Il parco storico di Ayutthaya ti trascinerà nel bel mezzo della storia delle antiche capitali Asiatiche. Lasciati travolgere dalla sua bellezza.
  • Storia del parco
  • Ayutthaya capitale antica
  • Wat Mahathat
  • Wat phra Si Sanphet
  • I fiumi
  • Come raggiungerlo
  • informazioni per la visita
  • Cosa vedere nei dintorni
  • Cosa vedere a Bangkok

Parco storico di Ayutthaya

Una città fondamentale per la storia della Thailandia: Ayutthaya fu fondata nel 1351 come capitale del regno omonimo. Ora si è trasformata in uno dei siti archeologici più visitati del Paese, un’occasione per tuffarsi nel passato di una città creativa e piena di risorse che rimase in auge per più di 400 anni. La tua visita ti permetterà di apprezzare anche le bellezze naturali del Paese e di visitare diverse città e realtà locali, grazie anche alle nostre escursioni.

Storia del parco

Una città fondamentale per la storia della Thailandia: Ayutthaya fu fondata nel 1351 come capitale del regno omonimo. Ora si è trasformata in uno dei siti archeologici più visitati del Paese, un’occasione per tuffarsi nel passato di una città creativa e piena di risorse che rimase in auge per più di 400 anni. La tua visita ti permetterà di apprezzare anche le bellezze naturali del Paese e di visitare diverse città e realtà locali, grazie anche alle nostre escursioni.

Ayutthaya capitale antica

Ayutthaya rappresenta una delle mete più visitate della Thailandia. Fu capitale del Regno del Siam fino al 1767, quando venne distrutta dall'esercito birmano. Buona parte del suo patrimonio culturale (edifici, templi) inclusi manoscritti e testi sacri venne bruciato e migliaia di persone deportate. Durante il massimo del suo fulgore fu una grande metropoli, con tre palazzi reali e centinaia di templi. L'antica cittadina è inclusa nel Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco dal 1991. Grazie ai monasteri, ai templi e ai palazzi reali si potrà ammirare lo splendore antico della città.

Wat Mahathat

Si tratta di uno dei momenti più antichi di Ayutthaya. Secondo la leggenda il re Boromaraja lo costruì per custodire una reliquia del Buddha. Wat Mahathat significa appunto “tempio sacro”. La sua struttura formata da torri istoriate (prang) è diventato il modello per costruire i templi su scala nazionale. Gli elementi caratteristici dell’edificio sono la base in gesso di un’immagine del Buddha, la pagoda a forma ottagonale e alcune sale che servivano per la preghiera. Di fianco all’ingresso del tempio c’è un fico sacro: nelle radici c’è incastonata la testa del Buddha in arenaria.

Wat phra Si Sanphet

Questo tempio è un simbolo della città e si trova nel centro storico. È stato ultimato nel 1351 e a renderlo così importante sono le caratteristiche tre strutture a punta ristrutturate e in un ottimo stato di conservazione. Il tempio custodiva una statua di Buddha in oro, che è stata fusa prima delle invasioni birmane.  Tra le altre attrattive bisogna considerare il Palazzo Reale Bang Pa-In, chiamato anche Palazzo d'Estate ed edificato nel 1632.

I fiumi

La città venne costruita tra i fiumi Lopburi, Chao Phraya, e Pa Sak, con la creazione di un'isola e con lo scavo di un canale che completò nella parte nord il fossato difensivo. Grazie alla sua posizione divenne ben presto un ricchissimo porto. Il centro storico si trova all’interno di un’isola, risultato di una sedimentazione durata diversi secoli. Per la sua difesa vennero scelte prima palizzate e barriere, poi sostituite a partire dal XVI secolo con delle mura in mattoni.

Come raggiungerlo

Il modo più economico di raggiungere il sito da Bangkok è il treno dalla stazione di Hualamphong, ma ci si può arrivare anche in bus o rivolgendosi a un tour organizzato. All’interno del parco si possono noleggiare delle biciclette o i tradizionali tuk-tuk. Le varie distanze dei templi permettono anche una passeggiata.

Informazioni per la visita

Tutti i templi sono aperti indicativamente dalle 8 alle 18 e conviene fare un biglietto cumulativo per più attrazioni. Ci sono dei moli che consentono di attraversare il fiume senza la necessità di raggiungere un ponte. Potrai visitare un museo locale (il Chao Sam Phraya National Museum) che fu aperto nel 1961 con lo scopo di esporre e di raccogliere pezzi di antiquariato e oggetti preziosi che rappresentano Buddha e che sono stati ritrovati principalmente nella pagoda del tempio Wat Ratchaburana.

Cosa vedere nei dintorni

Con le nostre escursioni avrai la possibilità di rilassarti nelle spiagge più belle del pianeta tra fondali pieni di vita e sabbie bianchissime circondate da una vegetazione rigogliosa. Sull’isola di Phuket, conosciuta in tutto il mondo, per le sue spiagge da cartolina e le atmosfere mozzafiato potrai prendere il sole su autentici gioielli come Kata Beach, Pattaya, Ban Saeng, popolare per gli scalpellini da cui potrai comprare i manufatti. L’ideale sarebbe quello di fare un safari su un elefante o di organizzare un’escursione in canoa fra le grotte di Panak Island.

Cosa vedere a Bangkok

Dopo essere attraccati a Laem Chabang, si può scoprire Bangkok attraverso gli edifici e i templi più scoprire importanti, magari navigando sul fiume Chao Phraya. Il complesso del Grande Palazzo Reale che custodisce il Tempio del Buddha di Smeraldo che è considerato il tempio buddista più sacro in Thailandia. All’interno del tempio principale si trova la statua del Buddha di Smeraldo, alta 70 centimetri. Uno dei quartieri più interessanti della città è quello di Chinatown, una rete fitta di vicoli stracolmi di bancarelle, negozi e botteghe. I mercati e le bancarelle sono poi un’altra attrattiva ricca di fascino. Potreste fare una tappa al mercato notturno e organizzarvi per visitare quello galleggiante di Damnoen Saduak.

Parti in crociera per il Giro del Mondo

La Thailandia sarà un turbine di emozioni e di attrazioni da vivere. Arte, storia, cultura, natura, a volte tutte insieme. Un viaggio meraviglioso senza confini se non quelli della vostra curiosità e voglia di viaggiare con noi.

Parti con Costa Crociere