Perché visitare Goteborg? La varietà di risposte che si possono dare a questa domanda è stupefacente. Città vivace, con un’energia tutta particolare, Goteborg è famosa per la qualità della vita e per il carattere dei suoi abitanti, accoglienti e inclini all’umorismo: un posto dove sentirsi subito a casa, respirando un’atmosfera rilassata e frizzante al tempo stesso.

Popolata di splendidi parchi, edifici maestosi e antichi castelli, Goteborg è una città giovane e creativa, piena di gallerie, musei ed eventi: dai festival gastronomici agli appuntamenti culturali, dagli eventi sportivi ai festival musicali, ogni stagione qui è elettrizzante. D’estate, il sole non tramonta mai e le giornate sono lunghissime: è il momento ideale per tirare tardi e immergersi nella nightlife di Goteborg. Ma anche per fare un tuffo in acqua, approfittando della stupenda cornice offerta dalle isole dell’arcipelago.

Anche nelle stagioni più fredde, i quartieri più caratteristici, come Haga, sono un punto di attrazione con i loro caffè e i negozietti dove fare shopping alternativo. La gastronomia, a Goteborg, è strepitosa: grande protagonista è il pesce, da assaporare nei ristoranti stellati o nelle taverne tipiche dove mangiare a poco prezzo: ancora meglio, su un’isoletta selvaggia, circondati dalle case dei pescatori. Attraversata dal fiume Gota e affacciata sul Mare del Nord, la città è ricca di punti panoramici mozzafiato.

La seconda città della Svezia ti incanterà per la sua architettura, la splendida cornice naturale e il suo gusto per l’accoglienza. Ecco i 18 must see da visitare a Goteborg e dintorni, magari insieme a Costa approfittando delle nostre escursioni.

Museo di Goteborg

Goteborg è anche chiamata la Amsterdam scandinava, e visitando lo Stadsmuseum è facile capire il perché. La raccolta del Museo di Goteborg ne racconta l’evoluzione dalla preistoria al diciannovesimo secolo, fino all’espansione industriale che ha dato vita alla moderna città. Nata come porto mercantile alla foce del fiume Gota, fu attrezzata con un ingegnoso sistema di canali, progettati sul modello di Amsterdam.

Oggi, i canali di Goteborg fanno da sfondo a placide gite in battello: volendo, l’itinerario può proseguire fino a Stoccolma lungo il Göta Canal, il “nastro azzurro della Svezia”. Situato nella sede storica della Compagnia delle Indie Orientali, il prestigioso Museo di Goteborg raccoglie testimonianze antiche ed esposizioni temporanee, proponendo anche tour guidati e itinerari a piedi in città. Al  suo interno è possibile ammirare anche un reperto molto, molto particolare: l’unica nave vichinga esposta in Svezia. Ci sono anche un’area gioco dedicata ai bambini, un negozio, un ristorante e un caffè per rilassarsi dopo la visita al museo.

Piazza Gustav Adolf e Teatro dell'opera

Fu chiamata la “piazza grande” di Goteborg fino all’arrivo della statua dedicata a Gustavo II Adolfo di Svezia, il fondatore della città nel 1621. Centro politico di Goteborg, piazza Gustav Adolf è circondata dai palazzi delle istituzioni, come il Municipio e la Borsa in stile neoclassico. A pochi passi sorge il Teatro dell’opera, curioso dal punto di vista architettonico: il suo progetto, infatti, è ispirato al porto e include elementi a tema come vele e navi. Il cartellone spazia dalla lirica al balletto, dai concerti ai musical. In attesa che si alzi il sipario è possibile godersi una cena al ristorante del teatro: molto panoramica, poiché tutti i tavoli guardano il fiume. Ma basta un caffè per entrare nell’atmosfera.

Chiesa di Oscar Fredrik

I suoi rosoni ti ipnotizzeranno, così come la guglia sottile slanciata verso l’alto: la chiesa di Oscar Fredrik è un classico riferimento visivo a Goteborg. A rapirti sarà, più in generale, il suo stile neogotico ispirato alle grandi cattedrali europee, più che allo stile nordico in senso stretto. Costruita a fine Ottocento, la chiesa di Oscar Fredrik prende il nome dal re di Svezia Oscar II, apprezzato non solo per la sua acutezza e il suo tatto politico, ma anche per i gusti raffinati e la ricercata produzione letteraria. La chiesa di Oscar Fredrik ti farà compagnia durante il soggiorno in città: il consiglio è senz’altro quello di ammirarla da vicino, per apprezzare nei dettagli le sue linee elaborate e i suoi interni maestosi.

Feskekörka

Chi l’avrebbe mai detto che un mercato del pesce potesse trovare spazio in una cattedrale? Questo è l’effetto che fa Feskekörka, tra i luoghi più visitati in città. Costruito nel 1874, l’edificio nasce da un esperimento architettonico ed è ispirato alle chiese gotiche in pietra e alle chiese nordiche a doghe di legno.  La traduzione di Feskekörka è, letteralmente, “chiesa del pesce”: un indizio rivelatore del rispetto sacro che i locali provano per il mare e i suoi doni. Il mercato ittico espone ogni genere di specialità ittica, ovviamente freschissima. L’acquolina in bocca è assicurata: a disposizione c’è un tipico ristorante, piccolo ma invitante, dove ordinare primizie delicate e bontà sostanziose: dalle ostriche crude alle aringhe fritte. 

Piazza Järntorget

Letteralmente “piazza di ferro”, piazza Järntorget è tra i maggiori luoghi di ritrovo in città. Situata tra il distretto di Linné e il quartiere di Haga, la zona è un punto di riferimento per la nightlife alternativa e il food informale. Intorno alla piazza sorgono cinema, teatri, club, locali di musica dal vivo e una varietà di bar e ristoranti. Storico ritrovo della classe operaia, piazza Järntorget è un simbolo di Goteborg e offre una cornice molto caratteristica per gustare un caffè in relax. Da qui parte Linnégatan, via dello shopping molto frequentata dai locals. C’è solo l’imbarazzo della scelta per uno spuntino: dalle proposte vegetariane ai ristoranti trendy, senza tralasciare i pub con birra artigianale. L’atmosfera è autentica e le sorprese non mancano mai.

Quartiere di Haga

Haga è il quartiere vecchio della città, una sorta di oasi scandita da viali alberati, piazze storiche e case operaie. Molti edifici sono costruiti nel cosiddetto stile landshövdingehus, tipico di Goteborg, con un piano in muratura e gli altri livelli in legno. Un’usanza nata in origine per prevenire gli incendi o, più precisamente, un ingegnoso escamotage per aggirare un divieto in tal senso. La zona offre una quantità di caffè e negozietti dove acquistare di tutto: dagli arredi al tè, dagli accessori alternativi ai dolci tipici. Fare shopping qui è un’esperienza unica: le proposte, infatti, non sono stereotipate come altrove e la chicca è dietro l’angolo. Il quartiere di Haga, poi, è la cornice perfetta per sperimentare il rito svedese chiamato fika: più che una pausa caffè, una filosofia di vita. Le caffetterie e le pasticcerie locali sono decisamente all’altezza della situazione.

Piazza Götaplatsen

La prima cosa che si nota, giungendo a Piazza Götaplatsen, è una gigantesca statua di Poseidone, maestosa presenza divenuta simbolo di Goteborg. L’antica divinità sorveglia Avenyn, il viale principale della città, sempre trafficato e affollato di ristoranti e locali notturni. Piazza Götaplatsen è un po’ il cuore della vita culturale: la circondano infatti il Palazzo dei Concerti, sede dell’Orchestra Sinfonica di Goteborg, la Biblioteca Municipale, il Museo d’arte e il teatro cittadino. La piazza ospita anche eventi più informali, come festival e concerti rock: la cultura, qui, è a 360°.

Konstmuseum

Ti stai chiedendo se visitare il Museo d’arte di Goteborg? Tempo permettendo, la risposta è certamente sì. Ne vale la pena: il Konstmuseum, infatti, ospita una delle collezioni più belle di arte tardo ottocentesca del Nord Europa. La collezione permanente spazia dalle opere di artisti svedesi ai capolavori internazionali, con tele di Rembrandt, Monet, Chagall e Picasso fra gli altri.

Tra i vanti del museo c’è – oltre all’imponenza e alla varietà della sua collezione – la creatività della gestione: accanto a mostre temporanee e tour guidati, infatti, si organizzano anche workshop e attività per le famiglie. Non può mancare un caffè per concedersi una pausa golosa commentando i dipinti più belli. Lo stile della costruzione è tipico dell’architettura monumentale neoclassica, reinterpretata in salsa nordica: la particolarità è data dalla colorazione ocra dei mattoni, un marchio di fabbrica cittadino. 

Universeum - Museo nazionale della scienza

C’è un’attrazione, a Goteborg, che seduce egualmente grandi e piccoli: l’Universeum, il Museo nazionale della scienza, il più importante della Scandinavia. Sviluppato su sette piani, offre tecnologie all’avanguardia ed esperienze interattive senza eguali. Una delle più particolari è un insolito safari tra scimmie e caimani: qui, infatti, è possibile attraversare una foresta pluviale indoor, tra guizzi di farfalle e uccelli variopinti. O vivere le emozioni di un astronauta e le sue sfide, come fare una passeggiata spaziale o dormire in assenza di gravità. Ma anche affrontare una macchina della verità nel laboratorio del crimine e farsi rapire dalla fragile bellezza del mondo degli oceani, tra squali tigre e ipnotiche razze giganti. Lungi dall’essere una meta scontata, l’Universeum - Museo nazionale della scienza colpisce l’immaginazione nel profondo, risvegliando la curiosità per la natura e le meraviglie della scienza. 

Liseberg

A due passi dall’Universeum c’è il Parco divertimenti di Liseberg, un luogo ricco di proposte per tutti. Per citarne una, il rollercoaster Helix, il più lungo e veloce della Scandinavia. Le attrazioni tra cui scegliere sono decine, come la torre AtmosFear, da cui sfrecciare in caduta libera per un centinaio di metri. Per chi non si sente in vena di avventure spericolate, il parco di Liseberg è prodigo di relax, con negozi, ristoranti e concerti in programma nella stagione estiva. Il suo main stage è tra le venue più importanti per la musica dal vivo a Goteborg e ospita le più grandi star internazionali. Il divertimento è di casa in ogni stagione, anche a Natale quando il tradizionale mercato propone il meglio della cucina tipica svedese. A proposito di relax: i Giardini di Liseberg, tra i parchi più grandi della città, sono un vero spettacolo. Una distesa sconfinata di bulbi in fiore, querce centenarie e cascate. Qui, gli abitanti di Goteborg amano passeggiare in tranquillità, godendosi la bellezza della natura: un privilegio di cui approfittare.

Fortezza di Skansen Kronan

Nella top list dei punti panoramici di Goteborg c’è la Fortezza di Skansen Kronan. Da qui potrai contare i tetti del quartiere Haga e accarezzare con lo sguardo le verdi pendici della collina. La struttura difensiva fu costruita nella seconda metà del Seicento, sulla base dei disegni realizzati da Erik Dahlbergh, ingegnere che conquistò la nobiltà coi suoi meriti militari.

La Fortezza di Skansen Kronan fu attrezzata con ben 23 cannoni per resistere a ogni tipo di attacco: ebbe, però, la fortuna di non essere usata in guerra perché il nemico restò a debita distanza. Un’eventualità per cui, del resto, era ben preparata, grazie alle sue mura granitiche con uno spessore che raggiunge i cinque metri. Adibita più tardi a prigione e a ricovero di emergenza, fu trasformata nel XX secolo in un museo militare. Oggi è uno splendido belvedere che fa il paio con Skansen Lejonet, fortificazione gemella che, a differenza della corona dorata di Skansen Kronan, sfoggia un leone sulla sommità.

Chiesa di Masthuggskyrkan

Tra le vedute più classiche, per chi naviga intorno a Goteborg, c’è la chiesa di Masthuggskyrkan: un affascinante esempio di stile romanico svedese che attrae ogni anno decine di migliaia di turisti. Emblematica dal punto di vista architettonico e per il suo invidiabile panorama: accoccolata su un’alta collina, regala una vista incantevole sul fiume. La chiesa di Masthuggskyrkan fu costruita nel 1914, diventando uno dei simboli di Goteborg. Nelle vicinanze c’è un altro luogo molto particolare, la “riserva culturale” Gathenhielmska, tra le zone più antiche della città. Vi si possono ammirare case risalenti al XIII secolo e respirare un’atmosfera d’altri tempi: un viaggio nella Goteborg settecentesca, prima delle devastazioni causate dagli incendi.

Kungälv e viale Västra Gatan

Posta alla foce del fiume Göta, la cittadina di Kungälv ospita la magnifica Fortezza di Bohus, costruita a guardia dei confini della Norvegia e insidiata dagli svedesi: la sua fama di invincibilità è ben meritata, perché non fu mai espugnata se non grazie a un trattato. Considerato tra i più belli della regione, il castello è tra le attrazioni più famose di Kungälv, località incantevole situata poco a nord di Goteborg. Immancabile una passeggiata lungo viale Västra Gatan, molto caratteristico con le sue casette in legno variopinte. Deliziosi gli scorci che si ammirano percorrendo il lungofiume. Da segnare anche una tappa golosa: il famoso negozio di biscotti che diffonde nell’aria un delizioso aroma di vaniglia e cioccolato. Oltre ai profumi golosi, a Kungälv si respira la storia, tra racconti di re e battaglie. 

Isola di Styrsö

La fama turistica di Goteborg è legata anche ai suoi arcipelagi: la città, infatti, sorge a breve distanza da una collezione di isole selvagge facilmente raggiungibili in battello. Gli abitanti della città amano ambientare la classica gita fuori porta proprio qui, dove i più fortunati possiedono un cottage vista mare circondato di erica selvatica. Le escursioni tra cui scegliere sono tantissime: tra le più affascinanti c’è sicuramente una gita all’isola di Styrsö, popolata di casette in legno dall’aspetto pittoresco. Questo gioiellino si trova a metà tra l’arcipelago settentrionale, più turistico, e quello meridionale, più tranquillo e interdetto al traffico delle auto.  Una cornice fantastica per passeggiare sul lungomare o per fare una scorpacciata di crostacei freschi. 

Fortezza di Carlstens

Esplorando le isole che circondano Goteborg è possibile imbattersi in castelli spettacolari, dritti sul mare con piglio invincibile. Uno dei più fascinosi è la Fortezza di Carlstens, costruita sull’isola Marstrand a nord della città. Una presenza inconfondibile che troneggia in quest’isola dalle atmosfere rilassate, popolata di casette tipiche, caffè e gallerie: splendida anche da visitare in bici. La Fortezza di Carlstens fu eretta nel XVII secolo dagli Svedesi per sorvegliare l’isola appena conquistata, e domina il centro abitato a un centinaio di chilometri di altezza: da qui, non a caso, il panorama è straordinario. Volendo è possibile visitare anche l’interno, per cogliere appieno l’importanza del maniero, storicamente conteso per il suo ruolo di avamposto strategico. Le visite guidate ripercorrono la storia del castello che per secoli fu guardiano della piccola cittadina di Marstrand. Non mancano spettacoli teatrali, performance musicali e altre attività pensate per rendere la visita più coinvolgente.

Ponte Tjörnbron

Tra le isole più belle dei dintorni c’è Tjörn, la sesta per grandezza della Svezia. L’isola è collegata alla terraferma dal famoso Ponte Tjörnbron: un’opera maestosa che colpisce anzitutto per le dimensioni, coi suoi 664 metri di lunghezza e un’altezza di 45 metri circa. Inaugurato nel 1981, il ponte è stato costruito in tempo record – in soli 17 mesi – rimpiazzando il precedente Almö Bridge, inghiottito dal mare. Oltrepassare il Ponte Tjörnbron è davvero emozionante. Oltre a essere super panoramico, è una sorta di passaggio magico: dall’altra parte si trova la splendida isola di Tjörn, con le sue pittoresche casette di pescatori e i suoi paesaggi naturali mozzafiato. Da non perdere l’affascinante Parco delle sculture Pilane: passeggiando tra rocce e prati potrai imbatterti in creazioni inaspettate e bizzarre, come una gigantesca testa di donna bianca. Ah, un’altra cosa: si dice che qui si assaggi il migliore pesce affumicato della Svezia.

Skärhamn e Museo nordico dell'Acquerello

Un’altra sosta interessante, sull’isola di Tjörn, è il Museo nordico dell'Acquerello di Skärhamn. Una meta gettonata che si fa notare, anzitutto, per il suo aspetto marinaresco: il museo ha sede in un edificio affacciato sul mare, a suo modo molto suggestivo. La costruzione è dipinta nel caratteristico rosso Falun, il colore dei cottage svedesi, ricavato dal residuo delle miniere di rame. All’interno è possibile ammirare opere di artisti svedesi e non solo: il Museo nordico dell'Acquerello ospita infatti mostre contemporanee e workshop internazionali. Ma non finisce qui: approfittando dei corsi organizzati dal museo è possibile cimentarsi in prima persona nella tecnica dell’acquerello. Se sei un amante della vela, poi, Skärhamn non ti lascerà indifferente: la località, infatti, è sfondo di prestigiose regate e il posto giusto per rifarsi gli occhi, sognando magari uno yacht nuovo di zecca. 

Klädesholmen

L’avventura continua a Klädesholmen, isoletta collegata a Tjörn da un ponte. Qui, la pesca è una vera e propria istituzione e non manca un museo dedicato. La vera star è l’aringa, l’ingrediente più gettonato per i piatti di pesce serviti dai ristoranti locali. Dalle taverne rustiche ai ristoranti più raffinati, la scelta non manca per pianificare una delle scorpacciate più memorabili della vacanza. Klädesholmen – sede anche di una festa dell’aringa, in programma nel mese di giugno – da questo punto di vista è una garanzia. Una curiosità: l’isola delle aringhe ospita anche il primo albergo galleggiante della Svezia.

Parti per Goteborg con Costa Crociere

Dì la verità: ti è venuta voglia di trasferirti a Goteborg. Difficile darti torto: la città svedese è un mix unico di fascino nordico e atmosfere cosmopolite, piena di spazi verdi e occasioni di divertimento. Goteborg è la città più giovane e “sociale” della Svezia, grazie alla sua importante università e ai suoi tanti locali. Ma è anche un luogo ricco di storia: divenuta grande con il commercio e grazie al suo sistema di canali, conserva magnifiche tracce del proprio passato. Il litorale frastagliato e le isole dell’arcipelago la incorniciano magnificamente: se vuoi apprezzarla al massimo, visita Goteborg con una crociera Costa, approfittando delle tante escursioni organizzate in città.

Parti con Costa Crociere