Dove la leggenda trova una forma reale: Zante, una delle più belle isole della Grecia. È il luogo autentico e al tempo stesso fantastico dalle cui acque schiumose, secondo la mitologia greca, nacque Venere, dea della bellezza. Zante ha anche dato i natali al poeta Ugo Foscolo che all’isola dedicò il suo componimento forse più celebre, intitolato appunto “A Zante”. Ha un’anima mondana, per via dei tanti divertimenti che propone, e al tempo stesso selvaggia per la natura bellissima e per alcune tra le spiagge più belle della Grecia. Visitare Zante significa entrare nella grandiosità della storia più antica della Grecia.

Cosa vedere a Zante? L'omonima città, le Grotte Blu, l'Isola di Marathonissi e molto altro. Scopri i migliori luoghi di Zante con una crociera Costa!

Zante città

La città di Zante è la capitale e al tempo stesso il centro vitale dell'isola. A prima vista qui si può provare una sensazione di déjà-vu non certo casuale. Le case, i negozi e gli edifici sono tutti in stile veneziano, ricostruiti così – rispettando le vecchie strutture - dopo il distruttivo terremoto del 1953. Un soggiorno a Zante è ideale anche dal punto di vista logistico. Nelle vicinanze infatti ci sono tutte le attività commerciali di cui un turista può aver bisogno e si parte della base ideale per effettuare escursioni intorno all'isola.

Nelle vicinanze naturalmente non mancano neppure le spiagge. Ad esempio quella vicino a Piazza Solomos o alla periferia della città, a Kryoneri, dove troviamo una spiaggia con piccoli ciottoli e acque calme. Entrambe rappresentano un'ottima soluzione per una breve nuotata senza allontanarsi da Zante. Sulla strada principale che conduce al porto, si possono scoprire numerosi punti d’interesse. Il Museo Bizantino di Zante, per esempio, centro culturale che ospita la Biblioteca Comunale e tutte le vicende storiche dell’isola, si trova proprio in Piazza Solomos. Nella piazza medievale di San Marco, invece, merita sicuramente una visita il Museo Solomos con le impressionanti tombe di Dionysios Solomos e Andreas Kalvos. Inoltre nella chiesa cattolica di San Marco si può regolarmente accedere all’appuntamento con la Santa Messa domenicale.

Il treno turistico della città - il modo forse migliore per vedere tutto in un tour divertente e rilassato - ha guide giornaliere che partono sempre dalla centralissima Piazza Solomos. La magnifica chiesa di San Dionisio, patrono di Zante, ospita la reliquia del santo ed è anche considerata una grande attrazione per i visitatori. Accanto alla chiesa si può visitare il Museo ecclesiastico. La casa di Romas è uno dei pochi edifici che non furono distrutti dal terremoto del 1953. Appena fuori Zante, poi, si trova la famosa collina di Stranis, dove Dionysios Solomos trovò l’ispirazione dei suoni della rivoluzione greca per scrivere l'inno nazionale e c’è Bochali, il luogo in cui si può godere della splendida vista su Zante e di un magnifico tramonto.

Grotte Blu

Rappresentano una delle attrazioni più visitate dell'isola di Zante. A scoprirle, nel 1897, è stato Antonio Komouto. Un luogo magico che attira ogni anno migliaia di visitatori. L'isola di Zante in generale è conosciuta per le sue meravigliose spiagge, per il paesaggio rigoglioso e per aver dato i natali oltre, che a Ugo Foscolo, anche alla tartaruga marina Caretta- Caretta. Quasi tutti hanno sentito parlare della pittoresca spiaggia del relitto, situata nella parte settentrionale dell'isola, più aspra, ma le Grotte sono senz’altro un altro luogo affascinante di Zante.

Partono più o meno ad Agios Nikolaos e vanno fino a Capo Skinari, formazioni geologiche continue, create dall'erosione in maniera naturale. Tutta l'area, un luogo ideale per i patiti di immersioni subacquee, presenta una serie di archi di calcare attraverso i quali le piccole imbarcazioni possono entrare e godere della meraviglia nascosta.

C’è anche la possibilità di visitare alcune delle grotte, tra cui la più grande, Kianon dove potrete ammirare stalattiti appese come candelieri dalla cima della caverna. Ma la cosa più spettacolare di queste bellezze naturali è forse rappresentata dal colore dell'acqua che si trova all'interno. Infatti, quando la luce si riflette sull'acqua, dona un colore blu misterioso ed etereo a tutto ciò che è intorno, incluso lo stesso visitatore.

Per ammirare al meglio questo fenomeno naturale, è consigliabile visitare le grotte al mattino quando la luce è abbondante. È anche il momento perfetto per ammirare l'intera costa e nuotare nelle acque turchesi traslucide. Tuttavia, una visita nel tardo pomeriggio è ugualmente invitante, quando il mare assume una tonalità rossastra, a causa del sole al tramonto. Raggiungerle a piedi da Capo Skinari significa scendere da una stradina poco distante dal faro percorrendo un centinaio di gradini al termine dei quali si arriva in un punto che è proprio sopra al tratto di costa che ospita le caverne. E allora è bellissimo tuffarsi in mare per ritrovarsi come d’incanto in uno scenario meraviglioso che davvero vale la pena di esplorare utilizzando mascherina o occhialini. Sarà fantastico.

Loucha

Ci sono i panorami abbaglianti, c’è una natura che riserva sorprese straordinarie a ogni angolo, ma per conoscere il vero carattere di Zante bisogna come sempre spingersi nell’entroterra par andare alla scoperta dei piccoli villaggi e per conoscere da vicino la vita delle persone. Questo discorso vale soprattutto per Loucha, un paesino che si trova sul versante occidentale dell’isola ed è distante non più di dieci chilometri da Porto Limnionas. Quando si entra nelle stradine di questo villaggio, la prima sensazione è di ritrovarsi in un luogo dove il tempo si è fermato.

E non è una sensazione infondata anche perché lo scenario è rimasto esattamente quello del 1953, quando il famigerato terremoto colpì pesantemente l’isola oltre che la vicina Cefalonia. In ogni caso in questo villaggio l’architettura tradizionale ha avuto la meglio su quella moderna, diffusa ovunque, e il risultato è che Loucha sembra un paese incantato, dove si gode di una bellissima vista sulla valle piena di coltivazioni e sui vigneti in particolare.

Grotte di Keri

È soprattutto sulla parte sud-occidentale che Zante presenta una costa particolarmente frastagliata, con pareti rocciose che discendono vorticosamente verso il blu e numerosissime grotte nascoste sul mare, anfratti anche piccoli che si ripetono per diversi chilometri. In alcune grotte c’è spazio per entrare in barca, in altre è possibile farlo solo a nuoto. In ogni caso si tratta di esperienze straordinarie, intense e indimenticabili. Ci sono tour organizzati che regalano emozioni speciali, ad esempio il giro che conduce alle grotte di Keri che parte sempre dalla piccola spiaggia di Lemni Kerioù.

Si transita anche da Capo Marathia che si trova all’estremità sud-occidentale, si prosegue poi verso i faraglioni Mzitres prima di approdare alle grotte. I faraglioni in particolare sono decisamente suggestivi, in un contesto ricco di bellezze. Sono due coni rocciosi che sovrastano una ridottissima spiaggia di sabbia chiara. Tuffarsi in queste acque è attività ricercatissima da appassionati di diving e snorkeling, non a caso si tratta di uno dei posti più frequentati dagli appassionati del settore. Ma non è meno affascinante arrivare a Keri via terra, per apprezzare ancora di più lo spirito autentico della vita in questo paese legato all’agricoltura e alla pastorizia. Consigliata una visita alla chiesa di Panagia tis Keriótissas con il suo caratteristico campanile.

Isola di Marathonissi

Davanti alla bellezza di Limni Keri, all’interno del parco marino, si apre la vista sull’incantevole isolotto privato di Marathonissi. Fino alla Seconda guerra mondiale era un luogo abitato, in seguito è rimasta invece deserta e assolutamente priva di abitazioni. Si tratta di una gita immancabile, se si trascorre una vacanza a Zante. Perché Marathonissi assomiglia molto al Paradiso. Ha un mare meraviglioso che la circonda e le tartarughe Caretta-Caretta l’hanno scelta per la deposizione delle uova. Ci si può arrivare con imbarcazioni private oppure grazie a un’escursione organizzata.

Qualcuno sbarca sull’isola affittando una canoa, sicuramente è il mezzo più adatto per ammirare la meraviglia del mare incrociando magari qualche tartaruga. Sull’isolotto la scelta cade tra una delle due spiagge che la abbelliscono ulteriormente. Una è di sabbia, la classica spiaggetta che si fonde con il mare cristallino in un trionfo di colori. L’altra spiaggia invece è di sassi ed è consigliata ai cultori dello snorkeling che possono partire da qui per esplorare le grotte vicine, ammirando le tante stelle marine che popolano il fondale. Non si tratta dell’unica magia, questo è l’ultimo luogo al mondo forse dove è possibile avvistare le foche monache, tra i mammiferi marini più rari.  

Laganas

E all’improvviso, Zante svela il suo lato festaiolo. Siamo nel centro del divertimento e della vita notturna dell’isola, in un paese che un tempo era raccolto attorno a poche case ma che si è rapidamente sviluppato lungo la via principale che arriva fino al mare percorrendo tre chilometri. Attualmente è in continua espansione, punto di riferimento per i turisti più giovani. E se d’inverno praticamente non ci sono abitanti, d’estate è un brulicare di feste e musica tra hotel, night club, negozi che restano aperti di notte e qualsiasi altro servizio a disposizione dei turisti.

E poi c’è la spiaggia. Attrezzatissima come le vie del centro, punto di partenza per escursioni verso l’isolotto di Marathonissi o per le grotte di Keri, frequentata da tanti giovani e contornata da innumerevoli ristoranti e locali sempre aperti, perfino sulla spiaggia. Qui si può giocare anche a volley, ci si può tuffare nell’acqua azzurra e si possono incontrare tantissime persone.

Bochali

A proposito di panorami mozzafiato: quanti sono in grado di rivaleggiare con quello che si gode a Bochali? Qui tutto è pittoresco e delizioso. Si parte da Piazza Solomos tenendo il mare sulla destra, si imbocca la strada interna verso sinistra e alla fine della salita ci si sorprende scoprendo la bellissima ambientazione del paesino arroccato sul promontorio alle spalle dell’antica Zacinto. È meta di numerosi turisti e dunque non è facile trovare un posto libero se bisogna parcheggiare l’auto. Il paese è davvero piccolo, raccolto attorno a poche vie e offre un tramonto meraviglioso. Ma anche di notte, illuminato da mille luci, appare sfavillante. Con la baia sottostante che ispira romantici pensieri.

Di giorno è altrettanto piacevole attraversare le vie strette del centro fino alla chiesetta bizantina di Zoodos Pigi con le icone in argento e la verde pineta che circonda i resti dell’antico castello costruito dai Veneziani e distrutto dal terremoto del ‘53. Attorno al castello si estende l’area medievale che comprende anche il palazzo del governatore, il carcere, la polveriera con 32 cannoni, le caserme, l’asilo dei vecchi, l’antico ospedale, la biblioteca e ben 12 chiese ortodosse oltre a 5 chiese cattoliche. C’era anche un teatro ma ne è rimasto solo un rudere. Segnali ovunque dell’occupazione bizantina e di quella inglese. Dal parco del castello il panorama è splendido su tutte le coste dell’isola di Zante.  

Olimpia

Per chi ama lo sport, oppure la storia, non si può non programmare una visita nell’antico luogo dove il mito vive ancora. Si arriva qui ed è come essere trasportati indietro nel tempo, pronti a rivivere le emozioni dei Giochi. La sede di uno dei santuari più importanti al mondo è soprattutto il luogo dove nacquero i giochi olimpici. La tradizione ancora oggi è rinsaldata dalla cerimonia che vede effettuare sempre qui – ogni quattro anni – l’accensione della fiamma olimpica. Passeggiare tra le rovine di questa città leggendaria è un’emozione indescrivibile.

Le sue origini risalgono alla fine del Neolitico ma è dall’anno 775 e fino al 383 Dopo Cristo che ad Olimpia si tennero, ogni quattro anni, i giochi ripresi poi nell’era moderna. Venivano celebrati in omaggio agli Dei e in nome di una pace divina, le guerre tra le città greche infatti venivano sospese. Lo spirito di solidarietà è rimasto fino ai tempi nostri. Le rovine della città antica rappresentano l’attrazione principale.

In primis il tempio di Zeus, di stile dorico, poi il tempio di Hera, uno dei templi monumentali più antichi. A seguire, lo stadio che ospitava i giochi, la palestra olimpica, il Gymnasium per gli esercizi di allenamento, il Bouleuterion e lo studio di Fidia, grandissimo scultore. Il Museo archeologico di Olimpia è uno tra i più importanti al mondo e per un quadro completo ci sono anche il Museo di Storia dei Giochi Olimpici e il Museo dei Giochi Moderni.

Agios Nikolaos

Sulla costa nord, spunta quasi inaspettata con la sua bellezza, una spiaggia di ciottoli che rimane stretta tra un piccolo porto turistico da una parte e dall’altra dal parcheggio normalmente utilizzato dai pick-up dei pescatori della zona. Il colore del suo mare è però meraviglioso e poi si tratta di una spiaggia accogliente, perché un lettino e un ombrellone gratis sono sempre disponibili.

Sulla costa sud l’altra spiaggia omonima di Agios Nikolaos è una bellissima baia riparata dal vento, tra Banana Beach e Porto Roma, nella penisola di Vasilikos. Sul lato destro si presenta tranquilla, con colori tenui e il mare cristallino, ideale per il relax. Sul lato sinistro accoglie le barche per le attività acquatiche, a poca distanza c’è anche una chiesetta arroccata sul mare e dotata di un campanile pittoresco.

Tsilivi

Non mancano le strutture moderne, a Tsilivi, che accanto al mare brillante offre tante opzioni per i turisti, locali e divertimenti notturni. La spiaggia è una lunghissima distesa di spiaggia, con sabbia e ciottoli, premiata con la bandiera blu per la purezza dell’acqua. È molto apprezzata dalle famiglie e da gruppi di amici grazie alle numerose strutture turistiche e sportive.

Monastero di Madonna Skopiotissa

Sono davvero tanti i luoghi di fascino a Zante, tra i borghi di montagna e i sentieri in mezzo alla natura fino agli antichi monasteri ricchi di storia e spiritualità. Un esempio è rappresentato dal monastero della Madonna Skopiotissa, arroccato sul pittoresco Monte Skopòs. Le rovine attraggono l’attenzione, richiamano il fascino di un tempo, al centro di un paesaggio davvero notevole. La posizione è straordinaria, alle spalle di Argasi, borgo marinaro particolarmente adatto per una vacanza in famiglia al mare oppure nell’entroterra.

Spiagge di Zante

Sulle coste dell’isola si trovano alcune tra le spiagge più belle della Grecia dove storia e cultura sono a due passi dal mare azzurro e meraviglioso. Un mix perfetto, ideale per giovani e famiglie. La prima spiaggia che merita di essere citata è certamente Navaglio, la famosa spiaggia del relitto o del naufragio. Deve il nome al relitto sulla spiaggia, quello della motonave Panagiotis che si è arenata nel 1980 con un carico di sigarette destinate al mercato nero.

Si trova sulla costa nord-occidentale, nascosta tra alti pareti rocciose in un meraviglioso contrasto di colori. Altra spiaggia notevole è Limnionas, in una baia incantevole che impreziosisce la costa occidentale dell’isola. Non ci si arriva tanto facilmente da mare e neppure da terra. In barca infatti ci si trova davanti a un’insenatura che è molto stretta e lunga, simile a un fiordo più che a un canale navigabile. L’acqua è limpida, cristallina, davanti a una spiaggia di sassi incastonata nella costa frastagliata. Se poi si vuole essere più comodi per distendersi con l’asciugamano, ci si può spostare su una delle due piattaforme attrezzate con ombrelloni, lettini e sdraio sempre che ne troviate di disponibili. Infine, ci si può concedere un appetitoso piatto di pesce al ristorantino vicino alla spiaggia.

Dall’altra parte dell’isola, nella zona nord orientale, Xigia identifica due spiagge distinte. La prima è ampia con colori tropicali e poco frequentata, la seconda è molto più piccola ma conosciuta per la presenza di una sorgente sulfurea che sgorga dentro a una grotta, con l’acqua che risulta essere un autentico toccasana per la pelle.

Parti per Zante con Costa Crociere

È il momento di partire. Tanta bellezza non può aspettare. Preparatevi a entrare in una dimensione magica, dove però il sole meraviglioso e il mare azzurrissimo sono realtà splendide. Costa Crociere vi aspetta!

Parti con Costa Crociere