Visita il parco naturale delle dune di Corralejo a Fuerteventura. Scopri le specie che lo popolano e la storia della sua nascita.
  • Storia del Parco
  • Flora e Fauna
  • Come raggiungerlo
  • Conformazione del parco
  • El Jable
  • Montana di Los Apartaderos
  • Cratere de la Montaña Roja
  • Barranco di las pilas
  • Cosa vedere nei dintorni

Parco naturale delle dune di Corralejo

Il fascino delle Canarie si mostra anche con un paesaggio ricco di contrasti. Benvenuti nel parco naturale di Corralejo, dove il deserto incontra il mare. Ci troviamo nel nord dell’isola di Fuerteventura.  Un Parco naturale che si estende per 10 chilometri lungo la costa e per 2,5 chilometri verso l’entroterra. Un’area che tutela diverse specie vegetali endemiche. Sarà anche un’occasione per visitare l’omologo villaggio, diventato un frizzante centro turistico con le sue caratteristiche casette bianche e la sua piacevole passeggiata.

Storia del Parco

Questo parco speciale, che si estende per quasi 30 chilometri quadrati, è composto da un’enorme distesa di sabbia incorniciata dalle acque dell'oceano. L'area è ricca di contrasti visto che nella parte nord si alternano dune che vi regaleranno uno scenario incredibile e sospeso nel tempo. Nella parte meridionale, invece, il paesaggio è totalmente diverso ed ha caratteristiche vulcaniche. Cambiano i colori e si passa dall'ocra al rosso, mentre i profili dei rilievi sono più nervosi. Questa parte è frequentata, in particolare, dagli appassionati di trekking. Il Parco Naturale è stato istituito nel 1982, insieme all’Isola di Los Lobos. Nel 1994 sono stati separati in due aree protette distinte.

Flora e Fauna

L’area presenta una grande biodiversità: ci sono almeno 18 specie vegetali endemiche che si sono adattate nei millenni alle dune. Particolarmente ricca anche la fauna che comprende altrettante specie tra uccelli, rettili, coleotteri e invertebrati. La distesa di sabbia è formata da materiale ricco di organismi marini e altri molluschi. Nel parco ci sono anche dei piccoli fossili, un misto di calce e sabbia, che risalgono a milioni di anni fa quando il terreno era coperto da zone fangose.

Come raggiungerlo

Il parco si trova all’interno del comune di La Oliva, a sud del villaggio di Corralejo. Arrivare a destinazione è molto semplice perché l’area protetta si trova sulla strada che unisce Puerto del Rosario a Corralejo, grazie alla statale FV-1. È possibile parcheggiare la macchina su alcuni lati della strada per osservare le dune.  All’interno del Parco sono stati costruiti due hotel nel 1975 prima che l’area diventasse protetta. Per chi non ha un mezzo proprio è possibile arrivare all’entrata del parco in bus o in taxi.

Conformazione del parco

La vasta distesa di dune da Playa Puerto Remedio si estende fino alla Salina. Nella parte meridionale si può ammirare la parte vulcanica che culmina con il Vulcano Montaña Roja di cui parleremo più avanti.

All’interno del parco sono presenti spiagge molto diverse tra di loro. Dalle calette circondate da roccia nella parte meridionale alle spiagge del nord che sono molto estese attrezzate e più turistiche. È consigliabile sempre munirsi di asciugamano e di crema solare. Alcune spiagge ha uno spazio dedicato ai nudisti.

El Jable

Questa parte offre dei meravigliosi paesaggi naturali e delle spiagge estese di sabbia bianca. L’occasione migliore per scoprire le dune (jables appunto), magari grazie a un tour organizzato, guidando un caratteristico mezzo di trasporto come il buggy. Un modo unico per scoprire le bellezze di Fuerteventura. Non mancheranno gli angoli magici da cui scattare le fotografie, magari al tramonto. Le dune modellate dal vento, le suggestioni dei colori e dell’orizzonte con l’acqua cristallina a fare da cornice non necessitano di parole.

Montaña di Los Apartaderos

È uno dei coni vulcanici che caratterizzano la parte meridionale dell’isola. In alcuni punti di questa montagna, che supera i 100 metri di altezza, è stata rilevata una piccola attività eruttiva. A distanza di pochi chilometri dalle sue bocche (1 e 4 chilometri, verso sud) ci sono altri vulcani che sono contemporanei e sono nati dalla stessa faglia di Los Apartaderos: si tratta del Black Mountain e del vulcano la Pajarita. Questa zona è particolarmente adatta per gli amanti del trekking e della natura selvatica.

Cratere de la Montaña Roja

Dopo aver indossato gli scarponcini potrai affrontare questo vulcano di 300 metri e goderti una vista magnifica con le isole de La Graciosa e di Lanzarote che spuntano dal mare. Se siete fortunati riuscirai a vedere numerose specie di animali tra capre, piccoli volatili e anche degli scoiattoli. Un angolo selvaggio di Fuerteventura da cogliere insieme a una natura affascinante e dai colori forti.

Barranco di Las Pilas

Il paesaggio variegato di questo Parco si caratterizza per la presenza di gole, torrenti sotterranei, burroni come quello di Las Pilas che divide l’area delle dune dalla parte più vulcanica. È un luogo giusto per apprezzare le montagne brulle e i colori sfumati delle rocce e per cogliere una delle anime più particolari dell’isola di Fuerteventura. Nella zona troverai molti punti dove ammirare il panorama e scattare la fotografia giusta.

Cosa vedere nei dintorni

L’isola di Fuerteventura (www.costacrociere.it/porti/fuerteventura.html) ti darà numerosi stimoli naturali, a cominciare dalle piscine naturali di Aguas Verdes a Betancuria. Ti aspettano sei chilometri tra angoli selvaggi e una natura senza pari. Per chi volesse un panorama senza pari è possibile approfittare del Belvedere di Morro Velosa, che è stato realizzato dall’artista César Manrique. Anche i villaggi ti regaleranno numerose suggestioni. Un esempio è El Cotillo, che si trova nella parte nord dell’isola.

Una meta senza tempo, particolarmente frequentata dagli amanti del surf. Gli appassionati di trekking non possono perdere la montagna sagrada Tindaya. Per sapere cosa vedere a Fuerteventura.

Parti in crociera per il Mediterraneo

Il Parco naturale di Corralejo con le sue dune e i suoi contrasti rappresenta un bel biglietto da visita per immergerti nelle bellezze del Mediterraneo. Un parco naturale speciale, un’area ricca di tesori e di contrasti che ti farà venire voglia di continuare il viaggio verso la scoperta insieme a noi.

Parti con Costa Crociere