Il Vesuvio sullo sfondo, le atmosfere vivaci, il profumo del pesce fresco, il richiamo delle isole del Golfo: vivere il mare a Napoli è un'esperienza che coinvolge tutti i sensi. Le spiagge di Ischia, Procida e Capri si contendono la palma del fascino con gli scorci della Penisola Sorrentina, senza tralasciare le spiagge storiche del litorale cittadino. Cosa vedere a Napoli per assaporare la sua magia e godersi il meritato relax? Non serve necessariamente salpare in barca: basta scegliere gli accessi al mare più ammalianti, spesso posizionati a pochi metri dal centro. Come le eleganti spiagge di Posillipo, il quartiere più esclusivo della città, circondato da insenature baciate dal sole, minuscoli lidi e tesori naturalistici e archeologici, come quelli compresi nel Parco di Gaiola. La scelta spazia dai lidi più centrali e ricchi di storia – come il famoso Bagno Elena – ai celebri ritrovi balneari di Ischia e delle isole limitrofe. A Napoli non si sa più cosa guardare:  vale tanto per i monumenti, quanto per le bellezze paesaggistiche che si moltiplicano a ogni lato. L'estate, qui, ha mille volti: dalle baie più chic ed esclusive, alle spiagge animate dove sorseggiare l'aperitivo in un clima festoso e coinvolgente. Abbiamo selezionato le 15 spiagge più belle di Napoli e dintorni, dove trascorrere una lunga stagione di relax tra i magici scorci del golfo: tutte bellezze a portata di mano per chi sceglie una crociera Costa:

Spiaggia La Gaiola

La Gaiola è una spiaggia speciale: a partire dallo scenario, dominato dagli scogli gemelli collegati da un ponticello. È tra le istantanee più note di Posillipo: il contesto è d'eccezione poiché ci troviamo nell'area marina protetta di Gaiola. Per godere di questo panorama ci sono due opzioni: la spiaggia libera – contesissima – e la zona ad accesso limitato, inclusa nel parco. Per accedere a quest'ultima è necessario esibire un documento: sono  infatti ammessi solo cento bagnanti per volta. È necessario affrontare, inoltre, la Discesa Gaiola, una lunga rampa di scale: ma lo sforzo è trascurabile se confrontato alla magia del luogo. La spiaggia si estende tra Marechiaro e la Baia di Trentaremi e affaccia su un mare meraviglioso, specie nella zona già segnalata: chi vuole approfittare di questo privilegio, tuttavia, deve rispettare il divieto di consumare cibo e bevande. Oltre a concedersi un bel tuffo, è d'obbligo un'escursione nel Parco Sommerso di Gaiola: magari, a bordo del battello con fondo trasparente che consente di ammirare le bellezze inghiottite dal mare: il parco archeologico racchiude stupefacenti vestigia subacquee. Splendidi anche gli itinerari riservati agli amanti dello snorkeling e a chi dispone del brevetto sub. Gli scogli della Gaiola sono parte integrante del panorama, ma anche del folklore locale: tante sono le leggende che aleggiando intorno alla villa che troneggia sulla roccia. Un'idea fantastica per contemplare da vicino la Gaiola e la sua misteriosa villa –  raggiungibile anche a nuoto con poche bracciate – è organizzare un'escursione in canoa.

Spiaggia di Miseno

Insieme alla spiaggia di Miliscola, quella di Miseno è in assoluto tra le spiagge più ambite per godersi l'estate nei dintorni di Napoli. Si trova sulla penisola flegrea che affaccia sul canale di Procida, a breve distanza da Capo Miseno che segna la punta estrema della penisola. Procida è così vicina che sembra di poterla toccare e alle sua spalle si delinea la sagoma di Ischia: il panorama è grandioso. L'arenile offre spazio a volontà, perlopiù occupato da lidi attrezzati con tutti i servizi, anche se non manca qualche area libera. Dopo aver ravvivato la tintarella, arriva l'ora dell'aperitivo: il litorale, lunghissimo, è costellato di beach bar e locali dove godersi il tramonto e rilassarsi col dj set. Il divertimento, in questa parte del litorale, è non stop: si comincia in mattinata coi brunch musicali, per poi scatenarsi col beach fitness e chiudere in bellezza coi dance floor, in scena prima e dopo il calar del sole.

Spiaggia di Miliscola

La spiaggia di Miliscola condivide lo stesso panorama: le isole del golfo di Napoli e la massa imponente di Capo Miseno con l'antica caldera. Per godersi questa vista mozzafiato sono a disposizione centinaia di metri di sabbia  morbida. Anche qui, sull'arenile si alternano tratti liberi e stabilimenti balneari, tendenzialmente molto affollati: fatto scontato, dato che bastano pochi minuti di auto da Napoli per ritrovarsi in questo posto fantastico. Alle spalle della spiaggia si trova il Lago Miseno, specchio salmastro divenuto una classica meta “outdoor” per i turisti e i residenti. Il suo nome ricorda una figura leggendaria cantata dall'Eneide: l'eroico trombettiere dell'esercito troiano che, annegato proprio qui, sarebbe stato sepolto da Enea presso il promontorio. Oltre ad accogliere queste memorie lontane, il lago – anche detto Maremorto o lago di Bacoli – è sfondo di piacevoli passeggiate. Il percorso – raggiungibile anche dalla spiaggia – regala scorci suggestivi del centro storico e del castello aragonese: il passeggio è movimentato dal via vai dei pescatori e dall'amenità dei giardini circostanti. Per fare il giro del lago basta una mezz'oretta a piedi: fra i punti d'interesse dei dintorni c'è la Piscina mirabilis, cisterna romana scavata nel tufo un tempo utilizzata per rifornire le navi di stanza nel porto di Miseno. Chi, dal lago, volesse scrutare il cielo col cannocchiale, può fare anche questo: basta accomodarsi nel lounge-bar “galleggiante” dove assaporare le specialità tipiche campane: ecco servita l'idea perfetta per una degustazione a sfondo romantico.

Spiaggia di Marechiaro (Lo Scoglione)

Tutte le spiagge di Napoli sono molto panoramiche: non fa eccezione lo Scoglione a Marechiaro. Questa spiaggia, il cui arenile è formato da un insieme di scogli di tufo, è un autentico paradiso: non a caso, in alta stagione è possibile imbattersi in lunghe file di bagnanti che attendono il proprio turno. La pazienza è più che giustificata: il mare, da queste parti, è incontaminato e il paesaggio rapisce l'anima. La notorietà del luogo risale agli anni Sessanta: ancora oggi, lo Scoglione esercita un fascino magnetico, anche se lo spazio a disposizione è poco. Per arrivare a destinazione è possibile salpare con le barchette in partenza da Calata Ponticello, pittoresco borgo di pescatori. Volendo, una volta arrivati è possibile noleggiare un lettino presso i chioschi situati sulla spiaggia. Le golosità campane sono a portata di mano: a pochi passi si possono assaggiare friarielli, pasta al forno e altre specialità tipiche.

Lido Sirena

Chi visita Napoli può godere di un notevole privilegio: godersi il mare a pochi metri dal centro. Il Lido Sirena offre questo vantaggio e molti altri ancora. Questa piccola spiaggia sorge lungo via Posillipo, ai piedi di una scala poco appariscente, e vanta un magnifico affaccio sul golfo. Oltre ai lettini prendisole, lo stabilimento offre il servizio bar e un ristorante dove assaporare piatti semplici e gustosi: da provare le specialità a base di pesce fresco, molto rinomate. La spiaggetta si trova a ridosso del Palazzo Donn'Anna, in posizione riparata. Il Lido Sirena è una meta storica del relax balneare partnenopeo e un punto di riferimento per chi cerca uno spazio tranquillo per abbronzarsi. L'atmosfera è garbata e non ci sono schiamazzi a turbare la quiete. Fra i punti di forza del lido c'è la terrazza ristorante da cui scrutare, tra un assaggio e l'altro, la vista sontuosa. Lo spazio a disposizione non è tanto: conviene quindi puntare su un giorno infrasettimanale se non si vogliono rischiare code: non di rado, i lettini sono sold out e bisogna rinunciare, anche se esiste una minuscola area adibita a spiaggia libera. La collocazione di questa insenatura, d'altra parte, ne fa una meta interessante anche in bassa stagione, quando c'è meno affollamento rispetto ai mesi estivi: è lo sfondo giusto per prendere il sole  – e per godersi un bel pranzo di pesce – anche in primavera e in autunno, temperature permettendo.

Bagno Elena

Il Bagno Elena in via Posillipo è tra le spiagge storiche di Napoli: i bagni ottocenteschi ricordano i tempi in cui Oscar Wilde – e altre importanti figure dell'epoca – usavano rinfrescarsi nelle acque del Golfo. Nel secondo dopoguerra, a conquistare la scena erano, fra gli altri, Eduardo De Filippo e Totò: allora, il lido era noto come “Bagni Marini”. La spiaggia –  in origine utilizzata come approdo per i pescherecci – scoprì la propria vocazione turistica su suggerimento del principe Fabrizio Colonna: trasformandosi progressivamente in un elegante ritrovo balneare, frequentato anche dall'aristocrazia. Oltre a favorire l'abbronzatura – i “bagni elioterapici” –, la sera ospitava orchestre e una sala da ballo ritmata dalla mazurca e dai balli più amati del momento. I costumi, indubbiamente, non erano succinti come adesso, ma la voglia di divertimento – ovvero, di sperimentare la cosiddetta “vita gaudente” – era molto sentita. Oggi il pubblico è più variegato, ma questa attitudine “vip” è ancora viva, a giudicare dagli eventi esclusivi che scelgono questo set, attratti dal suo fascino vintage e dalla cornice magnifica: tutto intorno si srotola una quinta suggestiva di edifici storici e palazzi in stile liberty. Oltre allo sfondo teatrale, la spiaggia offre un pontile privé con solarium e vari punti ristoro. Insomma, il Bagno Elena continua ad essere un accogliente “salotto del mare” e un riferimento elegante per il relax balneare a Posillipo.

Rocce Verdi

Nella Baia delle Rocce Verdi si raggiunge l'acme della bellezza. Questo tratto di costa è bagnato da un'acqua trasparente dalle sfumature mozzafiato: il mare è incorniciato da rocce che sembrano scolpite e increspato da mille riflessi che dialogano coi chiaroscuri della vegetazione mediterranea. Si tratta, indubbiamente, di una delle baie più fascinose della costa posillitana. La baia, situata nei pressi dello Scoglione di Marechiaro, è servita da un elegante stabilimento balneare, la private beach di Villa Fattorusso, esclusiva location per matrimoni. La spiaggia, rocciosa, getta uno sguardo sognante sul golfo di Napoli e offre un'esperienza di relax completa: ci si può crogiolare nelle due piscine di acqua salata o prendere il fresco nell'area giardino. Ci si delizia, inoltre, con ottimi piatti, senza rinunciare a summer camp di yoga e pilates. Per riassumere, vale la pena di ritagliarsi una giornata in questa cornice favolosa. Per chi ci prende gusto, sono disponibili abbonamenti che comprendono più “discese a mare” fra le caratteristiche rocce di tufo giallo: chi cerca il “verde” lo può trovare nelle screziature del mare e nella cornice lussureggiante.

Spiaggia di Bacoli (Lo Schiacchetiello)

Dalla spiaggia di Bacoli si ammira una visione magnifica, l'isolotto incontaminato di Punta Pennata. Ricoperta da una fitta vegetazione, custodisce una serie di rovine che alimentano la sua aura leggendaria: legata, in particolare, alla Villa Lucullo, antico complesso residenziale che ha lasciato diverse tracce di sé, fra cui i resti delle mura e della pavimentazione. La zona è ricca di ritrovamenti archeologici, inclusi i frammenti di alcune statue conservati presso il Museo Nazionale di Napoli. Ci troviamo nella riserva marina del Parco dei Campi Flegrei, in una delle spiagge più tranquille di Napoli. Lo Schiacchetiello è una spiaggia rocciosa molto particolare: una pittoresca insenatura incorniciata da scogli di tufo, al riparo dalla folla e dalle atmosfere chiassose. Questa piccola oasi, bagnata da un mare trasparente, può essere raggiunta in barca o via terra con partenza dalla Piscina Mirabilis.

Riva Fiorita

Riva Fiorita è una scenografica spiaggia di Posillipo, famosa per il suo panorama, con la vista del Vesuvio in bella mostra e la Penisola Sorrentina che si allunga all'estremità opposta del golfo. La spiaggia si circonda di palazzi e ville sontuose: tra queste spiccano Villa Rosebery, annoverata fra le residenze ufficiali del presidente della Repubblica, e Villa Volpicelli, set di una celebre soap opera di ambientazione partenopea. I locali si riferiscono colloquialmente a Villa Fiorita come “da Giusuppone 'a mare”: così, infatti, si chiama un popolare ristorante che sorge sulla riva. Ci sono due modi per raggiungere la spiaggia: percorrere la discesa che parte da via Ferdinando Russo, o noleggiare una barca. Riva Fiorita è un gioiellino che si sviluppa per pochi metri, lungo una fila di scogli affacciati su un mare trasparente. Chi ha la fortuna di trovare posto qui può concedersi splendidi tuffi, assaggi deliziosi e una vista spettacolare.

Spiaggia del Castello di Baia

La spiaggia di Baia è una piccola lingua di sabbia dorata, posizionata all'ombra dell'omonimo Castello  nella frazione di Bacoli. La fortezza aragonese, eretta all'estremità del promontorio, si avvantaggia di una posizione strategica: dall'alto del castello, infatti, era possibile dominare l'intero golfo di Pozzuoli. A renderlo inespugnabile erano, inoltre, l'alto dirupo di tufo e un articolato sistema di mura e ponti levatoi. Più nel dettaglio, il maniero sorge in corrispondenza dei Fondi di Baia, coppia di crateri vulcanici compresa nell'area dei Campi Flegrei. Le minacce del passato sono un lontano ricordo e oggi il castello è un elemento distintivo del paesaggio. La spiaggia, di piccole dimensioni, offre la possibilità di rilassarsi sulla sabbia o sugli scogli: offre, in aggiunta, un bar e un ristorante. Chi vuole visitare il castello ha la possibilità di ammirare i reperti esposti presso il Museo archeologico dei Campi Flegrei.

Baia di Ieranto, Sorrento

La Baia di Ieranto è tra le spiagge più iconiche della Penisola Sorrentina, la “Terra delle Sirene”.  Chi la visita non può che restare ammaliato dal fascino del paesaggio, dove aleggiano memorie antiche. La baia si trova sulla propaggine della penisola, allungata verso l'isola di Capri, e più precisamente a Nerano, frazione di Massa Lubrense: Sorrento è a una manciata di chilometri. L'accesso è libero, tenendo presente che la baia è oggi di proprietà del FAI. Per raggiungerla bisogna percorrere un sentiero piuttosto lungo ma molto, molto panoramico. Il percorso prende il via da Nerano, attraversando una distesa di ulivi argentati, una fitta macchia mediterranea e una collezione di vedute straordinarie: quelle offerte dagli isolotti dei Galli e dall'isola di Capri. Una volta raggiunta la baia, il panorama si fissa in un'istantanea indimenticabile, coi Faraglioni davanti agli occhi: è un luogo semplicemente magico. Il trekking è l'opzione più fascinosa, ma non l'unica: chi cerca una modalità più comoda può optare per un passaggio in barca, rivolgendosi alla cooperativa che effettua i collegamenti con l'area marina protetta Punta Campanella. I più allenati possono raggiungere la spiaggia in kayak, approfittando di fantastici tour alla scoperta della Costiera Amalfitana e delle grotte marine.

Spiaggia di Sant'Angelo, Ischia

Fra le spiagge dell'isola d'Ischia, quella di Sant'Angelo è in assoluto fra le più contese. Non è solo per le piccole dimensioni, per la sabbia sottile e per la dolcezza dei fondali: a renderla unica – e molto esclusiva – è soprattutto la sua posizione. La spiaggetta, infatti, si trova a un passo dalla piazzetta principale del borgo, in posizione centralissima: chi la sceglie non lo fa certo per la privacy, quanto per il gusto di sentirsi in vetrina. Ci troviamo in una zona particolarmente lussuosa di Ischia, fra ristoranti e locali frequentati da una clientela selezionata, proprietari di yacht inclusi. Il mare è cristallino, le case colorate di Sant'Angelo a pochi metri e i servizi di alto livello: unica pecca, lo spazio a disposizione è molto, molto risicato.

Marina Piccola, Capri

Con la spiaggia di Marina Piccola ci trasferiamo sull'isola di Capri, più precisamente sulla costa meridionale dell'isola. È una delle più ricercate in assoluto, con la vista dei Faraglioni che si stagliano all'orizzonte. La baia è suddivisa nelle spiagge di Marina di Mulo e Marina di Pennauro, separate da una lingua di roccia. Anche in questo caso si tratta di una spiaggia selettiva: lo spazio a disposizione è limitato ed è consigliabile arrivare presto per non perdere il posto: volendo, la si può raggiungere in passeggiata partendo dalla piazzetta di Capri. L'acqua è così trasparente che un tuffo è d'obbligo, anche quando il termometro si abbassa: la tentazione di un bagno è irresistibile, indipendentemente dalle temperature.

Spiaggia del Pozzo Vecchio, Procida

La spiaggia del Pozzo Vecchio è anche chiamata la Spiaggia del Postino: proprio qui, infatti, sono state girate alcune delle scene più famose del film interpretato da Massimo Troisi. Come le altre spiagge dell'isola, si caratterizza per la colorazione scura della sabbia: elemento che contribuisce all'atmosfera selvaggia e ad accentuare il contrasto con l'acqua del mare. L'isola di Procida, di origine vulcanica, è famosa proprio per le sue spiagge color bronzo. Quella del Pozzo Vecchio è indubbiamente fra le più spettacolari, grazie al contorno di grotte e scogliere frastagliate: perlopiù libera, offre anche un lido attrezzato e una pace indescrivibile.

Spiaggia del Duoglio, Amalfi

Chi vuole raggiungere la spiaggia del Duoglio deve percorrere una lunga scalinata: si tratta di circa quattrocento gradini, da affrontare in salita e in discesa. Ne vale la pena? Decisamente sì: basta gettare uno sguardo sulla baia per constatare il suo splendore. Il mare, qui, è eccezionalmente pulito e i suoi colori rompono ogni indugio. In alternativa si può approfittare di un passaggio in barca: l'importante è esserci. Una volta arrivati, c'è una piacevole sorpresa: la possibilità di affittare una canoa per godersi il paesaggio in tutti i dettagli. Ricoperta di piccoli ciottoli, la spiaggia del Duoglio offre anche spazi di balneazione libera. Il noleggio canoe si trova nella zona prediletta dai giovani e dagli sportivi: più tranquillo, invece, lo stabilimento vicino, dove approfittare anche di un ristorante con piatti a base di pesce fresco.

Parti per Napoli con Costa Crociere

Non serve allontanarsi da Napoli per scoprire spiagge fantastiche: in alcuni casi, bastano pochi passi per raggiungere i lidi più famosi e conquistare un lettino affacciato sul Vesuvio. Una crociera Costa è l'ideale per scoprire le bellezze della città, rilassarsi sulle sue spiagge e ammirare le isole più belle del Golfo.

Parti con Costa Crociere