Un paese dal fascino unico tra boschi e foreste da fiaba. Una meta che saprà rilassarvi e divertirvi e in cui sarete sorpresi da tradizioni e usi unici. Il vostro viaggio non si fermerà a Tallinn, ma si spingerà anche a Tartu, facendovi ammirare altre cittadine ricche di tesori e attrazioni da non perdere. Il colore che vi guiderà sarà il verde: quello della natura, dei parchi e dei boschi che vi circonderanno lungo ogni movimento. Scoprite l'Estonia e le sue meraviglie nascoste in un ambiente unico e incontaminato.
  • Tallinn
  • Tartu
  • Parco Nazionale di Lahemaa
  • Isola di Saaremaa
  • Pärnu
  • Otepää
  • Il Castello di Kuressaare

Tallinn

La capitale dell’Estonia vi stupirà per il suo fascino che riesce a unire la storia con la modernità. E così vivrete una città in cui la sua atmosfera medievale sarà abbracciata da linee cariche di design. Antiche guglie di chiese si alterneranno a palazzi barocchi e a moderni grattacieli. Passeggerete tra enormi bastioni, graziosi ristoranti, case di legno e piazze assolate. Il punto di partenza è il Municipio costruito nel 1200 in stile gotico, e cuore della Città vecchia. Tra le attrazioni da non perdersi c’è la Chiesa dello Spirito Santo con la torre più antica dell’Estonia che risale al Quindicesimo secolo.

Continuando ci sono la Basilica di San Nicola, in stile ortodosso e la Basilica ortodossa dedicata a San Alexander Nevsky Yaroslav. Appena fuori dalla città potrete ammirare il regalo che Pietro il Grande fece a sua moglie Caterina. Stiamo parlando del Kadriorg, un parco con un palazzo annesso. Oggi ospita due musei, quello di Arte Nazionale e quello di Arte Straniera. Tra le sale dell’edificio spicca la Grande Sala decorata con suggestioni tratte dalle Metamorfosi di Ovidio.

Per chi vorrà avere una vista spettacolare dovrà recarsi sulla collina di Toompea. In questo ricco di leggende e suggestioni che vi darà la possibilità di visitare cosa resta del castello, la Tookirik, la chiesa più antica di tutta l’Estonia, oltre alla Basilica Ortodossa, popolare per le 11 campane che suonano all’unisono.

Una città da vivere, scoprite cosa vedere a Tallinn.

Tartu

Tartu rappresenta, invece, la capitale spirituale dell’Estonia. Quello che gli abitanti chiamano “spirito del passato” si percepisce sia nei maestosi edifici che nelle case di legno, come nei fiumi o nell’incanto dei parchi. La cittadina è anche una sede universitaria e ciò gli garantisce un impulso vitale e una vita serale molto frizzante per gli studenti. In estate è normale radunarsi dietro la collina del municipio o andare in spiaggia per fare festa e divertirsi. Il centro storico è molto pittoresco grazie agli edifici settecenteschi.

Qui troverete anche un importante verve culturale tra gallerie e musei. Il più importante dei quali è sicuramente il Museo Nazionale Estone. Tra i quartieri più importanti della parte storica c’è la Collina della Cattedrale. Il cuore della cittadina è la piazza del Municipio. L’edificio si caratterizza per i suoi colori rosa e rosso scuro, ed è sormontato da una torre. Il municipio fu costruito nel 1780.

Tartu è inoltre un ottimo punto di partenza per poter visitare l’Estonia meridionale. Appena arrivati apprezzate la statua di due studenti che si baciano al centro di una piazza frizzante, tra localini, caffè e un grande parco.

Parco Nazionale di Lahemaa

Benvenuti nel più grande parco nazionale dell’Estonia che si estende su un territorio rurale e incontaminato di oltre 720 chilometri. All’interno troverete un litorale e una località di villeggiatura molto frequentata dai vicini abitanti della capitale. Compendio delle bellezze del paese l’area è formata da un tratto di costa frastagliato con baie e penisole e oltre 475 chilometri di boschi rigogliosi. A questo aggiungete fiumi, paludi e laghi, pini e diversi siti di interesse culturale e storico. Il paesaggio è lievemente ondulato, ma ricco di fascino e di attività che si possono fare.

Per gli amanti delle passeggiate ci saranno diversi sentieri da scoprire. Sarete circondati da pietraie e da grandi massi erratici, alcuni dei tipici elementi estoni. A colpirvi saranno anche le sfumature tra dune ondulate, torbiere, che alternano il marrone, il verde e il bianco del ghiaccio che mutano con le stagioni.  Potrete avvistare lupi, linci e anche degli orsi. La principale attrattiva locale è la spiaggia, frequentata anche da numerose famiglie.

Isola di Saaremaa

L’isola più grande dell’Estonia è l’apoteosi della natura. D’altronde Saaremaa significa “terra d’isola”. E così il paesaggio è caratterizzato da distese incontaminate, boschi, pini, abeti e ginepri. Ad aggiungere fascino ci pensano i mulini a vento di Angla, i fari e la vita che scorre nei villaggi come se il tempo si fosse improvvisamente fermato. Il faro di Sorve è il più antico di tutta l’isola e vi permetterà di avere una vista fantastica da un’altezza di 50 metri. Le bellezze naturali non mancheranno, a cominciare dalla scogliera di Panga, una cornice che vi offrirà la possibilità di fare una romantica passeggiata.

A Kaali sarete poi a contatto con dei crateri, creati dalla caduta di un meteorite all’interno di un bosco. Il più grande misura 110 metri di diametro.  Un’ultima tappa potrebbe essere la piccolissima isola di Muhu, per ammirare i paesini caratteristici e le spiagge sabbiose. Saaremaa rappresenta una terra ricca di leggende e di eroi locali che furono celebrati per aver combattuto diverse battaglie contro demoni e diavoli per la salvezza dell’isola. Saaremaa, durante l’occupazione dei sovietici, era praticamente una zona invalicabile in quanto era stata istituita una base spaziale.

Pärnu

Questa cittadina rappresenta, invece, il centro estivo, la stazione balneare per eccellenza non solo degli estoni, ma anche dei vicini finlandesi, grazie ai suoi 7 chilometri di costa. La sua lunga ed estesa spiaggia è circondata da campi di pallavolo, diversi luoghi dove praticare sport e anche vivaci bar. Nelle vicinanze della spiaggia c’è anche un sentiero delimitato da panchine e fontane. Angoli perfetti per rilassarsi e osservare il paesaggio. Lungo il viale che attraversa parallelamente la spiaggia ci sono i vari edifici che rimandano ai primi del Novecento. Tra le chiese principali ci sono quelle di Santa Elisabetta e Santa Caterina, entrambe in stile barocco.

Parnu si estende lungo le sponde dell’omonimo fiume e regala i luoghi di maggiore interesse lungo la riva meridionale, compresa la Città Vecchia. Sulla via principale si affacciano maestosi edifici seicenteschi, intervallati da edifici in stile Liberty (come Ville Ammende) o Art Nouveau. Parnu, oltre a fare rima con divertimento, è anche una località che regala tanto verde e numerosi parchi in cui riposarsi e dare appuntamento ai propri amici. Il lungomare ha un’atmosfera vagamente californiana con bar, ristorantini, fontane, spa, terme e una pista ciclabile.

Otepää

A una quarantina di chilometri da Parnu si trova questa pittoresca località collinare, centro di una zona in cui la natura dà il proprio meglio. Troverete foreste, laghi e fiumi che vi daranno l’opportunità di cimentarvi in diverse attività. La località è particolarmente apprezzata dagli amanti delle escursioni sia a piedi che in bicicletta. Ci sarà la possibilità di fare dei bagni nel periodo estivo e sci di fondo nel periodo invernale. Le sue meravigliose piste da sci le hanno fatto guadagnare alla zona l’appellativo di “Alpi Estoni”.

Le vostre passeggiate incroceranno anche piazze raffinate, edifici storici, negozi e diverse vie residenziali. Nelle vicinanze del centro c’è un piccolo insediamento sul lago. Il caratteristico paesaggio lagunare, i percorsi naturalistici, gli itinerari legati allo sci e alle attività sportive vi permetteranno di vivere un soggiorno molto dinamico e pieno di cose fare. Ha ospitato numerose tappe della Coppa del Mondo di Sci di Fondo e ogni anno vengono organizzate diverse gare anche internazionali.

Il Castello di Kuressaare

È uno dei castelli più affascinanti di tutta l’Estonia e si trova a Kuressaare, capoluogo dell’isola di Saarema. Si trova su un’isoletta artificiale, nella parte meridionale della città. La sua costruzione è iniziata nel XIV secolo. All’esterno erano presenti delle mura supplementari che poi sono sparite, mentre il fossato e il ponte levatoio sono stati aggiunti nel 1600. La sua conformazione attuale si deve agli interventi danesi del XVII secolo, anche se il maniero fu menzionato per la prima volta nei documenti ufficiali solo nel XIX secolo.

Accanto al maniero, che è circondato da un parco molto rilassante, c’è un romantico ristorante in un edificio di legno. Attualmente il castello ospita il Museo Regionale di Saaremaa.  In estate vengono allestiti degli stand e l’area viene spesso trasformata in un grande teatro all’aperto. Il paesaggio che potrete ammirare sarà molto di impatto, specialmente al tramonto.

Parti per l’Estonia con Costa Crociere

Una Repubblica Baltica “atipica” che ricorda quasi più una piccola Finlandia. L’Estonia sarà una tappa unica della vostra vacanza verso il Nord Europa. Riuscirete a contemplare la natura, ma anche a fare sport. Sarete a contatto con villaggi tradizionali, conoscerete usi e costumi radicati nel tempo, ma vivrete anche la modernità del design e la creatività delle gallerie d’arte. Non vi resta che tuffarvi nella sorpresa insieme a noi.

Parti con Costa Crociere