Socchiudi gli occhi e lasciati cullare dal suono del mare, circondato da isolette affacciate su baie cristalline. Respira i profumi della macchia mediterranea e il fascino dei villaggi di pescatori, con le caratteristiche taverne dove gustare il pesce e mille specialità tipiche. Immergiti nella storia dei borghi medievali, dove passeggiare lungo stradine lastricate in pietra e ammirare architetture suggestive. Benvenuto in Croazia: una destinazione che accontenta tutti, dalle famiglie ai cultori del divertimento, dagli amanti della natura ai patiti delle vacanze culturali.

Oltre all’Istria – la penisola più grande dell’Adriatico – c’è molto di più: la costa croata si sussegue per migliaia di chilometri, tutti da mangiare con gli occhi. Percorrerla via mare è un viaggio sorprendente: sarai circondato alle isole più belle della Croazia, come quelle che compongono l’arcipelago del Quarnaro e le Incoronate, da borghi veneziani e scorci verdeggianti. Potrai ammirare celebri siti Unesco e solcare a piedi ampi parchi naturali ricamati da fiabesche cascate. Le spiagge della Croazia non richiedono presentazioni: da Pola alla Dalmazia, il relax vista mare è assicurato. Non accontentarti delle mete più scontate: il segreto è spaziare. Ecco le 16 migliori cose da vedere in Croazia per scoprirla in tutte le sue sfaccettature.

Istria

La penisola istriana è un susseguirsi di spiagge incantate e antichi borghi di pietra, dove la tradizione è ancora viva e non sembra temere troppo l’invasione dei turisti: in piena estate, l’Istria è affollata di vacanzieri, ma basta sfumare nella bassa stagione per scoprirne il volto più segreto. I paesini di mare e le cittadine medievali, i campanili in stile veneziano – uno su tutti, quello della chiesa di Rovigno – sono vere perle dell’Adriatico: una delizia per chi naviga lungo le coste istriane, tra freschi tuffi e assaggi di cultura. Per non parlare della gastronomia: la varietà è più ampia di quanto si immagini e va ben oltre i classici scampi alla busara. Anche l’entroterra è ricco di tesori: basta addentrarsi un po’, ad esempio, per scoprire Montona (Motvun), fascinoso borgo fortificato proteso su una valle sconfinata. È solo una delle sorprese che riserva questa regione ricca d’arte e di storia, le cui spiagge incantano i vacanzieri tanto quanto le bellezze culturali. 

Rovigno

Posizionata a sud del Canale di Leme – ammaliante fiordo incorniciato di boschi che gli conferiscono l’aspetto di un canyon –, Rovigno è la città più visitata dell’Istria. Il suo celebre centro storico è dominato dalla chiesa di Sant’Eufemia, con il campanile svettante che richiama quello di San Marco. Rovigno fu, non a caso, un’importante città della Serenissima che la circondò di mura per proteggerla dai pirati. Originariamente costruita su un’isola, fu collegata alla terraferma nel XVIII secolo. Passeggiare fra le sue ripide viuzze in pietra, fra taverne tipiche e gallerie d’arte, è un’esperienza emozionante: i suoi scorci suggestivi la rendono una destinazione molto romantica. Di fronte a Rovigno, il mare riluce di piccole isole, come quella di Sant’Andrea, anche nota come isola Rossa, orlate di spiagge di roccia e ciottoli.  

Pola

La fama turistica di Pola si lega – oltre che alle spiagge circostanti – all’anfiteatro di età flavia, un tempo sfondo delle lotte dei gladiatori e oggi magnificamente conservato: una visione maestosa, tanto più se si pensa che all’epoca di Vespasiano poteva contenere oltre 20mila spettatori. Il Colosseo croato si circonda di importanti monumenti, come le porte romane – da vedere Porta Gemina e il trionfale Arco dei Sergi – e il Tempio di Roma e Augusto, luogo di culto dedicato alla dea e all’imperatore Ottaviano, al cui fianco sorge il Palazzo Comunale.

Oltre alla ricchezza del patrimonio storico e archeologico, Pola vanta un centro molto animato, ricco di musei, negozi e locali. Situata sulla punta dell’Istria, Pola si caratterizza per l’andamento frastagliato della costa: alcune delle spiagge più incantevoli della Croazia si trovano proprio qui, una cornice sensazionale per rilassarsi al mare dopo aver ammirato le bellezze dell’antica città. Dalle Isole Brioni alle spiagge di Medulino e Premantura – da non perdere la penisola Kamenjak –, l’estate regala magie: ma anche la bassa stagione, specie agli amanti del cicloturismo.  

Dubrovnik

Dubrovnik – Ragusa – fu capitale di una repubblica marinara indipendente, capace di rivaleggiare con lo strapotere veneziano, grazie anche all’alleanza con la Repubblica di Ancona. Porta dei Balcani, era crocevia del commercio con l’Oriente: metalli, olio e spezie transitavano nel suo porto e numerosi consoli sorvegliavano le rotte. La fortuna di Ragusa raggiunse il picco tra il XV e il XVI secolo: un periodo d’oro di cui si conservano preziose tracce. Il centro storico, racchiuso entro le antiche mura, è un gioiello Unesco caratterizzato da un fascinoso patrimonio storico e artistico e da una profusione di chiese, piazze e palazzi: fra i più emblematici c’è il Palazzo dei Rettori, cuore politico della Repubblica.

La “perla dell’Adriatico” si circonda di torri e fortezze affacciate sul mare: il panorama è sensazionale. Vivace e cosmopolita, Dubrovnik è una città di cultura con un ricco calendario di eventi: il suo Festival Estivo trasforma ogni anno le strade, i palazzi e le chiese in palcoscenico. Dopo esserti immerso nella storia di Ragusa, puoi concederti un’escursione all’isola di Lokrum e un bagno di sole nelle spiagge più belle dei dintorni. 

Sebenico

Situata sulla foce del fiume Krka, Sebenico (Sibenik) vanta una storia antica e fu, fino alla sua caduta, parte della Repubblica di Venezia, dando più tardi i natali a Niccolò Tommaseo. Chi giunge via mare si imbatte subito nella fortezza di San Nicola, attrezzata con 32 cannoni per difenderla dai Turchi: un raro esempio di architettura militare rinascimentale a forma triangolare. Armoniosa fusione di forme gotiche e rinascimentali, la cattedrale di San Giacomo è tra gli edifici religiosi più importanti dell’intera Dalmazia. Oltre che per i suoi tesori storici e architettonici – entrambi i due siti sono tutelati dall’Unesco –, Sebenico è conosciuta per le meraviglie naturali che la circondano. Poco distante si trova il parco della Cherca, famoso per le sue splendide cascate.    

Krka

L’area protetta del fiume Cherca (Krka) è un incantevole scrigno di biodiversità, caratterizzato da una ricca fauna e da scorci spettacolari. Il parco nazionale si estende tra Scardona (Skradin) e Sebenico e comprende numerose cascate perenni, formate da bianchi letti di tufo. Superando un grande canyon, il viaggio dell’acqua prosegue fino al mare. Le cascate più maestose – quelle di Scardona, in particolare la Skradinski Buk, con un dislivello di ben 45 metri – sono tra le mete naturalistiche più popolari di tutta la Croazia.

La cascata Roski Skap si tuffa nel lago Visovac, al cui centro si trova un isolotto con un convento francescano. La visita si svolge su comode passerelle in legno, seguendo un itinerario circolare, con la possibilità di fare il bagno ammirando le cascate. L’area è disseminata di mulini e fortezze: in barca è possibile raggiungere anche il monastero di Krka, costruito su una piccola isola e contenente una collezione di manoscritti rari.

Traù

Muovendosi in direzione di Spalato si raggiunge la riviera di Traù (Trogir), magnifico borgo medievale costruito su una  piccola isola. Concentrato di storia e atmosfere suggestive, è una meta imperdibile per gli appassionati di arte e architettura. Trogir è un gioiello tutelato dall’Unesco e annoverato fra le città veneziane più fascinose della Dalmazia. Annessa alla Serenissima nel 1420, la città si arricchì di imponenti fortificazioni, con il Castello del Camerlengo a fare da avamposto.

Il centro storico, con le sue strette vie selciate, è un tripudio di architetture romaniche, gotiche, rinascimentali e barocche: tra le più significative c’è la Cattedrale di San Lorenzo, dallo stile tipicamente veneziano. D’obbligo una visita alla Cappella Orsini del Duomo, capolavoro di arte rinascimentale impreziosito da pregiate sculture. La storia di Traù affonda le radici molto più lontano nel tempo: basti pensare che, proprio qui, fu rinvenuto un antico manoscritto romano del Satyricon di Petronio con la celebre Cena di Trimalcione.  

Spalato

È solo un antipasto di ciò che ti aspetta a Spalato (Split), città dalla storia millenaria. Di fondazione greca, il maggiore centro della Dalmazia ospita uno dei porti più importanti del Mediterraneo. E, cosa più interessante, uno fra i monumenti romani più famosi al mondo: il celebre Palazzo di Diocleziano. La grande villa fortificata fu eretta secondo la tipica struttura del castrum, l’accampamento militare romano, e delimitata da massicce torri.

Le mura perimetrali sono interrotte da porte monumentali, ciascuna delle quali porta il nome di un particolare metallo. L’imponenza del palazzo incute quasi soggezione, rendendo onore alla potenza del glorioso imperatore che qui trascorse gli ultimi anni di vita. All’interno del complesso – il cui perimetro coincide con quello del centro storico – si trovava anche il Mausoleo di Diocleziano, poi riconvertito in Cattedrale. Le cose da scoprire, fra le mura del palazzo, sono molte di più: il consiglio è di prendersi qualche ora per scoprirle in tutti i dettagli.

Zara

A Zara (Zadar) il mare canta, letteralmente: merito del suo Organo marino che emette una melodia ispirata al vento e al rincorrersi delle onde. La progettazione si deve allo stesso artista che ha concepito il Saluto al Sole, singolare opera dedicata alla luce e realizzata con pannelli fotovoltaici. Oltre a queste chicche di arte urbana Zara, città con una storia millenaria, sfoggia una lunga sfilza di monumenti che spaziano dalle testimonianze romane alle antiche chiese, come quella di San Donato e la Cattedrale di Sant’Anastasia in stile romanico.

La città abbonda di cultura, mostre e musei e si circonda di paesaggi splendidi: indimenticabili quelli offerti dal Parco Nazionale Kornati, facilmente raggiungibili con le escursioni giornaliere che partono proprio da qui. Degno di nota anche il maraschino di Zara, liquore dolce – o meglio, rosolio – prodotto da generazioni con le deliziose visciole autoctone.

Telascica

Se ami le immersioni – o vuoi concederti una fantastica escursione in barca a vela – il Parco di Telascica è lo sfondo ideale. Situato sull’Isola Lunga (Dugi Otok), la più grande dell’arcipelago di Zara, si compone di isolatte, scogli e baie lussureggianti. La posizione è strategica: sorge infatti di fronte alle isole Incoronate – Kornati in croato –, un paradiso selvaggio formato da decine di piccole isole. Il fascino naturalistico del parco è notevole. Le sue falesie si ergono per 160 metri, tuffandosi nelle profondità marine: le ripide scogliere chiamate Stene si inabissano per altri 80 metri sotto la superficie, ospitando colorati coralli e, fuori dall’acqua, i nidi dei falchi pellegrini. Deliziosa la visione del lago Mir, salatissimo e separato dal mare da una sottile striscia di terra. Oltre a indossare maschera e pinne, puoi scoprire il parco in bicicletta o percorrendo i suoi sentieri. L’insenatura di Telascica è un riferimento irrinunciabile per i diportisti, che qui possono trovare uno dei porti naturali meglio riparati di tutto l’Adriatico. 

Isola di Hvar

L’isola di Hvar (Lesina) è anche chiamata la “Madeira dell’Adriatico”, grazie al suo clima gradevole, alla sua vegetazione lussureggiante e ai suoi splendidi panorami. Hvar vanta anche il primato di isola più lunga dell’Adriatico ed è ricca di località balneari rinomate. Posizionata tra le isole di Brazza (Brac), Lissa (Vis) e Curzola (Korcula), l’isola è ricoperta di pendii terrazzati, foreste e campi di lavanda. La piana di Stari Grad (Civitavecchia) è un paesaggio protetto dall’Unesco, rimasto praticamente invariato dai tempi della colonizzazione greca: con i suoi muri in pietra e la piana coltivata a vite e ulivo, è l’esempio di parcellizzazione agraria greco-antica meglio conservata del Mediterraneo.

In passato importante porto mercantile, Hvar conserva paesini con case in pietra, costruite nel tipico stile dalmata, e pittoreschi villaggi di pescatori: è il posto giusto per scoprire la tradizione e l’arte del buon cibo, spaziando dai formaggi di capra alle zuppe di pesce servite dalle taverne dell’isola. Ma anche per scoprire l’antica arte del merletto, intrecciato coi fili delle foglie di agave.

Tra le spiagge più amate c’è la baia Mina, a Jelsa: la zona, incorniciata da vette montuose, è quella con la vegetazione più ricca e rigogliosa. Di fronte a Lesina sorge l’arcipelago delle isole Spalmadori (Pakleni otoci), un paradiso formato di scogli e isolette con piccole spiagge amate dai naturisti. Per chi non disdegna la mondanità, Hvar offre una movimentata vita notturna e numerosi locali e beach bar. Di più: l’isola è molto apprezzata dal jet set, tanto da rappresentare un po’ l’analogo croato di Saint Tropez e della Costa Azzurra    

Zagabria

Dominata da rilievi boscosi, la città di Zagabria è una metropoli ricca di spazi verdi e fascinosi palazzi. Sviluppatasi tra il fiume Sava e le pendici della Medvednica, la capitale croata sfoggia una bellezza inaspettata, fra architetture barocche e Art Nouveau, palazzi austroungarici e belle chiese. Simbolo della Città Alta – perlopiù pedonale e principale punto di ritrovo cittadino – è la Cattedrale di San Marco, al centro dell’omonima piazza, molto caratteristica con il suo tetto smaltato policromo.

La città è ricca di gallerie e locali e ospita svariati eventi culturali e festival di rilievo internazionale. È, inoltre, una meta ambita per lo shopping: immancabile un giro al Dolac, famoso mercato all’aperto. Nei dintorni di Zagabria sorge la città fortificata di Medvedgrad, nota per il suo imponente castello e per i percorsi riservati agli amanti del trekking. Da non perdere anche una visita a Samobor, città-museo dove ammirare le rovine del borgo medievale e passeggiare fra case color pastello, antiche chiese e botteghe artigianali.

Gorski Kotar

Quando si pensa alla Croazia, il pensiero corre subito alle spiagge e alla tintarella. Non manca, però, la possibilità di fare dell’ottimo trekking fra prati e foreste: per gli appassionati di camminate, la meta d’elezione è il Gorski Kotar, vasto altopiano verdeggiante situato nella Croazia nord-occidentale. Il parco nazionale del Risnjak, compreso nel Gorski Kotar, è la zona più montuosa del Paese: una distesa di faggi e abeti popolata di cervi, lupi e gufi reali. La vetta più alta è il Risnjak che tocca i 1500 metri: zaino in spalla puoi arrampicarti fino in cima e scrutare da lontano l’isola di Veglia (Krk). Se non ami troppo le scarpinate puoi concederti esperienze più rilassanti, come piacevoli passeggiate fra i caratteristici villaggi e intorno al laghi di Fužine e Lovke, molto pittoreschi e dove dilettarsi anche con la pesca e il canottaggio. Oppure, perché no, fare un bagno nel fiume, dopo aver testato accuratamente la temperatura dell’acqua.

Opatija

Il tour dell’Istria si chiude in bellezza con Abbazia (Opatija), situata in posizione riparata sul Golfo del Quarnaro. Posta a pochi chilometri da Fiume (Rijeka), è il centro più importante della costa istriana orientale e vanta una lunga tradizione turistica che affonda le radici nel XIX secolo. Abbazia era uno dei ritrovi favoriti dall’élite asburgica: al suo aspetto aristocratico contribuiscono le lussuose ville circondate di parchi, palme e camelie. Tra le residenze più belle c’è Villa Angiolina, decorata con trompe l’oeil, rivestimenti a mosaico e arredi ricercati e cinta da un parco botanico dove aggirarsi fra sequoie e ginkgo biloba. L’omonima Riviera vanta una passeggiata sul lungomare lunga ben 12 chilometri che lambisce le località costiere. Consigliata anche un’escursione al parco naturale di Monte Maggiore (Ucka), area incontaminata di grande interesse naturalistico. 

Plitvice

I Laghi di Plitvice sono il parco più famoso della Croazia, dichiarato patrimonio naturale dell’Umanità dall’Unesco. Fra i paesaggi della Lika orientale si schiude un mondo incantato: protagonista è la bellezza della vita acquatica che perennemente si rinnova e risorge. Il parco nazionale di Plitvice è un complesso di laghi situati a diverse altezze, adagiati fra boschi, stagni, salti d’acqua e cascate. Ripide pareti rocciose, dense di vegetazione, si ergono sull’acqua: i riflessi, i colori e le sfumature smeraldine lasciano senza parole. L’itinerario si percorre a piedi, lungo le passerelle in legno e i sentieri: un’esperienza molto rigenerante. È possibile imbarcarsi anche su un battello elettrico per esplorare il lago più grande, o su un comodo trenino per avere un’ampia panoramica del parco e dei suoi16 laghi collegati da cascate: il territorio di origine carsica regala una bellezza mozzafiato.

Isola di Brac

L’isola di Brac è nota per la famosa pietra candida, utilizzata per costruire – oltre ad alcuni degli edifici più belli della Croazia, vedi il Palazzo di Diocleziano a Spalato – la Casa Bianca a Washington. L’isola del marmo bianco – la maggiore della Dalmazia Centrale – è, però, ancor più nota per le sue spiagge superbe. Tra queste spicca Zlatni Rat, o Corno d’Oro, nei pressi di Bol: un cuneo di sabbia chiara che si infila per centinaia di metri nel mare turchese, cambiando continuamente forma in base ai capricci dei venti e delle maree. Un vero e proprio emblema del turismo croato, cui si affiancano numerose spiagge circondate da verdi pinete e avvolte nell’aroma di salvia e rosmarino. Deliziose anche le baie di Supetar (San Pietro di Brazza), il centro principale dell’isola, in particolare quella di Milna.

La costa offre numerose spiagge attrezzate e diving center per gli amanti degli sport acquatici e delle immersioni: ma anche fantastici itinerari da percorrere in bicicletta, per esplorare senza fretta gli angoli più suggestivi dell’isola e le strade del vino. Da provare la tipica smutica, bevanda locale a base di vino rosso e latte di capra. Non mancano le testimonianze storiche e le attrattive artistiche e architettoniche, come i resti della basilica paleocristiana fortificata di Povlja.  

Parti per la Croazia con Costa Crociere

Sorpreso dalla quantità di cose che puoi vedere in Croazia? Tranquillo, per vedere tutti i posti più interessanti non serve programmare mille vacanze, ne basta una: con una crociera Costa potrai contemplare la costa in tutto il suo splendore e raggiungere comodamente le destinazioni più belle. Di porto in porto, ti aspettano tante escursioni per scoprire le spiagge più fascinose e i borghi più suggestivi.

Parti con Costa Crociere