Un ricco passato marinaro, splendide località balneari, malinconiche città e un paesaggio caratterizzato da oliveti, vigneti e campi di grano: questo è il Portogallo, un paese di forti tradizioni e dal popolo orgoglioso e nostalgico, capace di affascinare scrittori e registi famosi come Lord Byron, Antonio Tabucchi, Wim Wenders, oltre a milioni di turisti ogni anno. Capace di unire le arti, di contaminarsi e di essere sempre diverso, anche nelle tradizioni. Città romantiche come Lisbona, Porto e Coimbra incantano i visitatori con la loro bellezza e la loro atmosfera fuori dal tempo, mentre le struggenti note del fado, la musica tradizionale portoghese, si imprimono nella memoria e nella pelle di ogni ascoltatore. Il mare è grande protagonista di ogni vacanza in Portogallo, con il turismo balneare concentrato in Algarve, ma senza dimenticare le altre zone come il litorale tra Cascais ed Estoril o le isole. L’entroterra è una miniera di attrazioni da scoprire, con castelli, città medievali, cammini religiosi, parchi naturali, vitigni e cantine.  E poi ci sono anche le isole Azzorre e Madeira, perle da scoprire e assaporare. C’è poi anche un Portogallo giovane, vibrante di energia: è il paese delle spiagge paradiso dei surfisti, della vivace vita notturna, dei colorati graffiti e dei numerosi festival musicali all’aperto. Scoprite insieme a noi l’elenco dei 15 migliori luoghi da visitare.

 

15 luoghi da visitare

  • Lisbona
  • Porto
  • Sintra
  • Fatima
  • Braga
  • Guimaraes
  • Obidos
  • Evora
  • Coimbra
  • Algarve
  • Alcobaca
  • Nazaré
  • Tavira
  • Le isole del Portogallo: le Azzorre
  • Le isole del Portogallo: Madeira

Lisbona

Lisbona, capitale del Portogallo, è tante cose: romantica, malinconica, chiassosa e sognante. La potrete apprezzare per l’atmosfera, i monumenti, le viste mozzafiato, la cucina o tutti questi motivi insieme. Iniziate da Alfama, il più antico quartiere della città, un'intricata rete di vicoletti e scalinate, di salite e discese che si snodano sotto l'imponente Castello di Sao Jorge, uno dei simboli della città nonché il più alto punto panoramico. È un quartiere pittoresco che si sviluppa in verticale, con una parte alta e una bassa e una cascata di casette arroccate sui suoi vicoli in pendenza, talvolta così vicine l’una all’altra che i tetti sembrano sfiorarsi: è anche la culla del fado, la struggente musica tradizionale. Potrete visitare l'Alfama anche prendendo il Tram 28, il mezzo su rotaia risalente agli Anni 30, è di diritto una delle attrazioni della città. Scendendo verso il Tago, non perdete la vista dai ponti panoramici: il Miradouro de Santa Luzia con le piastrelle colorate e Miradouro das Portas do Sol. Merita una visita anche il Monastero di São Vicente de Fora con il chiostro maiolicato.

Da scoprire c’è anche la Baixa, il cuore della Lisbona moderna ed europea, la zona ricostruita dopo il violento terremoto della città: passeggiate per i viali ampi e arrivate a Praça do Comércio, la piazza più grande di Lisbona, percorretela tutta per raggiungere le scalinate sulle le sponde del Tago per una sosta. A Belem fate visita al Monastero de los Jeronimos, uno dei più grandi esempi architettonici e dello stile manuelino di Lisbona. Fu costruito nel 1505 per festeggiare il ritorno dell’esploratore portoghese Vasco de Gama che aveva appena scoperto la rotta per l’India. Assaggiate i Pasteis de Belem nell'antica caffetteria attigua al Monastero che si narra conservi la ricetta originale. Non troppo lontano da qui, camminate per raggiungere la famosa Torre di Belem, che risplende in base all'inclinazione del sole: dal 1983 è entrata anche a far parte dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco. È un bastione di circa 30 metri che si trova alla foce del Tago. Raggiungete Estrela e rilassatevi al Jardim de Estrela uno dei parchi più belli di Lisbona. Gli appassionati di arte contemporanea potranno farne una scorpacciata gratuita al Museu Colecção Berardo, il fiore all'occhiello del Centro Cultural de Belém. Il museo, di un bianco candido e in stile minimalista, espone la collezione di arte astratta, surrealista e pop art del milionario José Berardo. Inoltre accoglie mostre temporanee tra le migliori di tutto il Portogallo.

Porto

Con i campanili che svettano sul paesaggio collinare, le chiese barocche, gli edifici medievali e i palazzi art-déco che si susseguono uno dopo l'altro, Porto sembra appartenere a una fiaba senza tempo.

 

Il suo labirinto di strade strette e acciottolate ospita piazze, chiese e case dalle facciate coloratissime. Se nel centro storico si possono ammirare i fasti decadenti, e per questo meravigliosi, dell'antico passato, fuori dal centro storico la città ha assistito a una rinascita delle località di mare. Da non perdere la Ribeira, una delle parti più pittoresche, fiancheggiata da case colorate e disomogenee su un lato e il fiume Douro dall'altro. Resterete ammaliati da questo quartiere dalle casette colorate e le botteghe di artigianato. Per godere al meglio della vista del quartiere e del Ponte Dom Luis I, salite su una dei barcos rabelos per navigare il fiume e fermatevi a bere qualcosa in una delle piazzette della città.

 

Il Palácio da Bolsa, la vecchia borsa della città, vi lascerà di stucco. Non perdete poi una visita alla chiesa di San Francesco la sua umile facciata non svela le sontuose incisioni barocche nascoste all'interno per ammirare la tecnica della talha dourada, l’intarsio in legno tutto dorato che è tipico di molte chiese barocche costruite in Portogallo nel corso del 1700. Porto è famosa per il suo vino e non solo per il Porto. Le cantine più belle interessanti si trovano a Vila Nova de Gaia, la città che è situata dall'altra parte del Douro ed è collegato alla città dal Ponte Dom Luis. 

Sintra

Sintra, piccola cittadina che si trova a circa mezz'ora di treno da Lisbona, è un fiabesco intreccio di palazzi e giardini colorati che sembrano usciti da un racconto. In alto, sulla sommità della città si staglia il castello dei Mori con il suo grande parco che si estende lungo la Serra da Sintra. Nei dintorni della cittadina si trovano altri palazzi e monumenti importanti, spiagge da sogno e natura da scoprire, a cominciare da Cabo da Roca, il punto più occidentale del Portogallo. Il palazzo più scenografico di Sintra è il Palazzo Pena. Edificato nel luogo in cui sorgeva un antico convento di frati dell’Ordine di San Geronimo fu il frutto dell’immaginazione del re Ferdinando II, un uomo che amava l'arte e che volle un edificio in grado di rappresentare un'opera lirica,  o meglio un capolavoro. Nell'architettura del palazzo convivono differenti stili architettonici come il gotico, il manuelino, l'arabo, lo stile rinascimentale e barocco che si riflettono anche nelle stanze interne. Un altro palazzo da scoprire è la Quinta da Regaleira, una struttura enigmatica con misteriosi tunnel e labirinti. Gli interni della villa sono pieni di statue e simboli esoterici.

Fatima

Il Santuario di Fatima è uno dei più importanti punti di riferimento del culto mariano, meta di pellegrini provenienti da tutto il mondo. Il luogo su cui sorge, la Cova da Iria, nel comune di Ourém, nella frazione di Fatima, era fino al 1917 del tutto sconosciuto. Quell’anno, un evento religioso ha cambiato per sempre la sua storia: la Madonna, la Vergine del Rosario, apparve più volte a tre piccoli pastori, Jacinta e i suoi cugini Francisco e Lucia. All’inizio, la Chiesa fu piuttosto riluttante a riconoscere il fenomeno miracoloso, che, invece, riscosse subito grande adesione popolare. Soltanto nel 1930, il vescovo di Leiria ritenne veritiere le testimonianze sulle apparizioni, e da quel momento la località ebbe un grande sviluppo be seguito di fedeli e turisti.

 

Entrando nel Recinto delle Preghiere, si vede sul fondo la Basílica de Nossa Senhora do Rosário de Fátima (Basilica della Madonna del Rosario) con una alta torre di 65 metri. Al centro, il Monumento al Sacro Cuore di Gesù e, su uno dei lati, c’è la Cappella delle Apparizioni, che si trova proprio dove la Madonna aveva chiesto ai piccoli pastori di costruirne una. Nell’area, oltre al Santuario, si possono visitare alcuni musei: Museu de Arte Sacra e Etnologia, Museu de Cera, Museu Fátima 1917.

Braga

La città più felice del Portogallo: Braga sa mescolare la sua doppia anima, quella di città antica e ricca di storia da un lato, e di centro culturale e universitario dall'atmosfera rilassata. Perdetevi nel labirinto di stradine strette dove troverete chiese gotiche ed edifici barocchi. In città si contano più di 30 chiese, ecco perché è anche conosciuta come la Roma Portoghese; la più importante è la Cattedrale di Braga, che è la più antica del Portogallo e risale al 1070. La vera scoperta è il Museu dos Biscainhos, palazzo settecentesco dedicato alle arti decorative. Un altro pezzo forte è il giardino barocco realizzato dall'architetto Soares che ha progettato alcune delle più importanti opere della città come il Municipio, l’Altare principale del Monastero di Tibães, la Chiesa di Santa Maddalena di Falperra, il Palácio do Raio e il Santuario di Nostra Signora della Torre. Il monumento più famoso è il Santuario di Bom Jesus di Monte che si trova poco fuori dal centro. Il Santuario si erge in cima a una monumentale scalinata di 450 scalini che è il vero emblema dell'architettura barocca della città.

Guimaraes

Storia, tradizione e creatività in una sola cittadina. Guimaraes è considerata la culla del Portogallo perché vi nacque Afonso Henriques che sarebbe diventato il primo re del Portogallo. Il suo centro medievale è un dedalo di viuzze labirintiche e di piazze pittoresche circondate da palazzi trecenteschi, mentre su una collina adiacente sorgono un castello millenario e, accanto, l'imponente palazzo fatto edificare dal primo duca di Bragança nel XV secolo. L'importanza e la bellezza di Guimaraes furono ufficialmente riconosciute nel 2001, quando l'Unesco dichiarò il suo centro storico Patrimonio dell'Umanità. Oltre ai tesori architettonici della città, ai musei e alle istituzioni culturali d'avanguardia, la città vanta molte piazze affollate di locali e ristoranti in cui godere del proprio tempo libero. Inoltre, non va dimenticato che è una città universitaria, e la sua popolazione studentesca rende il clima assai vivace e movimentato.

Obidos

Quante donne possono dire di aver avuto in regalo un borgo? Una di queste è la regina Isabel che ricevette in dono Obidos dal marito, il re Dionigi I. Forse, proprio per merito del gusto e del tocco femminile Obidos è diventato uno dei più bei borghi del Portogallo: il romantico centro storico, arroccato in cima a una collina dominata da un castello medievale, è un labirinto di vie ciottolate e casette bianche, con balconi ornati di fiori, porte colorate e decorazioni manueline. Passeggiare lungo le mura del castello o per le vie del borgo è sempre un’esperienza affascinante. - La principale attrazione turistica di Obidos sono le mura del borgo. In origine il maniero era un edificio austero, più una fortezza che un palazzo, con numerose torri, merli e ampi portoni; assunse l’aspetto di un palazzo soltanto nel Cinquecento, con l’aggiunta di elementi manuelini, ed oggi è uno degli hotel più lussuosi del Portogallo.

 

Il museo municipale di Obidos è ospitato in un edificio settecentesco non lontano dalla Igreja de Santa Maria: espone una collezione di dipinti di varie epoche, tra cui il più importante è il ritratto di Josefa de Óbidos dal titolo “Faustino das Neves”, caratterizzato da un drammatico contrasto di luce e ombra.  Più in basso rispetto alla cittadina, vale la pena di ammirare il Santuário do Senhor da Pedra, imponente chiesa barocca del XVIII secolo a pianta esagonale è una meraviglia barocca del XVIII secolo. Sull'altare si trova la statua in pietra del Crocifisso cui si deve il nome del santuario.  La cittadina è famosa per il Festival Internazionale del Cioccolato che richiama ogni anno migliaia di visitatori da ogni parte del mondo.

Evora

Evora, città fortificata meglio conservata del Portogallo, è una graziosa tappa ricca di storia. Di origine romana, nel XV secolo fu residenza dei re portoghesi e questo diede un notevole impulso alla vita culturale della città. Per secoli rimase uno dei più importanti centri commerciali e religiosi del Paese ed oggi è una vivace città universitaria. Questa storia millenaria ha lasciato numerose tracce, che rendono Evora una meta imperdibile durante una vacanza in Portogallo. All'interno della cinta di mura del XIV secolo, le strette e tortuose stradine di Evora si snodano attraverso un itinerario di grande suggestione architettonica: dall'elaborata cattedrale medievale con i suoi bei chiostri alle spettacolari colonne del Templo Romano, alla suggestiva piazza principale, un tempo teatro delle cruente esecuzioni dei condannati dal tribunale dell'Inquisizione. Anche il gusto vuole la sua parte: la cittadina è ricca di ristoranti che servono i piatti tipici della regione. Evora è anche la base ideale per esplorare l’Alto Alentejo, affascinante regione dell’entroterra, caratterizzata da un suggestivo paesaggio di uliveti e cittadine fortificate. Fuori città, i monumenti neolitici e le rustiche aziende vinicole sono ottime mete per una gita in giornata.

Coimbra

Luogo d’arte e cultura, città sulle sponde di un fiume che attrae studenti da tutto il mondo grazie alla sua gloriosa Università: è Coimbra, magica città del Portogallo. Situata nel centro-nord del Paese, più o meno a metà strada tra la capitale Lisbona e il “capoluogo del nord” Faro, Coimbra è facilmente raggiungibile dalle altre città del Portogallo. Qui l’Ateneo non è solo un’istituzione, ma anche un monumento con una sontuosa cappella e una magnifica biblioteca. Centro di conoscenza tra i più importanti d’Europa, l’Università di Coimbra è tra le più antiche del pianeta ed è stata riconosciuta patrimonio mondiale Unesco. È stata fondata nel 1290 con il nome di “Estudos Gerais” (studi generali) e, dopo vari trasferimenti, si stabilì definitivamente nell’antico palazzo medievale di Coimbra nel 1537. Terminata la visita dell’Ateneo di Coimbra, visitate il Mosteiro de Santa Clara a Velha. Edificato su ordine di Isabella di Aragona nel 1286 al posto di un vecchio convento di clarisse, è un complesso di dimensioni enormi con chiesa e chiostro. I lavori di costruzione dell’edificio sacro si conclusero nel 1330; nel 1677 il convento fu abbandonato dopo l’ultima delle piene del fiume che di frequente arrivavano a lambire le porte della struttura. Alla fine del secolo scorso si sono svolti i restauri che hanno restituito dignità al monumento.

 

Capitale medievale del Portogallo per più di un secolo, Coimbra gioca un ruolo determinante nella storia portoghese. Il suo centro storico, adagiato sul versante di un'altura che digrada fino alla sponda orientale del Rio Mondego, è formato da una serie di edifici costruiti nel corso di quasi un millennio. In Praca de Maio c’è il Mosteiro de Santa Cruz, situato sulle sponde del fiume Mondego, uno dei monumenti più antichi e importanti di Coimbra. Fondato nel 1131 dagli agostiniani, era il buen retiro re di Afonso Henriques primo re del Portogallo che amava prendere parte alle Messe nella chiesa del monastero dopo le battaglie militari. E che volle tumulare qui suo figlio. Chiesa, chiostro e cappelle, furono ricostruiti nel XVI secolo. Da non perdere anche il Museu nacional de Machado de Castro. Facendo due passi fuori dal centro storico, si può apprezzare il lato moderno della città: un nuovo parcheggio in riva al fiume con bar e ristoranti, una passerella pedonale che attraversa il Rio Mondego e grandi centri commerciali che offrono tutto ciò che si può trovare in una qualsiasi altra importante città europea. Coimbra è inoltre un ottimo punto di partenza per le visite in giornata alle rovine romane di Conímbriga, al forte medievale sulla cima di Montemor-o-Velho e allo stravagante Palace Hotel do Buçaco.

Algarve

Per chi vuole anche godersi l’Oceano, il Portogallo offre molte possibilità. L’Algarve è la bellissima linea costiera meridionale. È una regione di splendide spiagge, pittoresche cittadine di pescatori e un fantastico clima, il tutto combinato per renderla una perfetta meta per le vacanze. È una zona eclettica e diversificata, capace di attirare un’ampia varietà di turisti: ci sono spiagge imperdibili per le famiglie, parchi acquatici per i teenager. Inoltre si spazia da una vivace vita notturna per le coppie giovani a tour culturali nelle città storiche. Poi c’è l’entroterra, dove la gente vive in armonia con la natura e conserva tradizioni che ama condividere con chi la visita: tra le città merita un cenno Silves, che mantiene traccia del passato arabo, Lagos, che ricorda l’epoca delle scoperte. Sorge lungo le sponde del Rio Bensafrim e le sue mura cinquecentesche racchiudono una graziosa città vecchia, con vicoli acciottolati, chiese e piazze suggestive.

Alcobaca

Appena 100 km a nord di Lisbona, c’è la piccola città di Alcobaca. col suo centro storico affascinante e il minuscolo fiume attraversato da ponti graziosi. Deve la sua fama allo sviluppo del monastero Real Abadia de Santa Maria, fondato nel 1153 dai cistercensi e la cui costruzione ebbe inizio nel 1178, su terreni donati a Frate Bernardo di Chiaravalle dal primo re del Portogallo, Afonso Henriques a compimento di un voto effettuato dopo la riconquista cristiana di Santarém. Costruito secondo il modello dell'Abbazia di Clairvaux, casa madre dell'Ordine Cistercense in Francia, il Mosteiro de Alcobaça è stato riconosciuto dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità. La visita all'intero complesso consente di accedere al suggestivo refettorio, al vasto dormitorio e agli altri spazi in grado di riportare indietro al tempo della vita cistercense. I monaci influenzarono anche la gastronomia e i dolci della zona. Tra questi il più famoso è il Pão de Ló de Alfeizerão, una sorta di Pan di Spagna che prese il nome dalla località in cui veniva preparato, Alfeizerão. La zona è rinomata anche per il cristallo di eccellente qualità e gli oggetti di terracotta e di ceramica.

Nazaré

Nazaré è una delle più belle città di villeggiatura sulla spiaggia del Portogallo ed è una fantastica destinazione per una vacanza. La città è situata su un’ampia baia di sabbie dorate e all’ombra dell’imponente promontorio Do Sítio su cui si può salire con la funicolare per ammirare gli splendidi paesaggi del litorale. Storicamente, questo promontorio offriva riparo alle flotte di pescherecci e le barche venivano ormeggiate sulla sabbia, al sicuro dalla ferocia dell’oceano. Oggi la pesca ha lasciato il posto al turismo, ma Nazaré è orgogliosa del suo patrimonio culturale. Con un intreccio di vicoli stretti e lastricati che scendono giù verso un'ampia spiaggia antistante la scogliera, Nazaré è la località balneare più suggestiva dell'Estremadura. Nei mesi estivi è una meta per le vacanze vivace e frenetica che attrae persone di diversa nazionalità ed età. L’inverno attira un tipo di turisti completamente diverso, surfisti, che vengono a cimentarsi con la tavola sulle colossali onde che si infrangono sulla spiaggia di Praia do Norte.    

Tavira

Tavira è un’antica cittadina moresca piena di fascino e scorci da non perdere. Adagiata lungo le sinuose sponde del Rio Gilão, Tavira vanta diversi siti storici interessanti, fra cui le rovine di un castello in cima a una collina, un antico ponte romano e splendide chiese in stile gotico e rinascimentale. Quel che resta del castello è circondato da un piccolo e incantevole giardino. Dalla torre ottagonale restaurata si può godere inoltre di una vista stupenda. È una località perfetta per gironzolare a piedi: un labirinto di vie acciottolate con graziosi giardini storici e piazze all'ombra degli alberi. L'accogliente piazza cittadina sulla sponda del fiume per secoli è stata il luogo del mercato e del passeggio degli abitanti; proprio qui si svolgeva la compravendita degli schiavi, che venivano considerati alla stregua di una merce come la frutta e il pesce. Il piccolo porto è piuttosto attivo e c'è anche un mercato moderno. A soli 3 km dalla costa, Tavira è il punto di partenza verso le spiagge incontaminate di Ilha de Tavira. Per gli amanti della natura è possibile scoprire il Parco Naturale Ria Formosa, che copre circa 60 km di costa meridionale e conta sei lagune. 

Le isole del Portogallo: le Azzorre

L’arcipelago delle Azzorre è una meta molto ambita dai turisti di tutto il modo a causa delle sue acque cristalline e tranquille e dei suoi paesaggi mozzafiato. Essendo di origine vulcanica presenta moltissime spiagge nere, derivante dal basalto, caratteristica che le contraddistingue in tutto il modo. Dove invece non c'è sabbia vi sono scogliere incredibili in cui è possibile praticare immersioni indimenticabili. Praia Formosa è molto probabilmente una delle spiagge più famose delle Azzorre, situata nell'isola di Santa Maria. La temperatura piacevole, le acque cristalline ed una pace incontrastata caratterizzano questa spiaggia e la rendono un vero e proprio paradiso terrestre. Ci sono tante cose che potete fare sulle isole: una gita in barca in cui potete avvistare oltre 20 specie di cetacei, tra cui i capodogli. Se preferite rimanere sulla terraferma utilizzate le vigias, vecchie torri di avvistamento usate un tempo dai cacciatori di balene. Andate a Pico per scalare il monte più alto del Portogallo (2351 metri) e fare immersioni con le mante. All’interno godetevi laghi, escursioni, birdwatching e i fiori di Flores. Oppure esplorate in bici Terceira, “l’isola lilla” per il colore usato su molte facciate delle case, specialmente nella città di Angra do Heroismo, la capitale. Quello che rende speciale l’isola di Terceira è lo straordinario contrasto fra la bellezza naturale dell’isola vulcanica e l’ammirevole opera dell’uomo proprio nel centro storico della cittadina principale fondata nel 1534, la prima località delle Azzorre ad essere elevata a città e classificata Patrimonio Mondiale dall’Unesco.

Le isole del Portogallo: Madeira

Se l’arte, la cultura, la storia del Portogallo non vi bastano, se le meravigliose spiagge del litorale portoghese non sono sufficienti, potete continuare la vostra vacanza a Lisbona con una piacevole deviazione a Madeira, un arcipelago di isole vulcaniche nell’Oceano Atlantico a circa 500 km dalla costa africana. Dominate dal blu intenso del mare e dal verde smeraldo della fitta vegetazione e baciate da un clima mite tutto l’anno, queste isole rappresentano una validissima alternativa alle più note e turistiche isole Canarie. L’isola principale è quella che dà il nome all’arcipelago, Madeira. Fu immortalata in una fiabesca sequenza cinematografica degli anni Cinquanta: una stupenda Romy Scheineder, nei panni della romantica principessa Sissi passeggiava per un terrazzo sul mare, adornato da un tripudio di fiori. La straordinaria bellezza dell’isola di Madeira è alla portata di tutti. Un clima mite tutto l’anno, mare blu, abbondanza di fiori tropicali, la più grande foresta laurissilva al mondo dichiarata Patrimonio dell’umanità Unesco fanno di Madeira una meta paradisiaca per gli amanti della natura. Il prodotto più famoso dell’isola è il vino Madeira, un vino liquoroso apprezzato in tutto il mondo il cui particolare metodo di vinificazione fu scoperto in maniera casuale.

 

Chi ha noleggiato un’auto potrà percorrerla su e giù alla ricerca dei più romantici punti panoramici; chi preferisce una vacanza più attiva avrà solo l’imbarazzo della scelta: l’isola è infatti percorsa da numerosissimi sentieri immersi nella natura. Funchal, la capitale dell’isola, e città natale del campione del calcio Cristiano Ronaldo, è diventata infatti un quartiere di tendenza e fulcro della vita notturna. Là dove fino a pochi anni fa c’erano case diroccate di pescatori e palazzi ottocenteschi in stato di abbandono, oggi s’incontrano nuovi bar, ristoranti e ostelli originali e accoglienti.    

Visitare il Portogallo sarà un’esperienza unica e piena di sfumature. La diversità dei paesaggi, la ricchezza di testimonianze storiche e tradizioni, la facilità di viaggiare all’interno del Paese l’accoglienza dei portoghesi, renderanno la vacanza indimenticabile. E un punto in più sarà rappresentato anche dal cibo e dalla cucina. I piatti della tradizione gastronomica portoghese, e di quella di Lisbona in particolare, sono a base di pesce, verdure, riso e legumi. Ci sono anche specialità di carne, ma il pesce (sardine e baccalà in primis) è il re indiscutibile della tavola. Il piatto più famoso per eccellenza il Pasteis de bacalhau: bocconcini di baccalà impanato e fritto, crocchette dal cuore tenero e dal sapore delicato, ma dalla impanatura dorata e saporita. Il Portogallo, poi, è stato fra i primi ad esportare spezie e prodotti come: pepe, patate e pomodori. Inoltre, proprio per la sua storia e per il legame coloniale con il Brasile, il Portogallo ha anche una grandissima tradizione legata al caffè. Nei bar di Lisbona e nei ristoranti tipici della città potrete ordinare il miglior espresso al di fuori dei confini italiani. Bellezza, mare, arte e gusto: non resta che provare tutto questo, scegliendo il Portogallo come meta delle vostre prossime vacanze.