Benvenuti a Le Havre (www.costacrociere.it/porti/le-havre.html), città industriale che lega la sua storia soprattutto al porto: uno snodo fondamentale sia per il commercio che per il trasporto di passeggeri. Una località culla di architetti visionari che hanno reso il suo centro storico Patrimonio Unesco. Il merito principale è stato di Auguste Perret, che fu in grado di dare un nuovo volto e una diversa identità a un luogo distrutto dalla Seconda Guerra Mondiale.

Il suo stile si basò su una visione unica che seppe unire l’uso del cemento armato in uno stile classico. Un’architettura capace di far risaltare la luce. Quella stessa luce che aveva ispirato il pittore francese Claude Monet nel celebre dipinto “Impression Soleil Levant”. Un quadro divenuto emblema dell’Impressionismo, che fu dipinto proprio a Le Havre. Una città da ammirare, vagando per le sue vie e per i suoi quartieri e da vivere, magari entrando nei suoi mercati o nei suoi caffè.

Preparatevi a partire per un viaggio attraverso tutte le attrazioni principali di Le Havre, cittadina nella Francia Settentrionale. Scoprite i suoi segreti con una crociera Costa.

  • La Cattedrale di Le Havre
  • Il Vulcano
  • La chiesa di Saint-Joseph
  • MuMa Le Havre
  • I giardini sospesi
  • Nei dintorni: Honfleur
  • Nei dintorni: Rouen

La Cattedrale di Le Havre

È uno dei simboli della città, anche per la sua storia travagliata. Costruita tra il XVI e il XVIII secolo, fu distrutta più volte prima nel corso della Rivoluzione Francese, poi durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Conosciuta anche come la cattedrale di Nostra Signora, il luogo principale di culto cattolico è diventato Monumento Storico dal 1919. A colpire subito lo sguardo sono la facciata barocca sul lato ovest, decorata con le figure di angeli, così come una finestra imponente sopra l’altare. Il campanile che si trova nelle vicinanze fu realizzato precedentemente e faceva parte di un edificio preesistente.

Secondo alcune testimonianze storiche i lavori per la realizzazione della cattedrale iniziarono nel lontano 1522. In realtà si trattava semplicemente di una chiesetta in legno, circondata da un campanile e da un cimitero. Dopo i vari danni subiti nei diversi secoli l’edifico venne ristrutturato nel XX secolo e oggi si presenta come un riuscito connubio di stili e contaminazioni differenti, che spaziano dal gotico al rinascimentale con una sorta di equilibrio e continuità. Non mancano le curiosità al suo interno. Pochi sanno che ospita un organo prezioso che è datato 1639 e che fu regalato alla città dal cardinale Richelieu.

Il Vulcano

Una volta sbarcati a Le Havre vi troverete davanti a un vulcano in pieno centro. Tranquilli non assisterete a nessuna eruzione o colata di lava. Si tratta dell’opera visionaria dell’architetto brasiliano Oscar Niemeyer, che nel 1972 fu incaricato di costruire un centro culturale. Il progetto “Volcan” prevedeva una struttura in cemento armato che ricordano due montagne dalla cima mozzata. Fu la prima Casa della Cultura in Francia con le sue due grandi sale da concerti e spettacoli. Alla struttura non si accede dalla strada, ma al centro dell’edificio per evitare i disagi del vento. Il progetto fa parte della ricostruzione di Le Havre, iniziata nel 1946 con i piani lanciati dall’architetto visionario Auguste Perret.

Un’opera che regala slancio alla città e che recentemente è stata sottoposta a una ristrutturazione durata 4 anni. Si tratta di un elogio dell’eccezionalità. La struttura in cemento armato ha subito una profonda trasformazione interna. La sala da spettacolo (con un’acustica eccezionale) è stata rivestita in legno, mentre la hall di ingresso è stata ampliata. Ancora più radicali gli interventi all’interno del piccolo vulcano dove è stata creata una super biblioteca: 5 mila metri quadrati che sono stati distribuiti su due piani collegati da una scala monumentale. Sono state installate 125 postazioni a disposizione di studenti e fruitori.

La chiesa di Saint-Joseph

Un vero e proprio faro nel cuore della città. Niente di straordinario se non stessimo parlando di un’avveniristica chiesa, icona di Le Havre, con le sue 12000 vetrate e i muri di cemento. È stata eretta per ricordare le vittime dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Visibile a più di 60 chilometri di distanza con il bel tempo grazie ai suoi 107 metri di altezza, la torre-lanterna ottagonale forma un corpo unico a base quadrata che unisce la navata e il coro. Questo capolavoro dell'architettura del XX secolo vi lascerà senza fiato per la sua incredibile bellezza. All’interno domina la sobrietà e il rigore. Nella navata centrale, sulle navate laterali, non c’è nessuna iconografia, nessun ornamento.

Solo due statue, la Vergine con il Bambino e San Giuseppe, si guardano su entrambi i lati. Per l’architetto Auguste Perret, "solo la materia deve portare alla spiritualità". E questo materiale è il cemento a cui l'architetto ha dato un potere nobile. Lo sguardo cade sulla base scura dell'edificio, scende dolcemente verso l'altare centrale, poi si alza, attratto dalla luce naturale della torre, che può essere interpretata come una stele che ricorda una vittima.  Il cemento è delicatamente decorato con i toni colorati diffusi dalle vetrate istoriate create da Marguerite Huré. Cinquanta sfumature orchestrate come uno spartito musicale, nei quattro punti cardinali dell'edificio.

MuMa Le Havre

Situato in riva al mare, il Museo d'Arte Moderna André Malraux - MuMa Le Havre offre un'architettura moderna e interamente dedicata allo spazio e alla luce. L'eccezionale posizione dell'edificio è sottolineata da Le Signal, una scultura di Henri-Georges Adam, che incornicia nel cemento un pezzo di paesaggio marittimo che ha ispirato molti artisti presenti nelle collezioni del museo. Ancorato visceralmente a Le Havre, città che ha visto la nascita o la crescita di artisti come Monet, Dubuffet, Friesz, Dufy e Braque, il MuMa, inaugurato nel 1961 da André Malraux, è rinomato per le sue collezioni della fine del XIX e XX secolo (opere di Impressionisti e Fauves, collezione dello studio Boudin).

Il museo, che è stato ristrutturato tra il 1995 e il 1999, regala una delle collezioni impressioniste più vaste e importanti della Francia, grazie alle opere di Sisley, Degas, Monet, Renoir. Completano l’offerta artistica fotografie, sculture e arti grafiche. Per i più giovani sono state anche pensate delle passeggiate tematiche. Non mancano spazi dedicati alle rassegne temporanee con l’organizzazione di diversi eventi e iniziative culturali. L’offerta si è ampliata notevolmente negli ultimi anni anche per merito della donazione da parte di Hélène Senn-Foulds della collezione raccolta da suo nonno Olivier Senn all'inizio del XX secolo.

I giardini sospesi

Dal 2008, i giardini pensili fanno parte del paesaggio di Le Havre come un luogo emblematico che offre ai suoi visitatori un mondo di scoperte vegetali e sensoriali. Questo sito eccezionale, che copre una superficie di 17 ettari, si affaccia sulla baia della Senna e offre viste meravigliose sul mare, sul porto e sulla città. Luogo scientifico e ricreativo, il giardino botanico è un oggetto affascinante. La vegetazione è considerata a sua volta una fonte di informazione, un'immagine puramente pittorica, o uno spazio poetico. Le piante provengono da cinque continenti e rendono a così omaggio agli esploratori che le hanno scoperte durante le loro spedizioni.

Sarà un viaggio che spazierà tra piante profumate o aromatiche. Andrete in Australia, Tasmania, Nuova Zelanda, Giappone, Messico, Sud Africa, solo per citare alcune tappe. Da un lato scoprirete le serre di produzione che ospitano quasi 300.000 piante e che vengono utilizzate dai giardinieri per la fioritura della città. Dall'altra le serre di raccolta, aperte al pubblico, dove si uniscono begonie, orchidee, piante carnivore, cactus di tutte le taglie, giganti o minuscoli, e altri ceppi tropicali.

Nei dintorni: Honfleur

Città d'arte e di storia situata alla foce della Senna, Honfleur incanta immediatamente il visitatore rivelando il suo affascinante porto di pescatori e molo turistico, i suoi pittoreschi vicoli antichi e le sue vecchie case in pietra. Un insieme meraviglioso che ha ispirato nei secoli molti pittori. Le banchine del Vieux Bassin, circondate da case tipiche, così come i graziosi vicoli fiancheggiati da gallerie d'arte e bancarelle sono un invito permanente alla passeggiata e a perdervi nei meandri di questo gioiello.

Nel cuore del centro storico potrete scoprire la chiesa di Sainte-Catherine: un bellissimo edificio in legno risalente al 1400. Di fronte, il campanile, che ha la particolarità di essere separato dalla chiesa, ospita diverse icone religiose. Per gli amanti dell'arte, il museo Bodin offre collezioni di dipinti e disegni del XIX e XX esimo secolo.

Nei dintorni: Rouen

Una vera città-museo, Rouen non lascia nulla di intentato con le sue belle case a graticcio, le strade acciottolate e le chiese gotiche. La cittadina fu teatro del martirio di Giovanna d'Arco, condannata e poi bruciata al rogo. Rouen è anche soprannominata la "Città delle 100 guglie". Nel corso dei secoli, i gioielli dell'architettura sacra sono fioriti in diverse parti della zona. La cattedrale di Notre Dame ha ispirato, per esempio, la serie delle cattedrali di Monet. Situata in un ambiente molto bello, anche la Chiesa di Saint-Maclou merita una capatina. Le rive della Senna, con la loro atmosfera e il loro fascino, sono anche un luogo privilegiato per le passeggiate.

Camminare per le sue vie e ammirare i suoi monumenti, potrebbe favorire l'appetito. Un'idea allettante, soprattutto perché Rouen è rinomata anche per i suoi buoni ristoranti e per la sua cucina ruspante. Da parte loro gli amanti dello shopping non saranno da meno e troveranno a Rouen un territorio fertile. Tra negozi e bancarelle che costeggiano le strade pedonali, troverete senz’altro quello che cercate. Rouen è inoltre una città studentesca con una vita notturna molto frizzante.

Parti per Le Havre con Costa Crociere

Una cittadina che è stata definita come “un’armonia musicale”, che ha saputo rinascere e ricostruirsi con stile, grazia e un’identità precisa. Le Havre sarà capace di stupirvi, raccontando la sua storia e svelandovi le sue qualità. Rimarrete ammirati dalle sue forme geometriche, dalle linee morbide e dall’atmosfera impressionista che rivivrà nei musei. La luce dell’estuario della Senna ha sempre colpito gli artisti e i pittori di ogni epoca. A le Havre scoprirete una Normandia affascinante e piena di bellezze naturali anche nei suoi dintorni. Una meta da cogliere in tutte le sue sfumature. Aggiornate la vostra tavolozza e partite insieme a noi.

Parti con Costa Crociere