In alcuni momenti, potresti avere l’impressione di trovarti su un atollo delle Maldive, non fosse per il contorno di ulivi e macchia mediterranea che avvolge le spiagge più belle della Grecia. Una più spettacolare dell’altra: vuoi per la forma delle rocce, vuoi per il colore del mare o per la cornice verdeggiante in cui, talvolta, spuntano maestose rovine. Il rito dell’aperitivo in spiaggia, qui, è un incanto: il divertimento è incorniciato da panorami fantastici e viene voglia di temporeggiare, per tuffarsi nella movida.

Se non ami i ritrovi scatenati, puoi optare per le baie più riparate e per le taverne con vista panoramica, da cui scrutare lungamente il tramonto. Le migliori isole della Grecia offrono una collezione sconfinata di baie paradisiache e oasi ricoperte di sabbia candida, dove il tempo vola e la natura rapisce per il suo aspetto selvaggio. Difficile scegliere, ma alcune destinazioni sono praticamente obbligate: ecco le 25 spiagge più belle della Grecia, da scoprire magari con una magnifica crociera Costa.

Balos

Una scenografia da film: così si potrebbe definire la spiaggia di Balos, con la sua laguna dalla bellezza irreale. Anche la posizione contribuisce alla magia: quest’oasi, infatti, si trova in una parte dell’isola di Creta non facilmente accessibile, fatta eccezione per le escursioni in barca. Conquistare il paradiso a poco a poco, però, ha il suo fascino: per farlo, si attraversano una zona disabitata e una strada sterrata, da percorre a piedi nell’ultimo tratto.

Una volta arrivati, si resta a bocca aperta: la sabbia, formata da coralli e conchiglie, è di un bianco rosato e si dispone in piccole dune. Il fondale è basso e cristallino: l’ideale per restare in ammollo senza stancarsi mai. In alternativa si può indossare la maschera e fare un po’ di snorkeling nei paraggi. Che dire: un luogo dal fascino esotico e tra le migliori spiagge di Creta, specie per chi ricerca la tranquillità.

Guarda anche:

Lassi

Fra le più popolari spiagge di Cefalonia spiccano quelle di Lassi, nella costa meridionale dell’isola. Interamente ricoperta di sabbia, Makris Gialos è la più affollata: lo spazio però non manca, perché il litorale è molto ampio e offre sia accessi privati che zone libere. La sabbia dorata contrasta con l’azzurro dell’acqua, dai colori caraibici. Se il mare è calmo, è perfetta per far giocare i bambini, lì dove il fondale è basso: quando si agita, i più temerari possono divertirsi a saltare fra le onde. Makris Gialos sfuma nella spiaggia di Platis Gialos, separata da un piccolo promontorio e incorniciata dal verde della pineta.

Guarda anche:

  • COSA VEDERE A CEFALONIA

Lindos

Dall’alto dell’acropoli di Lindos, lo sguardo spazia su una vista incantevole, formata dalle caratteristiche case bianche e da una spiaggia molto invitante. Lindos Beach, ricoperta di sabbia morbida e dorata, invita a crogiolarsi nelle sue acque calme e cristalline, ideali anche per le famiglie con bimbi al seguito. Insieme alla baia di Anthony Quinn, è tra le più amate di Rodi e molto apprezzata anche da barche e motoscafi che fanno a gara per conquistare il panorama: davvero unico, con le rovine che si stagliano sullo sfondo. Dopo il bagno di sole, non può mancare una passeggiata tra le stradine di Lindos e, magari, una visita all’acropoli.

Cape Drastis

Basta una passeggiata di pochi minuti – e super panoramica – per raggiungere Cape Drastis, tra le migliori spiagge di Corfù: l’alternativa è arrivare in barca, ma la vista dall’alto è impareggiabile. Capo Drastis si trova sulla punta nord-orientale dell’isola e rapisce con la sua spettacolare insenatura rocciosa, scolpita dalla natura con mano d’artista. Anche Lord Byron ne decantò la bellezza, paragonandola a quella delle scogliere di Dover. Questa scenografia naturale incornicia grotte e spiaggette bagnate da acque limpide.  Puoi tuffarti in mare direttamente dalle rocce o crogiolarti sotto il sole, magari cosparso d’argilla: la tua pelle ringrazierà.

Guarda anche:

  • COSA VEDERE A CORFU

Spiaggia Rossa di Santorini

Sicuramente l’avrai ammirata mille volte in foto, ma vederla di persona è un’altra cosa: di fronte a questa meraviglia, ti verrà spontaneo stropicciarti gli occhi. La Spiaggia Rossa di Santorini non delude le aspettative: il colore della sabbia e delle rocce di origine vulcanica toglie il fiato, per non parlare delle trasparenze del mare. Tra le spiagge di Santorini, è sicuramente la più nota e fotografata. La barca a vela è solo una delle strategie possibili per giungere a destinazione: se non ti spaventa una breve camminata puoi raggiungerla a piedi e cercare il tuo angolino di relax. Se il litorale è affollato puoi rifarti con lo snorkeling: la bellezza dei fondali ti catturerà. Da non perdere una passeggiata nel vicino villaggio di Akrotiri, da cui scrutare il tramonto e la caldera del vulcano. Di grande importanza il sito archeologico con le interessanti rovine disseppellite dalle ceneri vulcaniche.

Guarda anche:

Ornos

Ornos Beach è una tranquilla spiaggia posizionata a una manciata di chilometri da Mykonos città. Ampia e sabbiosa, offre una varietà di bar, ristoranti e servizi per praticare gli sport acquatici. Tra le migliori spiagge di Mykonos, è affollata di ombrelloni e lettini che lambiscono il mare limpido: la privacy resta un optional, ma vale la pena di condividere lo spazio con gli altri vacanzieri, vista l’atmosfera. Ben protetta dal vento, Ornos Beach offre anche una piccola zona libera ed è l’ideale per godersi la tintarella a ritmo di musica.  

Elafonissi

Per descrivere la spiaggia di Elafonissi basta una definizione molto semplice: i Caraibi del Mediterraneo. La sua laguna, con acque trasparenti e poco profonde che accarezzano la sabbia candida, è una meraviglia. In alcuni punti, la sabbia assume sfumature rosa, creando un contrasto mozzafiato con l’azzurro del mare. Il contesto è selvaggio e si arricchisce di una piccola isola, posizionata di fronte alla spiaggia: in base alle mare, è possibile raggiungerla percorrendo una lingua di sabbia bianca, o facendosi strada nell’acqua che non supera l’altezza delle ginocchia. Un vero gioiello: Elafonissi, non a caso, è annoverata fra le spiagge più belle di Creta e d’Europa.

Baia di St. Paul

Eccoci nuovamente a Rodi per scoprire una delle sue spiagge più singolari, la baia di St. Paul. Situata a pochi passi da Lindos, sfoggia un’insenatura rocciosa bagnata da acque smeraldine. Raggiungerla in barca a vela è l’ideale: diversamente, ti consigliamo di arrivare di buon’ora per non farti rubare lo spettacolo. La baia di St. Paul è un’incredibile piscina naturale, quasi completamente cinta dalla scogliera. Il fondale è basso e trasparente e con la maschera puoi ammirare una miriade di pesciolini. La cappella dedicata al Santo domina dall’alto la baia. Se non l’hai ancora fatto, puoi infilarti un abito sopra il costume e concediti una bella passeggiata a Lindos.

Spiaggia del Relitto

La Spiaggia del Relitto, sull’isola di Zante, è un’autentica leggenda: grazie alla sua estetica perfetta, è la quintessenza del relax, ambientato tra bianche scogliere e acque paradisiache. L’intensità cromatica è dovuta anche alla presenza di sorgenti termali sulfuree e al contrasto col candore della roccia. La particolarità della spiaggia è data dal relitto di un vascello che, intorno al 1980, si arenò ai piedi del mare: arrugginito dal tempo, è divenuto ormai parte integrante del paesaggio. Anche chiamata Navagio Beach, la Spiaggia del Relitto è raggiungibile solo via mare, approfittando delle escursioni in partenza da Agios Nikolaos che consentono di fare il bagno in questa cornice da favola. In alternativa è a disposizione un belvedere per osservare la baia dall’alto: scattare foto a raffica è una tentazione invitabile, ma la cosa migliore è godersi il momento.

Myrtos

Anche Myrtos Beach, la più grande dell’isola di Cefalonia è, in assoluto, tra le più famose della Grecia. Formata da una lingua di ciottoli bianchissimi, sorge ai piedi di ripide scogliere ed è raggiungibile via mare o percorrendo una strada piena di curve. Lungo la costiera che porta ad Assos è possibile fermarsi ad ammirare la spiaggia in tutta la sua bellezza, approfittando dei migliori punti panoramici. Il colpo d’occhio è maestoso: specie con il mare mosso, quando l’azzurro assume sfumature elettriche, quasi fosforescenti.

Il litorale è molto ampio e si estende per circa un chilometro, offrendo zone libere e la possibilità di stendere l’asciugamano anche nei periodi più affollati. La spiaggia di Myrtos è ricoperta di sassi candidi e sabbia sul bagnasciuga. Il fondale digrada bruscamente e nasconde grotte suggestive. Non mancano i bar sulla spiaggia, dove rilassarsi con un drink e godersi lo spettacolo: l’ideale è indugiare fino all’ora del tramonto, quando l’acqua diventa calda e il cielo si tinge di rosa.

Paleokastritsa

La zona di Paleokastritsa è tra le più rinomate a Corfù per la bellezza del suo litorale, formato da baie e insenature che alternano sabbia e ghiaia, immerse in una cornice punteggiata di ulivi. Alcune sono riservate a chi approda via mare: facilmente accessibile, invece, la spiaggia principale, sabbiosa e ben servita. L’acqua è turchese e nei dintorni ci sono tante grotte da esplorare: consigliatissima un’escursione in barca per scoprire le più belle.

Plaka

Il relax allo stato puro: Plaka Beach è un gioiello di tranquillità e tra le spiagge migliori di Naxos. In gran parte libera, offre diversi stabilimenti attrezzati e aree più selvagge particolarmente apprezzate dai naturisti. Resterai folgorato dalla limpidezza del mare e ti divertirai a contare le sue sfumature che spaziano dall’azzurro al verde. Contribuiscono alla suggestione le dune sabbiose e l’isola di Paros che appare all’orizzonte: una visione strepitosa all’ora del tramonto.

Paradise Beach

Non una, ma tante sono le Paradise Beach della Grecia. Fra le più note c’è quella di Mykonos, ovvero la spiaggia di Kalamopodi. Qui, infatti, si trovano alcuni dei club più famosi: dopo il tramonto la spiaggia diventa un immenso palcoscenico con beach party e musica fino a notte fonda. Se vuoi sperimentare la mondanità di Mykonos, sei ne posto giusto. A poca distanza si trova Super Paradise Beach, altrettanto festaiola e molto alternativa. 

Perissa

La spiaggia di Perissa si estende per chilometri e ti strega con la sua sabbia morbida e scura dal colore intenso. Tutto intorno, il paesaggio vulcanico di Santorini crea la scenografia perfetta: non stupisce che la spiaggia, situata a poca distanza da Fira, sia letteralmente presa d’assalto, in particolare dai giovani. Il merito non è solo dello scenario, ma anche dei chill-out bar dove il divertimento continua fino a tarda notte, al ritmo del dj set. Difficile restare fermi: per scatenarti puoi approfittare anche della ricca offerta di sport acquatici disponibile nei dintorni.

Canal D'Amour

Secondo la leggenda, chi percorre a nuoto tutto il canale si innamora davvero e la magia dura per tutta la vita. Non è l’unico motivo per visitare il Canal D’Amour, tra le spiagge più iconiche di Corfù. Situata nei pressi di Sidari, ha l’aspetto di un piccolo fiordo delimitato da rocce piatte: chi se la sente, può osare un tuffo per provare l’adrenalina. La spiaggia è un microscopico gioiello, incastonato in una stretta montatura rocciosa: con un po’ di fortuna, puoi conquistare il tuo ombrellone e gustarti questo scorcio così romantico. 

Fakistra

La spiaggia di Fakistra va un po’ conquistata: per scoprirla dovrai armarti di scarpe da trekking, ma ne vale la pena, visto il panorama che ti aspetta. Situata nel Pelion, si circonda di panorami selvaggi e grotte di interesse storico e naturalistico. Fuori dalle rotte più classiche, questa perla della Grecia continentale si circonda di una cornice lussureggiante, riflessa nelle acque dai riflessi smeraldo. La caletta è un piccolo paradiso remoto: qui non troverai lettini e ombrelloni ad attenderti, ma solo una bellezza sconfinata e una natura inviolata, dal fascino primordiale.

Tsigrado

Ci spostiamo a Milos per immergerci nel fascino di Tsigrado Beach: protetta da un’alta scogliera rocciosa, la spiaggia è ben riparata e quasi nascosta. Puoi vivere l’ebbrezza di raggiungerla dall’alto – con l’aiuto di una corda – o più comodamente in barca. Qualunque sia la strategia, sarai felice di averla inclusa nel tuo itinerario: la scenografia rapisce l’anima e i fondali sono un miraggio per gli amanti dello snorkeling. La spiaggia non è attrezzata, ma si rinuncia volentieri alle comodità per abbronzarsi in un posto così bello. 

Kleftiko

I celebri faraglioni di Kleftiko sono tra le vedute più classiche dei tour in barca a Milos: troneggianti in mezzo al mare, questi giganti di roccia catturano lo sguardo, disegnano grotte e archi sotto cui sfilano le barche. Gli anfratti rocciosi sono fantastici da esplorare in gommone, lanciandosi in acqua con l’attrezzatura da snorkeling.

La baia è anche chiamata la “spiaggia dei pirati” perché offriva un riparo ideale con le sue rocce imponenti e i suoi tanti nascondi: leggenda vuole che, da qualche parte, si nasconda un tesoro. Di certo, nuotare in queste acque – ed esplorarle con maschera e boccaglio – è, di per sé, un’esperienza unica: la bellezza è il vero tesoro. Fatta eccezione per un percorso impervio, Kleftiko è raggiungibile solo via mare. Non rinunciare a un’escursione in barca: il ricordo durerà molto, molto a lungo.  

Kolona

Piccola isola dal fascino autentico, Kithnos è conosciuta per i suoi vigneti e apprezzata per le spiagge ricoperte di sabbia fine. La più imperdibile è Kolona, famosa per la striscia sabbiosa che la collega a un isolotto roccioso. Questa lingua sottile separa il mare turchese, creando due spiagge deliziose: completano la visione alcune tamerici solitarie. Kolona Beach è meta di numerose barche attratte dallo scenario d’eccezione. La spiaggia non è prodiga di servizi ma non manca una buona taverna dove rifocillarsi.  

Voutoumi

Voutoumi Beach si trova ad Antipaxos, piccola isola situata a sud di Paxos. La spiaggia è una tappa molto gettonata per gli yacht e per le escursioni in barca in partenza da Corfù. Vale la pena di solcare il mare per raggiungerla e per bagnarsi nelle sue acque caraibiche: il candore della sabbia, poi, lascia senza parole. Con qualche bracciata puoi raggiungere le insenature più belle, circondate da una fitta vegetazione. Se hai voglia di affrontare un po’ di scalini, puoi accomodarti nel famoso ristorante panoramico con vista sulla baia: perfetto per l’aperitivo e molto romantico per una cenetta tipica. 

Lalaria

L’isola di Skiathos vanta spiagge straordinarie: Lalaria Beach, in particolare, è nota per le sue grotte marine e per l’arco naturale che si getta nel mare turchese. La silhouette di questa formazione rocciosa, animata da un moto invisibile, è incredibile: potresti stare tutto il giorno ad ammirarla. Se viaggi in barca, il consiglio è di arrivare il pomeriggio, per evitare le ore più affollate e goderti la vista indisturbato. Essendo una delle spiagge più belle di Skiathos, Lalaria Beach è meta di numerose escursioni organizzate che, spesso, combinano la visita alle vicine grotte Skotini spilia (“grotta scura”) e Galazia spilia (“grotta blu”), adorate dai sub.

Sarakiniko

Se la Luna avesse spiagge soleggiate e bagnate da un mare paradisiaco, probabilmente assomiglierebbero a Sarakiniko: la spiaggia di Milos, infatti, è nota per la particolarità del suo paesaggio lunare. Tra le meraviglie naturali più fotografate dell’Egeo, la spiaggia di Sarakiniko deve il proprio aspetto alle scogliere di perlite scintillante. La vegetazione è completamente assente e le rocce, scolpite dagli elementi, assumono forme bizzarre: se hai l’occasione di farlo, puoi scrutare il paesaggio dopo il crepuscolo, quando la spiaggia è rischiarata dalla luce lunare. Un posto semplicemente unico.

Kolymbithres

Kolymbithres Beach, posizionata sull’isola di Paros di fronte alla baia di Naoussa, è inconfondibile per la forma delle sue rocce levigate: un luogo decisamente particolare e dall’aspetto selvaggio, che offre al contempo una varietà di servizi. Puoi ambientare la tua zona solarium in una delle calette, oppure accomodarti sulle rocce scolpite dal mare e dal vento: gli spazi sono mignon, ma l’acqua è splendida e il fondale basso e cristallino. Se ti viene fame puoi pranzare nella taverna sulla spiaggia.  

Agios Prokopios

Meta obbligata a Naxos, la spiaggia di Agios Prokobios offre un lungo arenile di sabbia fine e un mare terso, più volte premiato con la bandiera blu europea. L’ideale per prendersela comoda, scrutando le dune sabbiose al riparo dai venti forti. A seconda delle preferenze puoi scegliere fra la zona più a sud, attrezzata con lettini e noleggio attrezzature per gli sport acquatici, e fra le aree libere, generalmente più tranquille. Dopo esserti rilassato in spiaggia puoi gironzolare in paese, dove ti aspettano taverne e locali vista mare. La naturale continuazione di Agios Prokobios è la baia di Agia Anna, ricoperta da un misto di sabbia e rocce e molto frequentata.

Prassonissi

Situata sulla punta meridionale di Rodi, la spiaggia di Prassonissi sorge ai piedi dell’omonimo promontorio. Il mare, qui, si solleva spesso in onde impetuose che ne fanno uno dei ritrovi più amati dai surfisti. La spiaggia è formata da una lingua di sabbia che si allunga fino a raggiungere un isolotto, ai cui lati si aprono due baie incantevoli. Il panorama è idilliaco e la spiaggia ben attrezzata, accontentando gli amanti degli sport acquatici: se ti viene voglia di sfidare le onde, puoi noleggiare la tavola e le migliori attrezzature. Il momento più indicato sono i mesi di luglio e agosto, quando si creano le condizioni di vento ideali.

Parti per la Grecia con Costa Crociere

Hai già scelto la tua oasi preferita? Con una crociera Costa puoi visitare comodamente le isole e le spiagge più belle, passando da una meraviglia all’altra. Se sognare non ti basta, e vuoi ammirare queste perle da vicino, parti al più presto per la Grecia!

Parti con Costa Crociere