Lisbona: una sola visita in questa città e vi innamorerete all’istante del suo magnetismo culturale. Chi va a Lisbona, infatti, di solito ci ritorna anche. Pensiamo alla citazione di Antonio Tabucchi, che così aveva descritto questa curiosa città portoghese: “Viuzze che si inerpicano su case modeste, osterie, botteghe, vecchietti che oziano sulle panchine, artigiani”, e amplifichiamo queste parole in un’autentica esperienza che vi farà immergere in uno stile di vita molto diverso da quello a cui siamo abituati.

 

Pur essendo una delle mete più ambite dai turisti negli ultimi anni, Lisbona conserva ancora una parte del suo fascino un po’ sconosciuto ed esotico, e rimane una destinazione che vi farà innamorare al primo scorcio di panorama. Romantica e un po’ malinconica, caotica e al tempo stesso con la testa per aria, Lisbona è una città di cui si amano le vie, l’atmosfera che si respira, i monumenti e la cucina. Chi arriva qui deve capire che in questa città il tempo scorre in maniera differente, e fare troppi programmi toglierebbe alla bellezza suggestiva dei posti che si visitano. Mettete in tasca l’orologio e godetevi il viaggio senza fretta: è così che si vive a Lisbona!

 

Abbiamo scelto alcune delle location più suggestive per comprendere appieno la vita e la cultura di Lisbona, da vedere assolutamente:

  • La Baixa
  • Il Bairro Alto
  • Quartiere e Torre di Belém
  • Monastero del Los Jeronimos
  • Tram, funicolari e ascensori
  • Alfama
  • Oceanario
  • Parque das Nações
  • Castello di Sao Jorge
  • Chiado
  • Miradouro de Santa Luzia
  • Dintorni di Lisbona: Palazzo reale di Sintra
  • Dintorni di Lisbona: Santuario di Fatima

La Baixa

La Baixa è il cuore della Lisbona moderna. Anche nota come città bassa, è il quartiere più elegante di Lisbona ed è il simbolo della sua rinascita a capitale dopo il terremoto del 1755. La ricostruzione, voluta intensamente dal marchese Pombal, fu così radicale e gloriosa che rese la Baixa pombalina uno dei centri della vita di Lisbona. Quando si passeggia per le vie ordinate di questo quartiere, che ricordano un po’ una scacchiera, vi renderete conto che Lisbona non è solo il dedalo incomprensibile di strade dell’Alfama, ma è anche ordine, rigore e precisione. Alla Baixa sono presenti ampi spazi, vie pedonali, aperture sul fiume e palazzi signorili che vi lasceranno a bocca aperta. Qui si gira rigorosamente a piedi non solo per ammirare le bellezze architettoniche, ma anche per approfittare dei locali e dei negozietti che la popolano.

 

L’ampissima Piazza del Commercio è il centro dell’intervento di ricostruzione della città voluto dal marchese di Pombal, ed è un enorme spazio quadrato caratterizzato da simmetrie neoclassiche, racchiuso su tre lati da porticati e palazzi signorili. Al centro della piazza sorge la statua del re José I, opera di Joaquim Machado De Castro risalente al 1775. Un tempo a Lisbona si accedeva soprattutto dal mare, e dunque era questa la prima cosa che si vedeva quando si arrivava da lontano, ispirando un senso di rispetto e meraviglia. Sempre a Piazza del Commercio non bisogna perdersi l’Arco della Rua Augusta, sul lato nord della piazza. Questo meraviglioso arco di trionfo, iniziato nel 1755 e completato nel 1873, decorato con statue che raffigurano personaggi importanti della storia di Lisbona, tra cui anche l’esploratore Vasco de Gama e il marchese di Pombal.

 

Sul lato opposto di Rua do Augusta sorge la seconda piazza più importante della Baixa: la Praça D. Pedro IV, nota anche come Rossio. Si tratta del centro nevralgico del quartiere e il luogo di passaggio di tutti i turisti in visita qui. La piazza è circondata di meravigliosi palazzi, ma anche guardando per terra si rimane a bocca aperta davanti allo splendido spettacolo del pavimento lastricato di pietre calcaree bianche e nere che formano un elegante motivo a onde, evidente richiamo del mare. Impossibile non rimanere ipnotizzati anche dalla facciata della stazione del Rossio.

 

Tra gli altri capolavori della Baixa ricordiamo l’Elevador de Santa Justa, gigantesco ascensore che collega il quartiere alla Collina do Carmo. In funzione già dal Novecento, ha un fascino classico dato dalle sue cabine in legno e ottone e viene illuminato anche la sera, creando un’atmosfera davvero suggestiva per chi gli passeggia accanto.

Il Bairro Alto

Tra le zone più vivaci di Lisbona dobbiamo per forza menzionare anche il Bairro Alto, famoso per la vita notturna e per la ruvida bellezza storica che vi si respira. Pur essendo il centro della movida lisbonese, il Bairro Alto rimane un quartiere pieno di storia, inizialmente domicilio dell’aristocrazia e trasformatosi solo dopo in area popolare. Proprio come l’Alfama, il Bairro Alto sorge su una collina ed è un ribollire di idee e progetti. È qui che si va quando si vuole scoprire l’effervescenza artistica di Lisbona, tra boutique, negozietti d’arte e opere di street art che dominano le mura degli edifici. Dopo le 11 di sera, il Bairro viene letteralmente invaso dai giovani e i giovanissimi alla ricerca di un drink e del divertimento locale. La varietà è impressionante: in una sola serata si possono gustare birra e musica rock, cocktail alla moda e vino portoghese di prima qualità. Tra le strade ad alta concentrazione di locali ricordiamo certamente la Rua Do Diario de Noticias e le vie che scendono verso il Chiado come Rua da Rosa, Rua da Misericordia, Rua Dom Pedro V e Praça dos Camoes.

 

Chi arriva al Bairro Alto deve fare un salto anche alla Chiesa di San Rocco, il più antico edificio religioso gesuita della città, con una facciata austera che ricompensa i coraggiosi che decidono di entrare, raggiungendo uno scrigno segreto di marmi, stucchi dorati, dipinti e, naturalmente, azulejos, le coloratissime piastrelle tradizionali portoghesi. Sempre dal Bairro si arriva a San Pedro de Alcantara, uno dei belvedere più amati di Lisbona da dove si può ammirare la Baixa dall’alto. Sulla balaustra, decorata con azulejos, c’è una specie di mappa che vi indicherà alcuni dei punti importanti visibili da qui. L’area è stata creata nell’Ottocento ed è dotata di giardini incantevoli, panchine e fontane – il luogo perfetto per una sosta rilassante tra i busti degli eroi portoghesi come Edoardo Coelho. 

Quartiere e Torre di Belém

A Belém si può fare visita al famoso Monastero de Los Jeronimos, uno dei più grandi esempi architettonici in stile manuelino a Lisbona. Dichiarato Patrimonio dell’UNESCO, questo straordinario luogo di culto è considerato uno dei più belli al mondo nel suo genere. Il monastero è una delle destinazioni più ambite di Lisbona e venne costruito per volontà del re Don Manuel I nelle vicinanze del luogo in cui Enrico il Navigatore, figura chiave dell’espansione portoghese oltremare, aveva costruito una chiesa dedicata alla Maria di Belém. La visita al Monastero è un’esperienza che emoziona attraverso le ricchissime decorazioni, lo straordinario contrasto della pietra con il cielo azzurro di Lisbona e i portali riccamente scolpiti di un monumentale chiostro. Da qui si prosegue fino alla famosa Torre di Belém, bianca e incantevole, che risplende in base all’inclinazione del sole: il bastione si alza per oltre 30 metri e troneggia sulla foce del Tago.

Tram, funicolari e ascensori

Una città dai ripidi saliscendi come Lisbona sarebbe un vero incubo per residenti e turisti se non ci fossero gli “elevadores”, ascensori o funicolari che permettono di muoversi per la città senza faticare troppo. Quattro sono gli elevadores più famosi di Lisbona: l’Elevador de Santa Gloria è un tram che parte in Piazza dos Restauradores e in pochi minuti sale un vicolo che porta nel cuore del quartiere. È in servizio dal 1885 e viene alimentato da corrente elettrica dal 1915; il tragitto che compie è di soli 200 metri, ma è sempre affollato di turisti e residenti che vogliono risparmiarsi la fatica di salire a piedi. C’è poi l’Elevador da Bica parte invece da Cais do Sodré e arriva a Largo do Calhariz percorrendo la Rua da Bica de Duarte Belo, una delle vie più fotografate di tutta Lisbona.

 

Le carrozze di entrambe le funicolari del Bairro Alto sono i tipici trenini bianchi e gialli che si vedono nelle cartoline di Lisbona. Chi arriva in città avrà inoltre sentito parlare del Tram 28, una carrozza vintage gialla e bianca che è anche il mezzo di riferimento per una visita da veri autoctoni. Il suo complesso percorso si articola nei quartieri più caratteristici della città, regalando comodità e, al tempo stesso, un brivido di avventura dovuto agli innumerevoli ripidissimi percorsi a cui viene sottoposta la carrozza. Per qualcuno il Tram 28 è un’esperienza romantica, mentre per altri è un’avventura anche troppo emozionante. Il percorso si snoda tra i quartieri storici e collega Baixa, Alfama, Bairro Alto e Graça. Quasi tutte le attrazioni lisbonesi più importanti sono raggiungibili grazie a questo straordinario mezzo di trasporto che vi conquisterà. 

Alfama

L’Alfama è il quartiere storico di Lisbona per eccellenza. Qui si può ancora vivere la magia del Portogallo dei tempi d’oro e ci si immerge in una meravigliosa atmosfera accompagnati dalle note struggenti del fado. Tra il castello di Sao Jorge e il fiume Tago si stringe, come può, il quartiere dell’Alfama, che custodisce l’anima tradizionale di Lisbona. È un quartiere pittoresco che si sviluppa praticamente in verticale, da scoprire senza un itinerario preciso, lasciandosi trasportare tra i viottoli, le scale, le piazze e le terrazze panoramiche. Alfama conserva questo fascino antico proprio perché è stato uno dei quartieri meno colpiti dal terremoto del 1755. Qui il tempo si è fermato tra le case popolari e i panni stesi ad asciugare sulle vie del centro e ha deciso di prendersela comoda per tutto il resto della sua permanenza.

 

Il quartiere è la culla del fado, la musica struggente che è tradizionale di Lisbona. Qui si può cenare in una delle case do fado del quartiere, mangiando sulle note della malinconia romantica di questa musica. Da qui si può visitare il Castello di Sao Jorge, arroccato in cima a una collina dove furono fondati i primi insediamenti della città. Segue poi l’incantevole cattedrale di Lisbona, importante luogo di culto cattolico della città, nota anche come Sé Patriarcal. Da qui, gettatevi nell’escursione per la Chiesa di Sant’Antonio di Lisbona, meno famosa della Cattedrale ma pur sempre bellissima. Proseguite sulle terrazze panoramiche di Miradouro das Portas do Sol e il Miradouro de Santa Luzia: godetevi il panorama della città che vive e prospera sotto di voi e i piccoli ma suggestivi scorci sul Tago, dove guardare verso l’orizzonte tra le comodità di giardini, panchine e portici colorati dalle azulejos.

 

Alfama è anche sede del Museu de Artes Decorativas, ospitato all’interno di un palazzo del Seicento. L’area espositiva mette davanti al turista una collezione di arredi, decorazioni e opere che vi farà sentire in una casa signorile portoghese del Settecento. 

Oceanario

L’Oceanario di Lisbona è uno dei più grandi acquari al mondo e accoglie il turista desideroso di scoperte subacquee in un mondo immerso che lo lascerà senza parole. Le vasche del centro ospitano squali, razze, pesci pagliaccio, lontre, pinguini e oltre 15 mila tra animali e piante, appartenenti fino a 450 specie diverse.  Ricordiamo per esempio le damigelle dalla coda gialla, il trigone a macchie blu, il drago marino, l’antennario di Commerson e il diavolo di mare. Non solo: in queste aree si possono vedere anche uccelli, invertebrati, anfibi e mammiferi, in un contesto che punta al massimo benessere e a ricostruire un fedele habitat naturale. Questo straordinario viaggio nella natura ospita un’esposizione permanente e spazi dedicati a mostre temporanee.

 

L’Oceanario è il posto perfetto per portare un bambino: oltre alle visite pensate appositamente per i più piccoli, la struttura offre anche l’esperienza “Dormendo con gli squali”. I bambini possono dormire in sacco a pelo davanti alla vasca degli squali e godersi le bellezze dell’acquario prima di sprofondare nel sonno. Piccola curiosità: tutti i coralli visibili all’Oceanario di Lisbona sono artificiali: rimuoverne così tanti dal loro habitat originario avrebbe conseguenze disastrose per l’ecosistema mondiale.

Parque das Nações

 Modernità e bellezza si uniscono nel Parque das Nações, il Parco delle Nazioni di Lisbona che si estende lungo il lato nord-orientale della foce del Tago. Il quartiere è stato rimodernato in occasione dell’Expo del 1998 e da allora è un centro nevralgico del Portogallo dell’imprenditoria. Strappato dall’abbandono, il Parque das Nações è diventato un vitale quartiere di strutture adatte non solo al lisbonese, ma anche al turista. È qui infatti che sorge l’Oceanario, ma anche il Casinò di Lisbona, e ci si può godere un’architettura moderna e un centro di vita quotidiana vitale e frizzante.

Il Castello Sao Jorge

Il Castelo de São Jorge, o il Castello di San Giorgio, è arroccato in cima alla collina dove la città cominciò a insediarsi. Chiunque può rimanere colpito dal fascino straordinario del Castello, che è un’immagine imperiosa, magnifica e al tempo stesso rassicurante pensata per troneggiare sulla effervescente Lisbona. Il Castello di São Jorge è un monumento complesso e molto esteso che comprende edifici, rovine e giardini. La parte più complessa è quella del Castello, costruita dai Mori nella prima metà del XI secolo. Non era un palazzo per i sovrani, ma una guarnigione militare utilizzata in caso d’assedio e pensata per ospitare la nobiltà durante le battaglie.

 

Da ammirare ci sono anche le Rovine dell’Antico Palazzo Reale: è qui che nel Duecento le strutture vennero ampliate per ospitare anche la corte, il vescovo e gli archivi reali. In queste aree è stata allestita l’esposizione permanente di reperti provenienti dal sito archeologico, il quale copre circa duemila anni di storia con enfasi particolare sul periodo di occupazione dei Mori tra il XI e il XII secolo. All’interno della Torre Ulisse si trova una delle grandi attrazioni del Castello São Jorge: la Camera Oscura. Si tratta di un periscopio posto alla cima della torre che cattura immagini a 360° della città grazie a un complesso gioco di specchi e lenti. 

Il Chiado

Il Chiado è uno storico quartiere situato nella parte bassa di Lisbona, che fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1755 e poi ricostruito come quartiere degli artisti. È collocato tra il Bairro Alto e la Baixa pombalina e ha come fulcro il Largo do Chiado. Si tratta di una delle location che devono essere visitate a tutti i costi da coloro che si avventurano per Lisbona. Conosciuto come il quartiere pittoresco degli artisti, infatti, è qui che si riunivano gli intellettuali di un tempo. Fernando Pessoa nasceva qui, in un quartiere che oggi è costellato di statue e monumenti dedicati ai letterati dei tempi che furono, come Antonio Ribeiro e Luis de Camoes. Al Chiado si possono visitare anche una serie di teatri, come quello di Sao Luiz, il Teatro da Trindade e il Teatro Nacionale de Sao Carlos, per molti anni unico teatro lirico del paese.

 

Chi arriva a Largo do Chiado può inoltre ammirare la bellezza della Chiesa della Madonna di Loreto, conosciuta anche come la “Chiesa degli Italiani” poiché fu fatta edificare per l’adorazione della Madonna di Loreto. La messa, qui, viene ancora detta in italiano. Al Chiado si deve visitare anche il Largo de Carmo, una strepitosa piazza dove gli alberi dai fiori lilla esprimono la loro grande bellezza soprattutto in primavera. Da vedere anche il Palazzo Valadares e il Museo Archeologico, la cui entrata è costituita da un bellissimo portale gotico eretto sulle rovine del Convento do Carmo.

Palazzo reale di Sintra (15 km da Lisbona)

Il Palazzo Reale di Sintra è un complesso di edifici a ridosso di una collina. Dall’esterno colpisce per i colori vivaci e gli strani accostamenti stilistici, e non vi stupirà sapere che anche all’interno questo luogo riserva molte sorprese. Tra le aree più note ricordiamo la Sala delle Gazze, che deve il suo nome ai 136 uccelli dipinti sul tetto. Qui si può visitare anche il Palacio de la Pena che, come lascia presagire il nome, richiede una tortuosa salita a piedi ricompensata però da un paesaggio meraviglioso.

 

Il complesso, dall’aspetto quasi fiabesco, è una struttura colorata che riassume le espressioni dell’architettura romantica europea in Portogallo. Chi arriva a Sintra deve ammirare anche il Palacio della Regaleira, progetto dell’architetto italiano Manini e classificato come patrimonio mondiale UNESCO. L’area è circondata da una rigogliosa vegetazione comprendente un giardino che sembra uscito da una splendida favola. Ultimo ma non per bellezza è il Palacio de Monserrate, che dista oltre un’ora di cammino da Sintra ed è un luogo meraviglioso e suggestivo, paradiso vittoriano stile romantico-orientaleggiante circondato da un giardino botanico di alberi tropicali che è anche uno dei più apprezzati in tutta Europa. 

Santuario di Fatima (120 km da Lisbona)

Il Santuario di Fatima è uno dei più maestosi santuari religiosi d’Europa dopo Lourdes, e si erge proprio dove i tre pastorelli videro la Madonna nel 1917. Fatima è un paesino sperduto nelle campagne dell’Estremadura che, grazie a questo luogo di culto, riesce ad attirare oltre sei milioni di visitatori ogni anno.

 

La Basilica di Nostra Signora del Rosario è il monumento più importante contenuto nel Santuario di Fatima ed è composto da un’enorme torre e una navata di circa 65 metri di altezza decorata da una corona di bronzo di 7 mila chili. Progettata dall’architetto olandese Gerardus Samuel van Krieken, è costituita al suo interno da un portico principale mosaicato che raffigura l’incoronazione della Madonna da parte della Santissima Trinità e ospita una serie di vetrate che raffigurano i momenti delle apparizioni mariane. Da vedere anche la Basilica della Santissima Trinità, chiesa minore costruita e consacrata nel 1953 che, tuttavia, era troppo piccola per riuscire ad ospitare tutti i turisti che giungevano in questo luogo. Imperdibile anche la Cappella delle Apparizioni, costruita “secondo la volontà” della Vergine – o così si dice.

Parti per Lisbona con Costa Crociere

 

Città ricca di storia, scorci variopinti e cosa da fare e da vedere, Lisbona saprà conquistarti in men che non si dica. Approfitta delle escursioni Costa Crociere per lasciarti sedurre da questa splendida città e visitare alcuni dei luoghi più suggestivi, come il Bairro Alto, la torre di Belém e l’Alfama.

Cerca la tua prossima crociera