L’arcipelago delle Isole Azzorre costituisce un esempio unico al mondo del grande potere di Madre Natura. Si tratta di un arcipelago di nove isole vulcaniche nel mezzo dell’Oceano Atlantico caratterizzate da una natura sbalorditiva e decisamente inaspettata per chi, come la maggior parte di noi, è abituato alla macchia mediterranea e a dolci paesaggi marittimi.

Le Azzorre sono aspre, rigogliose, piene di sorprese: basta pensare che ognuna delle nove isole che compongono l’arcipelago ha una sua peculiarità e che esistono alcune specie di piante e fiori uniche al mondo, mentre al contrario alcune specie animali non sono mai riuscite ad attecchire sulle isole (le zanzare, per esempio!); quello che invece le accomuna trasversalmente, sono i cespugli di ortensie coloratissime che nascono spontaneamente sui cigli delle strade e che li decorano con incrostazioni di pietre preziose.

Trattandosi di isole vulcaniche, è molto frequente trovare laghi naturali che si sono formati nei crateri dei vulcani, che si possono ammirare facendo delle bellissime escursioni di trekking, adatte per tutti i livelli di esperienza. Ma scopriamole insieme.

Le isole principali sono São Miguel e Terceira, e sono le più vicine alla costa portoghese. In queste due isole non ci sono soltanto spiagge e posti naturali incredibili da visitare, come la  Caldeira das Sete Cidades a São Miguel e le Furnas di Terceira, ma anche luoghi di grande interesse storico e culturale. Vila Franca do Campo a São Miguel è un bellissimo borgo pieno di tradizione, e sull’isola sono presenti anche delle piantagioni di tè, le Plantações de Chá Gorreana, che si possono visitare e sono una vera chicca inaspettata.

Angra do Heroismo a Terceira, invece, è caratterizzata da un’architettura molto particolare: edifici bassi color pastello contornati di bianco corrono lungo vie e stretti vicoli che, dalla collina, scendono fino in riva al mare; è, non per niente, Patrimonio dell’Umanità Unesco. Santa Maria è un’isola decisamente più piccola che si trova vicino alle due isole maggiori, piena di spiagge chiare e bellissime, mentre più lontano dalla costa portoghese ci sono le isole di São Jorge e Pico.

Accanto a Pico ci sono Graciosa e Faial: Graciosa è famosa per le acque termali di Carapacho e per il cibo esotico, a Faial invece, oltre a esserci bellissime spiagge, c’è un interessante museo con una collezione di oggetti in osso di balena.

Flores e Corvo sono le isole più remote dell’arcipelago e Flores in particolare è segnato sulle mappe come il punto più occidentale d’Europa. Corvo invece è il posto ideale per gli amanti del bird-watching, poiché nella natura incontaminata di quest’isola vivono specie di uccelli incredibili e unici, non visibili dalle nostre parti.

Passare da un’isola all’altra è possibile naturalmente via mare, ma ogni isola ha il proprio aeroporto: prendere l’aereo da un’isola all’altra è un’alternativa molto comoda, considerando che spesso i traghetti vengono cancellati e che le ore di navigazione sono molte, ma è anche parecchio dispendiosa.

Dopo avervi introdotti a quello che incontrerete visitando le Azzorre, approfondiamo uno degli elementi più sbalorditivi di queste magnifiche isole, ossia le bellissime spiagge che le incorniciano. Ecco quali sono le tappe che toccheremo, alla scoperta dell’oceano, delle sue meraviglie, e delle magnifiche coste vulcaniche che caratterizzano queste isole:

Spiaggia di Santa Bárbara

Cominciamo questo viaggio alla scoperta delle spiagge più belle delle Azzorre con la spiaggia di Santa Bárbara a São Miguel, il paradiso di tutti gli amanti degli sport acquatici. E’ una delle spiagge più ampie di tutte le isole ed è caratterizzata da una sabbia dorata e da una posizione che la predispone al vento in modo favorevole. Proprio per questo motivo è la spiaggia perfetta per tutti i surfisti che passano dalle Azzorre.

La sua ampiezza non solo fa sì che ci sia il giusto spazio per prendere la rincorsa e cavalcare l’onda perfetta, ma anche che, pur essendo una spiaggia molto famosa e frequentata non ci sia mai un sovraffollamento tale da inficiare il relax e la bellezza dello stare sdraiati al sole in tranquillità.

Santa Bárbara non è attrezzata di per sé, ma ci sono docce, bagni, bar e ristoranti nella parte subito precedente alla spiaggia; nei ristoranti è possibile mangiare vista oceano sia a pranzo che a cena, e la sera è frequente trovare dj set, feste e musica dal vivo.

Spiaggia di Água de Alto

Restiamo a  São Miguel, ma ci spostiamo in una località decisamente meno turistica: visitiamo Água d'Alto un piccolo paese dove gli abitanti del posto dividevano le loro giornate tra la lavorazione della terra, la raccolta di lana e la pescaQuesto piccolo paesino comprende una minuscola spiaggia di sabbia bianca, un’insenatura paradisiaca quanto poco conosciuta, che però è anche la protagonista di un’interessante leggenda locale che risale al XVI secolo.

Si dice infatti che proprio da questa spiaggia, una notte, arrivarono i pirati: saccheggiarono il paese e misero sotto scacco la popolazione e un tamburino delle loro fila avanzava per le vie della città seminando terrore; finito di fare man bassa, pirati si ritirarono sulle loro navi, ma il tamburino, assordato dal suono che lui stesso produceva, non si accorse della ritira e continuò a camminare percuotendo il tamburo. Cadde in una caverna, e da allora lo spirito del tamburino continua a suonare il tamburo in quella che è stata chiamata Grota do Tamborileiro.

Spiaggia di Caloura

Caloura è un pittoresco villaggio di pescatori, sempre sull’isola di Caloura è un paesino di pescatori piacevole della spiaggia sull'isola di São Miguel, e la sua spiaggia è l’esempio perfetto delle magnifiche piscine naturali che sono molto tipiche sia a São Miguel che nel resto delle isole dell’arcipelago.

La spiaggia di Caloura è isolata, circondata da una vegetazione verde e rigogliosa e incorniciata da piccola case bianche; l’acqua è di un colore turchese profondo e poco più avanti rispetto alla riva si trova la piscina naturale, una sorta di trasparente occhio azzurro che spicca nel blu dell’oceano. 

Spiaggia di Silveira

Ci spostiamo al Terceira per tuffarci nella zona balneare di Silveira, una sorta di spiaggia molto amata dalla gente del posto.

Si trova poco fuori dal centro abitato di Angra do Heroismo e anche se si tratta di una spiaggia costruita dall’uomo, è molto in armonia con il resto del paesaggio: un blocco di cemento bianco rende la discesa a mare facile e dolce, in contrasto con tutte le asperità rocciose che si trovano nei dintorni.

Il mare, verso la riva, assume i colori del verde acqua scuro e del turchese, mentre più al largo, dove le profondità dell’oceano diventano importanti, è blu inchiostro

Spiaggia Formosa

Le spiagge dell’isola di Santa Maria sono molto diverse da quelle tipiche nere vulcaniche presenti in tutto l’arcipelago delle Azzorre; a Santa Maria ci sono alcune spiagge che sono di sottile sabbia bianca e i venti le accarezzano più dolcemente che altrove.

Su tutte, la più bella di questo genere è Praia Formosa, che è caratterizzata proprio da acque azzurre tranquille e cristalline, e da una striscia di sabbia bianca, ampia a sufficienza da accogliere i turisti che vengono apposta sull’isola per ammirare questo spettacolo della natura e, ovviamente, anche per fare un bel tuffo in queste acque paradisiache.

Praia Formosa si può anche ammirare dall’alto, dal Miradouro da Macela. Un’esperienza e una vista davvero uniche! Infine, Praia Formosa è la splendida location di un importante festival giunto alla sua trentacinquesima edizione, il Festival Maré de Agosto, un festival che dura quattro giorni nella settimana centrale di agosto e che unisce la scoperta delle bellezze naturali del posto - organizzando attività di trekking e molto altro - a musica e festa in riva al mare.  

Spiaggia Fajã Grande

Ci spingiamo ora nella parte più occidentale, non solo dell’arcipelago delle Azzorre, ma di tutta l’Europa. L’isola di Flores è un posto davvero affascinante, così remoto da ospitare specie animali visibili solo qui per tutti i fortunati che decidono di avventurarsi sulle sue rive.

Su tutte, Praia da Fajã Grande, è una vera perla incastonata tra le rocce vulcaniche della costa dell’isola  sull’isola di Flores e, con le colline verdi alle sue spalle e l’acqua turchese che la bagna, potrebbe essere tranquillamente una spiaggia dell’isola delle Amazzoni (se avete visto il recente film “Wonder Woman”).

Questa spiaggia è frequentata prevalentemente da gente dell’isola e dagli amanti degli sport acquatici: surf, snorkeling e immersioni sono le attività che meglio si prestano a valorizzare la natura incredibile di Fajã Grande. Le sue acque infatti sono così pulite e cristalline da essersi meritate il titolo di Praia Qualidade de Ouro da parte del Quercus, la più grande associazione ambientalista del Portogallo.

Spiaggia di Vila Franca

Torniamo a São Miguel per tuffarci nelle acque di quello che è uno dei posti più spettacolari di tutta l’isola. Si tratta di un isolotto che si trova a un chilometro dalla costa di São Miguel, in corrispondenza con la città di Vila Franca do Campo e le sue peculiarità sono molteplici: innanzitutto è, a tutti gli effetti, un cratere semi sommerso di un vulcano spento; in secondo luogo è riserva naturale e per questo motivo è possibile osservare al suo interno specie marine di ogni tipo, compresi molti pesci tropicali.

L’esperienza più bella è prendere una barca e fare un’uscita di snorkeling intorno all’isolotto di Vila Franca. L’acqua è spettacolare, ma quello che lascia davvero senza fiato è vedere le pendici di questo antico vulcano che si perdono nell’immensità degli abissi.

Le specie marine che abitano l’isolotto di Vila Franca vanno da colonie di granchi colorati a stelle marine rosse giganti, da coloratissimi pesci pagliaccio a scorfani dalla morfologia complicata e dalle tinte inaspettate; è possibile avvistare persino razze e temibili barracuda (ai quali è meglio non avvicinarsi troppo!).

Tutto questo accade intorno all’isolotto, ma è possibile anche fare il bagno all’interno del cratere vero e proprio che forma in mezzo all’oceano una piscina naturale con tanto di spiaggia sabbiosa. Immergersi in queste acque stupende e piene di pesci vi farà sentire parte dell’ecosistema marino, dei veri tritoni e sirenette!

Spiaggia di Caldeira do Santo Cristo

Partiamo ora alla volta di São Jorge e di uno dei percorsi di trekking più belli di tutti, quello che porta, dopo un bel po’ di fatica e di viste mozzafiato, alla spiaggia di Fajã da Caldeira do Santo Cristo.

Ma che cos’è una Fajã? Le fajas sono delle piccole pianure costiere che si sono create nei millenni in seguito allo slittamento della lava e che danno alla costa una morfologia davvero unica fatta di piccoli laghetti vulcanici circondati da paludi e vegetazione (quella tipica delle pendici dei vulcani) che stanno praticamente a mollo in riva al mare, e che sembrano, visti dall’alto, dei veri e propri prolungamenti delle pendici dei vulcani.

Ebbene, São Jorge è piena di fajas, ce ne sono più di 40. Nella fattispecie, Fajã da Caldeira do Santo Cristo è una delle più belle e suggestive. La si può ammirare dall’alto, ma la si può anche raggiungere attraversando la Riserva Naturale che la circonda con un percorso di trekking che attraversa zone piene di ortensie e altri fiori profumati e bellissimi, ruscelli, cascate, aree paludose e belvederi.

Una volta giunti sulla costa, ci sono numerose surf house per coloro che vogliono sperimentare questo sport acquatico, una lunga spiaggia di ciottoli e massi scuri e l’oceano blu che, con la sua freschezza ristora gli avventurosi temerari che hanno osato intraprendere il percorso fino a lì. 

Spiaggia di Biscoito

La spiaggia di Biscoito a Terceira è uno dei complessi di piscine naturali più belli di tutta l’isola. Non si tratta infatti di una zona balneare con un paio di piscine naturali, bensì di un intero agglomerato roccioso che conta numerosi punti nei quali è possibile fare il bagno nell’oceano pur rimanendo protetti dalla sua impetuosità. Le rocce nere sono addolcite da pedane di legno per sdraiarsi a prendere il sole, moli, e scalette di metallo per agevolare la discesa a mare.

La spiaggia di Biscoito è il posto perfetto per fare tuffi e per nuotare indisturbati tra quelli che sembrano veri e propri prodigi di architettura: ci sono archi di roccia simili a ponti, scogli più o meno emersi, piccole grotte e insenature di ogni forma e dimensione.

E’ interessante notare che queste piscine naturali sono il luogo ideale per immergersi e fare il bagno anche quando l’oceano è agitato: l’acqua delle piscine è infatti protetta dalla barriera di rocce vulcaniche e questo la rende piuttosto sicura e tranquilla anche in caso di mare mosso, e riparata dalle fortissime correnti oceaniche. Non direttamente sulla spiaggia, c’è un’area attrezzata con punti di ristoro e bancarelle che vendono prodotti tipici. 

Spiaggia di Ribeira Quente

Se c’è una cosa che caratterizza l’acqua dell’oceano - e quindi i mari delle isole Azzorre - è la sua temperatura: non intendiamo mentirvi, l’acqua delle Azzorre è generalmente molto, ma molto fredda.

Fa però eccezione Praia da Ribeira Quente, situata sull’isola di São Miguel; è una spiaggia bagnata da acque che risentono degli influssi delle sorgenti termali della baia. Grazie alle sorgenti termali, l’acqua della baia è tiepida praticamente ovunque, e anzi, in contrapposizione all’oceano gelido che bagna tutte le altre spiagge, in alcuni punti qui l’acqua è addirittura ustionante! Proprio per questo motivo, questa spiaggia è anche chiamata Praia do Fogo, ovvero “spiaggia del fuoco”.

Il mare di Ribeira Quente, oltre che essere piacevolmente caldo, è anche bellissimo: prevalgono le tonalità del verde acqua che riflettono il colore delle montagne circostanti piene di vegetazione.

A Praia da Ribeira Quente ci sono anche alcuni servizi gratuiti molto comodi, come docce e bagni, che servono a dare comfort a chi passa la giornata in spiaggia ma che non sono invasivi nei confronti di coloro che vogliono solamente stare rilassati in riva al mare in mezzo alla natura. 

Baía di São Lourenço

La Baía de São Lourenço si trova nell’isola di Santa Maria ed è una baia molto ampia dove l’azzurro del mare raggiunge delle tonalità di verde smeraldo e turchese davvero inaspettate. Questa baia si trova in una posizione molto favorevole: complice anche la sua forma semicircolare molto avvolgente, è protetta da piogge e da venti.

E’ proprio per questo motivo che alle spalle di Baía de São Lourenço sono stati ricavati dei terrazzamenti molti tipici dove crescono vigneti nei quali si producono i vini locali più buoni di tutto l’arcipelago delle Azzorre, profumati, corposi, quasi liquorosi in certi casi.

Terra e Acqua sono due elementi che si fondono spesso e volentieri alle Azzorre, e lo fanno con incredibile armonia: è questo il caso dell’isolotto Romeiro che si trova di fronte alla baia e che non solo  regala dall’alto una vista spettacolare, ma racchiude una grotta che è l’habitat naturale della Nottola delle Azzorre, l’unico mammifero endogeno dell’arcipelago.

La Baía de São Lourenço è il posto ideale per rilassarsi e per crogiolarsi al sole: non c’è vento fastidioso che vi potrà infastidire sulle sue rive, e un bel bicchiere di vino sarà sempre a portata di mano!

Spiaggia di Porto Pim

Facciamo ora un salto sull’isola di Faial per andare a rilassarci su una delle pochissime spiagge di sabbia bianca, non solo dell’isola, ma di tutto l’arcipelago delle Azzorre. Stiamo parlando di Porto Pim che, una splendida spiaggia con il suo antico borgo di pescatori.

Se questo nome vi è famigliare, probabilmente avete degli ottimi gusti letterari: Antonio Tabucchi scrisse in seguito a un viaggio alle Azzorre “Donna di Porto Pim", un libro di racconti che prende spunto dai luoghi e dalle persone che incontrò sul suo cammino durante la sua permanenza sulle isole.

A Porto Pim la sabbia bianca e talcata è accompagnata anche da un bellissimo mare azzurro chiaro, abitato da moltissimi pesci che accompagnano volentieri i bagnanti durante le loro nuotate. 

Spiaggia di Almoxarife

In contrasto con la sabbia bianca di Porto Pim, proprio lì vicino, si trova la spiaggia nera di Almoxarife. Sulla spiaggia nera di Almoxarife è possibile non solo rilassarsi, prendere il sole e fare il bagno in uno scenario vulcanico davvero unico, ma anche godere di una magnifica vista sulla montagna di Pico, che si trova sull’isola omonima e che è a poche ore di navigazione da Faial.

Vicino alla spiaggia di Almoxarife c’è anche un interessante museo dove si può ammirare una ricca e peculiare collezione di antichi manufatti ossi di balena, animali sempre presenti nelle acque della zona (e che si possono avvistare durante escursioni con la barca).

Spiaggia Mosteiros

Immaginate la bellezza di camminare sulla battigia dove i vostri piedi, ancora bianchi dell’inverno cittadino, spiccano sul nero intenso della sabbia; alla vostra sinistra non solo l’oceano, blu, profondo, e intenso, ma anche due scogli emersi che si ergono dalle profondità come misteriosi monoliti vulcanici.

Questo è lo scenario che vi aspetta Mosteiros sull’isola di São Miguel, una delle spiagge di sabbia nera più belle d’Europa. I più sportivi possono fare una nuotata fino ai due scogli a largo della spiaggia, il luogo ideale per una sessione di snorkeling fuori dal comune.

Spiaggia Canto da Areia

Concludiamo il nostro viaggio attraccando sull’isola di Corvo. La spiaggia di Canto da Areia (Conosciuta anche come Portinho da Areia) è l’unica spiaggia di sabbia presente in tutta l’isola, che è invece caratterizzata da aspre rocce vulcaniche e da scogliere a picco.

La particolarità di questa spiaggia è che la sua sabbia è piuttosto una polvere creatasi nel corso dei millenni composta da granelli di cenere vulcanica e conchiglie sbriciolate.

Scopri le isole azzorre con Costa Crociere

Parti con Costa Crociere alla scoperta delle Isole azzorre, della loro natura incontaminata, e selvaggia, dei loro scenari vulcanici e lunari, della loro fauna unica e ricchissima, ma soprattutto delle loro magnifiche spiagge dove il blu dell’oceano raggiunge sfumature di una profondità impensabile che contrasta in modo sbalorditivo con il bianco e con il nero delle coste. 

Parti con Costa Crociere