Avventurati nelle Grotte del Drago che circondano Palma di Maiorca. Scopri le grotte principali e divertiti in quest'esperienza misteriosa.
  • Origine delle grotte
  • Come raggiungerle
  • Lago Martel
  • Grotte di Hams
  • Grotte di Artà
  • Grotte di Campanet
  • Grotte di Genova
  • Grotte Bianche
  • Cosa vedere a Palma di Maiorca

Le grotte del Drago a Palma di Maiorca

Si tratta di uno degli spettacoli naturalistici più affascinanti di Palma di Maiorca. Hanno una storia lunghissima visto che erano già conosciute nel periodo del Medioevo e furono un po' esplorate nel Diciannovesimo secolo. Le grotte sono state poi attrezzata per poter essere visitate e per regalare un’emozione incredibile sull’acqua tra sfumature cangianti e una cornice unica. In questo labirinto sotterraneo sarai colpito dalle stalagmiti e le stalattiti, lungo un percorso ricco di sorprese. Scopriamone peculiarità e approfittiamone per viaggiare sull’isola di Maiorca.

Origine delle grotte

Le quattro grandi grotte del drago si trovano sull'isola di Maiorca, vicino alla città di Porto Cristo. Le grotte si estendono fino a una profondità di 25 metri, raggiungendo i 2,4 chilometri di lunghezza. Cova Negra, Cova Blanca, Cova de Lluis Salvador e Cova dels Francesos sono collegate tra loro e hanno una storia centenaria. La prima testimonianza della loro presenza è un messaggio di Rover de Rovenach, governatore dell'isola, al sindaco di Manacor nel 1338. Queste grotte fanno parte della Serra de Llevant di Maiorca, una formazione calcarea formatasi durante l'orogenesi alpina, in cui domina la morfologia carsica. Fra il 1922 e il 1935 è stato aperto un nuovo accesso, sono state inserite delle scale, tracciati dei percorsi ed è stato realizzato un impianto di illuminazione elettrica.

Come raggiungerle

Le grotte si trovano a Porto Cristo, a 60 chilometri da Palma. È disponibile un ampio parcheggio per chi arriva in auto, ma sono organizzate quotidianamente delle escursioni. La visita all’interno delle grotte dura circa un’ora su un percorso che si snoda per oltre un chilometro. Durante la visita viene allestito un concerto di musica classica con un giro in barca attraverso il lago Martel. Il tragitto alterna tratti in barca e a piedi. Da non perdere c’è il Monte Nevado, una formazione sorprendente e i Bagni di Diana, uno specchio d’acqua pieno di sfumature d’azzurro.

Lago Martel

All’interno delle grotte è ospitato un grande lago sotterraneo, chiamato Llac Martel, lungo circa 115 metri e largo 30 metri e con una temperatura di 17°C.  È uno specchio d’acqua salato e questo prova la sua connessione con il Mar Mediterraneo. Il nome del lago si deve al geologo francese Edouard Martel, che per primo esplorò queste grotte alla fine del 1800. Sul lago vengono organizzati quotidianamente dei concerti di musica classica con opere di Chopin, Offenbach e Caballero. Alla fine dell'evento ogni visitatore può fare un giretto in barca sul lago.

Grotte di Hams

Le Grotte di Hams hanno 10 milioni anni, ma l’uomo ha potuto apprezzarne la bellezza solo da quando furono scoperte dallo speleologo Pedro Santandreu nel 1905 durante la realizzazione di scavi per trovare l’onice, un minerale prezioso. Al suo interno ci sono diversi tipi di spazi: la grotta rotonda, per esempio, è un grande spazio aperto e ospita uno spettacolare giardino botanico, con molte specie di uccelli.

Possiede un microclima speciale e milioni di anni fa era una grotta sotterranea chiusa. Nella Grotta azzurra, con la sua illuminazione a led blu, verrà proiettato il documentario “Alla scoperta del passato”, la storia di Maiorca, e della formazione delle grotte di Hams. Potrai ammirare le colonne di Sansone, le pianure di Fra Mauro e il Fosso dell’inferno.

Grotte di Artà

Le grotte di Artà rappresentano un'attrazione imperdibile per tutta la famiglia, grazie alle enormi stalagmiti e stalattiti che si trovano delle varie camere e alle luci che illuminano il percorso. Si parte dal Vestibolo, per arrivare alla Sala della Regina dove primeggia una stalagmite di 22 metri di altezza. Queste caverne sono state fonte di ispirazione del romanzo “Viaggio al centro della terra” di Jules Verne. Ci troviamo sulla costa di Canyamel, circondati da montagne che si affacciano sul mare. Le grotte non sono solo un luogo di meraviglia, ma anche un oggetto di studio per gli scienziati che trovato traccia di uomini preistorici e di animali ormai estinti.

Grotte di Campanet

Queste grotte hanno un'origine calcarea e si snodano lungo un percorso di oltre 3000 metri quadrati. Affronterai un percorso di gallerie, sale, con enormi stalattiti e stalagmiti.  Le caverne si trovano ai piedi della Serra de Tramuntana, e sono caratterizzate da particolari decorazioni naturali. Anche se sono tra quelle più piccole, il loro interesse scientifico è indiscutibile. Furono scoperte casualmente, durante alcuni scavi fatti per cercare l'acqua, nel 1945. Dopo alcuni lavori di adattamento, nel 1948, sono iniziate le visite guidate. Il visitatore può ammirare i tipici fenomeni delle rocce calcaree, a cominciare dalle caverne formate dall'erosione delle acque, per proseguire con le meravigliose luci e gli ornamenti delle stalattiti e delle stalagmiti

Grotte di Genova

Arriviamo ora nella frazione di Genova, 5 chilometri dal centro di Palma. Queste grotte risalgono al 1906 e sono quelle più piccole dell’isola. Per raggiungerle bisogna spingersi fino a 36 metri di profondità. Come per le altre caverne dell'isola di Maiorca, sono formate da gallerie sotterranee calcaree, che si sono formate in maniera naturale e sono unite da corridoi. Nella preistoria le grotte di Genova fungevano da rifugio per i primi uomini e per gli animali.

Grotte Bianche

Lungo la spiaggia di Porto Cristo sorgono queste grotte bianche, proprio in riva al mare. Fino alla metà del Diciannovesimo secolo sono state usate dai pescatori ed erano diventate un rifugio sicuro per i marinai, mentre il loro nome deriva dal colore delle rocce che le forma. Si trovano alla fine del lungomare e vi si accede grazie a un passaggio lungo la baia.

Cosa vedere a Palma di Maiorca

Situata nelle Isole Baleari, Palma la capitale di Maiorca è considerata una delle migliori città al mondo in cui vivere grazie al suo clima mite tutto l'anno, con spiagge cristalline per rilassarsi, un grande centro storico e architettonico, un'atmosfera cosmopolita. La prima cosa che potrai fare sarà quella di entrare nella Cattedrale di Santa Maria, conosciuta come "La Seu": un tesoro in stile gotico del XIII secolo. Accanto c’è il Palazzo dell'Almudaina, residenza estiva della famiglia reale spagnola. Non mancheranno altre attrazioni tra castelli, quartieri imperdibili e scorci da immortalare in una foto. E per un po’ di relax sotto il sole ci sono tante calette e spiagge. Scopri nel dettaglio cosa vedere a Palma.

Parti in crociera per il Mediterraneo

Natura, bellezza, colori: Palma di Maiorca è un affresco tutto da godersi. Scegli una delle nostre crociere sul Mediterraneo e vivi l’incanto che non ha bisogno di azioni, ma solo di essere assaporato in silenzio. Ti aspettiamo a bordo.