Un piccolo paradiso davanti alla costa toscana, ricco di storia oltre che di bellezze naturali. Stilare un elenco per segnalare cosa vedere all’Isola d’Elba è facile e al tempo stesso impegnativo, perché dovendo scegliere si rischia di escludere piccoli angoli di meraviglia. La vostra vacanza sarà particolarmente ricca tra storia, cultura, bellezze naturali, ma soprattutto mare.

Quali sono le spiagge più belle dell'Isola d'Elba? Lacona, Cala Giovanna e molte altre. Scopri quelle davvero imperdibili con una crociera Costa    

 

Spiaggia di Lacona

A ovest la penisola di Fonza, a est il lungo e sottile promontorio di Capo Stella: nello scenario del golfo più profondo dell’Elba troviamo in tutto il suo splendore l’ampia spiaggia di Lacona. È la seconda più estesa di tutta l’isola, con i suoi 1200 metri di arenile. Si tratta tra l’altro di una sabbia molto rinomata, dalla colorazione dorata, esposta verso sud e inserita in un contesto naturale di grande valore paesaggistico. Solo qui, infatti, è possibile osservare alcune aree dunali che ospitano il giglio di mare (Pancratium maritimum), con i caratteristici fiori bianchi accompagnati da un profumo intenso.

In acqua, verso il largo, i fondali in roccia e posidonia rappresentano un luogo di osservazione ideale per le immersioni subacquee. Ma questa spiaggia non attira solo sub, è anche un luogo ideale anche per i turisti più giovani considerati i tanti tratti di spiaggia libera e la possibilità di praticare sport acquatici. Ovviamente anche le famiglie trovano un luogo accogliente, con i bassi fondali che scendono dolcemente e dove i bimbi possono giocare tranquillamente. Inoltre la pineta verdeggiante che incombe sulla spiaggia consente un relax naturale all’ombra dei grandi alberi.

Cala Giovanna

Distante appena 7 miglia marine, l’isola di Pianosa è la più vicina all’Elba nell’arcipelago toscano. Mezz’ora di navigazione dal porto di Marina di Campo è sufficiente per approdare in quella che per un secolo e mezzo è stata una colonia penale. Oggi però le porte sono aperte ai visitatori ed è una fortuna perché si tratta di un ambiente unico per le tante bellezze che qui si incontrano, dai colori del mare alle rocce straordinarie, da ciò che resta del carcere all’ambiente incontaminato. L’isola è interamente pianeggiante e custodisce un vero tesoro naturalistico e archeologico.

L’unica zona dove è consentito fare il bagno coincide con Cala Giovanna, dove in acqua – con una maschera - si possono scoprire le meraviglie sommerse della fauna e della flora marina. Ma non è raro neppure trovare anfore antiche e coralli rossi, pesci come dentici, cernie oppure le posidonie, occhiate, spigole o triglie giganti. Proprio per questo sull’isola sono vietati ancoraggio, pesca e navigazione.

La spiaggia si trova a nord del promontorio della Teglia, con sabbia bianca finissima e un mare cristallino come ai Caraibi. Alle spalle corre il muro che il generale Dalla Chiesa fece costruire negli Anni 70 quando Pianosa diventò sede del carcere di massima sicurezza, riservato a terroristi e mafiosi. Oggi la spiaggia collega il piccolo borgo ai bagni di Agrippa e qui sono ancora visibili le rovine di una lussuosa villa romana del I secolo. Si trattava della dimora appartenuta a Marco Vipsanio Agrippa, nipote di Augusto finito in esilio a Pianosa. Tra le vestigia anche alcune gradinate del teatro circolare oltre ad altri ambienti come la darsena, una pescheria, il bagno marino e quello termale. In alcune sale si scorge la decorazione di pavimenti in marmo, statue e bellissimi mosaici.

Spiaggia di Marina di Campo

Un arenile che si allunga per 1300 metri fino al porticciolo di Marina di Campo, davanti all’Isola di Montecristo. Dalle rocce in granito del monte Capanne deriva la sabbia finissima e dorata, mentre il mare scende gradatamente e a riva ci si può divertire con attività come giocare a racchettoni. La vicinanza del paese omonimo favorisce un turismo per tutte le età ed esigenze.

Ci sono lunghi tratti di spiaggia libera ma sono numerosi i bagni attrezzati, con bar e ristoranti sul mare di ottimo livello. La parte più selvaggia coincide con La Foce, dove una pineta offre riparo nelle ore più calde quando il sole è a picco. Da qui parte una costa rocciosa che nasconde insenature e deliziose calette fino a Capo Fonza, ci si arriva sia dai sentieri e sia via mare, in pedalò. La spiaggia è riparata dai venti e l’acqua oltre che limpida è spesso calma, tanto da essere stata scelta recentemente dalle tartarughe Caretta-caretta per depositare le uova.

Golfo Stella

La spiaggia di Norsi che si affaccia verso Capoliveri sul Golfo Stella si presenta con sassolini scuri e appare molto tranquilla. Lunga quattrocento metri, immersa in un’atmosfera tipicamente famigliare e nel clima mediterraneo, ha profumi intensi e colori tenui. La si raggiunge comodamente in auto, parcheggiando in uno spazio accessibile a ridosso del mare oppure seguendo a piedi un percorso di 5 minuti. La spiaggia è del tutto libera e spicca per il suo aspetto selvaggio. Un panorama di grande fascino, garantito anche dal fatto che si tratta di un luogo poco frequentato: difficile che su questa spiaggia ci siano più di dieci persone, un dettaglio di grande valore. Il mare è turchese, chiazzato di blu.

Nei dintorni la punta che separa il Golfo Stella da Lacona è alta e rocciosa ma presenta calette in ghiaia, esposte alle mareggiate, accessibili via mare. Sul golfo invece si affaccia la spiaggia di Margidore, in ghiaia scura. Molto più conosciuta e apprezzata la spiaggia di Lido di Capoliveri, nel punto più profondo del golfo Stella. Molto bella la spiaggia di Barabarca, sabbiosa e riparata da due punte sotto al promontorio di Calamita, attorniata da una verdeggiante scogliera di tufo.

Spiaggia di Procchio

Si estende dal Lido di Procchio al Campo all’Aia e fino alla piccola spiaggia della Guardiola. Un arco dorato di sabbia fine, accarezzato dal mare azzurro con sfumature smeraldine che spesso è piatto quando a soffiare sono i venti meridionali. Un tempo si chiamava Cervinia ed era un importante centro di lavorazione del rame e del ferro, come testimoniato dal ritrovamento di un forno di fusione e lo scafo di una antica nave romana con un carico di anfore perfettamente conservate. La spiaggia è molto attrezzata: è consentito anche l’accesso a persone con disabilità che possono usufruire di due sedie job e di appositi cabine e bagni. Si arriva qui dalla frazione di Procchio su una strada riservata ai pedoni. 

Spiaggia della Guardiola

Alla destra del golfo di Procchio, questa piccola spiaggia in ghiaia e sabbia è una meta scelta da chi va in vacanza assieme al proprio cane. C’è spazio a sufficienza e un’atmosfera tranquilla. Camminando lungo la costa si arriva a una bellissima scogliera proprio davanti all’edificio militare della Guardiola. L’ambiente è selvaggio e il tratto di mare limpido invita a fare snorkeling e pesca subacquea.

Spiaggia di Sansone

Qui siamo di fronte a una bellezza che toglie il fiato. In un certo senso, sotto ogni punto di vista, dato che percorrere un sentiero pittoresco che scende dalla provinciale dell’Enfola non è agevole e lascia appunto a corto di fiato. Ma una volta arrivati, sarete entusiasti delle alte falesie bianche che fanno da contorno e del blu del mare. Una delle spiagge bianche vicino a Portoferraio, tagliata in due da una frana che la tiene separata da una spiaggia minore, la Sorgente, oltre che da un grande faraglione spesso attorniato dalle canoe.

Spiaggia Felciaio

Poco distante da Capoliveri, caratterizzata da alcuni scogli che qualche anno fa furono sistemati in acque per formare un porticciolo destinato alle imbarcazioni di una villa. Si è così creata una sorta di piscina naturale molto suggestiva, perfettamente inserita nell’ambiente. Una parte della spiaggia è invece contraddista dalle pietre e dai cumuli di posidonia che la ricoprono.

Spiaggia La Padulella

Molto amata dagli abitanti di Portoferraio, le alte falesie bianche alle sue spalle la rendono affascinante. Formata da piccoli ciottoli di ghiaia levigata, è situata al confine della Riserva Marina di tutela biologica dello Scoglietto. Rientrano in questa particolare Area anche la spiaggia delle Ghiaie, delle Viste e cala dei Frati: il mare è ricco di fauna marina, vicino alle bianche scogliere di Capo Bianco.

Spiaggia di Cavoli

Tra i lidi più famosi dell’Elba, baciata da un fantastico microclima che permette di ottenere abbronzature dorate anche fuori stagione. La sua sabbia è granulosa, scivola via sulla pelle. La spiaggia è all’interno di un’insenatura nel mezzo della macchia mediterranea e protetta da lunghe scogliere. A est di Cavoli si può scoprire la bellissima Grotta Azzurra, detta anche Grotta di Mare, raggiungibile solo in barca oppure in pedalò.

Cala dei Frati

Un’altra spiaggia molto piccola, nel comune di Portoferraio. La delimitano le spiagge delle Ghiaie e quella della Padulella. Non ci si può arrivare via terra e per questo motivo non è mai affollata, neppure nei giorni più caldi dell’estate. I ciottoli e il costone roccioso alle sue spalle la caratterizzano come una delle spiagge più belle dell’isola.

Spiaggia di Forno

Sul golfo della Biodola si affaccia una piccola spiaggia che per metà è di sabbia dorata e per un’altra metà è mista a sassolini e granulosa, simile a quella di Cavoli. Si distingue per una grande palma solitaria e per una serie di casette colorate che si integrano perfettamente con l’ambiente e si affacciano direttamente sull’arenile.

Spiaggia di Sant'Andrea

Entrare a Sant’Andrea è come varcare la soglia di una realtà inaspettata dove la sabbia granitica lambita da un mare turchese fa davvero la differenza. Anche arrivare in auto fino alla spiaggia è un’esperienza da vivere, perché la provinciale che da Marciana arriva a Marina di Campo attraversa una zona da dove si dominano le spiagge e le calette sottostanti tra uno scorcio di panorama mozzafiato e l’altro.

Spiaggia La Fetovaia

Il lido è inserito in un contesto straordinario tra colori meravigliosi dove la spiaggia granitica è protetta dal promontorio selvaggio di Punta Fetovaia. Spiaggia riparata da tutti i venti, solo lo Scirocco nelle giornate di burrasca increspa il mare. Tutta l’area è ricoperta di vegetazione, tipica di queste zone, l’acqua ha una tinta turchese e l’ambiente nel suo insieme è davvero paradisiaco.

Baia di Vetrangoli

Anche su questa spiaggia ci si arriva unicamente via mare. Si tratta quindi di un altro piccolo gioiello incontaminato e senza la folla dei luoghi più turistici. SI fa notare per la varietà delle colorazioni, legate alla diversità dei minerali con una sabbia formata da ghiaia fine e un aspetto da autentica oasi. Un promontorio la divide dalla spiaggia di Remaiolo rendendola protetta e difficile da raggiungere. Luogo ideale per concedersi un giusto riposo fino all’ora magica del tramonto.

Spiaggia di San Giovanni

Più che un lido è un approdo per le imbarcazioni di chi poi si sposta a Portoferraio. Il fondale è basso, la spiaggia è di ghiaia mista a sabbia proprio davanti al villaggio di San Giovanni, dopo il muretto e il piazzale antistante. La vista scorre sulla darsena e su Portoferraio, sormontato dall’affascinante Fortezza Medicea. È comunque un buon punto di riferimento per una breve sosta e quindi per organizzare qualche escursione diretta verso le bellissime calette della costa settentrionale.

Spiaggia Lamaia

Per arrivarci si segue il Sentiero della Salute e si tratta già di una prospettiva incoraggiante. Ai lati della spiaggia poi, le due scogliere che si allungano sul mare limpido sono ideali per lo snorkeling oppure per pescare in tranquillità. Un percorso la collega alla spiaggia di Procchio, passando dalla caletta del Porticciolo. Tutto intorno domina il verde, nei periodi di bassa stagione sembra una spiaggia privata: solitaria, isolata e bellissima.

Spiaggia di Biodola

Uno dei golfi più affascinanti dell’Elba si apre al visitatore uscendo da Portoferraio verso Procchio. La spiaggia è una sorta di naturale anfiteatro costituito dai rilievi di Capannone, Serone delle Cime e Colle Pecorara, coperto da un rigoglioso bosco ceduo e dalla macchia mediterranea, impreziosito dalla vista del Monte Perone e del Capanne. Si estende su seicento metri di sabbia dorata. La Biodola prende il nome da un particolare giunco che cresceva sulle dune.

Spiaggia di Scaglieri

Passando attraverso gli scogli si arriva verso l’adiacente Biodola. Ed è molto simile all’altra spiaggia: non a caso è considerata un po’ la sua sorella minore. Si affaccia nello stesso golfo ed è esposta alla luce fino a quando il sole si immerge tra l’Elba e Capraia, colorando il cielo di tutte le gradazioni di rosso. Si tratta davvero di uno spettacolo da non perdere.

Spiaggia di Viticcio

Si tratta in realtà di una serie di spiaggette, di cui due “maggiori”, distribuite sulla costa nei pressi di Portoferraio. Sono in ghiaia ma contraddistinte dalla caratteristica scogliera grigiastra con inserti chiari in quarzo. La spiaggia della Pinetina, leggermente più a nord, è inserita in un ambiente un aspetto ancora più rilassante, a specchio sulle trasparenze del mare. È anche chiamata “spiaggia delle alghe”, presenti in grande quantità.

Parti per l'Isola d'Elba con Costa Crociere

L’isola dei mille tesori, tutti da scoprire, ci aspetta per una navigazione sicura e ricca di sorprese. A due passi da casa, puoi aprire il suo scrigno assieme a Costa Crociere!

Parti con Costa Crociere