Il Portogallo non è solo un Paese, è un mondo affascinante e variegato, che ha stregato registi, scrittori, oltre a milioni di turisti ogni anno. La bellezza nasce dalle tradizioni marinare, da un paesaggio che cambia, fatto di oliveti, che alterna campi di grano a meravigliosi scorci con l’oceano protagonista. È una nazione di forti tradizioni storiche e culturali, a partire dalla musica, con il fado e le sue note malinconiche. Il Portogallo parla la lingua delle città romantiche e piene di arte, come Lisbona, Coimbra o Porto. Qui si potranno vivere soggiorni con un’atmosfera fuori dal tempo.

Ci sono anche le spiagge e il mare, concentrati soprattutto nella meravigliosa regione dell’Algarve, senza dimenticare il litorale tra Cascais ed Estoril o le isole. Castelli, parchi naturali, sentieri vi si apriranno davanti insieme a meravigliosi villaggi pittoreschi, che magari nascondono vitigni o cantine.

E poi ci sono anche le isole Azzorre e Madeira, perle da scoprire e assaporare. C’è poi anche un Portogallo giovane, che pulsa: è il paese dei surfisti, della movida, dei colori e dei festival. Scoprite insieme a noi l’elenco dei 15 migliori luoghi da visitare.

  • Lisbona
  • Porto
  • Sintra
  • Fatima
  • Braga
  • Guimarães
  • Obidos
  • Evora
  • Coimbra
  • Algarve
  • Alcobaca
  • Nazaré
  • Tavira
  • Le isole del Portogallo: le Azzorre
  • Le isole del Portogallo: Madeira

Lisbona

Lisbona, capitale del Portogallo, è tante cose insieme. Una città festaiola, ma che mantiene una vena nostalgica, un luogo in cui la storia ha lasciato tracce importanti, ma è anche un incredibile miscuglio in cui convivono monumenti, atmosfere uniche, paesaggi mozzafiato. Iniziate dal più antico quartiere della città, Alfama. una rete magica di scalinate e vicoli, di discese e salite. È un quartiere caratteristico che ha una parte alta e una bassa in cui le case sembrano strette le une alle altre: è anche la culla del fado, la struggente musica tradizionale. Per visitarlo oltre a una indimenticabile passeggiata potete salire su un’istituzione come quella rappresentata dal Tram 28, un simbolo che rimanda agli Anni 30. 
A proposito di simboli, non potete tralasciare il Castello di Sao Jorge, emblema di Lisbona e punto panoramico privilegiato della città, da cui si può avere una prospettiva senza pari. Scendendo verso il Tago, ci sono altri belvedere meravigliosi: Miradouro de Santa Luzia e Miradouro das Portas do Sol.
Il cuore della Lisbona europea moderna ed europea pulsa a la Baixa, l’area ricostruita il violento terremoto della città: Gli ampi viali portano a un punto centrale, che è la Praça do Comércio: la piazza più grande di Lisbona, dove potrete vedere un arco di trionfo e la statua equestre di Giuseppe I. Arrivati a Belem fate visita al Monastero de los Jeronimos. Fu costruito nel 1505 per festeggiare il ritorno dall’India dell’esploratore portoghese Vasco de Gama. 
Non potete farvi sfuggire i famosi Pasteis de Nata, nella caffetteria più famosa del Portogallo. Questi dolci tipici sono preparati seguendo la ricetta originale del 1800. Proseguite la vostra passeggiata per raggiungere la famosa Torre di Belem, Patrimonio dell’Unesco. Un bastione che risplende in base all'inclinazione del sole e che unire gli stili gotico e bizantino
Se avete bisogno di un po’ di natura rilassatevi al Jardim de Estrela una delle aree verde più rilassanti ed estese di Lisbona. Gli appassionati di arte contemporanea potranno, invece, correre al Museu Colecção Berardo, una vera perla del Centro Cultural de Belém. Oltre alle migliori rassegne di tutto il Portogallo, il museo, famoso per il suo stile minimalista, espone le collezioni del milionario José Berardo. Sono presenti opere e quadri surrealisti, astrati e legati alla pop art. 

Porto

C’è chi ha definito la città “una fiaba senza tempo”. I meriti sono condivisi, forse dei campanili che svettano sui paesaggi, insieme alle chiese barocche, o ai palazzi che racchiudono diversi stili e gli edifici legati al Medioevo. Immaginate un labirinto di strade strette, viuzze che ospitano piazze e case colorate. Un insieme di passato e presente che convivono negli stessi angoli. Il centro storico di Porto è un tripudio di storia in cui si possono ripercorrere i fasti decadenti del passato. Appena si esce è il mare che diventa protagonista insieme ad alcuni villaggi molto pittoreschi.
La Ribeira è una delle zone più caratteristiche, grazie al tipo di paesaggio, formato, da un lato da case colorate e in pendenza, dall’altro dall’eleganza del fiume Douro. Il quartiere che sa valorizzare al massimo i dettagli, qui convivono locali, graziose casette e botteghe di artigianato. Per godere appieno della zona, un’alternativa è quella di fare una escursione sul fiume. Non è mai sbagliato fare una pausa e godersi il panorama e qualche piatto tipico in una delle piazzette della città.
Tra le tante attrattive c’è anche Il Palácio da Bolsa, la vecchia Borsa della città. Non perdete poi una visita alla chiesa di San Francesco: saprà sorprendervi la facciata è semplice e disadorna. L’interno è valorizzato con incisioni barocche, in particolare attraverso un intarsio in legno tutto dorato. Il Porto, ma anche il vino si può degustare in città. Le cantine più interessanti si trovano a Vila Nova de Gaia

Sintra

A Sintra sarà come entrare in un mondo fatato, pieno di colori creatività e rimandi storici. Sintra, che si trova a trenta minuti da Lisbona, è valorizzata da giardini e da palazzi. In alto si troneggia il castello dei Mori immerso nel suo enorme parco.
La bellezza continua e ci sono tante cose da visitare, tra monumenti importanti, spiagge incantevoli e la natura rigogliosa. Un primo luogo da scoprire è Cabo da Roca, un promontorio aspro che segna il punto più occidentale dell’Europa. Il Palazzo Pena è uno dei luoghi più magici. Nato nel punto in cui prima c’era un convento, fu il frutto dell’immaginazione del re Ferdinando II. Uomo colto e pieno di interessi voleva creare un capolavoro. 
Lo stile e l’architettura sono pieni di rimandi e di contaminazioni. Ci sono influenze arabe ed echi gotici. Nelle stanze interne rivivono gli stili rinascimentali e barocchi. Quinta da Regaleira, una struttura con misteriosi tunnel e labirinti. Gli interni della villa sono pieni di statue e simboli esoterici.

Fatima

Il luogo rimase completamente sconosciuto fino al 1917, quando la sua storia e la sua percezione anche agli occhi del resto del mondo cambiò grazie a un evento di carattere religioso. La Madonna si manifestò più volte a tre piccoli pastori. Il miracolo non fu riconosciuto dalla Chiesa fino al 1930, mentre ebbe un seguito e una risonanza enorme tra i fedeli. Ora Il Santuario di Fatima è uno dei fulcri del culto mariano più importanti. E ogni anno vi arrivano milioni di persone da tutto il mondo.
L’attrattiva principale è la Basílica de Nossa Senhora do Rosário de Fátima (Basilica della Madonna del Rosario), che fu realizzata con uno stile romano-bizantino. Al suo interno ci sono le tombe dei tre pastori e ben 15 altari, corrispondenti ai misteri del rosario. Nell’area ci sono diversi musei che possono regalare spunti interessanti.

Braga

La dipingono come una delle città più felici del Portogallo. È un posto che sa unire le sue diverse anime. Da un lato quella più seriosa, con un passato importante, dall’altro quella più rilassata e frizzante legata al suo ruolo di centro culturale e universitario. Per conoscerla bisogna perdersi nelle sue stradine e aguzzare i sensi. Troverete oltre 30 chiese, tra edifici barocchi o gotici. Ecco perché è, spesso, chiamata la “Roma portoghese”. La più importante di tutte è la Cattedrale di Braga, che risale al 1070. 
Palazzi, parchi, giardini, musei, il menù è molto vario. La vera scoperta è il Museu dos Biscainhos, edificio settecentesco in cui visse una famiglia nobile, e che al suo interno ospita una collezione riguardante le arti decorative. Un altro pezzo forte è il giardino barocco realizzato dall'architetto Soares che ha progettato numerosi edifici della città, tra cui il Municipio. Il monumento più famoso è il Santuario di Bom Jesus di Monte che si trova poco fuori dal centro. Il Santuario si erge in cima a una scalinata di 450 scalini ed è il simbolo della cultura barocca molto presente nella cittadina.

Guimarães

Storia, tradizione e creatività in una sola cittadina.  Guimarães è famosa perché qui nacque il primo re del Portogallo, Afonso Henriques. Il suo centro medievale è diventato Patrimonio dell’umanità. Si tratta di un affascinante labirinto di viuzze e di piazze, mentre su una collina adiacente sorgono un castello e un imponente palazzo fatto costruire nel XV secolo. 
Oltre ai tesori architettonici della città, ai musei e alle istituzioni culturali d'avanguardia, la città vanta molte piazze affollate di locali, sovrastate da palazzi storici e ristoranti in cui godere del proprio tempo libero. Inoltre, non va dimenticato che è una città universitaria, e la sua popolazione studentesca rende il clima assai vivace e movimentato.

Obidos

Quante donne possono dire di aver avuto in regalo un borgo? Una di queste è la regina Isabel che ricevette in dono Obidos dal marito, il re Dionigi I. Forse, proprio per merito del gusto e del tocco femminile Obidos è diventato uno dei più bei borghi del Portogallo: il romantico centro storico, arroccato in cima a una collina dominata da un castello medievale, è una riuscita convivenza di casette bianche con balconi fioriti e porte colorate che spuntano su vie strette e pittoresche.
Prendetevi del tempo per visitare le mura del borgo e il castello. Per assaporare le vie e per scegliere gli scorci migliori. In origine il maniero era provvisto di torri e portoni. Nel ‘500 venne trasformato in un palazzo e oggi è sede di uno degli hotel più chic di tutto il Portogallo.
Per chi vuole continuare il viaggio culturale, può visitare Il museo municipale di Obidos: sono ospitati quadri di diverse epoche e stili. Tra le altre cose da vedere c’è il Santuário do Senhor da Pedra, imponente chiesa barocca. Sull'altare si trova la statua in pietra del Crocifisso cui si deve il nome del santuario.  Obidos è conosciuta per il Festival Internazionale del Cioccolato. Alla rassegna partecipano ogni anno migliaia di visitatori da ogni parte del mondo.

Evora

Evora è una tappa piena di suggestioni e di curiosità. È una delle città fortificate, tra quelle di origine romana, meglio conservate. Fu residenza dei re portoghesi nel XV secolo e centro amministrativo di riferimento. Questo permise di sviluppare anche. Oggi è una vivace città universitaria. Ci sono numerose tracce all’interno degli edifici e dei monumenti di questo suo glorioso passato. 
Anche in questo caso le strette stradine di Evora creano un itinerario pieno di fascino: dall'elaborata cattedrale medievale con i suoi bei chiostri alle spettacolari colonne del Tempio Romano, alla suggestiva piazza principale, un tempo teatro delle cruente esecuzioni dei condannati dal tribunale dell'Inquisizione. Anche il gusto vuole la sua parte: la cittadina è ricca di ristoranti che servono i piatti tipici della regione. Evora è anche la base ideale per esplorare l’Alto Alentejo, affascinante regione dell’entroterra, caratterizzata da un suggestivo paesaggio di uliveti e cittadine fortificate. Fuori città, i monumenti neolitici e le rustiche aziende vinicole sono ottime mete per una gita in giornata.

Coimbra

La sua gloriosa Università ingolosisce studenti di tutto il mondo. Coimbra, raffinata città che sorge sulle sponde di un fiume, racchiude cultura e divertimento. Situata a metà tra Lisbona e Faro, Coimbra è in una posiziona comoda anche rispetto alle altre città. L’Ateneo ospita anche una biblioteca raffinata e una cappella. 
L’Università di Coimbra è stata fondata nel 1290 ed è patrimonio mondiale Unesco. È tra le più antiche del pianeta e la sua sede è nell’antico palazzo medievale di Coimbra. È considerata uno dei Centri di conoscenza più importanti d’Europa. È possibile farsi ancora un tuffo nella storia, visitando il Mosteiro de Santa Clara a Velha. La sua storia fu piena di imprevisti.
Ha una chiesa e un chiostro ed è una struttura di notevoli dimensioni. Fu edificato nel luogo dove sorgeva un vecchio convento. I lavori terminarono nel 1330, dopo doversi problemi nel reperire i fondi. La sua storia è stata molto rocambolesca anche successivamente. Nel 1677 la struttura è stata abbandonata per il rischio di piena, mentre nel secolo scorso è stata interessata da imponenti lavori di manutenzione e ristrutturazione.
Coimbra è stata una pedina importante nella storia portoghese, non a caso è stata la Capitale medievale del Portogallo per più di un secolo. Il suo centro storico si è arricchito negli anni ed è cresciuto, convivendo con altri stili. Si può dire che è formato da una serie di edifici costruiti nel corso di quasi un millennio. Da non perdere il Mosteiro de Santa Cruz, uno dei più antichi e importanti di Coimbra.
Era il luogo di villeggiatura di Afonso Henriques primo re del Portogallo. Si dice che prendesse parte alle messe nella chiesa del monastero, quasi in segno di ringraziamento dopo aver preso parte alle battaglie. Qui volle seppellire suo figlio. Diversi elementi, tra cui il chiostro, furono rifatti nel XV secolo.
Da non perdere anche il Museu nacional de Machado de Castro, che ospita una delle più complete collezioni d’arte del Portogallo. E poi si può dedicare un po’ di tempo alla parte moderna della città, un mix colorato di bar, negozi e ristoranti, dove non mancano nemmeno centri commerciali. C’è anche una passerella pedonale che attraversa il Rio Mondego e che può permettere di ammirare uno scorcio magico. Coimbra è inoltre un ottimo punto per allungarsi fino alle rovine romane di Conímbriga.

Algarve

Per chi vuole anche godersi l’Oceano, il Portogallo è una certezza. L’Algarve rappresenta una bellissima occasione di relax e di svago nel sud del Paese. È una regione di splendide spiagge, pittoresche cittadine di pescatori e un fantastico clima. Ognuno può trovare il tipo di spiaggia che cerca.
È una zona frizzante e variegata, capace di richiamare visitatori di tutte le età e da tutte le zone: ci sono spiagge imperdibili per le famiglie, parchi acquatici per i giovani e anche angoli a misura di surfisti. Per chi vuole c’è anche la possibilità di godersi la movida, o di approfittare di interessanti tour culturali
Poi c’è l’entroterra, qui si cerca di vivere a contatto con la natura e di proteggere le tradizioni. Tra le città merita un cenno Silves, che mantiene traccia del passato arabo, Lagos, che ricorda l’epoca delle scoperte. Una piacevole città ricca di storia, con vicoli, piazze e chiese suggestive.

Alcobaca

Centro storico affascinante e diversi ponti graziosi che attraversano un piccolo fiume. Ecco Alcobaca, cittadina che deve la sua fama allo sviluppo dell’omonimo monastero, riconosciuto Patrimonio dell’Umanità. L’edificio fu fondato nel 1153. Fu costruita su terreni donati da Alfonso Henriques, dopo un voto successivo alla riconquista cristiana di Santarém. Il modello da cui venne tratta inspirazione è quello dell'Abbazia di Clairvaux, casa madre dell'Ordine Cistercense in Francia.
La visita all'intero complesso è un modo per riportare la vita indietro al tempo della vita cistercense. Potrete accedere al refettorio, al dormitorio e agli altri spazi interni. Le tradizioni e le abitudini dei monaci influenzarono dolci e la gastronomia del territorio. Una ricetta molto famosa è quella del Pão de Ló de Alfeizerão, una sorta di Pan di Spagna che deve il nome a Alfeizerão, la cittadina dove veniva prodotto. La zona è rinomata anche per gli oggetti di terracotta e di ceramica e per il cristallo particolarmente rinomato.

Nazaré

Nazaré è una suggestiva località di villeggiatura balneare.  Tra gli elementi che la caratterizzano un’estesa baia di sabbie soffici un promontorio Do Sítio. Si può usare la funicolare per salirci e per avere un panorama senza pari. Il promontorio ha sempre offerto protezione e difesa alle barche venivano lasciate sulle spiagge.
Il turismo ha soppiantato la pesca dal punto di vista economico, ma Nazaré rimane un luogo con un patrimonio culturale da difendere. Grazie ai suoi pittoreschi vicoli che finiscono in una spiaggia nelle vicinanze di una scogliera, la cittadina mantiene un fascino che sa attrarre sempre più turisti. D’estate si trasforma in una meta frizzante e spensierata che offre occasioni di relax e divertimento per persone di diversa nazionalità ed età. L’inverno richiama un genere diverso di turisti, surfisti, che vengono a cimentarsi con la tavola sulle onde enormi che atterrano sulla spiaggia di Praia do Norte.

Tavira

Fascino, scorci magici e una certa esuberanza, Tavira è una città da non trascurare. Si trova lungo le sponde del Rio Gilão e può contare su tanti elementi di interesse, a cominciare dalle rovine di un castello in cima a una collina, chiese in stile gotico e rinascimentale e un antico ponte romano. Quel che resta del castello è circondato da un piccolo e incantevole giardino.
È possibile godere di una vista stupenda da una torre restaurata. È una località perfetta per fare delle passeggiate: un labirinto di vie con giardini storici e piazze protette dagli alberi.
La pittoresca piazza cittadina è stata il luogo del mercato e un centro di affari per gli abitanti: proprio qui venivano venduti gli schiavi. Il piccolo porto è particolarmente trafficato e attivo e c'è anche un mercato moderno. Da qui si può partire e raggiungere le spiagge incontaminate di Ilha de Tavira, a 3 chilometri dalla costa. Per gli amanti della natura è possibile scoprire il Parco Naturale Ria Formosa: ha 6 lagune e si estende per oltre 60 chilometri di costa ed è un ambiente lagunare stupendo e caratteristico per la presenza di un’ampia varietà di uccelli.

Le isole del Portogallo: le Azzorre

Acque cristalline e tranquille, paesaggi mozzafiato, clima ideale e un’esplosione di natura tra parchi e vulcani: le Isole Azzorre sono una meta molto ambita. Le spiagge sono di origine vulcanica e quindi sono nere, una caratteristica che le ha rese uniche nel panorama europeo.
Dove finisce la sabbia ci sono scogliere in cui è possibile praticare immersioni indimenticabili. Praia Formosa è senza dubbio una delle spiagge più famose delle Azzorre. Si trova sull’isola di Santa Maria. La temperatura piacevole, le acque calme cristalline, con l’aggiunta di una pace assoluta la rendono una meta molto ambita e un paradiso terrestre.
Sulle isole di certo non vi annoierete: si possono fare delle escursioni, immergersi o fare una gita in barca. Se siete fortunati potrete avvistare decine di cetacei. Se preferite non muovervi non c’è problema, potrete usare le vecchie torri di avvistamento. Se siete appassionati di trekking andate a Pico per scalare la vetta maggiore del Paese (2351 metri). 
Nell’entroterra godetevi anche un po’ d’acqua, tra cascate, piscine naturali e laghi. Altrimenti potrete fare escursioni nei sentieri o, birdwatching. Oppure esplorate in bici Terceira, “l’isola lilla” per il colore pastello usato su molte facciate delle case, in particolare nella capitale Angra do Heroismo. Qui troverete un mix di colori, paesaggi e contrapposizioni. 
Da un lato la bellezza incontaminata delle spiagge e dell’isola vulcanica dall’altro la mano dell’uomo, che si è manifestata proprio nel centro storico della cittadina principale, nata nel 1534: è stata la prima località delle Azzorre a diventare città e Patrimonio Mondiale dall’Unesco.

Le isole del Portogallo: Madeira

Se il Portogallo con le sue sfumature, la sua arte e la cultura non vi ha soddisfatto, se le incantevoli spiagge con la sabbia e il paesaggio da cartolina non vi hanno colpito, c’è un arcipelago di isole vulcaniche nell’Oceano Atlantico, che si trova a 500 chilometri dalla costa africana: si chiama Madeira. 
Tanti gli elementi che la caratterizzano: acque azzurre e cristalline, vegetazione verde smeraldo e clima mite tutto l’anno: queste isole rappresentano una alternativa a mete più blasonate. Madeira è l’isola principale e quella da cui prende il nome l’arcipelago.
Si può visitare in vari modi: si può andare su e giù alla ricerca degli angoli panoramici o delle atmosfere più romantiche con un’auto presa a noleggio. Chi preferisce una vacanza più attiva e con più sport non avrà problemi: per camminare avrà a disposizione numerosissimi sentieri
Non mancherà nemmeno lo spazio per il divertimento. Funchal, la capitale dell’isola, e città dove è nato il fuoriclasse Cristiano Ronaldo, è diventata infatti un quartiere frequentato e centro della movida. Le case diroccate di pescatori e palazzi ottocenteschi abbandonati sono stati trasformati in nuovi bar, ostelli, ristoranti originali e accoglienti. 
Madeira è entrata anche nel cinema. L’attrice Romy Scheineder fu immortalata nei panni della principessa Sissi. Un’atmosfera che potrete rivivere nelle vostre vacanze. La bellezza dell’isola di Madeira è, infatti adatta ad ogni età. Un clima ideale, mare incontaminato, fiori tropicali e la foresta rigogliosa e patrimonio dell’Umanità. Il vino Madeira è il fiore all’occhiello dell’isola. Si tratta di un vino liquoroso, apprezzato in tutto il mondo, ma la cui nascita nacque per un puro caso.

Parti con una crociera Costa verso il Portogallo

Guardare e cercare di capire un quadro che ha stili, prospettive e colori diversi: questo vuol dire visitare il Portogallo. Per apprezzare il viaggio vi potrete aiutare con le escursioni Costa e scoprirete piano piano i tesori del Paese, partendo da Lisbona e Porto, passando per Sintra, Fatima o Braga. Ci sono tanti aspetti che renderanno la vostra vacanza indimenticabile, a cominciare dai paesaggi, la ricchezza delle tradizioni e delle culture e anche l’ospitalità degli abitanti.
E un punto in più sarà rappresentato anche dal cibo e dalla cucina. La tradizione gastronomica è variegata, ma è il pesce a essere protagonista, anche se non mancano piatti di carne o di riso con verdure o legumi. Il piatto più famoso è il Pasteis de bacalhau: bocconcini di baccalà che vi creeranno dipendenza.
Tante le curiosità legate alla storia e alle tradizioni del Portogallo, a cominciare dal caffè che ricorda quello italiano. Bellezza, mare, arte e gusto: non resta che provare tutto questo, scegliendo il Portogallo come meta delle vostre prossime vacanze.

Parti con Costa Crociere