Viaggiare in crociera tra le isole dei Caraibi è un modo fantastico per scoprire in poco tempo tantissime località diverse, i loro colori e i loro profumi, viaggiando di notte in mezzo al mare e scendendo a terra di giorno per ammirare le sue splendide spiagge. Prima di partire per una crociera ai Caraibi, però, ci sono alcune cose che devi sapere per non farti trovare impreparato e goderti la tua vacanza nel segno del relax.

1. Documenti

Per visitare i Caraibi è necessario il passaporto. Ogni nazione richiede un visto diverso e se arrivi in aereo dovrai fare la fila per ottenere l'autorizzazione turistica (spesso a pagamento). Anche di giorno dovrai portarti il documento sempre in tasca, dato che la carta di identità non viene accettata per il riconoscimento. Nelle crociere Costa, invece, nulla di tutto questo: i visti turistici saranno richiesti direttamente sulla nave e non dovrai preoccuparti di girare con il tuo passaporto in tasca per eventuali controlli: lo potrai lasciare al sicuro a bordo, mentre scenderai dalla nave solo con la tua tessera Costa che ti permetterà poi di rientrare.

2. Il clima

Ai Caraibi fa caldo tutto l'anno le temperature che oscillano tre i 25 e i 30 C° ma ricorda che i mesi di agosto, settembre e ottobre sono assai piovosi e umidi. Se puoi, preferisci periodi invernali o primaverili per le tue vacanze. Altro consiglio: porta sempre con te un repellente antizanzare contro eventuali e fastidiose punture. In questa guida abbiamo riassunto le variazione tra le tempetature minime e massime nell'arco dei messi annuali.

3. Valuta

Ogni nazione dei Caraibi ha la propria moneta, che cambia da stato a stato. Per fare acquisti sulla terraferma, quindi, dovrai effettuare un cambio di valuta: stai attento a chi cambia soldi in modo non ufficiale, il rischio è di incappare in raggiri (soprattutto a Cuba, dove ci sono due monete diverse per residenti e turisti). Sulle navi di Costa, però, sarà tutto più facile: se hai il pacchetto All Inclusive non necessiterai di particolari somme da portare a terra (se non per fare shopping o per qualche extra), prenotando le escursioni proposte da Costa il cibo, le bevande e i trasporti sono già inclusi e non dovrai cambiare denaro. 

4. Lingua

Nelle isole caraibiche si parlano lingue diverse in base alla nazione: spagnolo, francese e inglese sono quelle più diffuse. Per comunicare con gli abitanti locali dovresti usare queste lingue, ma anche se non le conosci non ti devi preoccupare: prenotando le escursioni con Costa sarai accompagnato sempre da guide che parlano sempre italiano.

5. Wifi

In alcune isole dei Caraibi la connessione wifi è presente (come ad esempio nei baracchini che noleggiano tavole da surf come in Repubblica Dominicana). In altre isole, invece, è poco diffuso se non addirittura raro (e il prezzo del servizio è elevato, come ad esempio a Cuba). Anche in questo caso, Costa Crociere ha pensato a tutto: il wifi a bordo della nave è sempre disponibile, in questo modo potrai navigare, comunicare con casa e condividere la tua esperienza sui social senza sorprese.

6. Trasporti locali

I Caraibi vivono di turismo. Seppur i prezzi dei trasporti locali, come taxi o bus, siano molto bassi ricordati sempre di contrattare prima di salire a bordo per evitare di vedere i prezzi triplicati una volta che scendi e soprattutto paga solo all'arrivo! Per evitare sorprese, poi, puoi prenotare le escursioni direttamente sulle navi Costa: scopri ogni giorno un posto diverso e decidi tu cosa visitare, dal giro di shopping alle immersioni subacquee, dalla gita in 4x4 al tour guidato nei musei, pagando solo sulla nave.

7. Abbigliamento

Il bikini è un indumento necessario per chi ama la spiaggia, ma porta con te anche scarpe da trekking, pantaloni lunghi e felpa se vuoi fare escursioni nelle foreste. Non dovrai neanche preoccuparti di avere un bagaglio troppo pesante e ingombrante: in crociera puoi lasciare tutto a bordo, portare sulla terraferma solo lo stretto necessario e casomai imbarcarti e cambiarti secondo evenienza. Leggi anche questo articolo su cosa portare ai Caraibi.

8. Religione

L’influenza cattolica (dovuta al periodo coloniale) è chiaramente radicata in questi territori, sia sul piano religioso che culturale. La popolazione è religiosa, ma a modo suo: frequenta la chiesa, ama le rappresentazioni sacre, ma nella vita di tutti i giorni può dimostrare anche atteggiamenti poco affini alla religione, dando così vita ad innocui e divertenti controsensi. Niente di preoccupante, la cordialità e tolleranza nei tuoi confronti non mancheranno di sicuro!

9. Luoghi privati

Alcune isole dei Caraibi sono private, inaccessibili o si possono raggiungere solo con imbarcazioni private. Niente paura, avrai comunque modo di vederle! Costa Crociere gode di un esclusivo permesso per approdare all'isola di Catalina, in Repubblica Dominicana, permesso che è ovviamente esteso a tutti i vacanzieri in crociera.

10. Solidarietà

Le popolazioni locali spesso ti chiederanno soldi o aiuti economici. Se vuoi sostenere davvero il territorio, sulle crociere Costa sono previste anche escursioni solidali, come ad esempio quelle in Repubblica Dominicana: visiterai un villaggio dove alcune donne hanno fondato una piccola impresa e con il loro impegno supportano la comunità locale. 

11. Offerta migliore

Come ultimo punto non per questo meno importante è importante pianificare il tuo viaggio ai Caraibi e capire quale sia l'offerta migliore, per questo ti invitiamo a consultare questo articolo che ti spiega come vedere i Caraibi in un unico viaggio senza farti mancare nulla, attraverso le offerte all-inclusive di Costa Crociere.

Parti per i Caraibi con Costa Crociere

Hai intenzione di partire per i Caraibi? Allora scopri i nostri itinerari le offerte e le promo attive e sogna le tue spiegge paradisiache.

Parti con Costa Crociere