Sono due i principali arcipelaghi della Spagna: quello delle Baleari e quello delle Canarie. Entrambi sinonimo di bellezza naturalistica, divertimento e relax, differiscono però per posizione geografica. Le Baleari sono 11 isole nel Mediterraneo, mentre le Canarie sono sette ed emergono dall’Oceano Atlantico.

 

Lasciati guidare da Costa Crociere alla scoperta delle 14 isole più belle della Spagna.

  • Maiorca (Baleari)
  • Minorca (Baleari)
  • Ibiza (Baleari)
  • Formentera (Baleari)
  • Isola di Cabrera (Baleari)
  • Tenerife (Canarie)
  • Gran Canaria (Canarie)
  • Lanzarote (Canarie)
  • Fuerteventura (Canarie)
  • Las Palmas (Canarie)
  • La Gomera (Canarie)
  • El Hierro (Canarie)
  • Isola di Ons (Parco Nazionale delle Isole Atlantiche)
  • Isola di Cortegada (Parco Nazionale delle Isole Atlantiche)

Maiorca

500 km di spiagge incontaminate, storia e cultura: Maiorca è la destinazione perfetta per regalarsi un momento di divertimento e relax. Conosciuta anche come Sa Roqueta dai maiorchini e Balearis Maior dagli Antichi Romani, quest’isola è la più grande e variegata delle Baleari, e non si resta mai a corto di cose da fare.

 

Partiamo per esempio con una capatina a Palma de Mallorca, la capitale che unisce bellezza, cultura, storia e, indubbiamente, movida. Il centro di Palma è un dedalo di viuzze che si perdono tra mura di antichi edifici. Chi arriva qui deve visitare la Cattedrale, meraviglioso esempio di architettura gotica mediterranea, da cui all’interno spiccano la Puerta del Mirador, la cappella della Trinidad e il Museo Gotico. Sulla Baia di Palma si erge invece il Castello di Beliver, costruito da Jaume II nel XIV secolo che dispone di un maestoso patio centrale circondato da quattro torri a forma cilindrica.

 

Imperdibili inoltre le Grotte La Cuevas, crepacci che si trovano su tutta l’isola e, in alcuni punti, possono essere visitati. Date un’occhiata a Coves del Drach, y dels Hams a Manacor, sono davvero uno spettacolo meraviglioso.

 

Tra le spiagge più belle di Maiorca occorre fare un’importante scrematura: innanzitutto perché sono quasi tutte bellissime, e poi perché sono più di 300! Per voi abbiamo scelto la spiaggia di Coll Baix, sulla costa settentrionale dell’Isola di Maiorca. Difficile da raggiungere, offre però un angolo di natura incontaminata dove si può trovare il paradiso sulla sabbia! Bellissime anche Cala Varques, Cala Mondrago, Es Trenc, Es Pregons Grans, Playa del Palma e Cala Estellencs. 

Minorca

Un’isola dalle grandi bellezze e dalle mille sorprese. Seconda per grandezza delle Baleari, Minorca dista poche ore di traghetto da Maiorca e presenta una costa ricca, frastagliata e piena di calette dove fare il bagno è una magia.

 

Conosciuta anche come Isola del Vento, nel corso dei secoli ha vissuto la dominazione di vari popoli, tra cui Romani, Greci, Cartaginesi, Arabi e Inglesi: ognuno di loro ha lasciato un’impronta indelebile sulla cultura dell’isola.

 

Minorca, come molte altre perle del Mediterraneo, è stata dichiarata dall’Unesco Riserva della Biosfera grazie ai suoi paesaggi incontaminati che la rendono una delle isole più verdi e spettacolari. Chi arriva a Minorca può cominciare a guardarsi attorno partendo da Mahon e Ciutadella, ex capitale di Minorca situata a nord dell’isola.

 

Il simbolo della città è un cavallo di bronzo di 8 metri sollevato sulle zampe superiori. Da vedere ci sono Piazza des Born, la Cattedrale di Minorca e, naturalmente, il Museo Municipale di Ciutadella. Spettacolare anche il mercato del pesce di Plaça de la Libertat.

 

Dopo una passeggiata in centro, si consiglia di fare un salto ad una delle cave più belle e conosciute di Minorca: Lithica Pedreres de s’Hostal, caratterizzata da un labirinto centrale ottenuto dall’estrazione della pietra mares, un particolare tufo isolano.

 

Il faro più bello della città è quello di Cap de Cavalleria, il più antico e situato sulla punta di un’alta scogliera a nord dell’isola. Al piano terra si trova inoltre un piccolo museo ecologico che raccoglie preziose informazioni sulla natura del luogo e sulla costruzione della struttura.

 

Con i suoi 200 km di coste, spiagge e calette, è difficile rimanere senza spiagge dove trascorrere indimenticabili pomeriggi sotto l’ombrellone. Tra quelle più famose ricordiamo Cala Algariens, Cala Morell, Cala Macarella, Cala Turqueta e Playa Son Saura.

Ibiza

 

Tra le isole più visitate delle Baleari c’è certamente Ibiza, destinazione da sogno di tutti i vacanzieri che sognano la movida e, al tempo stesso, vogliono immergersi nelle acque cristalline di spiagge sabbiose fatte di meraviglie naturali uniche nel loro genere.

 

Chi arriva a Ibiza dovrebbe dedicare un po’ di tempo all’esplorazione di Eivissa, capoluogo dell’isola, facendo una bella passeggiata sul lungomare La Marina. Oltre ai locali e ai negozi, qui si trovano le tipiche imbarcazioni dei pescatori che riforniscono i mercati locali.

 

La parte alta della città, Dat Vila, è arroccata su uno sperone roccioso a strapiombo sul mare dove, sulla sommità, troneggia la cattedrale di Santa Maria de les Neus. Da visitare anche il museo archeologico: un tuffo tra antichi fenici, cartaginesi e saraceni.

 

Dopo il capoluogo passiamo a Les Salines, Parco Naturalistico dalle spiagge incantate situato all’estremo sud dell’isola. L’area è riserva naturale e habitat perfetto di uccelli migratori. Si prosegue poi sul promontorio di Sa Trinxa, dove si erge la Torre de ses Portes che proteggeva le preziose saline dell’isola.

 

Chi arriva a Ibiza deve farsi un giro anche a Cala d’Hort, una spiaggia suggestiva affacciata alla misteriosa isola di Es Vedrà, che nel corso dei secoli ha generato ogni tipo di racconto leggendario, dall’ambientazione di episodi dell’Odissea fino a più recenti avvistamenti UFO.

 

Tra le spiagge da non perdere ricordiamo quelle di Las Salinas, Cala d’Hort, Agua Blanca, Talamanca e Platja den Bossa, oltre che naturalmente Cala Conta e Cala de Benirràs.

Formentera

Tra le isole più belle delle Baleari c’è sicuramente Formentera, dove le spiagge ricordano quelle dei caraibi e la sabbia fine si mescola a un’acqua cristallina che arriva fino all’orizzonte. Se il mare è l’attrazione principale dell’isola, ci sono tante altre cose che si possono fare qui per dare forma a una vacanza indimenticabile.

 

Tra le cose da vedere a Formentera ricordiamo la spiaggia di Ses Illetes, ovvero la spiaggia delle isolette, che è considerata anche la spiaggia più bella dell’isola. Tra le altre spiagge indimenticabili dell’isola ricordiamo certamente Es Arenals, Calò des Morts, Cala Saona, Cala Savina, Platja de Migjorn e Platja de Llevant. Tra le meno frequentate, consigliamo El Tiburon, Playa Tanga e Ses Platgetes.

Cabrera

Cabrera fa parte delle Baleari, ma è a sua volta la principale isola del piccolo sottoarcipelago omonimo e si trova a poca distanza da Maiorca. Questa location è stata per molto tempo un’area militare blindata, ma da anni è stata aperta al turismo ed è diventata un parco nazionale marittimo terrestre dell’arcipelago di Cabrera.

 

La storia di questa isola è affascinante e complessa: da qui sono passati cartaginesi, fenici, romani, bizantini, pirati e molti altri sconquassamenti storici. Dopo essere diventata area militare, nel 1991 le pressioni di Greenpeace e le richieste del Governo Baleare hanno restituito questa perla al mondo. 

Tenerife

Paesaggi di una bellezza mozzafiato, spiagge incantate e scogliere a picco sul mare. Stiamo parlando di Tenerife, una delle destinazioni da sogno da visitare almeno una volta nella vita.

 

Non solo ideale per gli amanti del relax in spiaggia, ma meta perfetta anche per il trekking nella natura incontaminata. Come il resto delle Canarie, l’isola è di origine vulcanica e si trova poco a nord del Tropico del Cancro.

 

Quest’isola montuosa non è solo mare, ma è un tripudio di paesini costieri, piscine e terrazze del Sud e, naturalmente, l’indimenticabile Santa Cruz de Tenerife. Tra le location da non perdere su quest’isola incantata ricordiamo Icod de Los Vinos, situato sulla costa nord e famoso per i suoi bananeti.

 

Spettacolare anche Bajamar, dove le piscine naturali (il cui ricambio d’acqua avviene tramite l’Oceano) offrono divertimento per grandi e piccini. A Guimar sorgono invece le misteriose piramidi che, ad oggi, non hanno una valida spiegazione storica, e vengono imputate a un possibile commercio tra Canarie e America Latina.

 

Chi arriva a Tenerife deve fare un salto a La Orotava, celebre per il suo vino e per trovarsi nel Parco Nazionale del Teide, un’area protetta che copre la parte più alta dell’isola. Il parco conta oltre 50 specie endemiche di piante e paesaggi vulcanici unici al mondo: l’Alto de Gujara, LLano Ucanca, Roques de Garcia e Pico Viejo.

 

Tra le spiagge da non perdere a Tenerife ricordiamo Playa Fanabe, La Tejita, Playa Bollullo, Playa el Duque, Playa de las Teresitas, e le piscine naturali che permettono di fare un bagno nell’acqua calma e tiepida, anche quando l’Oceano non lo permetterebbe.

 

Oltre a quelle de Los Gigantes, ci sono anche le piscine di Charco Azul, Montaña Amarilla, le Piscine De Bajamar, la Piscina Naturale di Jóver, Lago Martianez, Charco del Viento e le piscine naturali di Gerachico e Punta del Hidalgo. 

Gran Canaria

La considerano un continente in miniatura e non esagerano: Gran Canaria ha una varietà climatica e paesaggistica da fare invidia a territori ben più estesi, e offre ai turisti uno scenario decisamente fuori dal comune.

 

Si tratta della seconda isola più popolata delle Canarie, dopo Tenerife, e proprio come le altre isole dell’arcipelago è di origine vulcanica. Al centro dell’isola si può scorgere infatti la caldera di un vecchio vulcano.

 

Gran Canaria è il luogo perfetto per le passeggiate tra le coltivazioni di banane e avocado, per le spiagge e per la contemplazione di paesaggi meravigliosi. Godetevi almeno una volta nella vostra permanenza la vista sul Teide, da Cruz de Tejeda, uno dei belvedere più affascinanti di Spagna.

 

La vista del vulcano di Tenerife è così bella che vi lascerà senza fiato. A proposito di fiato, gli amanti del trekking possono andare a visitare Roque Nublo, su in alto, una delle mete di pellegrinaggio più ambite delle Canarie e sede di un’importante processione religiosa. Un percorso di 2-3 ore di media difficoltà tra le rocce rosso fuoco.

 

La Gran Canaria è celebre per essere attraversata da antiche strade conosciute come i caminos reales, da percorrere a piedi come i normali sentieri di trekking. Gli appassionati di storia scopriranno la vera bellezza dell’isola a La Vegueta, quartiere vecchio di Las Palmas de Gran Canaria. Qui potete fare una capatina alla Cattedrale di Teror. Da visitare anche Aguimes con la sua Cattedrale di Arucas.

 

Tra le spiagge più belle delle Canarie ricordiamo Playa Guigui, che però si raggiunge in circa 3 ore di cammino. Se invece preferite la comodità, dovete recarvi a Playa del Inglés, che si estende per quasi tre chilometri tra quelle di Maspalomas – di cui consigliamo di visitare il faro - e San Agustìn. La playa da visitare assolutamente? Montana de Arena. 

Lanzarote

Paesaggi vulcanici, terre rosse e nere, deserti, rocce aguzze e parchi naturali: è questo il paesaggio che attende il turista che arriva a Lanzarote, una delle isole più selvagge delle Canarie.

 

Facente parte della Riserva della Biosfera UNESCO, questa splendida isola è un concentrato di bellezze naturali da scoprire una per una. Situata proprio accanto a Fuerteventura, Lanzarote è famosa per il paesaggio vulcanico del Parco Nazionale di Timanfaya, paradiso vulcanico delle Canarie dall’aspetto quasi extraterrestre.

 

Lanzarote è destinazione per chi ama passeggiare e, soprattutto, per i surfisti. Chi cerca una spiaggetta tranquilla e selvaggia dove piantare un ombrellone troverà comunque qualche posto delizioso per costruirsi ricordi indimenticabili.

 

Chi va a Lanzarote deve vedere Jameo del Agua, un enorme tunnel sotterraneo formatosi con l’eruzione del vulcano Monte Corona. Cesar Manrique ha impreziosito la bellezza di Lanzarote con una serie di opere d’arte che si mescolano perfettamente alla natura del luogo: prendiamo ad esempio Mirador del Rio, uno dei punti panoramici più belli dell’isola. Lo stesso artista si è inoltre guadagnato un museo, situato in un meraviglioso giardino di palme e visitabile previo pagamento di un biglietto.

 

Il Parco Nazionale Timanfaya è una delle location più importanti di Lanzarote e, in generale, delle Isole Canarie. Si tratta di un’enorme area vulcanica creatasi recentemente, dove è possibile assistere allo spettacolo della natura che si esibisce in geyser e altre meraviglie naturali.

 

Non perdetevi le spiagge di Fumara, Las Conchas, Carcho de Palo, Playa Papagayo e Caleta del Mero

Fuerteventura

Arida e desolata, Fuerteventura è anche una delle isole più belle delle Canarie. Meta ideale per gli amanti del mare, della pesca e del surf, è il luogo perfetto dove stendersi al sole e godersi frutti di mare nei ristorantini più esclusivi.

 

A Fuerteventura non ci sono monumenti, e in generale i paesini da visitare sono pochi, ma ci sono: consigliamo Betancuria e Lajares. Tra le spiagge più suggestive del luogo, date un’occhiata a Playas de Jandia, dalla sabbia fine e l’acqua trasparente; immergetevi nelle acque di Plata de Cofete e la Concha, come El Cotillo, per acque calme e paesaggi incantati. 

La Palma

La Palma è l’isola dei vulcani che sembrano usciti da un altro mondo, tra mille chilometri di boschi e sentierini da smarrirsi. La Palma è la destinazione ideale per chi ama osservare il cielo, anche grazie al basso inquinamento luminoso dell’isola.

 

Da non perdere in questa location c’è Santa Cruz de La Palma, il centro della vita isolana, da cui partono diverse passeggiate. Da sperimentare anche il Belvedere di La Cumbrecita, un balcone naturale sulla Caldeira de Taburiente. La Palma è anche il luogo perfetto per il whale watching.

La Gomera

Selvaggia e primitiva, La Gomera è una delle isole più suggestive delle Canarie. Qui è ancora in uso il silbo gomero, linguaggio fatto esclusivamente di fischi ideato dai pastori per comunicare a km di distanza.

 

La natura rigogliosa del posto fa risaltare un paesaggio immerso nel blu dove il tempo sembra essersi fermato un centinaio di anni fa. Fatevi un giro a San Sebastian de la Gomera, la città che sorge su una roccia vulcanica, e capirete di cosa stiamo parlando. Da visitare anche Agulo, Los Organos e il Parco Nazionale Garajonay. 

El Hierro

El Hierro è il luogo perfetto per raggiungere le Canarie evitando la mondanità di Fuerteventura e gli eccessi di Ibiza. Qui, il turista arriva su un’isola che nulla ha a che vedere con le altre, dove la semplice permanenza è un’esperienza mistica e isolata, lontana dalla movida.A El Hierro si accede solo in due punti: dal piccolo aeroporto e da el Puerto de la Estaca.

 

Nel piccolo assembramento di case di La Caleta è possibile trovare rifugio e avviare una serie di passeggiate mozzafiato. Il capoluogo qui è Valverde, una cittadina da un migliaio di persone che vi rimarrà nel cuore. 

Isola di Ons

Ons si trova nel piccolo arcipelago della Galizia e, insieme ad altri piccoli arcipelaghi spagnoli, forma il Parco Nazionale delle Isole Atlantiche della Galizia. Questo è il posto ideale per immergersi nella natura e fare bird watching. 

Isola di Cortegada

L’isola di Cortegada si trova nella provincia di Potevedra e fa parte del parco nazionale delle isole atlantiche della Galizia. Per anni, pensate, è stata proprietà privata: poi dal 2007 è finalmente tornata ad essere territorio pubblico, aperto al turismo di massa e accessibile a tutti.

 

Questa è la location ideale per una full immersion in boschi secolari dove si respira il mistero e si vive un’avventura che pochi possono dire di aver aggiunto al loro album dei ricordi. Si consiglia una capatina all’antico bosco di allori, il quale vi porterà anche in prossimità di magnifici eucalipti e, addirittura, sui resti di un antico villaggio abitato fino al 1910. 

Parti con una crociera Costa verso le isole della Spagna

 

Parti con Costa Crociere alla scoperta di alcune delle isole spagnole, e lasciati conquistare dalla natura rigogliosa e selvaggia di Lanzarote, dalla movida di Ibiza e tanto altro.

 

Non aspettare, scopri subito le partenze per le isole della Spagna

Cerca la tua prossima crociera