La cultura millenaria e il fascino del Sol Levante sono indiscutibili, e ogni anni attraggono milioni di turisti provenienti da tutto il mondo.

Dalle città avveniristiche come Tokyo, che hanno tutto quello che si possa desiderare dal miglior sushi ai locali più pazzi del mondo, passando per la bellezza delle campagne punteggiate da meravigliosi templi dove permangono le tradizioni più antiche, fino ad arrivare al Sol Levante che non ti aspetti, quello delle spiagge più belle e delle isole più belle del Giappone, scopriamo insieme questo luogo magnifico e la sua cultura antichissima.

Ecco un elenco delle tappe che faremo durante questo viaggio insieme alla scoperta del Giappone.

Tōkyō

Cominciamo naturalmente da Tokyo, la popolosa capitale del Giappone. Per chi viene dall’Europa è davvero un mondo a parte, a tratti straniante che provoca gioia e vertigini allo stesso tempo: tradizioni antichissime si mescolano e si adattano alla tecnologia all’avanguardia, templi storici sorgono accanto a grattacieli e negozi dei più stravaganti.

Potrebbe essere infinito l’elenco di cose da fare e vedere a Tokyo. Noi cominciamo dicendovi di andare a scovare tutti gli edifici degli archistar che ci sono in città - tanto per citarne un paio, ci sono opere di Renzo Piano e Le Corbusier - e di visitare alcuni dei musei della città, come il Tokyo Metropolitan Edo-Tokyo Museum, il Museum of Contemporary Art e il Watari Museum of Contemporary Art a Shibuya, che fanno parte della più importante rete di istituzioni museali di tutta l’Asia.

Da visitare anche i 23 quartieri di Tokyo, poiché ognuno offre qualcosa di diverso: a Shibuya per esempio c’è la statua di Hachiko, ad Asakusa c’è il tempio Sensoji e nella baia di Tokyo c’è l’isola artificiale di Odaiba.    

Osaka

Continuiamo con Osaka, la seconda città più importante del Giappone e particolarmente suggestiva poiché è attraversata da una fitta rete di canali, un tempo fondamentali per il commercio. La città è inoltre caratterizzata da un’architettura che coniuga la tradizione giapponese con i principi dell’architettura moderna occidentale.

Tra le cose da vedere a Osaka ci sono senza dubbio lo spettacolare acquario, che ospita esemplari di fauna acquatica dell’oceano Pacifico, gli Universal Studios Japan che sono stati il primo parco a tema con il marchio Universal Studios di tutta l’Asia, il Museo Nazionale d’Arte di Osaka, e il Tempio Shitennoji, uno dei più antichi templi del Giappone e il primo costruito dallo Stato per introdurre il buddismo in Giappone.

Per respirare l’atmosfera vivace della città, il quartiere Minami è il luogo ideale, poiché è pieno di ristoranti interessanti, locali e negozi. 

Shingu

Shingu è una città piuttosto recente, fondata soltanto nel 1933, ma oltre mille anni i pellegrini si recano nella sua regione, quella di Kumano, per pregare nei tre Sacri Santuari, Hongu, Hayatama e Nachi.

Hayatama è così antico che risale addirittura a un’epoca precedente alle prime testimonianze scritte del Giappone, e alcuni scavi hanno portato alla luce resti di rituali religiosi che risalgono al 300 d.C.In questa area nacque inoltre l’Aikido, l’arte marziale più elegante, ed è praticato in tutta la regione.

Qui nasce anche il sushi come lo conosciamo: il Nare-zushi tipico di questa zona è un tipo di sushi molto tradizionale che ha origine nel sud-est asiatico.

Kobe

Famosa per i manzi più coccolati del pianeta che producono la deliziosa carne marmorizzata, Kobe è anche una magnifica città immersa nella natura, e in particolare le montagne che circondano il porto creano uno scenario di grande impatto. E’ anche la sede di uno dei santuari shintoisti più antichi del Giappone, il santuario di Ikuta.

A proposito di montagne, ci sono funivie d’epoca che collegano il porto e la città con al monte Rokko. Tra cascate, montagne e colline ci sono anche i famosi centri termali all’aperto di Arima Onsen, mentre in centro città è possibile visitare il Sorakuen, un tradizionale giardino paesaggistico giapponese aperto al pubblico nel 1941.

Kanazawa

Kanazawa è un posto speciale poiché è possibile ammirare i resti dell’antico castello feudale che apparteneva ai Maeda, i più ricchi daimyō (feudatari) dell'impero. 

Kanazawa è anche la città che possiede uno dei tre giardini paesaggistici più belli di tutto il Giappone: si tratta del giardino Kenrokuen che rispetta la teoria cinese del paesaggio secondo cui un giardino perfetto deve avere sei elementi essenziali ovvero spaziosità, solitudine, artificialità, antichità, acqua abbondante e ampie vedute; Kenrokuen in effetti è un tripudio di ponti di giochi d’acqua, ponti, alberi con fioriture diverse in modo che ci sia sempre qualcosa di fiorito, case da tè, e punti panoramici. Si merita decisamente il nome di “Giardino delle Sei Sublimità”.

Nagasaki

Tristemente nota perché fu la seconda città colpita dalla bomba atomica, Nagasaki ricorda questo tragico evento storico con il Parco della Pace di Nagasaki, un luogo della memoria per tutte le vittime del bombardamento dove un pilastro nero segna l’epicentro dell’esplosione. 

In città, da vedere, c’è anche il “ponte degli occhiali”, il Meganebashi, un bellissimo ponte di pietra che attraversa il fiume Nakajima nel centro di Nagasaki, mentre a pochi chilometri dal centro il Monte Inasa offre un punto di vista magnifico su tutta la città. 

Miyakojima

Come dicevamo all’inizio, vi portiamo alla scoperta anche del Giappone meno noto e più inaspettato, quello delle isole. 

Cominciamo con Miyakojima che vanta alcune delle spiagge più belle di tutto il Giappone. Yonaha-Maehama Beach è una spiaggia di sabbia bianca lunga sette chilometri perfetta per fare sport acquatici e per ammirare bellissimi tramonti; Yoshino Kaigan è invece la spiaggia ideale per chi ama fare snorkeling perché le acque che la bagnano sono abitate da banchi di pesci coloratissimi e a pochi metri dalla riva parte una incredibile barriera corallina;  la spiaggia Sunayama ha sia sabbie bianche che formazioni rocciose.

A Miyakoji c’è anche un bellissimo giardino botanico che ospita 1600 tipi di piante tropicali. Da non perdere. 

Hamada

Hamada è una città giapponese della prefettura di Shimane dove ci sono alcune delle spiagge più belle del Giappone occidentale. Oltre a questo, è il luogo adatto per scoprire musica antica e spettacoli di danza tradizionale, oltre che per fare escursioni nel mezzo della natura incontaminata di Chugoku.

Kagoshima

Kagoshima è la città del vulcano Sakurajima, uno dei più attivi del Giappone, ed è anche una delle attrazioni più importanti della città per i turisti che lo esplorano da vicino o che si rilassano negli onsen, a mollo nelle acque termali naturali prodotte proprio dal vulcano.

Oltre al Sakurajima, a Kagoshima ci sono diverse attrazioni da non perdere come il giardino Senganen, che comprende anche stagni, ruscelli, santuari e un boschetto di bambù, l’Acquario di Kagoshima sviluppato su sette piani e il Museo Reimeikan dedicato alla storia e alla cultura locali. 

Sakaiminato

Sakaiminato è una città conosciuta da tutti gli appassionati di manga poiché è il luogo in cui sorge il Mizuki Shigeru Museum, un museo di arte moderna intitolato al celebre autore di manga nel quale sono custodite anche molte sue tavole e opere. Anche l’area più turistica della città è dedicata a lui, la Mizuki Shigeru Road.

Da non perdere anche la Yume Minato tower.

Sasebo

Sasebo è una cittadina dell'isola di Kyūshü ed è un antico villaggio di pescatori. Oggi ospita il parco a tema Huis Ten Bosch, un luogo molto particolare e insolito poiché vi sono ricreati i Paesi Bassi: ci sono copie a grandezza naturale di vecchi edifici olandesi, canali, campi di fiori e tutto ciò che è tipicamente olandese. 

Nagoya

A Nagoya ci sono alcuni dei musei più interessanti e peculiari del mondo. C’è innanzitutto il Museo d’Arte Tokugawa, costruito sulle fondamenta della residenza feudale degli Owari, che custodisce antichi tesori giapponesi come armature, spade, maschere, poesie, mappe e utensili per la cerimonia del tè, e comprende anche un bellissimo giardino tipico.

C’è il Museo della Ferrovia dove è possibile provare i simulatori di treni, e infine l’imperdibile Museo di Scienze di Nagoya: questo museo è famoso perché ospita uno dei planetari più grandi del mondo sotto forma di un gigantesco globo d’argento di grandissimo impatto. Ogni mese il planetario stabilisce un programma coerente con i fenomeni astronomici che interessano quel periodo, e anche se gli spettacoli sono solo in giapponese, assistere a uno di questi spettacoli è un’esperienza davvero unica.

A Nagoya sorge anche il santuario Atsuta, uno dei più importanti santuari shintoisti di tutto il Giappone dedicato alla Dea del Sole Amaterasu; all’interno del santuario è custodita la sacra spada Kusanagi (che però non è esposta al pubblico) e c’è anche un ristorante dove è possibile provare i noodles kishimen, una vera e propria specialità locale. 

Maizuru

Questa città è famosa perché da qui è visibile l’Amanohashidate, uno dei tre punti panoramici più belli del Giappone, ovvero una striscia di sabbia bianca ricoperta da pini marittimi che corre lungo la costa della città.

Non solo si tratta di un luogo di notevole impatto visivo, ma ospita anche alcuni punti di interesse molto importanti, come il Santuario di Amanohashidate che secondo la leggenda custodisce il Re degli Otto Draghi, il Santuario Motoise Kono, il tempio di Chionji dedicato a Bodhisattva Monju, il dio buddista della saggezza e dell’intelletto, e la famosa sorgente Isokiyoshisui. Infine il famoso ponte girevole collega la striscia di Amanohashidate al Monte Monju.

Hakodate

Hakodate è una città fortemente caratterizzata dal monte che la domina, il monte Hakodate; la sua sommità è raggiungibile con una funivia, mentre ai suoi piedi sorge il pittoresco quartiere di Motomachi, famoso per il mercato del pesce e per i magazzini abbandonati ora dedicati allo shopping. C’è un altro monte che caratterizza questo territorio, ed è il Monte Komagatake che in realtà è un vulcano spento che si trova nel parco Onuma.

Proprio grazie alla presenza del vulcano, Hakodate conta svariate aree termali come Yachigashira Onsen e Yunokawa Onsen, famoso per i macachi che lo frequentano abitualmente. 

Fukuoka

Fukuoka è una città dalle molte anime, dove antichi templi stanno accanto a centri commerciali e a spiagge bellissime. In centro città, per esempio, nel pieno della modernità, si trova il tempio di Tōchō-ji che ospita la statua alta 10 metri di un Buddha di legno, mentre il Tempio Shofukuji è il più antico tempio zen mai costruito in Giappone; il moderno lungomare Momochi Seaside Park è invece l’esempio più avanzato di architettura moderna e avveniristica, con edifici come la Fukuoka Tower.

La fa da padrone lo street food che si consuma all’aperto negli Yatai, una sorta di bancarella di cibo tipico che può ospitare fino a una decina di persone. Ce ne sono circa 150 in tutta la città, sono il simbolo di Fukuoka, e sono il luogo ideale per assaggiare del vero cibo giapponese di questa zona. 

Yokohama

Yokohama è un’isola composta da un modernissimo agglomerato urbano che sorge nella suburbia di Tokyo. Si tratta di una città dove la modernità, lo shopping, e il cibo sono le attrazioni principali. C’è il parco di divertimenti Cosmo World, una grande Chinatown piena di ristoranti e negozi, Zoorasia, uno zoo dove gli animali vivono nel loro habitat naturale e una piazza dove fare shopping in boutique di lusso che si trova ai piani inferiori delle Queen’s Towers.

Segnaliamo due musei davvero unici nel loro genere: il Museo dei Cup Noodles, dove si può scoprire la storia degli spaghetti istantanei grazie a divertenti mostre interattive e installazioni arte moderna ed esperienze manuali, e Il Shinyokohama Raumen Museum, dedicato interamente al ramen.

Shikoku

E’ la minore delle quattro isole principali che formano il Giappone ed è davvero ricchissima di tesori da scoprire. Tanto per cominciare, lungo il suo perimetro ci sono ben 88 templi buddisti, e la sua morfologia fatta di montagne attraversate da sentieri la rende la meta ideale per tutti gli appassionati di escursionismo.

Le province dell’isola sono Kōchi, Matsuyama, Tokushima, Takamatsu e in ognuna c’è qualcosa di interessante da vedere. Matsuyama, per esempio, è caratterizzata da un magnifico castello antico, dal centro storico che ha conservato il tipico aspetto feudale che si usava in antichità e dalle fonti termali; a Takamatsu invece, non bisogna perdersi il giardino Ritsurin e Shikoku Mura, un vero e proprio museo a cielo aperto dove sono perfettamente conservati edifici tradizionali. 

Okinawa

Okinawa è un luogo meraviglioso composto da 150 isole, per lo più paradisiache, dove si alternano luoghi storici antichi, monumenti importanti e moderni parchi divertimento. L’Okinawa Prefectural Peace Memorial Museum è dedicato alla storia dell’invasione degli Alleati nel 1945, e ci sono alcuni castelli antichi che sono Patrimonio dell’Umanità Unesco, come il Castello Shuri, il Castello Katsuren e il Castello Zakimi.

In contrapposizione a questi luoghi antichi ci sono l’Acquario Churaumi famoso per gli squali-balena e per le mante, l’Ocean Expo Park e l’Okinawa World. In questa zona ci sono anche meraviglie naturali che lasciano a bocca aperta, come la collina su cui sorge Sefa Utaki, un luogo sacro della religione locale che si fonda sul culto della natura, la cascata Hiji che si può raggiungere con una bella escursione nella foresta e l’incredibile mare cristallino dei suoi atolli paradisiaci

Kyoto

Quando si visita il Giappone, Kyoto è una tappa obbligata. Visitando il palazzo d’estate Katsura e il Nishi Honganji si avrà una panoramica piuttosto esaustiva dell’architettura tradizionale giapponese e dell’arte decorativa, poiché questi due monumenti ne sono gli esempi migliori.

A Kyoto sono presenti diversi templi: il tempio Ninnaji è Patrimonio dell’Umanità, il Tempio Ryoanji comprende il giardino roccioso più famoso del Giappone, il Kiyomizudera è il tempio dell’acqua pura, mentre il Kinkakuji e il Ginkakuji, presentano piani rispettivamente completamente, rispettivamente, con foglie d’oro e d’argento.

Furano

Furano è un’altra di quelle città giapponesi che non ti aspetti: è infatti la località sciistica giapponese per eccellenza, nonché famosa per i suoi campi di lavanda.

Nikko

Si tratta di uno dei luoghi più belli di tutto l’Oriente, famoso per il sacro ponte di Shinkyo e per i suoi numerosi templi immersi nella natura incontaminata. La natura di Nikko è davvero mozzafiato: ci sono alcune delle cascate più belle del mondo, come le cascate di Kirifuri e di Kegon che sono immerse in una vegetazione rigogliosa e sembrano quasi magiche.

 

Tra i maggiori luoghi di interesse ci sono il portico di Yakushi, il portico dei Tre Buddha e il mausoleo dedicato allo shogun Ieyasu Tokugawa.

Kamakura

A Kamakura si può ammirare l’armonia con cui le caratteristiche di una tipica località marittima giapponese e quelle della spiritualità di dozzine di templi si fondono insieme e danno vita a qualcosa di spettacolare.

Tra i vari templi - che sono sia buddisti che zen che shintoisti - segnaliamo il Kotoku-in con il Buddha di bronzo alto 13 metri, il Tempio Hasedera, il Santuario Zeniarai Benten e il Tempio Kenchoji. Se volete fare come la gente del posto, lungo la spiaggia di Yuigahama troverete numerosi surfisti pronti a cavalcare l’onda perfetta.

Hokkaido

Vulcani, terme e impianti sciistici sono le caratteristiche principali di Hokkaido. Il vulcano Asahi si trovano nel Parco Nazionale Daisetsuzan, che però non è l’unico parco naturale della zona; nel Parco Nazionale di Shikotsu-Tōya ci sono infatti numerosi laghi vulcanici, sorgenti termali naturali e il monte Yōtei.

Se volete provare l’ebbrezza di andare a sciare in Giappone, dovete invece dirigervi verso Niseko, Rusutsu e Furano.

Naoshima

Spiagge assolate sulle quali rilassarsi e molti luoghi culturali dove soddisfare la propria sete di conoscenza? Naoshima è il luogo adatto.

Si tratta di una piccola isola giapponese piena di musei di arte moderna, architettura interessante e installazioni d’arte; I Love Yu per esempio costituisce un modo originale di intendere l’arte, poiché all’interno dell’installazione c’è un bagno pubblico di cui chiunque può usufruire. La sua atmosfera rilassata è l’ideale per chi ha voglia di scoprire un Giappone fuori dal comune.

Monte Fuji

Il Monte Fuji ha bisogno di presentazioni: è il monte più alto del Giappone, nonché uno dei tre monti sacri del Paese. Nell’immaginario collettivo la sua cima, innevata per dieci mesi all’anno, è sempre immersa nella nebbia fitta, o nelle nuvole. Salire sul Monte Fuji è un’esperienza davvero unica, per gli escursionisti esperti ma anche per i principianti (ci sono infatti quattro sentieri adatti a diversi livelli di esperienza) e per gli shintoisti è obbligatorio scalarlo almeno una volta nella vita.

Il Monte Fuji vanta anche due stazioni sciistiche, Fujiten, nella regione dei Cinque Laghi e Snow Town Yeti. 

Hakone

Hakone si trova nel Parco Nazionale di Fuji-Hakone-Izu ed è famosa per i suoi onsen con vista sul monte Fuji. Sebbene gli onsen siano l’attrazione principale di questa città, ci sono anche altri luoghi interessanti da visitare; il tempio di Hakone, per esempio, si trova sopra il lago Ashi e ha un portale d’accesso rosso di grande impatto.

Anche Hakone Open Air Museum è molto interessante: si tratta di un museo di arte contemporanea a cielo aperto, dove le opere di artisti come Picasso e Rodin sono esposte con le montagne di Hakone come unica cornice. 

Sapporo

Tutti conosciamo (e amiamo) la famosa birra Sapporo e questo è proprio il luogo in cui viene prodotta. C’è infatti un museo dedicato che racconta la storia di questa bevanda e il suo metodo di produzione.

Sopporo è anche famosa per la neve che la caratterizza (nel 1972 fu la sede delle Olimpiadi Invernali) e durante il Festival della Neve si possono ammirare incredibili e gigantesche sculture di ghiaccio. 

Nara

Nara è una città molto importante poiché era la capitale del Giappone. Questa è la ragione per la quale in città si possono ammirare numerosi templi e manufatti artistici di grande valore che risalgono all’VIII secolo.

Proprio qui, per esempio, sorge il tempio Tōdai-ji, uno dei più importanti del Giappone, caratterizzato da un ampio parco nel quale dei cervi pascolano liberamente, e dal Daibutsu, un’imponente statua di bronzo alta 15 metri che rappresenta il Buddha; sempre nel parco è possibile ammirare una zona molto particolare e di grande impatto, un punto della parte orientale in cui sono disposte più di 3000 lanterne (e un santuario shintoista).

Imperdibili anche il Giardino Isuien, il Giardino Yoshikien, il Museo Nazionale di Nara dove la collezione ospita in prevalenza pezzi di arte buddhista giapponese, Palazzo Heijo che è il palazzo imperiale, e il tempio di Hōryūji che non si trova proprio in città, ma è una delle più antiche strutture di legno del mondo e merita di certo di essere visitata. 

Scopri il Giappone con Costa Crociere

Parti con Costa Crociere alla scoperta del Giappone, delle sue città moderne e avveniristiche come Tokyo e Osaka, ma anche dei luoghi più remoti pieni di storia e immersi nella natura come Kobe, Kagoshima e Kanazawa. Lasciati incantare dalla bellezza dei templi antichi, dalla spiritualità del Monte Fuji, dalle incredibili e inaspettate spiagge di Okinawa e da tanto altro ancora.

Parti con Costa Crociere