Fiordi frastagliati, immensi parchi, ghiacciai immacolati e ripide cascate: la Norvegia è tra i posti migliori al mondo per ammirare la natura in tutto il suo splendore. Una collezione sconfinata di paesaggi austeri e selvaggi e il paradiso dell’outdoor, tra passeggiate ed escursioni in kayak tra scenari dal fascino primordiale. La Norvegia vanta oltre 20 parchi nazionali, dove fare trekking ammirando i fiordi e le vette innevate. Lo sguardo s’imbatte in tipiche chiese di legno, resti vichinghi e tradizionali villaggi di pescatori: l’invito è servito per gustare le migliori specialità, immersi in un’atmosfera fuori dal tempo. Qui rivive il fascino degli antichi miti scandinavi e delle leggendarie spedizioni polari. Puoi spingerti fino a Capo Nord e oltre e farti ipnotizzare dall’aurora boreale e dal sole di mezzanotte. Avventure sulle slitte trainate dai cani, tour di whale watching, gite in barca tra iceberg e isole avvolte nel silenzio: la Norvegia offre esperienze uniche. Ecco una selezione delle migliori cose da fare in Norvegia, approfittando dei porti toccati dalle crociere Costa e delle tante escursioni organizzate nei dintorni.

Olden

A poca distanza dal porto di Olden si trova il ghiacciaio più grande d’Europa, lo Jostedalsbreen. Chi non ha intenzione di affrontarlo con piccozza e ramponi può sorvolarlo con l’elicottero, o raggiungerlo coi comodi bus panoramici in partenza dal terminal. Lungo il percorso si ammirano l’acqua smeraldina del lago di Olden, col suo contorno di cascate e montagne incontaminate, e le architetture tipiche della zona. Da qui partono coinvolgenti battute di pesca e una rete di sentieri ben segnalati: il trekking è un’altra modalità per apprezzare la bellezza del paesaggio, così come le sognanti gite in battello sul lago Lovatnet. A Fjærland ti aspetta il Museo dei ghiacciai, con supporti interattivi che ne svelano la storia e le modificazioni dovute al clima. I comprensori sciistici nei dintorni di Olden sono un sogno per gli sportivi. 

Geiranger

Un angolo del pianeta di rara bellezza, dichiarato Patrimonio Unesco: Geiranger sorge su uno dei fiordi occidentali più belli di tutta la Norvegia. Un paradiso solcato da fantastici sentieri che si snodano tra cascate e ripide pareti rocciose, addolcite dalla presenza di vecchie fattorie abbandonate. La cascata delle sette sorelle è una visione fiabesca: secondo la leggenda, fu formata dalle lacrime di altrettante fanciulle, deluse da un principe smemorato. Una gita in gommone o in kajak tra le cascate è tra le esperienze più memorabili che potrai fare in Norvegia. Senza tralasciare le camminate in montagna, per chi ha piedi buoni e fame di panorami mozzafiato. 

Hellesylt

Il Geirangerfjord presta il suo suggestivo scenario anche a Hellesylt, villaggio accoccolato a una delle sue estremità. Formato da una manciata di tipiche casette, deve la sua fama a una cornice naturale a dir poco invidiabile. Il villaggio si sviluppò intorno all’antico porto vichingo ed è impreziosito dalla cascata di Hellesylt che esprime tutto il suo fascino con il disgelo. Un luogo idilliaco che vanta anche un’interessante attrattiva culturale: la Peer Gynt Galleriet, dove apprezzare l’abilità di un maestro dell’intaglio norvegese e i minuziosi dettagli delle sue opere in legno.

Andalsnes

Andalsnes è universalmente nota per la strada dei Troll, ovvero la Road Geiranger – Trollstingen, spettacolare percorso che attraversa valli, cascate e idilliaci paesaggi montani. Situata all’estremità del percorso, Andalsnes è un villaggio circondato da uno scenario unico e una base ideale per le battute di pesca. Un modo rilassante per godersi il panorama è una gita sul treno panoramico che sfreccia tra le montagne, lungo il corso del fiume Rauma: un comodo punto d’osservazione per godersi il Trollveggen, tra le pareti verticali più alte d’Europa e un mito per gli amanti dell’alpinismo estremo. Secondo le leggende scandinave, queste terre sono la patria del “popolo nascosto”, i troll appunto, mitiche creature delle foreste.

Flam

Il tour dei fiordi occidentali della Norvegia non può tralasciare Flam, incantevole paesino con poche centinaia di abitanti e flussi turistici da record, grazie alla sua posizione spettacolare: una scenografia di ampie vallate e pendii scoscesi scavati dai ghiacci, cascate e montagne imbiancate di neve. Un piccolo capolavoro è anche la Flamsbana, ripida ferrovia a scartamento normale che attraversa scenari unici: tra le vedute più memorabili ci sono le cascate Kjosfoss, dalla bellezza maestosa. Da non perdere anche un’escursione a Osterboe, uno scorcio autentico di vita norvegese dal fascino intatto. Molto gettonati gli itinerari cicloturistici e le specialità locali, come la famosa birra artigianale.

Stavanger

Antico e moderno convivono a Stavanger, tra le città più grandi della Norvegia e importante centro petrolifero. La città vecchia di Stavanger – il villaggio di Gamle – è considerata unica nel suo genere per la sua autenticità: ben conservate, le tipiche case in legno affacciano su stretti vicoli dal fascino caratteristico. La passeggiata conduce all’antica chiesa di origine medievale che domina il Torget, la piazza principale, e il porto. Fra i tesori di Stavanger ci sono l’oro nero – cui è dedicato il Muso del Petrolio – e la natura selvaggia: un classico l’escursione alla volta del Preikestolen, il “pulpito di roccia” con il suo panorama indescrivibile che abbraccia il fiordo e la montagna circostante. 

Haugesund

Alcuni degli eventi più famosi della Norvegia hanno luogo ad Haugesund, una città molto vivace dal punto di vista culturale che presta ogni anno lo scenario a numerosi festival. Che ne dici, ad esempio, di partecipare alla tavolata di aringhe più lunga al mondo, imbandita nel mese di agosto? Molto popolari sono anche l’International Film Festival e i mercatini di Natale, tra i più grandi della Norvegia, presi d’assalto da una folla di visitatori: una cornice fantastica per lo shopping natalizio. In ogni momento dell’anno puoi fare acquisti sull'Haraldsgata, ricca di negozi e locali. Puoi ambientare anche tranquille passeggiate intorno al porto e partire per fantastiche escursioni, magari fino all’isola di Utsira, meta di centinaia di specie di uccelli durante la stagione delle migrazioni: troverai capannoni appositamente attrezzati per ammirarli in volo. Splendide anche la spiaggia di Karmoy: la vista è caraibica, con sabbia di borotalco e acque di vetro.

Alesund

La zona di Alesund è tra le più visitate dell’intera Norvegia: i motivi sono tanti. Una la conosciamo già: il Geirangerfjord è tra i  fiordi più belli in assoluto. Questa meraviglia protetta dall’Unesco è fonte di meraviglia insieme alle selvagge montagne circostanti, con punte di 2000 metri. Se sei un appassionato di scialpinismo – ma anche di sci di fondo e altri sport invernali – ci lascerai il cuore. La particolarità di Alesund è la sua architettura: la città, infatti, è la capitale del Liberty scandinavo. Il suo aspetto deriva dal progetto di ricostruzione realizzato a inizio Novecento dopo un rovinoso incendio: il legno fu bandito per fare spazio all’eleganza. Il falò gigante di Alesund, eretto durante la festa di mezza estate, allontana i fantasmi del passato. Notevole la chiesa con la galleria rivestita di affreschi, le vetrate elaborate e la struttura in blocchi di pietra. La città ospita anche numerosi eventi culturali e gastronomici, come il Norwegian Food Festival. L’isola di Runde, santuario degli uccelli, è un incredibile spettacolo naturale.

Tromso

Costruita su un’isola collegata da un ponte, Tromso è la “porta dell’Artico”: la maggiore città del Nord della Norvegia è una meta classica per ammirare l’aurora boreale. Il suo fascino polare emerge nella cornice di montagne ammantate di neve e negli arabeschi dei fiordi, da apprezzare con una gita in kajak o, perché no, a bordo di una slitta trainata dai cani. Ma Tromso è famosa anche per la scena musicale, la nightlife e la sua animata vita culturale: nell’Ottocento, non a caso, fu battezzata la “Parigi del Nord”. Il suo edificio simbolo è la Cattedrale Artica, dalla particolare silhouette che ricorda la punta di un iceberg trasparente: pieno di luce grazie alla grande vetrata e ai lampadari in cristallo. Il più bel punto panoramico è il Monte Storsteinen, raggiungibile a piedi o in funivia: un belvedere eccezionale per godersi il sole di mezzanotte.

Honningsvag

Honningsvag si trova all’estremo Nord della Norvegia: più precisamente sull’isola Mageroya, la più settentrionale dell’Europa, nota per accogliere Capo Nord. Le tracce dei primi insediamenti risalgono a molti millenni fa, come raccontano i reperti del Nordkappmuseet. Oggi, la vita a Honningsvag è decisamente più piacevole, tra ristoranti di pesce e ogni genere di servizio per chi la sceglie come base per raggiungere Capo Nord o Knivskjellodden: da non perdere il granchio reale, la delizia tipica locale. Se hai l’occasione di visitarli ti resteranno nel cuore anche i paesaggi dell’isola Stappan, paradiso del birdwatching, e l’altopiano dello Skipsfjord, scrigno di natura incontaminata. 

Trondheim

Non c’è dubbio: Trondheim è una vera e propria cartolina della Norvegia. Contribuiscono a questo effetto l’amenità delle sue colline, le pennellate variopinte dei vecchi magazzini e la sua atmosfera accogliente. Sebbene sia tra le più grandi città del Paese, ha saputo conservare l’aria di una cittadina ancora legata alle sue tradizioni. Qui si trova la chiesa più famosa della Norvegia, la Cattedrale di Nidaros in stile romanico-gotico, costruita sulla tomba di Olaf II e luogo di incoronazione dei reali norvegesi. Molto interessante anche lo Stiftsgården, tra gli edifici in legno più grandi del Nord Europa. Residenza della famiglia reale, vanta anche un incantevole giardino. Per gli appassionati di musica c’è il Rockheim, il museo della musica contemporanea ricavato in un ex magazzino. 

Molde

Sei un appassionato di jazz? Se sì, la tua destinazione ideale è Molde. Questa cittadina ospita uno dei festival più vecchi d’Europa e più famosi dell’intera Scandinavia. A darle notorietà è anche il clima mite: è anche chiamata “città delle rose” e popolata di piante fiorite che non ti aspetteresti a queste latitudini. Deliziosa per la sua posizione, Molde si trova alla foce di un fiordo ed è un piccolo paradiso per il turismo attivo, trekking incluso: la passeggiata più famosa è quella che porta al belvedere di Varden, da cui scrutare le cime innevate e il magnifico paesaggio costiero. Per immergerti nel tempo che fu, ti consigliamo una tappa al popolare Museo di Romsdal, dove passeggiare fra vecchie casette in legno e granai.   

Bergen

Seconda città della Norvegia, Bergen fu la sua antica capitale. Punto di partenza ideale per visitare i fiordi, la “città della pioggia” ti accoglierà con la visione pittoresca delle sue case in legno con il tetto a punta. Il quartiere medievale di Bryggen, con i suoi stretti vicoli, è stato dichiarato Patrimonio Unesco: uno scrigno di storia che rievoca le atmosfere dell’antico porto, luogo di scambio per i traffici commerciali della Lega Anseatica. Le case color rosso e ocra, un tempo utilizzate come magazzini, sono oggi animate da caffetterie e ristoranti. Il posto più suggestivo per assaggiare le specialità locali, tuttavia, è il mercato del pesce, sempre molto vivace. Indimenticabile lo scenario naturale: con la funicolare bastano pochi minuti per conquistare una splendida vista di Bergen dall’alto con le sue sette montagne. 

Oslo

Anche chiamata la “città vichinga”, Oslo è incuneata all’imbocco di un fiordo e abbracciata da colline, laghi e montagne. La capitale norvegese è una vivace metropoli che convive felicemente con la natura, ricca di spazi verdi e aree protette. Per le sue strade circola un’infinità di auto elettriche, ma sono possibili anche incontri più strani: può capitare, infatti, di avvistare un alce che in inverno passeggia in città. L’architettura più rappresentativa è la Fortezza di Akershus che domina il fronte del porto: una magnifica cornice medievale che accoglie il riposo dei sovrani norvegesi. Cuore pulsante della città moderna è Aker Brygge, vecchio cantiere navale oggi affollato di locali: una piacevole finestra sul fiordo di Oslo, dove fare due passi in relax o prendere il sole sul lungomare. Tra i tanti musei della capitale, il più famoso è e quello dedicato a Munch che espone anche una versione de L’Urlo. Super tecnologico il Teatro dell’Opera, dove passeggiare sul tetto in marmo godendosi il panorama della città e del fiordo dall’alto.

Bodo

Situata poco oltre il Circolo Polare Artico, Bodo è immersa in una natura selvaggia e ricca di contrasti. Qui si agita la corrente di marea più potente al mondo, la Saltstraumen, un impressionante gorgo con una velocità che tocca i 22 nodi. Avvicinarsi a questa massa d’acqua immensa – magari, per gettare l’amo da pesca – è un’emozione forte, ma non l’unica avventura da fare a Bodo. Qui si possono scrutare il sole di mezzanotte in kajak e il volo delle aquile di mare sopra i tetti di città. Da esplorare anche la meravigliosa spiaggia di Mjelle e le botteghe tipiche degli artigiani locali.

Le isole Lofoten

A nord di Bodø galleggia un’autentica meraviglia, il selvaggio arcipelago delle Lofoten. Il paesaggio è stupefacente, con le alte montagne che si gettano a capofitto nel mare. Qui potrai ammirare i villaggi di pescatori meglio conservati della Norvegia e gustare il pesce nei rorbu, i caratteristici capanni riadattati per accogliere i turisti. I villaggi più suggestivi sono Svolvær, antica città famosa per lo stoccafisso – oltre che per lo scenario mozzafiato – e il borgo di Henningsvær. Lo spettacolo dell’aurora boreale, ammirato dalle isole Lofoten, è semplicemente unico. 

Leknes

Leknes è il centro più popolato dell’arcipelago delle Lofoten: i suoi dintorni offrono numerosi punti d’interesse e occasioni per inseguire il mitico fascino dei Vichinghi. A partire dal Lofotr Vikingmuseum: il museo vichingo di Borg, costruito in corrispondenza della casa di un capoclan, ospita una riproduzione a grandezza reale di una nave del IX secolo. Ci si può divertire anche con il tiro con l’arco e altre attività tradizionalmente praticate dai Vichinghi. Da non perdere anche la spiaggia di Haukland, ricoperta di sabbia bianca e la baia di Flakstad, attrezzata per gli sport acquatici. 

Kristiansand

Tra le località più rinomate della costa meridionale c’è Kristiansand, apprezzata anche per il suo clima molto piacevole. La sua cattedrale in stile gotico è tra le più grandi della Norvegia, ma la città è famosa anche per il suo zoo, giardino zoologico e parco divertimenti fra le attrazioni più visitate del Paese. Simbolo della città è il Teatro Kilden, molto scenografico con la sua copertura curvilinea in legno. Gli amanti della natura possono esplorare il parco naturale di Ravnedalen, godersi un’uscita in rafting o un’escursione all’isola di Odderoya, dove fare il bagno nelle acque tiepide e trasparenti della cosiddetta “Riviera norvegese”.

Sortland

Sortland è il centro principale delle Vesteralen ed è anche nota come la “città blu” per il colore che caratterizza i suoi edifici.  L’arcipelago delle Vesteralen, situato a poca distanza dal Circolo Polare Artico, è il regno delle balene: la meta d’elezione per fare whale watching in ogni momento dell’anno. Il paesaggio spicca per le alte vette ricoperte di foreste e attraversate da sentieri segnalati: ideali per fare trekking con gli occhi puntati sul mare e sugli antichi villaggi di pescatori. 

Capo Nord

Capo Nord è definito il punto più settentrionale d’Europa: volendo essere pignoli quest’ultimo si trova appena più a nord, ma è questione di metri. Ci troviamo sull'isola di Magerøya, in cima a una falesia a strapiombo sul Mare Glaciale Artico. Il promontorio si eleva per circa 300 metri, accogliendo i novelli esploratori con un mappamondo in ferro. Il centro visitatori Nordkapphallen ospita mostre a tema, shop di souvenir e un ristorante. Capo Nord e la sua isola sono collegati alla terraferma dall’omonimo tunnel sottomarino che attraversa il mare a 200 metri di profondità. In alternativa, è raggiungibile da Honnisvag in battello. La regione di Finnmark, o Lapponia norvegese, ospita gli indigeni Sami: più a sud si trova il lago Inari, considerato sacro da  questo popolo. Il paesaggio che circonda Capo Nord è irreale, tra avvistamenti di renne e immense distese da attraversare in quad, in slitta o con le racchette da neve. Anche tu potresti trasformarti in un cercatore di aurore: se c’è un posto perfetto per ammirare l’aurora boreale, è proprio questo.

Le isole Svalbard

All’estremo nord della Norvegia, le isole Svalbard sono un luogo mitico, solcato dagli orsi polari. Intorno nuotano le balene, altre protagoniste dei safari polari. Tra le più remote terre abitate, l’arcipelago è per lo più ricoperto dai ghiacci, anche se il suo clima è moderato dalla corrente nord-atlantica. La fauna è unica e comprende volpi artiche, foche e orche: la gran parte della superficie delle isole Svalbard è protetta da riserve, parchi naturali e santuari degli uccelli. Paesaggi surreali fanno da sfondo a escursioni panoramiche e gite in barca tra gli iceberg. Il centro più popoloso, Longyearbyen, è oggi una moderna cittadina ricca di eventi culturali, ristoranti e locali. 

Parti per la Novergia con Costa Crociere

Pronto a inaugurare la tua avventura tra villaggi vichinghi, scrigni di ghiaccio e fiordi maestosi? Navigare lungo la costa è il modo migliore per ammirare l’andamento frastagliato e conquistare i panorami più spettacolari: e magari, perché no, il miracolo dell’aurora boreale. Così come per raggiungere luoghi più inaspettati, comprese spiagge dall’aspetto caraibico. Ti piacerebbe pescare nel ghiaccio o farti trainare dagli husky, solcando immense distese bianche? Anche questo è possibile. Terra di miti e tradizioni, la Norvegia è ricca di eventi e festival: dalle degustazioni tipiche alla musica live, ce n’è per tutti: se, poi, ami gli sport invernali, le piste – e i fuoripista – norvegesi non possono lasciarti indifferente. Con Costa il viaggio in Norvegia tocca tutte le mete più belle, con numerose escursioni per vivere l’emozione da vicino. 

Parti con Costa Crociere