La Valle della Loira ospita 300 castelli: in questo articolo scopri quali sono quelli a cui devi assolutamente dedicare del tempo, anche solo per un'occhiata.
  • Castello di Chenonceau
  • Castello di Chambord
  • Castello Reale di Amboise
  • Castello di Clos Lucé
  • Castello Reale di Blois
  • Castello e Giardini Villandry
  • Castello di Cheverny
  • Castello di Azay-le-Rideau
  • Castello di Angers

Castelli della Loira: Patrimonio Unesco

Vuoi fare un viaggio all’interno di meravigliose residenze che ti faranno fare un salto nel passato e ti racconteranno storie incredibili in un’atmosfera incantevole? È il momento di trasferirsi nella valle della Loira, in Francia: ti aspettano dei tesori architettonici che fanno parte del Patrimonio Unesco.

Castello di Chenonceau

Il castello di Chenonceau è un’attrazione eccezionale, sia per la sua posizione sul fiume Cher che per la sua struttura, elegante e romantica. Conosciuto come “Château des Dames” (il castello delle donne), fu costruito nel 1513 da Katherine Briçonnet, successivamente abbellito da Diana de Poitiers e da Caterina de Medici e salvato dal rigore della rivoluzione da Madame Dupin. Il castello possiede una collezione di dipinti dei grandi maestri, un'autentica galleria d'arte, degna dei migliori musei: Murillo, Tintoretto, Nicolas Poussin, Correggio, Rubens, Primaticcio, oltre a una notevole serie di arazzi delle Fiandre del XVI secolo. Dalla primavera vengono organizzati numerosi eventi all’interno del giardino.

Castello di Chambord

Si tratta di uno dei castelli più riconoscibili al mondo grazie alla sua architettura rinascimentale francese altamente distintiva che mescola forme medievali tradizionali con strutture classiche italiane. È uno dei più imponenti manieri della Loira, ma fu costruito per essere usato solo come base durante le battute di caccia per il re Francesco I, che mantenne le sue residenze reali al castello di Blois e al castello di Amboise. Nel 1840, è stato iscritto nella prima lista dei monumenti storici del Paese, mentre è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità nel 1981.

Nel castello ci sono otto immense torri, 440 stanze, 365 camini e 84 scalinate. Uno degli elementi più ammirati è la doppia elica della spettacolare scalinata aperta dove le persone possono salire e scendere allo stesso tempo senza urtarsi. Il maniero è circondato da una meravigliosa foresta di alberi.

Castello Reale di Amboise

Per quasi duecento anni, la storia del castello di Amboise si è legata profondamente con quella della Francia. Meraviglioso palazzo dei re Carlo VIII e Francesco I durante il Rinascimento, divenne luogo di sepoltura di Leonardo da Vinci.  E questo maniero non è solo una miniera di dettagli e di tesori, ma è anche un incredibile balcone aperto sui paesaggi dichiarati Patrimonio dell'Umanità. La fortezza è stata restaurata in successive occasioni, per essere riportata allo splendore di un tempo. In estate, uno spettacolo di luci e suoni, "La profezia di Amboise", fa rivivere i fasti e gli intrighi della corte di Carlo VIII.

Castello di Clos Lucé

Si tratta di un castello-magione che si trova a 500 metri dal maniero di Amboise con il quale è collegato con un passaggio sotterraneo. Fu usato per molto tempo come casa padronale della famiglia Cloux. Venne costruito da Étienne le Loup a metà del XV secolo e acquistato nel 1490 dal re Carlo VIII per sua moglie, Anna di Bretagna. Più tardi, fu utilizzato dal re Francesco I, così come da sua sorella, Margherita di Navarra, che iniziò a scrivere qui il suo libro Heptamerón. In questa dimora Leonardo da Vinci trascorse gli ultimi tre anni della sua vita, dal 1516 al giorno della sua morte, il 2 maggio 1519. Nelle cantine di questo palazzo è possibile osservare i numerosi modelli disegnati da Leonardo, come un carro armato, un ponte d'assedio o il precursore di un elicottero.

Castello Reale di Blois

Il castello di Blois, antica residenza dei re di Francia, è un maestoso edificio che si distingue per l'insieme di vari stili architettonici: gotico, rinascimentale italiano e classico. Tra le meraviglie di questo castello ci sono il portale, sormontato da una statua equestre di Luigi XII, lo splendido cortile interno, con le sue quattro ali di epoche e architetture diverse, o la sontuosa scala a chiocciola dell’ala Francesco I. Il Museo di Belle Arti, situato nell'ala Luigi XII, espone una collezione di arazzi, dipinti e sculture. Nello stesso cortile del castello, da aprile a settembre, si tiene lo spettacolo di suoni e luci "Così si racconta Blois...", un affascinante viaggio in cui si svela storia di questo famoso maniero.

Castello e Giardini Villandry

Il castello di Villandry si trova vicino al fiume Cher, uno degli affluenti della Loira. In questo luogo esisteva una fortezza nel XII secolo di cui si conserva la torre assorbita dall'attuale palazzo. Il maniero fu costruito nel 1536 da Jean le Breton, ministro di Francesco I. Appartenne alla sua famiglia per due secoli, fino a quando non fu acquistato dall'ambasciatore reale, il marchese de Castellane. Ma durante la Rivoluzione francese fu confiscato e all'inizio del XIX secolo Napoleone lo acquistò per suo fratello Giuseppe.

Il giardino è composto da tre terrazze a gradoni, la più alta delle quali è il Giardino dell'Acqua, con al centro uno stagno. Al centro si trova il giardino ornamentale, formato a sua volta da diversi giardini: sulla terrazza inferiore troviamo quello delle piante officinali e quello delle erbe aromatiche. È presente un piccolo frutteto formato da nove appezzamenti.

Castello di Cheverny

Eccoci arrivati in una dimora rurale, in stile rinascimentale con un museo, un parco con aranceto e giardini in stile francese, inglese e contemporaneo, che si trova nel comune di Cheverny. Il castello appartiene ai discendenti della famiglia Hurault, finanzieri e ufficiali che servirono cinque re di Francia. Particolarmente interessante la sala da pranzo che si ispira alle decorazioni del XVI secolo. La scala d’onore è fortemente influenzata dal Rinascimento. L’elegante arredamento è scolpito nel tufo bianco. La sala delle armi è la più grande del castello. Sulle pareti ci sono giochi di parole e indovinelli in latino. Un grande colpo d’occhio lo regala il parco dove ci sono due mila alberi.

Castello di Azay-le-Rideau

Il castello è uno degli esempi più importanti dell'architettura rinascimentale francese. Si trova nel comune di Azay-le-Rideau, dove è stato costruito tra il 1518 e il 1523. Fu eretto su una piccola isola nel fiume Indre. Gilles Berthelot, tesoriere di Francesco I e sindaco di Tours, iniziò a ricostruire questo sito già fortificato, che faceva parte dell'eredità di sua moglie. Tuttavia, è stata lei, Philippe Lesbahy, a guidare il corso dei lavori, compresa la nuova idea per una scala centrale che è una delle caratteristiche più salienti dell’edificio. Nel 1528, sospetti di appropriazione indebita caddero su Berthelot che fu costretto a fuggire da Azay-le-Rideau. Il re confiscò la proprietà e la diede come ricompensa a uno dei suoi militari di alto rango. Nel corso dei secoli il manierò passò di mano più volte fino all'inizio del XX secolo, quando fu acquistato dal governo francese e restaurato. L'interno è stato completamente ristrutturato con una collezione di pezzi rinascimentali.

Castello di Angers

Il castello sorge su un promontorio roccioso, un sito che era già stato scelto dai romani. Fu il re Luigi IX a iniziare la costruzione del castello nel XIII secolo. La fortezza ha una circonferenza di quasi 600 metri ed è protetta da diciassette torri. Le mura, invece, si estendono su 25.000 metri quadrati. Durante la sua storia il maniero fu usato anche come sede dell’accademia militare. Oggi, di proprietà della città di Angers, è stato trasformato in un museo che ospita la più antica e più grande collezione di arazzi medievali del mondo, con pezzi che risalgono al 1400.

Parti in crociera per il Nord Europa

La Francia delle dame e dei cavalieri, con le sue leggende e i suoi paesaggi accarezzati dalla Loira, è solo una delle tappe del tuo viaggio verso il Nord Europa. Lascia spazio all’energia e alla curiosità e sali a bordo con noi.

Parti con Costa Crociere