Città ricca di arte e cultura, Barcellona è una delle mete turistiche più visitate di tutto il mondo. Conosciuta principalmente per le opere di Gaudì, la città ospita anche numerosi musei davvero unici nei quali sono contenute alcune delle opere d’arte più famose del pianeta.

Il Museo Picasso è tra le mete preferite dagli appassionati d’arte che si recano a Barcellona. Al suo interno sono conservate svariate opere del noto artista spagnolo e, ogni anno, vengono organizzate esposizioni contemporanee. Vediamo dunque le caratteristiche del museo e cosa vedere a Barcellona:

La città

Barcellona è il capoluogo della Catalogna e una delle città principali di tutta la Spagna. Situata sulla costa orientale della penisola Iberica, Barcellona è stata meta e tappa di numerosi artisti che, con la loro creatività, hanno aiutato a dare un volto indelebile alla città. 

In particolare, gli artisti che più di tutti hanno arricchito Barcellona con le loro opere sono l’architetto Gaudì e il pittore e scultore Picasso. Il primo è noto per le opere architettoniche sparse per la città: dalla Sagrada Familia a Parco Güell, passando per Casa Batllò e Casa Milà. Picasso, invece, si è formato artisticamente proprio nella capitale della Catalogna, per poi separarsi da essa con la Guerra Civile Spagnola. Le opere di Picasso conservate a Barcellona appartengono dunque principalmente al primo periodo dell’artista spagnolo e rappresentano uno dei patrimoni culturali più importanti della città.

Storia del museo

Il Museo Picasso venne fondato nel 1963 su iniziativa dell’artista e scrittore catalano Jaume Sabartés, supportato da Picasso stesso. Il museo è contenuto all’interno di un complesso di cinque palazzi medievali, i quali rappresentano una delle massime espressioni dell’architettura gotico-catalana. 

Situato nel quartiere La Ribera, oggi conosciuto come Born, il Museo Picasso di Barcellona è stato il primo museo dedicato all’artista catalano e l’unico creato mentre Picasso era ancora in vita. Il Museo Picasso nasce nel Palazzo Aguilar da una piccola collezione appartenente a Jaume Sabartés. Nel corso degli anni, con l’espansione delle opere d’arte di Picasso, il museo è cresciuto allargandosi anche negli edifici adiacenti. L’ultima donazione ricevuta dal museo risale al 2015. 

Il Museo Picasso è considerato il riferimento mondiale per lo studio dei disegni e delle incisioni dell’artista nato a Malaga.

Sotterranei

Nonostante abbia ospitato svariati artisti moderni e contemporanei, Barcellona presenta anche i resti di una storia millenaria. La città fu infatti punto di appoggio militare dei romani e venne successivamente conquistata da numerose popolazioni come i Visigoti, i Mori e i Franchi.

Per chiunque fosse appassionato di antichità e archeologia, si consiglia di visitare il Museo della Storia di Barcellona, situato a pochi passi dal Museo Picasso. Conosciuto anche come MUHBA, questo museo ospita le rovine dell’antica città romana di Barcino e si trova nel quartiere Barri Gòtic, il quartiere gotico caratterizzato da strette strade medievali. Qui si potrà camminare nei sotterranei, circondati da antiche leggende e resti di popoli ormai scomparsi.

Esposizione e opere d’arte del museo

Con le sue 4.251 opere d’arte, il Museo Picasso di Barcellona contiene la più grande collezione di opere dell’artista catalano. Come si è visto, queste appartengono perlopiù alla gioventù di Picasso, quando l’artista viveva e studiava a Barcellona. La collezione permanente comprende anche opere del periodo più tardo di Picasso ma i capolavori che si possono trovare riguardano i primi anni della sua vita artistica. In particolare, si segnalano due dipinti estremamente famosi e significativi:

  • La prima comunione: si tratta della prima opera di grandi dimensioni dipinta da Picasso. Realizzato nel 1896, quando l’artista aveva appena 15 anni, “La prima comunione” è un olio su tela di 166 x 118 centimetri. Il dipinto ritrae la sorella Lola accompagnata dai genitori e inginocchiata di fronte all’altare mentre riceve, per la prima volta, il sacramento della comunione;
  • Scienza e carità: realizzato nel 1897, “Scienza e carità” costituisce uno dei primi capolavori di Picasso. L’opera rappresenta un medico e una suora al capezzale di una malata.

Edificio gotico

Oltre alle meravigliose opere d’arte conservate al suo interno, il Museo Picasso possiede un fascino unico anche dal punto di vista architettonico. Il museo è infatti situato all’interno di un complesso di edifici gotici lungo la via conosciuta come Carrer de Montcada, il più importante nucleo di architettura civile della città. 

I palazzi nei quali si sviluppa il Museo Picasso sono uno dei massimi esempi di stile gotico della città. Il complesso possiede una struttura in comune che circonda uno splendido cortile. Gli edifici sono in totale 5:

  • Palau Aguilar: come si è visto, qui è nato il primo nucleo del museo. Si tratta di uno dei palazzi più antichi, costruito nel 13esimo secolo e rinnovato tra il 15esimo e il 18esimo secolo;
  • Barò de Castellet: questo edificio è stato pesantemente ristrutturato nel 18esimo secolo;
  • Palau Meca: il palazzo risale al 13esimo secolo ed è stato rinnovato nel 18esimo secolo;
  • Casa Mauri: progettato attorno ad un cortile, si tratta dell’edificio più recente in quanto venne costruito nel 18esimo secolo;

Palau Finestres: il palazzo risale al 13esimo secolo e fu costruito sopra i resti di un’antica necropoli romana. Subì importanti ristrutturazioni prima nel 15esimo secolo e poi nel 17esimo secolo.

Picasso a Barcellona

Il Museo Picasso è sicuramente il punto di maggior interesse per gli appassionati e conoscitori dell’artista catalano. Tuttavia, ci sono altri luoghi che Picasso frequentò e che vale la pena visitare quando si fa tappa a Barcellona. Tra questi, uno dei più affascinanti è sicuramente il bar-ristorante Els 4 Gats: costruito nel 1897, questo locale divenne ben presto punto di ritrovo per molti intellettuali dell’epoca, tra cui lo stesso Picasso.

Non molto distante da questo bar-ristorante è possibile camminare per Plaza Nova, conosciuta anche come Piazza della Cattedrale. Qui si può ammirare l’unica opera a cielo aperto di Picasso: i fregi realizzati dall’artista su una parete del Collegio degli Architetti. Infine, è consigliabile anche visitare Casa Llotja del Mar, l’edificio in cui Picasso frequentò l’Accademia di Belle Arti e studiò i primi anni della sua vita artistica.

I primi anni della vita artistica di Picasso

Nato a Malaga nel 1881, Picasso si trasferì con la propria famiglia a Barcellona nel 1895 quando il padre, un professore d’arte, ottenne la cattedra a La Llotja. La città che Picasso si trovò di fronte fu una metropoli in pieno fermento culturale: la corrente del Modernismo catalano stava ormai animando Barcellona e Picasso ne fu fin da subito affascinato. 

Il padre di Picasso, riconoscendo il talento artistico del figlio, lo aiutò ben presto ad aprire il suo primo atelier. Nello studio condiviso con un amico, Picasso dipinse i suoi primi capolavori e ottenne uno strabiliante successo per la giovane età.

 

Cosa vedere a Barcellona

a ricchezza di arte e cultura presente a Barcellona è davvero smisurata. Passeggiando per le vie della città si possono infatti ammirare alcune delle più grandi opere architettoniche al mondo. Per esempio, a pochi passi dal Museo Picasso sorge la Seu, Cattedrale di Barcellona e massimo esempio di stile gotico dell’intera città.

La capitale della Catalogna è però conosciuta soprattutto per la Sagrada Familia, la splendida basilica cattolica progettata da Gaudì e tutt’oggi ancora in costruzione: lo stile neogotico e quello moderno si mescolano in un’opera architettonica unica, simbolo indiscusso di Barcellona. 

Gaudì è certamente l’artista che ha maggiormente contribuito a disegnare la città catalana. Tra le opere che è possibile visitare occorre segnalare Parco Güell, dove natura e architettura si uniscono in perfetta armonia, e Casa Batlló, la cui facciata è composta interamente da un mosaico di pietre vitree colorate.

Parti in crociera per il Mediterraneo

Il Mediterrano è un mare antico dove popoli e culture differenti hanno dato vita ad un patrimonio artistico unico al mondo. Se non hai ancora organizzato le tue vacanze scopri le offerte Costa e parti subito con una delle sue navi per una crociera rilassante. Con Costa avrai la possibilità di fare tappa nelle migliori località del Mediterraneo e di avere a disposizione numerosi servizi su misura.