Scopri la storia del castello di Riga sulle sponde del fiume Daugava. Visita gli interni e l'esterno dell'edificio e scopri l'evoluzione del casello.
  • Storia del castello
  • Architettura e costruzione
  • Le sale
  • Gli interni
  • L'esterno
  • Il cortile
  • Il Castello oggi
  • Informazioni e orari
  • Cosa vedere a Riga
La sua storia inizia nel 1300, oggi è sede di diversi musei e ospita anche il Presidente lettone. Il castello di Riga è uno dei simboli della città e custodisce un passato ricco di eventi, battaglie e successioni. È stato distrutto più volte e ricostruito. Visitarlo significherà anche capire l’essenza della capitale della Lettonia. Il castello è solo uno dei simboli di Riga che potrai visitare con le nostre escursioni. Inizia con noi questo viaggio nella storia.

Storia del castello

Vivrete un'atmosfera da fiaba sulle sponde del fiume Daugava, luogo incantevole dove si trova il castello di Riga. Il maniero fu costruito nel 1380 e ricostruito dopo che fu distrutto dagli svedesi. Le quattro torri rettangolari originarie vennero ridotte a due e rese più rotonde per permettere una difesa più agile. Importanti ristrutturazioni vennero fatte nel 1700 e nel 1800. Altri interventi furono realizzati a partire dal 1930 con nuove decorazioni. Dal 1938 il castello ospita il Presidente della Lettonia. Nel 2013 il maniero è stato parzialmente danneggiato da un incendio mentre erano stati pianificati lavori di restauro.

Architettura e costruzione

Tra i passaggi più interessanti della storia del maniero, che fu costruito nel 1330, il periodo in cui divenne la residenza dei Maestri dell'Ordine Livoniano, che fu sciolta nel 1561. Le continue distruzioni, battaglie, rivolte e trasformazioni lo hanno allontanato dalla fisionomia originaria, quello di castello maestoso con un’impronta difensiva più marcata, anche dall’innesto di più torri. Dopo che la città passò sotto il dominio russo, all'inizio del XVIII secolo, il castello ha ospitato l'amministrazione e i tribunali di Riga e il Governatorato.

Le sale

All’interno delle Sale, come vedremo, più avanti, sono ospitati il Museo Nazionale di Storia e il Museo straniero delle Arti. Entrambi sono stati particolarmente danneggiati dal rogo del 2013, e in particolare dall’acqua che è stata usata per spegnerlo. Gli interni mostrano tutte le fasi della storia ed è come assistere all’alternarsi di diversi strati degli elementi che hanno caratterizzato i periodi e la sua costruzione secolare.

Gli interni

Uno dei tesori che si possono scoprire all’interno del castello è quella che viene chiamata la “Sala degli Ambasciatori”, finemente decorata e affrescata. Di solito viene usata dal Presidente della Lettonia per ricevere dignitari o personalità politiche. I locali della presidenza occupano la maggior parte dell’edificio che si snoda per quattro piani: tali spazi sono stati aggiunti durante i secoli e le varie opere di ampliamento.

L'esterno

La facciata principale si affaccia sui giardini e regala un senso di potenza, una seconda facciata dà sul fiume. “La torre della baia” è stata costruita in stile barocco. Originariamente era stata costruita una torre per ogni angolo dell’edificio, che era stato progettato come una sorta di quadrato. Un altro degli elementi più preziosi, che ha subito anche numerosi cambiamenti lungo i secoli, è la porta del castello.

Il cortile

Uno dei momenti più seguiti, soprattutto dai turisti è il cambio della guardia, ormai una tradizione. Il castello si affaccia su un giardino e sul fiume Daugava, e, infatti ci si può arrivare anche grazie a dei battelli. La scelta del luogo dove edificare il maniero non fu casuale, ma strategica: permetteva il controllo del porto, che è stato fondamentale nello sviluppo economico e commerciale della città.

Il Castello oggi

Oltre a ospitare il presidente della Repubblica lettone, il castello è sede di due importanti musei (il Museo nazionale di storia della Lettonia e il Museo straniero delle arti). Il primo racconta la storia del paese attraverso un milione di oggetti in un periodo storico che si snoda dalle origini della nazione all’epoca sovietica. La collezione comprende oggetti, medaglie, ceramiche e gioielli.  All'interno del palazzo ci sono due stanze decorate con elementi dell’Art Nouveau.  Tra i suoi reperti ci sono anche sculture, beni religiosi e costumi tradizionali. Il secondo offre, invece, repliche di sculture egiziane, greche oltre a una collezione di dipinti.

Informazioni e orari

Il castello si trova abbastanza vicino alla Stazione Centrale (circa 10 minuti a piedi), ma si può anche raggiungere in bus o con i battelli che sbarcano ad Esporta Iela. È aperto generalmente dal martedì alla domenica dalle 10 alle 17. È una delle attrazioni più visitate della città e ci possono essere lunghe code. Il biglietto può essere comprato online.

Cosa vedere a Riga

La capitale della Lettonia è famosa innanzitutto per il suo centro storico, che è stato inserito nel Patrimonio Unesco. Passeggerai tra strade ordinate, palazzi maestosi ed edifici in stile Art Nouveau. La piazza del Municipio è una dei simboli della città: ci si affacciano alcuni dei monumenti più emblematici ed è una cornice suggestiva dove concedersi una pausa. 

A Riga visiterai il Duomo, numerose chiese e anche una sinagoga, ma soprattutto sarai conquistato dal mercato: un luogo frizzante con 3 mila bancarelle e migliaia di visitatori ogni giorno. Se la curiosità non è ancora abbastanza ti suggeriamo di vedere la Casa delle Teste Nere e i Tre Fratelli. Per scoprire cosa vedere a Riga, seguici.

Parti in crociera per il Nord Europa

Riga ha mostrato in parte il suo fascino e l’atmosfera tipica delle capitali del Baltico. Il tuo viaggio nella magia del Nord Europa ha ancora tanto da regalarti: ci sono numerose destinazioni da scoprire in un alternarsi di culture e nazioni davvero unico. Ora l’ultimo passo è quello di salpare insieme a noi.

Parti con Costa Crociere