Le più belle riserve naturali della regione Lazio. Scopri i parchi più belli e suggestivi per vivere al meglio la natura selvaggia del centro Italia.
  • Natura del centro Italia
  • Flora e Fauna
  • Riserva naturale Montagne della Duchessa
  • Riserva naturale del Monte Navegna
  • Riserva naturale del Lago di Vico
  • Riserva naturale di Tor Caldara
  • Riserva naturale dell'Insugherata
  • Attività e visite
  • Cosa fare nei dintorni di Roma

Le Riserve Naturali del Lazio

Vi aspetta un viaggio attraverso la bellezza della natura, che in pochi metri sa essere selvaggia o delicata. Sarà un percorso tra i colori, le biodiversità e i paesaggi che valorizzano e danno lustro all’Italia. Decine di migliaia di ettari da visitare e da vivere anche con l’aiuto delle nostre escursioni.

Natura del centro Italia

Montagne, laghi, boschi, colline e anche mare. La natura del Centro Italia, che ci apprestiamo a scoprire, rappresenta un affresco di colori, di sensazioni. Un alternarsi di paesaggi e di scorci che cambiano tonalità a seconda delle stagioni. Che si voglia fare trekking o perdersi attraverso i sentieri lungo la macchia mediterranea, il Lazio offrirà quello che cercate insieme a tanti angoli dove sarà possibile gustarsi il silenzio e ricaricarsi in mezzo alla natura.

Flora e Fauna

Il Lazio è la Regione con la maggior percentuale di biodiversità in Italia. Le specie endemiche si trovano soprattutto nella parte montana. La fascia costiera si caratterizza per due zone: la parte in cui si sono sviluppati laghi e acquitrini, caratterizzata da vegetazione locale mentre lungo il litorale sabbioso la vegetazione è quasi assente. Nella fascia collinare e montana sono presenti la macchia mediterranea, la prateria e il bosco. Variegata è anche la fauna che può contare su avvistamenti di lupi, gatti selvatici, donnole, volpi, oltre a cinghiali, cervi e caprioli. Numerosissima la presenza di rettili, insetti e uccelli.

Riserva naturale Montagne della Duchessa

Sono le montagne le protagoniste di questa riserva che si trova in provincia di Rieti e che si snoda per oltre 3500 ettari. Un territorio aspro e un po’ selvaggio con un paesaggio che sa essere suggestivo con i boschi che lasciano progressivamente spazio alle faggete. Le vette più alte sono dominate da pascoli perenni e da superfici rocciose. Da nord a sud ammirerete strette e profonde vallate. Il punto di forza è ovviamente la biodiversità, sia dal punto di vista biologico che di paesaggi. Ci sono oltre 220 specie di insetti, un centinaio uccelli, una trentina di mammiferi, 10 tipi di rettili e 9 di anfibi. Più di mille le specie censite per quanto riguarda la flora. Diversi esemplari rari sono presenti soprattutto nei pressi del lago della Duchessa.

Riserva naturale del Monte Navegna

Rimaniamo in provincia di Rieti per visitare questa riserva che si estende per oltre 3600 ettari, tra i fiumi Turano e Salto e ben 9 comuni. L’area si caratterizza per una grande varietà paesaggistica, grazie alle diverse condizioni climatiche e della presenza dell’uomo. Si alterneranno boschi, pascoli, castagneti e alte rocce carbonatiche che fanno da cornice ai torrenti. La riserva è formata per il 70% da foreste. La fauna comprende innanzitutto gli uccelli con diverse specie di picchi, la ghiandaia e la tordela. Tra i mammiferi una delle presenze maggiori è quella del lupo. Negli ultimi anni sono aumentati gli avvistamenti di cinghiali, caprioli e cervi. La riserva ospita anche ghiri, moscardini e scoiattoli.

Riserva naturale del Lago di Vico

È uno dei primi parchi che è entrato a far parte del Sistema delle Riserve della Regione Lazio e si estende per oltre 4 mila ettari abbracciando il lago di Vico e la parte montuosa che lo circondano. L’area è particolarmente studiata e visitata dal punto di vista geologico: all’interno delle rocce si possono trovare cristalli e minerali dalle innumerevoli sfumature. Il paesaggio variegato, dalle paludi ai boschi con alberi come il faggio, le querce e l’acero, renderanno unici i colori durante l’alternarsi di ogni stagione. La fauna si caratterizza per una grande biodiversità. e comprende numerosi pesci, rapaci, piccoli e grandi mammiferi.

Riserva naturale di Tor Caldara

È un lembo di costa ancora scampato all’urbanizzazione che si estende tra Anzio e Lavinio. A fare da guardiano a tanta bellezza naturale c’è una torre costruita nel Cinquecento per l’avvistamento dei pirati. L’area, che si estende per 44 ettari a sud di Roma, è un vero scrigno di tesori, in cui si può avere testimonianza delle antiche foreste litoranee. Una storia millenaria, sia geologica che umana rende questa riserva molto affascinante. Il territorio è pianeggiante, ideale per passeggiare, e finisce in riva al mare su una falesia di 15 metri. All’interno ci sono numerose sorgenti sulfuree, un residuo termale di un’attività vulcanica antica. La zona è un esempio peculiare di macchia mediterranea, con una prevalenza di lecci.

Riserva naturale dell'Insugherata

Rappresenta un’area protetta che si trova all’interno del comune di Roma, nelle zone Ottavia e Tombe di Nerone. Si estende lungo una superficie di 740 ettari e custodisce anche numerosi reperti archeologici. L’area si presenta molto ricca anche per quanto riguarda la fauna. Uno dei motivi è la posizione particolare, di raccordo tra città e campagna.

Gli ambienti naturali variegati si snodano tra colline, aree coltivate, specchi d’acqua, stagni, boschi e cespuglieti. Tra i mammiferi più comuni ci sono la donnola, la volpe, l’istrice, il tasso, la talpa, il riccio e il moscardino, sono per citarne alcuni. Tra gli uccelli nidificano il barbagianni, la civetta, l’assiolo e l’allocco. Nell’area sono state censite almeno 630 specie floristiche.

Attività e visite

La riserva organizza visite guidate, escursioni, laboratori scientifici per le scuole, workshop e camminate lungo i sentieri dell’Insugherata. Un’occasione per scoprire il favoloso mondo dei rapaci. Non mancano anche altre attività, come uscite fotografiche per cogliere la bellezza del sottobosco tra funghi, ciclamini, forme e colori di ogni tipo.

Cosa fare nei dintorni di Roma

In questa zona la protagonista è la Capitale. Da vedere a Roma c’è un mondo fatto di tesori, di architettura, di storia e anche di vita che pullula nei quartieri. Ma una volta che con la vostra crociera siete sbarcati a Civitavecchia sono tante le possibilità di svago anche nei dintorni, come il meraviglioso borgo di Bagnoregio, che svetta su uno sperone di tufo, sfidando le forze della natura.

Un’altra meta che vi regalerà scorci fantastici e vi farà apprezzare la natura, sarà il lago di Bracciano dove svetta il famoso castello Odescalchi, uno tra i manieri più impotenti dell’Europa. Un perfetto punto di incontro tra architettura militare e civile. Una chicca finale delle vostre escursioni sarà Tarquinia, un borgo che sa tenere in sé i resti etruschi e la storia medievale.

Parti in crociera per il Mediterraneo

Se la natura vi appassiona ci sono tante altre attrazioni che potrete visitare durante le nostre crociere da una prospettiva unica. Non vi resta che tuffarvi insieme a noi nella curiosità.

Parti con Costa Crociere