Cale intonse, sabbia fine e bianchissima, acque cristalline in cui perdersi, natura rigogliosa. Ci sono pure isole idilliache da scoprire. Immergersi in un mare così calmo e incontaminato sarà una meraviglia: si avrà quasi la sensazione di essere entrati in una grande piscina. Ecco la Thailandia, che, con i suoi arcipelaghi e la sua barriera corallina, offre tante e diverse soluzioni per vivere una vacanza tropicale in riva al mare. Un tesoro lungo 2.500 chilometri di costa, scopriamo le spiagge più belle.

Spiagge dell'Isola di Khao Phing Kan

C’è un parco marino, tra le attrazioni della provincia di Pang-nga, tra le più popolari in Thailandia. E c’è un’isola, Khao Phing Kan, che conquista sempre più visitatori, a cominciare dalla sua forma unica, una sorta di grande chiodo. Dovete immaginarvi rocce enormi e maestose, in bilico sul mare. Sull’isola, che è all’interno di un arcipelago con un’altra decina di atolli, troverete una vegetazione florida e rigogliosa. È situata nel nordovest della baia di Phang-nga. È anche conosciuta col nome di James Bond Island, merito del cinema e del L’uomo dalla pistola d’oro, film della serie dell’agente 007 che è stato girato qui.
L’isola può essere raggiunta comodamente, partendo da Khao Lak, Phuket, Krabi. Una volta arrivati, potrete scegliere tra più opzioni, tra cui un tour con le tradizionali imbarcazioni di legno. Farete una traversata fra le foreste di mangrovie, in alternativa motoscafi. Le grotte e le cale presenti sull’isola si raggiungono quasi sempre via mare e si visitano anche in canoa.

Spiaggia di Patong, Phuket

Phuket è un’isola conosciutissima e le sue spiagge non possono passare inosservate. Mare incontaminato e spiaggia morbida e chiara sono caratteristiche che troverete ovunque, insieme a una vegetazione rigogliosa. Il quartiere turistico principale dell’isola si chiama Patong, e si estende per circa 17 chilometri quadrati: è stato ricostruito dopo il terribile Tsunami del 2004.
La spiaggia di Patong è un mix riuscito tra sabbia bianca e soffice, acqua azzurra ed è una fila ininterrotta di alloggi, negozi, ristoranti e locali. Una mezzaluna che ha una lunghezza di 3 chilometri. Non mancheranno luoghi dove fare una pausa, chioschi e ristoranti, ma anche punti per noleggiare pedalò, barche, attrezzature per lo snorkeling. Patong è inoltre il centro migliore per le attività subacquee dell'isola e può offrire numerose strutture specializzate. 
La Baia di Patong sigilla l’intero territorio: qui sono ospitate pittoresche calette, dai panorami spettacolari e le acque calme. Tri Trang è la cala più lunga e la più semplice da raggiungere; ha la sabbia soffice e bianca e si affaccia direttamente su Patong. 
Paradise Beach è davvero un incanto.  Ospita due baie di grandezze diverse, ma accomunate dalla bellezza e dalla magia delle rocce. Freedom Beach è una striscia di sabbia unica, presente in tutti gli itinerari della zona. Si estende per un centinaio di metri, ha tutti i servizi necessari e ha anche un bel colpo d’occhio, con le sdraio che si perdono in un palmeto. È un luogo ideale per riposarsi e trascorrere una bella giornata con gli amici.

La baia di Phang Nga, Phuket

Una delle prime attrattive della zona è Il Parco Nazionale della baia di Phang-nga. L’area, attiva dal 1981, si estende per quasi 500 chilometri. È un parco nazionale marino del paese molto rinomato, che include isole, montagne variegate e foreste. La baia è uno dei posti più belli del Sud Est asiatico.
Un posto particolare, in piccole isole rocciose escono da acque limpide e incontaminate.  La natura valorizza anche la fauna: L'ambiente è diventato nel tempo l’habitat di tante specie di rettili e volatili. Fra i più curiosi e rari esemplari, possiamo trovare l’aquila di mare e il varano d’acqua.

Spiaggia Phi Phi Don, Phi Phi Island

Belle, famose e riconoscibili: Le Phi Phi island sono due delle più belle isole della Thailandia del sud. La baia principale di Koh Phi Phi Don è uno degli spettacoli da non perdersi. Immaginatevi una scogliera calcarea coperta dalla foresta tropicale. La baia viene così “protetta” e si crea un porto sicuro e naturale, riparato dai venti. Da qui inizia una striscia di sabbia bianca, orlata da palme, che nella parte orientale si sfrangia in calette piccole e deliziose. Entrambe le isole offrono paesaggi imperdibili, acque calme, spiagge sabbiose e natura rigogliosa.

Maya Bay

La più popolare delle spiagge sulle isole è Maya Beach. Un fascino assoluto, grazie alle enormi e sinuose scogliere, insieme a una natura prorompente: una combinazione che crea un fascino incontaminato e selvaggio. A questo si aggiungono acque limpide, sabbia fine e un paesaggio meraviglioso da cartolina. La spiaggia thailandese diventata fin troppo famosa per il film “The Beach” con Leonardo DiCaprio, ha dovuto chiudere ai turisti per preservare il suo ecosistema.
Una situazione difficile, che era chiara da tempo e che non poteva continuare senza adeguate contromisure, visto l’enorme afflusso di turisti: lo scorso anno le autorità avevano già attuato un primo stop stagionale perché la natura potesse rigenerarsi. Ma non era bastato, portando l'annuncio di una chiusura «a tempo indeterminato», finché l’ecosistema della zona non tornerà a una situazione normale. E così, come hanno spiegato in maniera ufficiale le autorità, la spiaggia resterà chiusa alla prima metà del 2021. La situazione sarà valutata ogni tre mesi per un’eventuale riapertura.

Baia di Ton Sai, Krabi

La spiaggia di Tonsai è una delle quattro situate nella penisola di Railay. Conserva la magia del passato e ha un’aria pittoresca, visto che custodisce una serie di capanne in bambù che piacciono molto ai turisti. È un posto molto pittoresco e popolare a Krabi. E la natura è protagonista, grazie alla foresta fitta e alle maestose rocce.

Spiaggia di Rang Yai, Phuket

L’isola di Rang Yai è una meravigliosa isola, che si trova poco più di 5 chilometri ad est dal Boat Lagoon. Vi aspetta uno stile di vita selvaggio stile Robinson Crusoe: l’isola vi offrirà, tra i servizi, campeggio e bungalow di bambù. Non vi annoierete di certo, visto che potrete andare in kayak, capire come funziona una fattoria di perle o perfino andare in bicicletta. Le spiagge sono famose per la sabbia bianca e le fantastiche sfumature dell’acqua.

Le spiagge del Parco Marino di Ang Thong

È un parco marino che si trova, nel sud della Thailandia, precisamente nella provincia di Surat Thani: stiamo parlando di Mu Koh Ang Thong, formato da 42 isole. Istituzionalizzato nel 1980, il parco si estende per 102 km quadrati, di cui solo un quinto sulla terraferma. Le isole sono caratterizzate da montagne di origine calcarea che raggiungono i 500 metri sul livello del mare.
Le isole all’interno di quest’area si caratterizzano per le pareti rocciose che si alzano sul mare, aprendosi a uno scenario naturale ancora incontaminato. Qui avrete la possibilità di conoscere una flora ed una fauna molto particolari. 
In questo parco, oltre a godere di panorami unici, si possono svolgere numerose attività, tra cui le gite in kayak e lo snorkeling. L’acqua del mare è di un verde limpido e la spiaggia è circondata da una la distesa di palme e da una natura rigogliosa.

Spiaggia di Thong Nai Pan Bay

Bellezza e varietà del paesaggio, facilità nel raggiungerlo, ottimi servizi, fanno di Koh Phangan un luogo da segnare durante la vostra crociera in Thailandia. La baia è molto scenografica e ben protetta dalle onde e dal vento. Il suo nome significa “la baia di Pan”. Secondo una leggenda locale, il nome fa riferimento a un uomo che era stato leale nei confronti del suo re e, che come premio, ricevette i terreni della baia
Oltre alla tranquillità del posto la cosa che più si apprezza è la bellezza dello scenario, perfetto per fare escursioni. Poi le sue acque sono calme e cristalline. Non c’è una barriera corallina, ma l’assenza di correnti permette di nuotare in un mare calmo, ottimo per fare snorkeling. 
All’interno della zona ci sono due spiagge Thong Nai Pan Noi e Thong Nai Pan Yai. Entrambe sono caratterizzate da sabbia fine e bianca e sono delimitate da palme, che regalano ombra e un pizzico di fresco. A nord c’è una graziosa caletta dove scoprire un’altra spiaggia.

Spiaggia di Haad Rin, Koh Phangan

Le spiagge di Koh Phangan sono tra le più affascinanti: lo scenario è quello di una spiaggia tropicale: palme da cocco, acque turchesi e spiagge di sabbia bianca. Dagli Anni 70 la spiaggia di Haad Rin è diventata quella più popolare, perché facilmente raggiungibile dalla vicina isola di Koh Samui e perché quella più dotata di servizi. C’è anche una ragione legata alla movida.
Era alla fine degli anni 80 quando si decise di creare il Full Moon Party: una festa che si tiene durante la luna piena, una volta al mese, nella spiaggia di Haad Rin e a cui capita partecipino più di diecimila persone. Ci sono due spiagge ad Haad Rin. La prima si chiama Sunset Beach (Haad Rin Noi). La seconda è Sunrise Beach, (Haad Rin Nok), è ricca di fascino. La sabbia è bianca e il mare di un azzurro intenso. L’acqua è chiara e trasparente, ed è un piacere fare il bagno.

Spiaggia di Lamai, Koh Samui

Sabbia bianca fine, vegetazione rigogliosa e mare cristallino ecco come sono le spiagge di Koh Samui, una delle località più rinomate del Paese.  Qui troverete numerose e variegate spiagge che hanno attratto negli anni sempre più turisti. Lamai Beach prende il nome dall’omonimo villaggio, ed è una spiaggia tranquilla, ma che può contare su molti servizi. Rappresenta una soluzione ottimale tra chi vuole relax, potendo contare nelle vicinanze su locali e ristoranti
La spiaggia è molto estesa, il mare è sfumato da acque cristalline e l’abbronzatura è assicurata. La vita notturna offre diverse alternative tra locali, ristoranti e feste in spiaggia: si mangia bene e in zona non mancano le possibilità di trovare sistemazioni in grado di soddisfare tutte le tasche. Chaweng Beach è, invece, la spiaggia più grande e anche quella con più servizi. Lungo i 7 chilometri questa costa potrete raggiungere negozi, bar e tanti ristoranti dove provare le specialità locali.

Pattaya Beach, Bangkok

Pattaya, che si trova nella provincia di Chonburi, è una delle più frizzanti località del Paese. È stato per molto tempo un semplice villaggio in cui abitavano prevalentemente pescatori, fino al 1961. In quell’anno un gruppo di militari americani, impegnato nel conflitto in Vietnam, arrivò in città per cercare riposo e divertimento. Pattaya divenne in breve tempo una popolare località balneare, pronta ad accogliere turisti.
Le capanne di pescatori sono state sostituite da hotel, resort e negozi, tra cui il un enorme centro commerciale, il Central Festival Pattaya Beach Mall. Pattaya offre tante occaisoni per divertirsi tra attrattive e locali notturni: le spiagge, che si trovano a solo 150 chilometri a sud-est di Bangkok, sono le più popolari. Oggi i visitatori vi arrivano per praticare windsurf, o immersioni, vela, ma non manca chi decide di fare escursioni nelle vicine isole. 
La spiaggia di Hat Pattaya è un concentrato di fascino: merito della vegetazione e delle palme che arrivano fino al lungomare. Non mancano i servizi, hotel, ristoranti e numerosi negozi. La spiaggia più d’impatto è quella di Jomtien, che si estende per circa 6 chilometri. In questa spiaggia l’acqua è cristallina e l’atmosfera è più rilassata. Un’altra chicca è spiaggia di Naklua, che si trova più a nord: e anche qui troverete i ritmi giusti per una vacanza.

Spiaggia di Railay, Krabi

Un classico paradiso tropicale: stiamo parlando della costa del sud della Thailandia. Le falesie sanno regalare spiagge dall’incredibile bellezza:  la prima da non perdere è Railay. Qui troverete mare, ma anche maestose rocce e giungla rigogliosa. Tante le attività che potrete fare: kayak in mare, immersioni, snorkeling
Un’altra zona da non perdere è quella di Rai Leh, piccola penisola che si può raggiungere soltanto in barca. È famosa per le scogliere, che richiamano scalatori da oltre confine, ma soprattutto per la bellezza delle sue spiagge e l’atmosfera calma e rilassata.
Per accorgersene basta arrivare ad Ao Nang Beach. Le acque di questa spiaggia sono adatte anche ai più piccoli perché sono poco profonde e possono godere di particolari sfumature grazie ai giochi di luce ed ombra creati dalle rocce calcaree emergenti. Un’altra spiaggia ricca di bellezza è quella di Nopparat Thara. È una spiaggia sabbiosa lunga 3 chilometri. Si tratta di un lungo arenile poco frequentato.
Le sue caratteristiche principali sono le sfumature meravigliose dell’acqua e la sabbia ricoperta da minuscole conchiglie. Gli abitanti del posto la chiamavano “Spiaggia di Klong Haeng”, letteralmente la “spiaggia del canale prosciugato. Quando succede, durante la bassa marea, è come se l’area ritornasse ad essere un’unica spiaggia.

Phra Ae Beach, Krabi

Koh Lanta è uno dei gioielli della provincia di Krabi, costellata di perle balneari ed è un luogo pieno di scorci. Sembra una realtà sospesa dove le isole sembrano a volte uscire fuori dal mare. L’area è un insieme caotico di baie e insenature che sono state rifugio di pirati. In questa zona le spiagge sono accessibili e riservate.
La spiaggia più famosa di Koh Lanta si chiama Phra Ae o Long Beach, si trova a sud di Klong Dao, e si estende per cinque chilometri: è una caratteristica lingua di sabbia lambita da un mare calmo e ricco di sfumature. Su questa spiaggia, molto affollata nel periodo estivo, si affacciano numerosi resort. Ci sono diversi ristoranti e locali dove gustare specialità a base di pesce. Klong Dao è, invece, è una striscia di sabbia morbida che si estende per tre chilometri.
Tra i suoi biglietti da visita ci sono i tramonti meravigliosi e la sabbia bianca, oltre allo scenario naturale incantevole. È ideale per nuotare e per le famiglie con bambini: l’acqua è calma ed è un luogo ideale per rilassarsi. Essendo molto estesa ognuno riesce a trovare il suo spazio.

Spiaggia di Koh Nang Yuang, Koh Tao

Viene descritta come una delle dieci isole più belle al mondo e come uno dei paradisi che non si possono perdere. Per arrivare sull’isola di Koh Nang Yuan, bisogna spostarsi nel golfo meridionale della Thailandia. L’isola è formata da tre piccoli isolotti. 
Dimenticatevi il rumore, le automobili, e preparatevi a godere solo della natura e il dolce incedere delle onde del mare. Un piccolo sogno, mentre vi alzate al mattino, quello di uscire e trovarvi nella natura, tra variopinti volatili e palme rigogliose. Di fronte avrete la spiaggia libera e l’acqua limpida, tanto da riuscire a vedere i pesci e il fondale. A Koh Nang Yuan il tempo scorre lentamente e si dilata. Non abbiate fretta.

Spiaggia Kai Bae, Trat

Sulla spiaggia di Kai Bae aspettatevi sabbia fine, palme con un panorama unico sulle isole vicine. Non c’è spazio solo per la bellezza, è infatti, uno dei punti privilegiati per fare delle escursioni sull’isola. Le occasioni non mancano: ci sono servizi per il noleggio di barche e negozi di immersioni.
E poi per chi cerca un po’ di vita sociale o vuole una pausa gustosa, il villaggio offre ristoranti, caffetterie, bar e pub e l’atmosfera diventa particolarmente frizzante dopo il tramonto. E c’è pure un punto panoramico, a sud di Kai Bae. Qui godrete di un panorama mozzafiato sulle baie e sulle isole circostanti.
Tra queste, l'isola più vicina è il Koh Man Nai. Le sue spiagge attirano ogni anno un numero crescente di visitatori. Sono una miscela unica di paesaggio aspro e selvaggio, atmosfera molto rilassata, visto che non c’è ancora troppo sviluppo turistico. Anche la posizione è buona, vista la vicinanza a Bangkok e la possibilità di scegliere tra un’ampia gamma di resort, che si trovano direttamente sulla spiaggia.

Lonely Beach, Trat

Non fatevi ingannare dal nome, un tempo forse era una spiaggia solitaria, ma Lonely Beach non è più così intima. Il piccolo villaggio è ora diventato un punto di riferimento dove sono nati centri di immersione, locali e negozi. È diventato pure un luogo di ritrovo per quelli che desiderano vedersi per pianificare la serata. La sua spiaggia, però è il valore aggiunto, come le cose che non perdono il fascino con il passare del tempo. I visitatori e i turisti non mancano, merito delle sue acque adatte per il nuoto, la sabbia bianca e la vegetazione rilassante.

Bottle Beach, Surat

Si deve andare in barca nel punto più a nord dell’isola, a circa 20 minuti da Thong Nai Pan. Bottle Beach, però, è tra le più belle spiagge a Koh Phangan ed una delle più scenografiche della Thailandia: ci si arriva costeggiando una porzione di costa molto pittoresca. Tutto è perfetto: il clima è perfetto, la sabbia è bianca e le acque sono perfette per nuotare, insomma la baia è magnifica. 
Nel pomeriggio, poi, quando le ultime imbarcazioni o i pescherecci spariscono all’orizzonte ed è tutto silenzio, la tranquillità è assoluta. La passeggiata è ampia con le palme a far da cornice naturale. Qui il mare si respira, e al tramonto non resta che bere un cocktail o andare a cena in un ristorante, magari, con vista sulla spiaggia.

Spiaggia di Aow Leuk, Surat

Snorkeling, bellezza e opportunità: sono le parole chiavi di di Ao Leuk Beach, un posto incantevole dove nuotare o in cui rilassarsi sulla spiaggia e passare una giornata insieme agli amici. La baia regala spunti e spunti per passare il tempo: qui ci si può imbattere in pesci della barriera corallina e anche in piccoli squali. La sua sabbia fine e bianca la rende una delle più belle di Koh Tao. La strada che porta alla baia, piuttosto selvaggia, regala un paesaggio aspro, ed è molto battuta dagli amanti di trekking.

Sunset Beach, Koh Lipe

Ecco il punto migliore per osservare i tramonti, una piccola baia: La Sunset Beach (Hat Pramong) si trova sulla costa occidentale di Koh Lipe. È una spiaggia dall’atmosfera rilassata dove si possono trovare locali caratteristici costruiti col legno. Qui potete fare una pausa in un chioschetto dove si servono birre ghiacciate e cocktail: un modo per fare aperitivo e attendere il tramonto avvolti da un’atmosfera magica. La spiaggia ha di fronte gli isolotti di Butang.

White Sand Beach, Koh Chang

C’è una strada lungo il perimetro dell’isola di Koh Chang che permette di ammirare numerose baie. White Sand Beach è bianchissima e molto estesa, ed è adatta per chi vuole nuotare o per le famiglie con i bambini. È un posto ideale rilassarsi ed offre un’ampia scelta di alloggi, per ogni esigenza. 
Qui troverete ristoranti, locali notturni, senza dover rinunciare alla natura incantevole, visto che avrete a disposizione una spiaggia contornata da palme ed acque tranquille. I locali sono molto rinomati per le specialità a base di pesce, ma potrete gustarvi la serata anche grazie a cocktail ghiacciati, vino e non mancherà nemmeno l’accompagnamento musicale.

Bamboo Bay, Koh Lanta

Bamboo Bay ha acque cristalline e una spiaggia di sabbia bianca. È circondato da montagne ricoperte di foreste pluviali. Lungo la baia ci sono diversi resort dove poter alloggiare. Pace, relax e natura incontaminata: sono questi gli elementi che troveranno i visitatori. Basti pensare che fino a poco tempo fa non esisteva nemmeno una strada che portava alla spiaggia. “Un luogo incantato, dove ricaricarsi e godere della natura. Sembra che il tempo si sia fermato a 20 anni fa”, è il commento di un turista che elogia la bellezza del posto. È uno dei posti da non perdersi di Koh Lanta.

Spiaggia di Hat Sai Kaew, Koh Samet

Luccica ed è ricercata, non a caso viene chiamata “la spiaggia di diamante” dell'isola di Koh Samet. Hat Sai Kaew è una delle spiagge più popolari ed estese.  Al tramonto la spiaggia si illumina con le luci di ristoranti locali e bar. 
L'acqua è un abbraccio che unisce il verde e il blu, la sabbia è bianca e fine. Qui potrete gustare una delle più buone cucine a base di pesce e trascorrere splendide serate con gli amici. Non mancano le possibilità di fare movimento tra numerosi sport acquatici: windsurf, il jet-sky o lo snorkeling.
La spiaggia sorge sull’isola Koh Samet, chiamata anche Koh Kaew Phitsadan, letteralmente “isola gioiello”. Il suo nome deriva da un particolare tipo di albero che nella zona cresce in abbondanza, fornendo il materiale per costruire le imbarcazioni tipiche. Si tratta di un’isola minuscola, distante 150 chilometri dalla capitale Bangkok.
Koh Samet è stata scoperta negli Anni 80 ed è divenuta una destinazione ricercata, sviluppandosi turisticamente. Non è difficile capirne i motivi: è un posto tranquillo, capace di regalare alcune delle più suggestive spiagge del Paese. Fa pure parte di un Parco nazionale istituito nel 1981, insieme a Laem Ya e ad altre isole circostanti.

Parti in Thailandia con Costa

È automatico collegare la Thailandia al mare: la sua felice posizione, con località balneari e isole permette di trovare un clima sempre ideale e un luogo che sia giusto per ogni tipologia di vacanza e che soddisfi ogni visitatore. Sia che si punti sul relax e sulla natura, sia che si voglia unire i paesaggi da cartolina a centri che sappiano offrire movida e divertimento. La Thailandia è varia ed è tutta da scoprire insieme alle escursioni Costa.

Parti con Costa Crociere