maiorca, la più grande delle Isole Baleari, al largo delle coste spagnole. Maiorca è la meta ideale per coloro che hanno voglia di vivere e sperimentare il fascino unico di una vacanza su un’isola, ma che al tempo stesso non vogliono rinunciare all’atmosfera frizzante tipico delle città spagnole.

È questo il caso di Palma, il capoluogo dell’arcipelago, che garantisce arte, cultura, storia e divertimento a chi la visita. Arrivando dal mare, salta subito all’occhio la stupenda Cattedrale gotica di Santa Maria di Palma con accanto il Palazzo dell'Almudaina, una delle residenze estive del re di Spagna costruita sulle fondamenta di una fortezza araba. Infine, passeggiando per le vie della città, si incontrano molti bellissimi palazzi modernisti, uno su tutti l’ex Grand Hotel di Palma. Il mare cristallino e una natura rigogliosa fanno da splendida cornice a tutto questo.

Guarda anche:

Ibiza

Se pensate che Ibiza significhi solamente “vita notturna” vi sbagliate di grosso. O meglio, Ibiza è anche vita notturna, e della migliore qualità: discoteche storiche come il Pacha propongono ogni stagione serate imperdibili, mentre su palchi come quello open-air dell’Ushuaia si esibiscono i dj più importanti e famosi del mondo. Il divertimento non è solo quello delle discoteche, ma si può trovare anche nelle spiagge attrezzate come Playa de las Salinas, o nei locali sparsi per le vie della Città Vecchia.

Le spiagge di Ibiza sono molte: è possibile trovare delle vere e proprie oasi di relax, con spiagge libere e lontane dalla movida; nell’entroterra di Santa Gertrudis è possibile trovare casas de campo immerse nella natura e impreziosite da splendide piscine, mentre Cala Comte e Punta Galera (quest’ultima adatta solo a chi non ha problemi a faticare un po’ prima di buttarsi in acqua) il mare cristallino prende le sfumature dello zaffiro e dell’acquamarina.

Non bisogna dimenticare che Ibiza fu la isla bonita di diverse comunità hippy negli anni Sessanta: questa atmosfera si può ancora respirare al mercatino hippy Las Dalias di San Carles de Peralta, dove artisti e artigiani locali vendono i loro prodotti in un ambiente decisamente flower power, e a Cala Benirràs dove d’estate gli hippy del nuovo millennio salutano il sole che cala sul mare con canti e danze scatenate a ritmo di bonghi. 

Minorca

L’isola di Minorca è forse la più selvaggia di tutte le Baleari. Non si contano le spiagge immerse nella natura più incontaminata, alcune delle quali raggiungibili soltanto facendo un’escursione a piedi o arrivando dal mare. Nella fattispecie, la spiaggia di Favaritx - che vanta un pittoresco faro in attività che si erge a picco sul mare - si trova a circa mezz’ora di cammino in mezzo alla natura sul promontorio partendo dal parcheggio di riferimento, mentre Cala Pregonda con la sua sabbia rossa e i suoi scogli dalle forme bizzarre è raggiungibile soltanto via mare, a bordo di piccole imbarcazioni.

Ci sono molte altre spiagge a Minorca dove il mare è cristallino e di un turchese quasi accecante e che però sono più comode da raggiungere (e quindi anche più affollate nel periodo estivo): su tutte, segnaliamo Cala Macarelleta, Cala en Turqueta, e la spiaggia di Santo Tomás. Quest’ultima è una spiaggia che si estende per diversi chilometri diventando Playa de Binicodrell e poi Binigaus, è caratterizzata da acqua cristallina sabbia finissima costeggiata da rocce piene di grotte; la prima parte è attrezzata, mentre mano a mano che si prosegue lo spazio diventa libero e adatto a chi vuole fare nudismo.

Anche sulla terraferma Minorca ha molto da offrire: Ciutadella, per esempio, è un’incantevole città di origine cartaginese nella parte nord-ovest dell’isola caratterizzata da un’atmosfera davvero unica, mentre a Fornells è possibile gustare vista mare quella che, anche secondo Juan Carlos, è la paella più buona di tutta la Spagna

Formentera

Sole, mare, spiaggia, e ancora sole, mare, e spiaggia. Queste sono le attività da fare a Formentera, il piccolo paradiso terrestre delle Baleari. Attività che si sposano benissimo con lo snorkeling e la vela - oltre che alla lettura sotto l’ombrellone di tutti i libri lasciati indietro durante l’anno.

Playa de Ses Illetes, Playa de Llevant, Playa de Es Pujols e Cala Saona sono tra le spiagge più incantevoli dell’isola per abbandonarsi al relax e alla bellezza.

Guarda anche:

Santorini

L’isola delle case bianche con i tetti azzurri, l’isola delle spiagge nere, e l’isola degli spettacolari tramonti con il sole infuocato che si tuffa nel mare. Queste sono le cose per cui tutti vogliono fare un viaggio a Santorini: non c’è tramonto in questa magnifica isola delle Cicladi che non valga la pena di essere fotografato, non c’è tetto di Santorini che non sia iconico e non c’è spiaggia nera che non meriti un tuffo.

Parlando delle più belle spiagge di Santorini e di sabbia nera, la caldera di Santorini è decisamente imperdibile, una meraviglia della natura da esplorare sia via mare, in barca facendo magari un’uscita di snorkeling, che via terra, armati di zainetto, scarpe da trekking e cappellino per ripararsi dal sole.

Da visitare anche i resti del villaggio di Akrotiri, una città portuale dell’Età del Bronzo distrutta dell’eruzione del vulcano dell’isola e riportata alla luce nel 1967.

Isola di Capri

Esiste al mondo una destinazione più glamour e affascinante di Capri? Probabilmente no. L’Isola di Capri non solo può vantare un mare incredibile e panorami da mozzare il fiato, ma è anche il simbolo di un’epoca: negli anni Sessanta non c’era divo del jet set italiano (e non solo) che non passasse per la mitica Piazzetta o per l’iconico Quisisana.

Le viuzze di ciottoli, le botteghe artigiane, il profumo di fiori e di limoni, i tuffi nell’acqua splendente dove sorgono i Faraglioni: tutto a Capri è bellezza, eleganza e lusso.

Tra le escursioni da fare non bisogna dimenticare quella alla Grotta Azzurra, uno dei luoghi più belli e famosi del mondo. Entrando in barca a remi in questa magnifica grotta si può godere di uno spettacolo quasi magico, quello dell’acqua, più azzurra e trasparente di quella di una piscina, che accarezza le pareti della grotta e vi riflette le sue sfumature.

Sardegna

Non sappiamo da dove cominciare per parlare delle meraviglie di quest’isola maggiore del Mediterraneo. La Sardegna ha veramente tutto: la natura si mostra in tutte le sue forme ed espressioni più nobili, dalle spiagge bianche che non hanno nulla da invidiare a quelle caraibiche (Cala Luna venne scelta da Lina Wertmüller come location di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto) alle discese a mare fatte solo di rocce; la storia, quella più antica e misteriosa, è rappresentata dai nuraghi che si trovano nelle campagne.

Anche la tradizione culinaria sarda è molto variegata e comprende delizie che vanno dalla semplicità del pecorino, alla cremosità della zuppa gallurese, alla dolcezza delle seadas. Inoltre, è possibile trascorrere una vacanza all’insegna della movida in Costa Smeralda, ma anche all’insegna della tranquillità in Ogliastra, o in balia del vento e a vele spiegate a CapreraCe n’è davvero per tutti i gusti.

Sicilia

Quanto detto per la Sardegna vale anche per la Sicilia. La Trinacria è talmente grande e talmente bella che non solo ce n’è davvero per tutti i gusti. 

Imperdibile, naturalmente, la Valle dei Templi, con i suoi templi dorici perfettamente conservati Patrimonio dell’Umanità Unesco, e per restare in tema di Antica Grecia e mitologia, anche fare visita a “Scilla e Cariddi” sullo stretto di Messina è un’esperienza decisamente consigliata.

Palermo, Catania e Siracusa sono tutte bellissime, ognuna con la propria peculiarità: a Palermo è obbligatorio fare un tour per tutti i mercati e assaggiare lo street food tipico; Catania ha una doppia anima, quella metropolitana e quella caratterizzata dall’irruenza dell’Etna che si trova a pochi passi (sul quale è possibile fare escursioni); a Siracusa non solo ci sono da vedere i magnifici edifici barocchi, ma anche l’isola di Ortigia, unica nel suo genere e famosa per il festival musicale.

Mykonos

Sulle spiagge di Mykonos la musica risuona tutto il tempo e ospita tutto l’anno, con mentalità aperta e genuino senso di accoglienza, turisti provenienti da tutto il mondo. Non per nulla, è considerata la capitale della tolleranza di genere.

La sua attrazione più iconica sono i mulini a vento bianchi con il tetto di paglia che si trovano nell’antico quartiere di Kastro e che rimandano al passato rurale dell’isola.

Parlando del passato, a Mykonos sono legati alcuni miti: prenderebbe il nome dal nipote di Apollo e sarebbe il luogo in cui Eracle sconfisse i Giganti, che si trasformarono in pietra dando origine all’isola stessa.

Rodi

Sono tantissime le cose da fare e vedere a Rodi: tra le altre attrazioni, segnaliamo cinque diversi castelli, due acropoli, un museo archeologico. La meta ideale per gli appassionati di storia antica!

Anche gli amanti della natura però non rimarranno delusi dall’isola più grande del Dodecaneso: nella valle che si estende per 60 ettari tra Paradissi e Theologos c’è una sorta di paradiso terrestre dove la combinazione di clima, flora, insieme al passaggio del fiume Pelecanos ha creato l’habitat perfetto per milioni di farfalle della specie Euplagia quadripunctaria. Un vero spettacolo!

Corfù

Corfù è un’isola variegata, che ha molto da offrire a ogni tipo di viaggiatore. Le spiagge di Corfù sono una più bella dell’altra, a partire da Paleokastritsa, adatta sia alle famiglie che a coloro che vogliono fare immersioni, Agios Giorgios Pagi contraddistinta da sabbia dorata, e Myrtiotissa, selvaggia e rocciosa.

Non solo Corfù viene identificata con l’Isola dei Feaci dell’Odissea, ma è piena di borghi pittoreschi da visitare come Sidari e Palia Perithia, e di monumenti dalla grande pregnanza storica e mitologica come il Palazzo di Achille e il Monastero di Vlacherna, situato, sorprendentemente, in mezzo al mare.

Isola d'Elba

L’isola d’Elba è la terza isola più grande di Italia e le sue origini affondano le radici nella storia più antica: era abitata infatti già dal Paleolitico e ci sono diverse parti dell’isola in cui sono stati rinvenuti diversi giacimenti risalenti a quel periodo.

Non solo storia antichissima, ma anche pane per i denti per gli appassionati di storia contemporanea: in prossimità dello scoglio dell’Ogliera si trova infatti il relitto della nave Elviscot, un mercantile affondato nel 1972 che si presta benissimo come meta per delle immersioni all’insegna del fascino e del mistero.

Anche la natura incontaminata dell’isola d’Elba è sconvolgente (fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano), e la si può ammirare facendo trekking per arrivare in cima al Monte Capanne, oppure dalle spiagge di Fetovaia, Capoliveri e Lacona.

Infine, Portoferraio, la città rosa, è pittoresca e piena di vere chicche da scoprire. Abbiamo ragione di pensare che Napoleone, in esilio qui, non se la sia passata così male.    

Lipari

La più grande delle isole Eolie, quella in cui, forse più che in ogni altra, si respira l’atmosfera della Sicilia continentale.

Corso Vittorio Emanuele II, la via principale che porta al centro storico, è caratterizzata da casette basse colorate di grande impatto mentre dall’alto della cittadella fortificata a picco sul mare il Castello con la necropoli dominano su tutta l’isola.

Le bellezze naturali sono molteplici, fruibili al massimo via mare, e tra tutte segnaliamo lo scorcio mozzafiato costituito dalle ex cave di pomice dell’isola: un fondale e una costa bianchissimi donano all’acqua circostante una colorazione azzurro chiara davvero unica, e il tutto è “decorato” da pezzi di archeologia industriale davvero sbalorditivi.

Malta

Un’isola dal fascino irresistibile dove si fondono diverse culture: Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, Arabi, Normanni, Aragonesi, Cavalieri di Malta, Francesi e Inglesi si sono susseguiti nella dominazione dell’isola.

Come ben sappiamo, il connubio tra mare cristallino, favolose spiagge e storia non ha rivali, e infatti Malta è una meta davvero incredibile dove passare le vacanze: basta pensare che sull’isola ci sono ben tre siti Patrimonio dell’Umanità Unesco, e sono la capitale La Valletta, l'Ipogeo di Hal Saflieni e i templi megalitici.

Isola d'Ischia

Natura, magia e leggenda sono gli ingredienti principali che costituiscono l’isola di Ischia. C’è lo Scoglio degli Innamorati, che ricorda i profili di due innamorati che si baciano, c’è lo Scoglio del Fungo che secondo la leggenda fa da dimora eterna a una coppia di giovani. 

Anche la terra è magica, la più ricca d’Europa di sorgenti di acqua termale - che hanno dato vita ai Giardini PoseidonDall’alto del Belvedere di Zaro si può ammirare tutta la bellezza di Ischia e del suo mare. 

Isola di Stromboli

Tutte le isole vulcaniche hanno un fascino particolare e il fascino dell’Isola di Stromboli è innegabile, al punto che Jules Verne la scelse per ambientarvi la conclusione di “Viaggio al centro della Terra”.

Non riusciamo a immaginare scelta migliore dato che lo Stromboli è in piena attività e ogni giorno erutta, esplosivo, ricordando a tutti la potenza primordiale della Terra e, ogni notte, grazie ad alcune organizzazioni locali, è possibile assistere dal mare questo spettacolo mozzafiato.

Il paese di Stromboli è un bellissimo borgo fatto di case bianche e bouganville, mentre a Ginostra il tempo sembra essersi fermato: la corrente elettrica è arrivata in questa zona dell’isola non molti anni fa, e l’unico mezzo di trasporto è un mulo che si sposta tra una via e l’altra.

Un viaggio alle Isole Eolie non sarebbe completo senza fare un tuffo alla Sciara del Fuoco: un’esperienza indimenticabile.

Pantelleria

Un’isola selvaggia, lontana dalle solite rotte turistiche e per questo preziosa e dal fascino immutato, un’isola anche per certi versi difficile, aspra, che si schiude solo ai visitatori più intrepidi e avventurosi: il fuoristrada e la barca sono infatti i mezzi d’elezione per visitarla al meglio.

Pantelleria è un’isola vulcanica e, proprio in quello che un tempo era il cratere del vulcano si trova una delle attrazioni da visitare assolutamente, il Lago Specchio di Venere. Questo lago è caratterizzato da acqua azzurissima, bassa e tiepida, e da una sabbia bianca, argillosa e sulfurea, perfetta per fare impacchi benefici per la pelle. Il Lago Specchio di Venere è la meta ideale durante i giorni di Maestrale poiché il vento non influisce minimamente sulle sue condizioni.

Dal Lago è possibile fare un bel percorso di trekking per raggiungere Cala Cinque Denti e il Faro di Punta Spadillo con il Laghetto delle Ondine. Per raggiungere invece altri meravigliosi punti per fare il bagno come Balata dei Turchi o l’Arco dell’Elefante meglio muoversi dal mare.

La parte più interna di Pantelleria è occupata dal Parco Nazionale, dove la natura è incontaminata e non ci sono centri abitati; è proprio al limitare del Parco che si trova un’attrazione unica, il Bagno Asciutto di Benikulà, una vera e propria sauna naturale all’interno di una grotta.

Scauri e Pantelleria sono le città principali dell’isola; Scauri è un’incantevole città portuale, mentre Pantelleria ha tutto il fascino caotico delle città del Nordafrica. È qui che si possono assaggiare i deliziosi piatti tipici dell’isola, dal cous cous di pesce al bacio pantesco.

Infine, i dammusi, le tipiche abitazioni pantesche di pietra, sono spesso immersi nel nulla e sono l’ideale per una vacanza all’insegna del totale relax.

Chio

Si dice che sia la patria che ha dato i natali a Omero, nientemeno. Che sia o meno per questo motivo, Chio città è un luogo culturalmente molto vivace: c’è un importante museo archeologico, un museo bizantino, un centro culturale che organizza spettacoli teatrali, e una delle biblioteche più importanti di tutta la Grecia.

L’isola conta anche numerosi villaggi medievali, uno più bello dell’altro, e alcune bellezze naturali come le Grotte di Olimpia che sono davvero suggestive. 

Samo

Il personaggio più illustre nato a Samo è Pitagora, il padre del celeberrimo teorema nonché di molti dei nostri brutti voti in matematica.

Gli Antichi Greci ne sapevano di filosofia, simposi e vino, e infatti quello di Samo è uno dei vini più famosi e pregiati, nonché fiore all’occhiello dei prodotti tipici dell’isola. La spiaggia di Psalida con la sua acqua cristallina è il luogo perfetto dove passare l’estate.

Patmo

Restiamo in Grecia ma ci allontaniamo dalla tradizione greca per avvicinarci a quella biblica. Patmo è considerata un’isola mistica, per la precisione l’isola dell’Apocalisse: è proprio qui infatti che fu scritta l’ultima parte della Bibbia, la più misteriosa, nella cosiddetta Grotta dell’Apocalisse, che si trova vicino alla capitale Chora e che è aperta al pubblico.

Per raggiungere le splendide calette - come Diakofti, Petra, e Psili Ammos - che punteggiano tutta l’isola è necessario avere un mezzo di trasporto comodo e agile, come il motorino. 

Nasso

La più grande delle Cicladi e, grazie alle sue bellissime e ampie spiagge, è il luogo adatto per praticare sport marini di tutti i tipi, ma anche per rilassarsi in calette poco frequentate e difficili da raggiungere.

È anche l’isola in cui, secondo la tradizione, Arianna venne abbandonata da Teseo dopo essere fuggita con lui da Cnosso e dal Minotauro. Oltre alla capitale, consigliamo di visitare il villaggio di Apiranthos, dove tutti i palazzi sono fatti di marmo.

Curzola

L’isola di Curzola costituisce un esempio particolare per quanto riguarda lo sfruttamento del turismo: ha abbracciato infatti la filosofia del “turismo sanitario” che unisce una tradizione millenaria a una natura davvero incontaminata e alla presenza di fanghi curativi che contraddistinguono varie zone del territorio.

Spiagge bellissime, uliveti e vigneti fanno il resto, e la rendono una meta del Mediterraneo davvero imperdibile.

Comino

Questo isolotto paradisiaco che si trova tra Malta e Gozo deve il suo nome al kemmuna, il cumino, l’unica pianta in grado di germogliare sul suo suolo.

Comino è circondata da un mare blu e turchese dalla bellezza unica, e la Blue Lagoon è una delle principali attrazioni dell’isola: si tratta di una piccola baia tra Comino e Cominotto dove l’acqua è così azzurra da sembrare quella di una piscina; è la meta ideale per chi vuole fare il bagno in un vero paradiso terrestre, ma, grazie alla sua fauna marina molto varia, anche per gli appassionati di immersioni subacquee. 

Paro

Le bellissime foto che tipicamente ritraggono Paro, con il molo che dal mare cristallino corre fino ad arrivare a un mucchietto di case bianche che si stagliano sul cielo azzurro e sono incorniciate da sabbia dorata, non mentono: Paro è davvero bella come ci si aspetta.

Paro, inoltre, non è una meta presa d’assalto dal turismo di massa, perciò ci si diverte con party in spiaggia e ci si rilassa in riva al mare come da nessun’altra parte.

Milo

Le scogliere bianche a picco sul mare azzurro, insieme a un bel pranzo tipico in una taverna quasi in riva al mare, bastano e avanzano per decidere di visitare Milo. Certamente anche la storia che caratterizza l’isola ha un suo perché: fu proprio qui infatti che la straordinaria Venere di Milo venne ritrovata da un contadino in un giorno qualunque nel 1892.

Itaca

L’isola più famosa dell’epica greca, l'isola di Ulisse nella quale non riusciva e non voleva tornarci, ed era anche il luogo in cui si trovava la povera moglie Penelope che continuava continuava a disfare la sua tela pur di non cedere alle pressanti richieste di matrimonio dei Proci. E proprio nella cittadina di Stavros campeggia una statua dell’eroe omerico, e molti reperti archeologici ritrovati nelle vicinanze del paese sembrano avallare l’ipotesi secondo cui Ulisse abitasse in quella zona.

Oltre a tutti i luoghi omerici da visitare, Itaca conta anche numerose e bellissime spiagge per una vacanza all’insegna del relax e della tintarella, oltre che della cultura.

Gozo

Un vero e proprio locus amoenus che non per nulla è anche il luogo dove sorge la grotta di Calipso, colei che tenne lontana dalla patria Ulisse per 7 anni dopo la fine della guerra di Troia. La grotta è situata sopra la magnifica spiaggia di Ramla l-Ħamra, una delle più belle dell’isola e caratterizzata da una particolarissima sabbia rossa.

Gozo è così bella e rilassante che è diventata una delle mete predilette del Mediterraneo per fare ritiri e workshop di yoga.

Policandro

Questa piccola perla delle cicladi è l’ideale per chi vuole fare una vacanza all’insegna della natura e dell’avventura: ci sono infatti molte calette spettacolari che sono raggiungibili soltanto dopo qualche ora di trekking nella natura; è il caso della spiaggia di Livadaki e Agali.

A Policandro è possibile assaggiare una specialità greca molto particolare, la Matsada, ossia una pietanza a base di tagliatelle non all’uovo da abbinare a polpette preparate con vari tipi di carne e stufate insieme alle verdure.

Isola di Levanzo

La bellezza di Levanzo è una bellezza molto antica, testimoniata non solo da un mare cristallino come quello di Cala Dogana, ma anche dalla presenza di reperti archeologici come i graffiti della Grotta del Genovese con graffiti che risalgono al Paleolitico superiore e che raffigurano animali estinti del Quaternario, ma anche animali come il tonno, ancora presente nelle acque che bagnano l’isola.

Consigliamo di girare per Levanzo sul dorso di uno degli asini locali per un’esperienza davvero indimenticabile.

Zante

Concludiamo questa rassegna delle isole più belle del Mediterraneo con Zante, così bella che il grande Ugo Foscolo le dedicò un celebre sonetto.

La Spiaggia del Relitto e le Grotte di Keri sono tra le attrazioni turistiche più importanti e amate, mentre la parte sudoccidentale dell'isola è Parco nazionale marino di Zante, dove vive ancora la tartaruga Caretta caretta, una specie in via di estinzione.

Esplora il Mediterraneo con Costa Crociere

Parti con Costa Crociere alla scoperta delle più belle isole del Mediterraneo, delle loro spiagge paradisiache, della loro storia e dei miti che le riguardano. Lasciati conquistare dal mare cristallino di Sicilia e Sardegna, dalla potenza del vulcano di Stromboli, dalla spensieratezza di Mykonos e da tanto altro ancora.

Parti con Costa Crociere