Dalla Liguria alla Sicilia; dalla Calabria, alla Puglia, passando per la Toscana e facendo una capatina in Campania, senza dimenticare la meravigliosa Sardegna. Ma ci sono molte altre regioni che sapranno sorprendervi. L’Italia è un’esplosione di spiagge variegate da Nord a Sud. Dalle classiche spiagge da cartolina, che ricordano le atmosfere caraibiche, alle cale nascoste, che regalano scorci mozzafiato alle distese di sabbia circondate da maestose pareti o da una vegetazione rigogliosa. Scopriamo insieme quali sono le più belle spiagge italiane con un’escursione Costa, senza dimenticare la meraviglia delle più belle isole italiane.

Punta Chiappa (Liguria)

Punta Chiappa è un piccolo gioiello incastonato nella riserva marina di Portofino. Si può raggiungere in traghetto, o a piedi da Camogli. Un luogo magico, sospeso nel tempo e nella magia. C’è un lembo di roccia immerso nelle acque cristalline, c’è un borgo popolare con le casette colorate e le reti dei pescatori appese alle ringhiere. Ci sono dei sentieri da attraversare per godersi anche una natura che sa essere allo stesso rigogliosa e selvaggia. Può essere il luogo perfetto per un bagno rilassante, ma anche l’occasione per gustarsi i ristoranti tipici della zona, che a volta hanno una vista a picco sul mare. Un luogo in cui non mancano edifici e chiese da scoprire, a partire dal gioiello romanico di San Nicolò di Capodimonte.

Spiaggia di San Vito lo Capo (Sicilia)

La Sicilia è una continua sorpresa, soprattutto per quanto riguarda le spiagge. Il litorale nord-occidentale in particolare è un susseguirsi di calette immerse in un mare incontaminato e incastonato dalla tipica vegetazione mediterranea. San Vito Lo Capo è un pittoresco comune a nord di Trapani, le cui spiagge sono rinomate per la bellezza caraibica. Il paese, poi, si trova incastonato tra due meraviglie d’Italia: la Riserva dello Zingaro e la Riserva di Monte Cofano.

La spiaggia nel centro di San Vito Lo Capo si estende per tre chilometri ed è un’esplosione di sfumature: dal bianco della sabbia all’azzurro tendente al verde del mare. Nella zona ci sono almeno una decina di spiagge da non perdere, fra cui Macari, Castelluzzo. Mare, sole, relax, ma anche la possibilità di fare passeggiate all’interno di un paesaggio affascinante, rigoglioso e aspro.

Baia dei Saraceni (Liguria)

Si torna in Liguria, a Varigotti, una frazione di Finale Ligure per gustarsi questa piccola spiaggia ricca di sorprese. Immaginatevi un arenile di sabbia e ghiaia che si estende per 400 metri. La cornice è spettacolare, essendo una baia pittoresca esaltata da un mare limpido e ricco di sfumature. Baia dei saraceni offre un’occasione di relax a contatto con la natura. Un gioiello che ha ispirato negli anni poeti e scrittori.

Cala Violina (Toscana)

È stata definita “una delle più belle spiagge della Maremma” e sicuramente una delle più pittoresche di tutta la Toscana. E gli elementi che la contraddistinguono, in effetti, sono sabbia chiara, mare incontaminato e una natura da ammirare. Cala Violina fa parte della Riserva Naturale delle Bandite di Scarlino. Godetevi la macchia mediterranea, i sentieri che vi faranno pregustare scorci unici e una spiaggia composta da piccolissimi frammenti di quarzo. Secondo una leggenda il nome deriverebbe dal suono evocato dalla sabbia a contatto con i passi: quello dolce e conciliante di un violino.

Scala dei Turchi (Sicilia)

Ancora la Sicilia protagonista con questa spiaggia caratterizzata da una scogliera bianca, ormai diventata popolarissima. Scala dei Turchi non è troppo distante dalla Valle dei Templi di Agrigento. La bellissima spiaggia, caratterizzata da una sabbia fine e da un mare limpido, ideale anche per chi vuole fare dello snorkeling, si raggiunge a piedi. Il lungo arenile è servito da bar e chioschi. Dalla scogliera è possibile godere di un panorama unico, anche se c’è chi ne approfitta semplicemente per rilassarsi e abbronzarsi.

Su Giudeu (Sardegna)

Nella Sardegna sud-occidentale c’è questa meravigliosa spiaggia che offrirà acqua cristallina, sabbia bianca e anche qualche curiosità, a partire dal nome. Su Giudeu deriva dal nome del polpo che abita le acque attorno a una coppia di scogli. La spiaggia è particolarmente adatta per i bambini, visto il fondale basso e il mare calmo. La spaziosa è spiaggia p la continuazione di un gioiello della stessa baia, S’Aqua Durci. La spiaggia si trova a Chia, nel territorio di Domus de Maria.

Tonnarella dell'Uzzo (Sicilia)

È la spiaggia più estesa e frequentata della Riserva dello Zingaro in Sicilia. Cala Tonnarella dell’Uzzo si può raggiungere anche attraverso un sentiero. Questo angolo di meraviglia sospeso tra cielo e mare è stato scelto come uno dei 15 posti più belli di Italia. E non c’è solo il mare a emozionare, soprattutto al mattino, quando la presenza delle persone è minore, ma anche una cornice fatta di giardini e boschi da ammirare. Tra le chicche della zona anche un pittoresco museo, il museo delle Attività Marinare, dove si potranno scoprire informazioni e segreti sulla storia della pesca.

Cala Feola (Ponza)

Una spiaggia a misura di bambini, completamente sabbiosa e con le acque calme, popolare per le sue piscine naturali cha attirano anche i turisti. Cala Feola, che si trova a Ponza, prende i nomi dai coloni che ci abitarono negli anni passati. Fino al 1940 nell’area vivevano le foche monache. Sul costone roccioso si possono ammirare delle case particolari, le cosiddette “case tartufo”, ricavate dal tufo, sono state ampliate con stanze in muratura e colorate con tonalità pastello e tetti a cupola. La spiaggia si raggiunge con un sentiero che porta a oltre 200 scalini, accesso diretto per la spiaggia. Nell’area sono previsti servizi anche di noleggio canoe e pedalò.

Area Marina Protetta del Plemmirio (Sicilia)

Nell’Area Marina Protetta del Plemmirio c’è un po’ di tutto. Un mare antico custodisce un sito ricco di testimonianze storiche, che comprendono anche da resti di navi greche e romane. Immaginatevi anche paesaggi incantevoli, fondali mozzafiato, un susseguirsi di coste, calette, grotte e anche di flora e fauna uniche. Siamo a Siracusa, nella località Penisola di Maddalena. È un’area particolarmente interessante per chi fa immersione. C’è un itinerario che permette di seguire le navi inabissate o dà la possibilità di scoprire grotte nella roccia bianca, abitate da ogni specie marina che popola il Mediterraneo.

Spiaggia di Torre Sant'Andrea (Puglia)

È comunemente detta “la spiaggia dei faraglioni”, uno dei gioielli che illuminano la Puglia, a nord di Otranto. Qui troverete bellezze e angoli in cui perdervi, oltre a un mare cristallino, insignito della Bandiera Blu, che si accompagna a una sabbia morbida, dipingendo uno scenario magico. La costa offre anfratti e grotte che potrete scoprire. Nella parte nord della baia, nella scogliera si aprono piccole piazzole da cui è possibile fare dei tuffi. Sulla spiaggia veglia una torretta cinquecentesca. Torre Sant’Andrea ha un piccolo porto ed è località graziosa, che mantiene un aspetto rustico. Tra le attrattive della zona c’è anche la Grotta di San Cristoforo, con le sue iscrizioni augurali. 

Cala Luna (Sardegna)

Per molti è una delle più belle spiagge del Mediterraneo. D’altronde il colpo d’occhio non lascia spazio a dubbi. Oleandri che fanno da sfondo a sei grotte che si aprono sull’arenile, una lingua di sabbia che si estende per 800 metri. Cala Luna si trova nel meraviglioso Golfo di Orosei, in provincia di Nuoro. Oltre a un mare magico, troverete una cala, puntellata da splendide grotte, rifugio ideale dal sole nei mesi più caldi. Attraverso il bosco si può fare anche del trekking nella macchia mediterranea, in mezzo agli animali selvatici.

Is Arutas (Sardegna)

Ci spostiamo nel Golfo di Oristano, nella penisola del Sinis dove brilla questa gemma in cui il mare turchese si mischia ai granelli di quarzo finissimi. La gradazione di colori regala tonalità che sfumano dal bianco al verde, attraversando il rosa. Si tratta di una spiaggia ideale per rilassarsi, ma anche per fare snorkeling o immersioni. Il fondale, profondo fin da subito, ha acque verdi, che tendono al blu. La limpidezza delle acque ti permetterà di incontrare pesci e di scoprire elementi marini, come le formazioni di posidonia. Anche lo sport è un’attività usuale, con molte persone che praticano windsurf e kitesurf. A nord di Is Arutas c’è una spiaggia gemella Mari Ermi.

Spiagge di Tropea (Calabria)

La costa occidentale della Calabria regala spiagge davvero spettacolari. Un mix dove il mare incontra la costa rocciosa e fa da sfondo a una sabbia finissima. Uno dei luoghi da non perdere è la famosa Grotta Azzurra di Tropea, raggiungibile via mare o via terra attraverso la Baia di Riaci. Questa meraviglia si trova nei pressi della spiaggia di Petri i Mulinu. Una spiaggetta riservata che deve il suo nome a una antica tradizione. Qui vi era una cava naturale dove gli scalpellini realizzavano le ruote di pietra per i frantoi e i mulini dei casali nelle vicinanze.

Un’altra spiaggia da non perdere, sempre in provincia di Vibo Valentia, è la spiaggia della Rotonda, che si apre a picco sul mare. La spiaggia ‘A linguata è quella più estesa e regala un mare cristallino e una sabbia finissima. Un’altra perla è la spiaggia del Convento, ideale per chi vuole dedicarsi allo snorkeling e alle immersioni grazie all’acqua limpida e ai fondali profondi.

Marina di Camerota (Campania)

Il Cilento è una delle zone più belle e apprezzate dai turisti per la bellezza dei suoi paesaggi e per le sue acque cristalline. Marina di Camerota offre diverse alternative per riposarsi. Spiaggia Calanca è una delle spiagge più famose, merito del litorale esteso e della sabbia soffice. La spiaggia è all’interno di una baia circondata da pareti rocciose e il mare è di un azzurro limpido.

Un’altra spiaggia da non perdere è quella di Lentiscelle, ha un litorale esteso, sabbia mista a ghiaia e acque linde. I fondali sono molto alti e non sono adatti ai bambini. Nelle vicinanze c’è anche la popolare Cala degli Infreschi, che si può raggiungere attraverso un percorso di trekking. Fa parte di una riserva protetta, ed è uno spettacolo che offre sabbia chiara, fondali sabbiosi e acque turchesi.

Baia del Silenzio (Liguria)

È un luogo che da sempre ha ispirato artisti e poeti. La baia del Silenzio a Sestri Levante è un luogo di incantevole magia, presente nelle classifiche delle migliori spiagge italiane. Il merito è della sabbia fine e dal mare, ma soprattutto grazie alla cornice di incantevoli case colorate. I suoi colori, al tramonto e alla sera, sono da cartolina. I colori che si fondono, l’assoluto silenzio che regna e la cornice di vegetazione la rende un posto molto amato dalle coppie in cerca di uno scenario in cui passeggiare mano nella mano o in cui contemplare il tramonto, o semplicemente il mare e i suoi riflessi.

Porto Giunco (Sardegna)

È uno dei posti più belli di tutta la Sardegna: Porto Giunco è la spiaggia di Villasimius, località che si trova a sud di Cagliari. Godetevi le sfumature cristalline dell’acqua o la sabbia bianca finissima e piena di tonalità rosa, causate dalle erosioni delle rocce. L’arenile è particolarmente esteso, e anche in caso di molta affluenza, gli spazi risultano adeguati. Lo scenario mozzafiato è stato più volte sfruttato per spot televisivi o servizi fotografici. La cornice è quella di un promontorio sul quale c’è una torre, risalente al 1500. Qui potrete inoltre godere di una vista senza pari. 

La Pelosa (Sardegna)

Universalmente riconosciuta come una delle spiagge “da film” La Pelosa, si trova a Stintino, nel Nord della Sardegna, protetta dai faraglioni. Vi sembrerà di essere sbarcati nei Caraibi, tra sabbia fine, acque turchesi, vegetazione rigogliosa, che nasconde i ginepri e pure un panorama senza pari offerto dalle torri che fanno da cornice. Di fronte c’è l’isola Piana. Nella zona scoprirete altre meraviglie tra calette, come “La Pelosetta”, che si trova nei pressi della spiaggia che fa da sorella maggiore.

Cala Rossa (Sicilia)

La Sicilia sa regalare degli angoli di paradiso. In questo caso basterà spingersi oltre Trapani, sulla meravigliosa isola di Favignana, une delle isole più incantevoli del Mediterraneo. Un luogo dai mille colori, tra cave di pietra, sentieri in mezzo al verde, il calcare che contrasta con l’azzurro del mare. Preparatevi ad acque cristalline, spiagge paradisiache in cui staccare la spina e riposarsi. Il nome “Cala Rossa” rimanderebbe a una cruenta che battaglia che contrappose Romani e Cartaginesi e che insanguinò la spiaggia.  Oggi vi troverete in una tranquilla spiaggia, incastonata da meravigliose cave di tufo. Il mare, poi, è un’esplosione di azzurro, circondato da scogliere da cui si può godere di un panorama unico.

Cala Goloritzè (Sardegna)

Quando mare e monti si incontrano può nascere un capolavoro. È il caso di Cala Goritzè, nel golfo di Orosei, uno degli angoli più fotografati e apprezzati della Sardegna. Dal 1995 è un monumento nazionale protetto. Infiniti sassolini di colore bianco compongono l’arenile, creatosi dopo una frana originatasi dalla parete di arenaria, negli Anni 60. A sud della baia potrete ammirare un arco di pietra che cade a picco sul mare, risultato dell’azione di erosione del vento. C’è poi uno sperone calcareo, che fa da “custode”, e che è uno delle attrazioni più gradite da chi fa arrampicata. La spiaggia è anche la patria del trekking, è l’habitat preferito del falco della regina. Per gli appassionati c’è la possibilità di fare una passeggiata attraverso la macchia mediterranea.

Cala Mariolu (Sardegna)

Un’altra perla del golfo di Orosei, si trova a Baunei e deve il suo nome (Cala Mariolu) a un fatto curioso. Si dice che la foca monaca rubasse il pescato dalle reti, perciò era chiamata “Mariolo” (ladro). Lo scenario è difficile da raccontare, a cominciare dalle acque, e dalle tonalità di blu, che tendono al verde e all’azzurro. La sabbia è pittoresca è mescola sassolini rosa e bianchi (detti “pulci di nevi”). Per gli amanti dello snorkeling o delle immersioni i fondali sono un mondo pieno di sorprese. Pure i delfini ogni tanto fanno una capatina al largo. Alzando lo sguardo si potrebbero vedere l’aquila reale, il cormorano, il falco della Regina o quello Pellegrino.

Spiaggia dei Conigli (Lampedusa)

Per i viaggiatori di Trip Advisor è la spiaggia più bella del mondo.  Sull’isola dei consigli di Lampedusa vivrete un’atmosfera incantata, illuminata dai colori limpidi dell’acqua, impreziositi anche da una fauna marina impressionante. E non è un caso che i turisti vengano da tutto il mondo. Si tratta di una piccola isola, che si trova all’interno di una baia più grande. La spiaggia, un paradiso formato da sabbia bianchissima e acque incontaminate, fa parte di un’area ambientale tutelata. E qui potrete dedicarvi allo snorkeling e alle immersioni oppure alle camminate lungo i sentieri che toccano le scogliere fino a Cala Pulcino, o dall’altro versante fino alla baia della grotta della Tabaccara.

Spiaggia delle Due Sorelle (Marche)

Un luogo iconico della Riviera del Conero, che si trova a Sirolo e può essere raggiunto solo via mare dal porto di Numana. La spiaggia delle Due sorelle deve il nome a due scogli gemelli che vedrete spuntare dall’acqua. Si tratta di una spiaggia totalmente incontaminata con sabbia bianca e mare limpido, dall’atmosfera selvaggia e dai tratti semplici. Un posto per ricaricarsi e per rilassarsi, visto che non è presente nessun servizio. Si tratta della prima spiaggia sul fianco sud del monte Conero. È stata definita “un candido fazzoletto bagnato nel mar Adriatico”.

Spiaggia delle Ghiaie (Toscana)

Oltre alla bellezza dei fondali e delle acque c’è anche un pizzico di leggenda che colora la spiaggia delle Ghiaie, di Portoferraio sull’Isola d’Elba. Secondo il mito i ciottoli bianchi di eurite, quasi abbaglianti, sarebbero stati macchiati dal sudore degli Argonauti, che erano in cerca del Vello d’oro. La verità, sotto gli occhi di tutti, è che il luogo è indescrivibile. Nei giorni di scirocco, quando i riflessi e le sfumature vengono esaltati sembrerà di nuotare in una piscina.

Si tratta di una zona di tutela biologica per la varietà della flora marina. Questo lo rende uno dei posti più adatti per le immersioni o per lo snorkeling. La spiaggia è stata dotata anche di un impianto di illuminazione per permettere alle persone di poter fare i bagni notturni in totale sicurezza. La vista dà sull’isolotto dello Scoglietto.

Baia del Buon Dormire (Campania)

Il nome è già un’anticipazione di quello che troverete: pace e relax che renderanno speciale la vostra vacanza. Un’oasi incontaminata nel Cilento, una miscela di diverse tonalità, da quella dorata della sabbia al verde del mare. Si può raggiungere solo via mare, con imbarcazioni che partono dal porto di Palinuro. Si tratta di una piccola spiaggia di sabbia soffice, bagnata da acque cristalline e avvolta da una cornice naturale da ammirare. Le rocce che cadono a picco sul mare sembrano disegnate e sospese, e sono orlate da un po’ di vegetazione. È un luogo particolarmente adatto per le famiglie e per i bambini, visto che le acque sono molto basse. C’è anche un’altra curiosità, quello di uno scoglio con una forma molto particolare e riconoscibile, chiamato lo scoglio del coniglio.

Punta Prosciutto (Puglia)

Alte dune di sabbia soffice, mare incontaminato, cielo quasi sempre azzurro. Punta Prosciutto è amata non solo dai salentini, ma da tutti i turisti. Si trova nell’area marina protetta di Porto Cesareo. Lo scenario è rilassante, non ci sono quasi abitazioni, la sabbia è morbida e lo sguardo si perde all’infinito. È inoltre una spiaggia libera e con i fondali bassi, il che permette ai bambini di sguazzare liberamente. Respirerete un fascino tropicale per godersi una tintarella o un tuffo in mare. Il litorale è ampio, intervallato da dune in cui primeggia la macchia mediterranea. Scoprirete anche delle particolari cavità naturali, presenti nel terreno. A largo troverete anche appassionati di immersioni e di windsurf. L’area è confluita nella riserva naturale Palude del Conte e duna costiera.

Spiaggia di Cala Spalmatore (Sardegna)

Un tesoro nel tesoro. La spiaggia di Cala Spalmatore si trova sull’isola della Maddalena. La sabbia è bianca e sottile, il mare è trasparente, in più il luogo è sempre riparato dai venti, visto che sorge tra due promontori. La cornice è quella di una vegetazione mediterranea rigogliosa, che aggiunge le sfumature rosa delle rocce, levigate dall’acqua e dal vento. Aggiungeteci anche i fondali bassi che permettono di nuotare tranquilli, anche se la sua bellezza richiama molti visitatori. Nella zona sono presenti diversi servizi per fare una pausa, rilassarsi o noleggiare diversi tipi di attrezzature, tra cui i pedalò.

Cala del Bue Marino (Sicilia)

Cala del Bue Marino si trova a Favignana tra Cala Rossa e Punta Marsala. Vi immergerete in un mare splendido, dai colori accesi e dalle acque trasparenti con un fondale cristallino. C’è anche un tocco di fascino in più visto la Cala si trova in una zona in cui viene estratto il tufo: potrete visitare pittoreschi cunicoli con l’aiuto di torce. La spiaggia rappresenta un’occasione per una giornata di relax e di scoperta dei fondali che sono ricchi di flora e di fauna marina, con un’attenzione particolare alle correnti marine, che sono sempre molto forti. Un tempo era il regno indiscusso della foca monaca.

Spiaggia Valle dell’Erica (Sardegna)

Suggestiva, pittoresca, con la possibilità di godersi un panorama impagabile sull’isola di Spargi con l’arcipelago dell’Isola della Maddalena sullo sfondo. Spiaggia Valle dell’Erica è a una quindicina di chilometri dal centro di Santa Teresa di Gallura. Le rocce levigate dal vento hanno creato delle piccole piscine naturali in cui è possibile rilassarsi. Il mare è limpido, trasparente e ha sfumature che variano tra l’azzurro e il cobalto: il fondale è piuttosto profondo. Le rocce granitiche proteggono la spiaggia dai venti.

Spiaggia di Sabaudia (Lazio)

Un corridoio di vegetazione, una striscia di sabbia che si estende fino a Nettuno, la spiaggia di Sabaudia, in provincia di Latina, sta uscendo dai confini romani e diventando una spiaggia tra le più popolari, e frequentata anche dai vip. Il mare permette di rilassarsi e di dedicarsi anche agli sport d’acqua, in special modo surf. Il litorale è uno dei più belli del Lazio. Si alternano dune, vegetazione rigogliosa di macchia mediterranea dove non mancano le specie protette. Parte del territorio comunale rientra nel Parco nazionale del Circeo.

Lido di Pietragrande (Puglia)

Un’occasione di relax in un altro angolo di meraviglia italiana, nel golfo di Squillace, in provincia di Catanzaro. Due scogliere panoramiche incastonano la spiaggia che alterna sabbia mista a ghiaia ad un mare limpido il cui fondale che digrada velocemente. Il nome si deve al famoso scoglio che si erge in mezzo al mare, ed è alto 13 metri. Si tratta di un’attrazione irresistibile per chi ama tuffarsi. Per diversi anni, sullo stile della città messicana di Acapulco, si sono svolti i campionati mondiali di tuffi dalle grandi altezze. La spiaggia è particolarmente adatta per chi è appassionato di immersioni.

Spiaggia di San Pietro in Bevagna (Puglia)

Torniamo in Salento, a nord di Porto Cesareo, siamo in provincia di Taranto. Questa porzione di costa è famosa per la lunga spiaggia, soffici dune bianche e basse scogliere ed è particolarmente adatta per chi ha bambini piccoli. Il mare è meraviglioso, trasparente e digrada dolcemente. Parte della spiaggia di San Pietro in Bevagna è libera, in altre si possono affittare lettini e ombrelloni. Non mancano i servizi e i chioschi dove poter fare uno spuntino. Si tratta di una spiaggia ideale per rilassarsi o per passare una giornata di condivisione e relax con gli amici, anche solo per il tempo di una tintarella.

Cala Bianca (Campania)

Un gioiello incontaminato, difficile da raggiungere, ma una volta che si arriva a contemplarlo lo spettacolo è assicurato. Cala Bianca di Camerota, in provincia di Salerno è una delle spiagge più incantevoli d’Italia, visto che è riuscita a mantenere la sua aria un po’selvaggia. Il motivo è semplice: è molto più facile raggiungerla via mare, visto che via terra bisogna servirsi di sentieri per amanti del trekking. L’acqua è limpida, i fondali sono il paradiso dei sub. È stata più volte nominata “Spiaggia regina dell’estate”. Vi troverete di fronte un’oasi bianca, incastonata tra due speroni verdi. Un posto perfetto per respirare natura e rilassarsi. Il nome deriva dai suoi ciottoli bianchi che formano la spiaggia.

Vivi le meraviglie dell’Italia con Costa

Il nostro Paese riesce a regalarci sempre nuove occasioni per sorprendersi della sua bellezza. Non ci sono solo arte, cultura e storia in una vacanza. C’è anche e soprattutto la natura, un bene che deve essere sempre più protetto. Ed ecco allora che può essere un’opportunità quella di scoprire il tesoro balneare italiano, fatto di pittoreschi lidi, baie incantevoli, spiagge dai nomi pittoreschi in cui riposare, nuotare o fare attività sportiva. Scegliete la vostra vacanza, scoprite il vostro mare e adottate la vostra spiaggia, magari pianificando già adesso il vostro viaggio per l’estate.

Parti con Costa Crociere