Le vacanze sono sempre più vicine e tra le mete più gettonate vi è sicuramente la Sicilia. Con il suo mare cristallino affascina ogni anno milioni di turisti, italiani e no. In realtà rappresenta la destinazione ideale anche per coloro che hanno il desiderio di andare alla scoperta di un territorio ricco di storia e cultura. In Sicilia, infatti, sono presenti numerosi parchi archeologici ancora in ottime condizioni che testimoniano le antiche dominazioni greche e romane. 

Se hai intenzione di organizzare un viaggio in Sicilia, scopri Catania e i suoi bellissimi parchi archeologici tra cui:

Area archeologica di Solunto

Solunto è un’antica città ellenistica situata a pochi km da Palermo sul Monte Catalfano. Tucidide narra che la città, prima della colonizzazione greca, appartenesse ai Fenici; di fatto oggi rimane solo una necropoli che richiama lo stile architettonico di questo popolo. I principali resti archeologici, visibili e visitabili, sono quelli dell’antica città greca. L’agorà, o piazza principale, è circondata da una cisterna pubblica di fronte alla quale si può trovare un meraviglioso complesso termale. Dalla piazza si può raggiungere direttamente il teatro, che aveva una capienza pari a 1200 spettatori.

Nel 2003 è stato inaugurato l’Antiquarium, organizzato in due sezioni:

  • padiglione A: dedicato all’urbanistica e architettura pubblica e domestica di età ellenistica;
  • padiglione B: in questo padiglione si trova la documentazione prodotta dagli ultimi scavi e dalla cultura materiale della città dal periodo punico fino all’epoca romano-imperiale.

Area archeologica di Tindari

La città di Tindari, così nominata in onore di Tindaro re di Sparta, è stata fondata nel 396 a.C da Dionisio di Siracusa. Venne distrutta da una frana e due violenti terremoti ma gli scavi hanno permesso di riportare alla luce questa meraviglia architettonica. Durante la visita dell’Area archeologica di Tindari si potranno osservare i resti di:

  • due domus, con bellissimi pavimenti in mosaico, che si sviluppano intorno a colonnati con capitelli dorici;
  • terme pubbliche, caratterizzate da diverse stanze con rappresentazioni in mosaico bianco;
  • basilica, ammalia per la sua magnificenza e un tempo fungeva da ingresso all’agorà;
  • teatro greco, costruito in età preromana con l’obiettivo di ospitare orazioni e spettacoli;
  • antiquarium, conserva reperti dell’età preistorica e romana. 

Valle dei templi Agrigento

A circa 5 km dalla città di Agrigento si trova l’area architettonica più grande del mondo, la Valle dei Templi. Dichiarata nel 1997 come Patrimonio dell’Umanità UNESCO è un complesso ancora in ottimo stato che attira ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo. Nella Valle sono presenti ben dodici templi, tre santuari, diverse necropoli, numerose opere idrauliche, resti di fortificazioni, l’Agorà inferiore e superiore, un Olympeion e un Bouleuterion (edificio pubblico dedicato all’assemblea dei rappresentanti).

È possibile organizzare visite guidate in modo da approfondire gli aspetti più interessanti di ogni struttura. In alternativa si può seguire il medesimo itinerario singolarmente.  

Parco Archeologico di Selinunte

Il Parco Archeologico di Selinunte ha un’estensione di circa 270 ettari ed è straordinaria espressione dell’architettura classica in stile dorico. Proporzione, essenzialità e semplicità sono i termini chiave per definire questo capolavoro architettonico. Nella vasta area archeologica è possibile visitare ben 7 aree distinte che conservano ancora la grandezza e la magnificenza della città di Selinunte:

  • Acropoli;
  • Collina di Manuzza;
  • Collina Orientale;
  • Collina della Gaggera;
  • Quartiere artigianale:
  • Battistero Biazantino;
  • Cave di Cusa.

Parco archeologico di Siracusa

Il Parco Archeologico della Neapolis di Siracusa è situato nella parte nord-occidentale della città ed è esteso per oltre 240 metri. All’interno del parco sono racchiusi dei capolavori unici di epoca greca e romana tra cui:

  • Teatro Greco;
  • Orecchio di Dioniso;
  • Grotta dei Cordari;
  • Anfiteatro Romano;
  • Ara di Ierone;
  • Latomie.

Nel periodo estivo è possibile assistere, nel Teatro Greco, all’interno del parco archeologico di Siracusa a rappresentazioni delle tragedie greche dei più grandi autori del tempo.

Area archeologica di Segesta

La città Segesta, da sempre in rivalità con quella di Selinunte, visse un periodo di grande splendore fino al 307 a.C quando venne conquistata e distrutta da Agatocle di Siracusa.  La città occupava la sommità del Monte Barbaro ed è diventata celebre principalmente per il tempio dorico, risalente al IV secolo a.C e lasciato probabilmente incompiuto.

Oltre al tempio, gli elementi significativi dell’area archeologica di Segesta sono:

  • il teatro;
  • l’agorà e casa del navarca;
  • l’area medievale;
  • il santuario di contrada Mango.

Lo stile della città fonde, come in quasi tutti i parchi archeologici, influenze ellenistiche e romane.

Area archeologica di Himera

Himera è stata fondata da coloni greci e si trovava in una posizione ottimale, dove il fiume Imera incontra la Pianura di Buonfornello, che permise scambi commerciali facili e veloci. L’assetto urbanistico della città è molto interessante perché nel VI secolo a.C vennero progettati due diversi impianti urbanistici regolari, contraddistinti da strade ortogonali che dividevano gli isolati orientati in senso Nord-Sud in pianura (nella città bassa), in senso Est-Ovest nell’abitato in collina (città alta). Nella città alta e in quella bassa sono rispettivamente presenti due santuari: Temenos di Athena e Tempio della Vittoria. 

Villa del Casale e Piazza Armerina

Piazza Armerina è una splendida città d’arte in provincia di Enna che ospita la nota Villa Romana del Casale. Questa villa, risalente alla fine del IV secolo d.C, è una vera e propria dimora rurale appartenuta probabilmente ad un esponente dell’aristocrazia senatoria romana. Il fascino è dettato da incantevoli mosaici e da splendidi elementi architettonici e decorativi.  Trai i resti della villa si identificano 4 zone distinte:

  • ingresso con cortile a ferro di cavallo;
  • corpo centrale della villa costruito intorno ad una corte con giardino;
  • sala con tre absidi;
  • complesso termale.

Cosa vedere in Sicilia

La Sicilia è territorio meraviglioso, caratterizzato da un patrimonio storico-artistico unico in Italia. Che sia estate o inverno è una delle mete più apprezzate dai turisti di tutto il mondo. Se avete in programma un viaggio in terra sicula, ecco il meglio della Sicilia:

  • Catania con il fascino unico del suo centro storico;
  • Palermo, città unica con chiese, ville, palazzi nobiliari che rappresentano stili architettonici di epoche differenti;
  • Messina con il suo Duomo, caratterizzato da un elaboratissimo orologio astronomico;
  • Trapani con una varietà di chiese, fontane e palazzi ricchi di storia;
  • Isole Eolie conosciute anche come “sette perle del Medieterraneo”;
  • Panarea è la più antica delle Isole Eolie ed è nota per le sue serate mondane;
  • Cefalù è tra i borghi più belli d’Italia ed è situato ad una cinquantina di chilometri da Palermo.

Parti in crociera per il Mediterraneo

Vuoi scoprire le bellezze del Mediterrano? Parti in crociera con Costa per vivere un’esperienza unica esplorando alcuni dei luoghi più importanti dal punto di vista storico, culturale e architettonico. Organizza il viaggio dei tuoi sogni e lasciati conquistare dall’atmosfera del Mediterraneo. Prenota subito la tua crociera Costa!