Rodi è l’isola del sole. Secondo il mito, Helios l’avrebbe ricevuta in dono da Zeus, dopo la spartizione del mondo tra gli dei: emersa come per magia tra le acque, l’avrebbe ammaliato con la sua bellezza, spingendolo a inondarla coi suoi caldi raggi. Rodi è indubbiamente tra le isole greche più belle e tra le più soleggiate: la leggenda, insomma, è ancora viva. Merito non solo dei suoi tesori naturalistici, ma anche di un patrimonio architettonico unico al mondo: la Cittadella Medievale è tra i luoghi più belli di Rodi e dell’intero Mediterraneo. Non è certo l’unica cosa da visitare: le rovine delle città-stato testimoniano l’antica gloria dell’isola, oggi legata soprattutto alle lunghe spiagge dorate.

Con scenari quasi irreali, come le baie gemelle di Prassonissi, fra le spiagge della Grecia più fotografate e tra i migliori spot per praticare il windsurf e il kite. Immersioni subacquee, passeggiate a cavallo, snorkeling, golf: sono tantissime le attività da praticare in quest’isola che affascina da sempre anche i vip: i tramonti e le notti di Rodi, del resto, godono di ampia fama. Cuore dell’Egeo sud-orientale, l’isola più grande del Dodecaneso è una meta classica per le crociere in Grecia: la modalità di vacanza perfetta per esplorare anche le isole vicine, visitando le baie più spettacolari. Hai già cominciato a sognare un viaggio con Costa Crociere? Per darti un assaggio di cosa ti aspetta, ecco le 13 spiagge più belle di Rodi:

Lindo

Tra le visioni che rapiscono l’anima, a Rodi, c’è l’acropoli di Lindos, con la candida cintura di case stese ai piedi della città fortificata. È il sito archeologico più importante dell’isola, una visione iconica e sognante: la classica meta che figura nell’elenco delle cose da fare almeno una volta nella vita. È imperdonabile visitare Rodi senza giungere in vetta: dall’alto della collina si ammira un panorama che non ha eguali. Con un dettaglio spettacolare: un’insenatura rotondeggiante che brilla fra le rocce come una gemma di turchese. Potrebbe sembrare una sorta di piscina, non fosse per la presenza delle barche che galleggiano sull’acqua: ad accoglierle, in effetti, è una stretta apertura che comunica con il mare.

La baia di Agios Pavlos è una spiaggia dal fascino unico, lambita da acque terse e – particolare non scontato – tiepide. Anche trovare posto, d’altra parte, non è scontato: chi ha questa fortuna può godersi la tintarella in uno scenario mozzafiato, tra oleandri in fiore e pini svettanti. La magia è data anche dai profili delle rocce e dalla candida cappella che battezza la spiaggia: stando alla leggenda, infatti, l’apostolo Paolo sarebbe sbarcato proprio qui. A monopolizzare il panorama è, inevitabilmente, il villaggio di Lindos, cartolina vivente di Rodi. Silenzio e privacy restano una chimera, ma non è il caso di sottilizzare visto il livello della location.

Prassonissi

Situata all’incontro tra due mari, la spiaggia di Prassonissi sorge nel lembo più meridionale di Rodi, lì dove si mescolano il mar Egeo e il mar di Levante. La spiaggia si trova, più precisamente, sull’omonima isola collegata – con la bassa marea – a Rodi da una sottile striscia di sabbia. Sul promontorio si erge il vecchio faro che domina dall’alto il mare color blu cobalto. Prassonissi Bach è formata da due baie gemelle, ricoperte di sabbia fine e dorata. Il panorama è caratterizzato dal particolare spettacolo che va in scena in questa scenografia d’eccezione.

Ovvero, le evoluzioni dei cultori del windsurf e del kite: gli appassionati di queste discipline, infatti, accorrono da ogni parte del mondo per beneficiare delle speciali condizioni di vento offerte da questo tratto di costa. La collocazione delle due baie crea due situazioni contrastanti: da una parte, il mare è mosso dal soffio del Melteni e increspato dalle onde, dall’altra è placido e liscio come l’olio. È un autentico paradiso per i surfisti che movimentano il paesaggio con le loro vele colorate. Chi non cerca l’adrenalina può bearsi nelle acque limpide, con fondali bassi e incantevoli. Il punto migliore per ammirare il panorama è la vetta del promontorio dove svetta il faro, raggiungibile con una breve camminata.

Calitea

Un tempo la spiaggia di Calitea – Kalithea – ospitava un noto sistema di sorgenti termali. Oggi, lo ricorda una singolare testimonianza architettonica, lo stabilimento termale fatto costruire a inizio Novecento, principale attrattiva della famosa località balneare situata a breve distanza da Rodi città. Il complesso, caratterizzato da uno stile eclettico ispirato all’Oriente, fu eretto dagli italiani in corrispondenza delle sorgenti sulfuree conosciute fin dall’antichità. Le virtù terapeutiche restano un lontano ricordo: le fonti, infatti, risultano ormai prosciugate da anni. Non si può dire lo stesso per il fascino della spiaggia: vagando tra gli archi e i giardini del complesso architettonico, un piccolo gioiello compare all’orizzonte, una baietta dalle acque smeraldine che lasciano agevolmente intravedere il fondale.

Questa perla richiama una folla selezionata di turisti: le dimensioni della spiaggia, infatti, sono ridotte e così i metri utili per accomodarsi fronte mare. Come evidente, serve il giusto tempismo per trovare posto in questo set così ambito: la spiaggia è incorniciata dai pini aggrappati alla roccia, con arbusti fioriti e palme dall’aspetto esotico, in una sinfonia di forme e colori magnifica. I più fortunati che riescono a conquistare un lettino – o un gazebo – trovano la felicità: oltre a respirare la bellezza del luogo, possono usufruire di un scenografico beach bar appollaiato sull’acqua.

Fourni

Con la spiaggia di Fourni cambiamo completamente scenario e ci trasferiamo sul versante occidentale di Rodi: più di precisamente, a qualche chilometro dal villaggio di Monolithos. Il suo castello è tra i motivi più validi per visitare questa parte dell’isola. Anche la spiaggia, però, è un elemento di attrazione da non sottovalutare, considerato il suo fascino ‘alternativo’. Rispetto ai lidi della costa orientale, infatti, offre una maggiore tranquillità: l’afflusso turistico è ridotto, grazie alla distanza dalle rotte turistiche più battute. Chi raggiunge la spiaggia di Fourni in barca, o percorrendo in auto una strada tortuosa, può godersi un panorama appagante: i contrasti tra il mare, le rocce e la sabbia dorata, mista a ciottoli, sono davvero incantevoli.

A farsi notare è anche la forma delle scogliere, dai profili molto particolari: chi ama giocare con le onde, poi, hai di che divertirsi, vista la tendenza del mare a incresparsi. La sensazione è quella di essere lontano da tutto, anche se non manca qualche preziosa comodità: uno stabilimento attrezzato dove noleggiare un lettino e un chiosco dove gustare uno yogurt o un gelato rinfrescante. La bellezza di Fourni Beach tocca il picco al tramonto: la soluzione ideale è posizionarsi in spiaggia dopo aver visitato Monolithos e le rovine del castello: un’emozione che fa dimenticare in un attimo i chilometri percorsi.

Glystra

Situata a sud di Lindos, Glystra è una spiaggia animata, ma non sovraffollata, caratteristica che la fa apprezzare anche in alta stagione. È un misto di ciottoli e sabbia, con un contorno di basse scogliere dalla vegetazione variegata. La bellezza del mare è indiscutibile: intorno ai bassi scogli affioranti, gli occhi bucano quasi l’acqua, cogliendo ogni singolo dettaglio del fondale. La spiaggia si estende per qualche centinaio di metri, con acque basse e cristalline molto amate anche dalle famiglie.

La baia non offre servizi particolari, fatta eccezione per un ristoro dall’aria semplice. La sensazione di tranquillità, in compenso, è impagabile. Il noleggio di attrezzature per sport d’acqua è disponibile nelle immediate vicinanze: basta ‘svoltare’ nella baia vicina per avere a disposizione sup e moto d’acqua e per organizzare una gita last minute in motoscafo. 

Kopria

Piccola baia situata sulla costa occidentale di Rodi, Kopria Beach è una piccola perla da scoprire. La spiaggia, ricoperta di ciottoli, si estende fra due scogliere che incorniciano magnificamente il panorama. Il mare è cristallino e acquista subito profondità: non è particolarmente indicato per le famiglie con bimbi piccoli, ma decisamente invitante per gli amanti dello snorkeling. Rispetto alle spiagge più famose di Rodi, Kopria offre un’atmosfera più tranquilla, senza farsi mancare lettini e ombrelloni e una piccola taverna. È, non a caso, molto frequentata dai locali, inclusi gli amanti dei tuffi che qui possono divertirsi a saltare dalle rocce.

Fuori dal caos, Kopria è in posizione strategica per visitare il castello di Kritinia, una meta imperdibile per chi soggiorna nei dintorni: dalle sue rovine si ammira una vista scenografica che abbraccia le verdi pendici collinari e il mare all’orizzonte. Ci si arriva con una semplice passeggiata lungo un comodo sentiero a gradoni. La sera, il castello di Kritinia si illumina: il momento migliore per visitarlo sono le rievocazioni medievali che periodicamente vanno in scena in questo scenario suggestivo.

Vagies

Vagies Beach è il vero nome della Baia di Anthony Quinn, annoverata tra le spiagge più famose di tutta la Grecia. Il nome “turistico” si deve all’omonimo attore: il divo di Hollywood – noto soprattutto per la sua interpretazione in Zorba il greco – restò infatti folgorato dal panorama. Mentre il film citato era ambientato a Creta, I cannoni di Navarone fu girato a Rodi: proprio in questa occasione scattò la scintilla. Questa piccola insenatura verdeggiante, dal contorno di rocce molto scenografico, resta ancora oggi tra gli scenari più contesi dell’isola. L’acqua, specie se ammirata dall’alto, rivela sfumature mozzafiato: più da vicino stupisce per la sua trasparenza e la sua purezza.

La tentazione di indossare la maschera e tuffarsi è immediata: prima, però, bisogna ricavarsi uno spazio e conquistare uno dei pochi ombrelloni disponibili, risorsa che tende a esaurirsi molto presto. Questa insidia non sembra scoraggiare i turisti, fatto più che comprensibile: Vagies Beach è una visione selvaggia, con scogli frastagliati che fronteggiano la spiaggia, ricoperta da un misto di sabbia e ciottoli. Se l’area attrezzata non è disponibile, si può cercare un angolino sulle rocce piatte, oppure consolarsi con un bagno veloce con l’attrezzatura da snorkeling. Invita a temporeggiare anche la taverna posizionata in cima alla scalinata, dove assaporare manicaretti tipici e piatti di pesce fresco: difficile rinunciare.

Traganou

Chi l’ha detto che le spiagge di sabbia sono, in assoluto, le più belle? Prima di schierarsi vale la pena di vedere Traganou Beach, una lunga distesa di ciottoli chiari dall’aspetto incontaminato e dai fondali sensazionali. È una valida alternativa alle spiagge sovraffollate: qui lo spazio non manca e la maggior parte del litorale è libero, senza rinunciare alle zone attrezzate con ombrelloni e lettini. Il contorno di rocce è una gioia per gli occhi, ancor più se ammirato con la maschera da snorkeling: la bellezza del mare, qui, raggiunge l’acme e vale la pena di esplorare ogni singolo centimetro della scogliera.

Si è in ottima compagnia: nel mare nuotano mille pesciolini che, tra un guizzo e l’altro, s’infilano nella grotta naturale presente all’estremità della spiaggia, tra i punti forti del panorama. L’atmosfera è quieta, senza andirivieni di imbarcazioni a pochi metri dal litorale. Il fascino selvaggio della spiaggia è indiscusso, ma c’è di più: un’accogliente taverna con specialità tipiche dove viziare il palato.

Agathi

Incorniciata da una baia molto pittoresca, la spiaggia di Agathi offre una vista emozionante, con tutti i servizi essenziali a portata di mano: ombrelloni, snack e drink rinfrescanti. Ci sono tutti i presupposti per trascorrere un’indimenticabile giornata al sole, a partire da un mare cristallino ricamato da riflessi incantevoli: l’acqua multicolore è ricca di sfumature e di pesciolini variopinti. Anche chiamata Golden Beach, “spiaggia d’oro”, Agathi si caratterizza per la presenza di una piccola cappella scavata nella roccia e di grotte naturali posizionate nella parte più settentrionale.

È una spiaggia versatile: chi ama la sabbia può crogiolarsi su un morbido tappeto dorato; chi, invece, preferisce gli scogli può esplorare i lati della baia e gli anfratti rocciosi. A patto di riuscire a staccarsi dal lettino, ci può concedere una bella passeggiata nei dintorni: tanto per cominciare, si può camminare sugli scogli e contemplare senza fretta il panorama. La vista abbraccia le rovine del castello di Feraklos, arroccate su una collina a circa 300 metri di altezza. Nonostante i segni del tempo, il castello è ancora oggi una presenza maestosa, grazie alla sua imponenza e alle luci che lo illuminano la sera. Affascinante anche la sua storia: nascondiglio dei pirati, fu poi occupato dai Cavalieri di San Giovanni e trasformato in prigione. La scalata non è troppo impegnativa e premia i più volenterosi con una vista mozzafiato.

Afando

La spiaggia di Afando – o Afandou – si posiziona appena a sud di Faliraki, a breve distanza dalla più nota Anthony Quinn Bay, la spiaggia più rinomata della costa orientale di Rodi. Rappresenta un’ottima alternativa a quest’ultima, in particolare per gli amanti del golf: alle spalle del litorale, infatti, si trova il Rhodes Golf Course, l’unico campo dell’isola. La spiaggia di Afando è ampia e spaziosa, con tratti liberi e altri attrezzati, in parte sabbiosi e in parte ricoperti di ciottoli: il relax è assicurato e la tentazione è quella di restare sempre in ammollo. Nuotando nelle acque trasparenti ci si sente felici come bambini: nei giorni di vento, la soddisfazione è massima anche per gli appassionati di sport acquatici, di windsurf in particolare.

Oltre al servizio noleggio, è possibile usufruire di vari ristori nei dintorni della spiaggia. Rispetto ad altre mete più affollate, Afandou Beach offre un surplus di tranquillità e più spazio a disposizione: è l’ideale per godersi la tintarella senza stress. Volendo, ci si può esercitare sul green per vivere un’emozione diversa. Vale la pena, poi, di ammirare le grotte naturali posizionate a un’estremità della spiaggia, scolpite dai capricci delle onde.

Gennadi

Ampia e rivestita di ciottoli multicolori, Gennadi Beach ha tanto spazio e tranquillità da offrire. I fondali acquistano subito profondità, ma in compenso il mare è spettacolare: popolato di pesci e stelle marine, conquista per la sua trasparenza. Oltre a spaziare tra aree attrezzate e spazi liberi, si hanno a disposizione varie taverne fronte spiaggia, dove rinfrescarsi con vassoi di frutta e ottimi snack. Sotto l’ombrellone o il gazebo, si assapora una sensazione di libertà che altre spiagge – decisamente più affollate – non possono offrire. Tra un assaggio di polipo e una sessione di snorkeling, la giornata scorre come per magia, lontano dalle rotte più turistiche: con il vantaggio – non sempre scontato a Rodi – di apprezzare il silenzio e la musica del mare che si infrange sul bagnasciuga.

Tsambika

Fra le spiagge più ambite di Rodi, Tsambika può permettersi di accogliere ampie folle di estimatori: la sua caratteristica più evidente, infatti, sono le dimensioni generose, con ampi spazi sia in lunghezza che in profondità. Lo scenario è ammaliante: la spiaggia è racchiusa da splendidi contrafforti rocciosi, e il colore del mare lascia senza parole. In aggiunta, Tsambika è molto ben servita e accontenta tutti, inclusi i bambini che possono scatenarsi nelle aree gioco galleggianti: anche se, diciamo la verità, gli aquapark sono un’attrazione irresistibile anche per i grandi.

Oltre ad accomodarsi nella parte centrale del litorale – attrezzata con lunghe file di ombrelloni – si può trovare un angolino più tranquillo ai lati della spiaggia. Per rendere la giornata più emozionante, ci si può scatenare con gli sport acquatici, approfittando dell’apposito servizio di noleggio. In realtà, basta infilare un paio di scarpe comode per movimentare la giornata: spostandosi sopra la spiaggia ci si trova al cospetto di un panorama unico.

Passo dopo passo, si può raggiungere il monastero di Panagia Tsambika, famoso per la sua icona mariana ritenuta miracolosa. Prima di affrontare la salita, bisogna tener presente che gli scalini da percorrere sono qualche centinaio: meglio scegliere le ore più fresche. Di sicuro, la vista è prodigiosa e non si scorda facilmente.

Faliraki

La spiaggia di Faliraki è molto democratica: accontenta tutti, grazie alle sue dimensioni generose e ai tanti servizi offerti. A conquistare le famiglie è la comodità: quella di nuotare in acque basse e di avere tutto il necessario a portata di mano: incluso il parco acquatico situato nelle vicinanze, dove sollazzarsi con scivoli “thrill” e attrazioni adatte ai più piccoli. Faliraki Beach non delude certo i più giovani: il “popolo della movida”, infatti, si trova perfettamente a proprio agio in questa località che ama fare le ore piccole.

Chi vuole cimentarsi con gli sport acquatici può noleggiare l’attrezzatura in loco: la scelta è davvero ampia e comprende opzioni adrenaliniche. Per sperimentare un’emozione diversa dal solito, ad esempio, si può praticare il paragliding: ovvero, si può sorvolare il mare con il paracadute trainato da un motoscafo. Faliraki beach offre tutto questo e molto di più: il litorale si allunga per chilometri con vari lidi in successione tra cui spostarsi a piacimento.

Oltre agli stabilimenti attrezzati ci sono numerose zone libere: basta passeggiare sul lungomare per scegliere il proprio set preferito e, magari, cambiare lettino all’occorrenza. La spiaggia è dorata e il mare fantastico: nonostante l’elevato afflusso di persone, l’acqua resta limpida e invitante. Il litorale è costellato di appartamenti e hotel con piscina: l’offerta ricettiva spazia dalle opzioni più economiche alle strutture all-inclusive, con beach bar per tutti i gusti e per tutte le tasche. Chi è a caccia del divertimento, a Faliraki non ha che da scegliere, tra ristoranti tipici, chioschi dall’atmosfera festaiola e club riservati ai nottambuli.

Parti per Rodi con Costa Crociere

All’incontro tra Occidente e Oriente, Rodi è una meta fantastica in tutte le stagioni, grazie al suo clima incantevole. I siti archeologici, i centri storici monumentali e i sentieri selvaggi attraggono i visitatori tutto l’anno, ma è il calore del sole ad accendere il volo più bello dell’isola. La luminosità e il fascino delle sue spiagge sono leggendari, così come i tramonti, quando il dio Helios si produce in uno spettacolo mozzafiato. La cosa migliore è vederli di persona: approfitta di una crociera Costa per assaporare tutti gli scenari più famosi di Rodi.

Parti con Costa Crociere