Fiordi rocciosi, dolci colline, gli ambienti selvaggi delle isole, boschi, foreste secolari e laghi incantati nella parte centrale: i paesaggi della Scozia non smetteranno di stupirvi. Avrete poi tante cose da fare: visitare i castelli, perdervi nella natura, fare rafting sulle rapide, cimentarvi in un tour delle distillerie o dedicarvi alla cultura. La Scozia è un viaggio unico, fatto anche di città che sono dei tesori artistici. Nel giro di pochi minuti potrete essere dentro un museo e poi ritrovarvi all’interno dell’atmosfera gioviale di un pub. La storia si mischia alle leggende di eroi e battaglie epiche, le case tradizionali lasciano spazio a brughiere desolate e vaste che si perdono all’infinito.

Cosa vedere in Scozia? Edimburgo, Glasgow, le Highlands e molto altro. Preparatevi a un viaggio che vi regalerà la sensazione di essere sospesi nel tempo, in un mondo più lento fatto anche di tradizioni e di natura selvaggia.

  • Edimburgo
  • Invergordon
  • Isole Shetland
  • Lerwick
  • Isole Orcadi
  • South Queensferry
  • Glasgow
  • Highlands scozzesi
  • Isole Ebridi
  • Castelli scozzesi

Edimburgo

Edimburgo è la capitale della Scozia e una città viva e affascinante. Il suo passato rivive nei suoi vicoli, nei suoi musei e nelle sue case. Allo stesso tempo si respira il fervore e la cultura di una città dinamica, attraversata da numerosi festival e che ha saputo guadagnarsi il soprannome di “Atene del Nord”. L’itinerario, oltre al famosissimo castello, che sorge su un vulcano spento, deve prevedere una visita al palazzo di Holyroodhouse, residenza scozzese della regina Elisabetta.

Edimburgo ospita, poi cinque gallerie nazionali (tra cui la National Gallery of Scotland con quadri di Gauguin Monet e Tiziano), oltre a un imperdibile Museo degli Scrittori, che oltre a collezioni temporanee, custodisce manoscritti ricordi e ritratti di tre famosi scrittori scozzesi: Robert Louis Stevenson, autore di “Lo strano caso del Dr. Jeckyll e Mr. Hyde”, oltre a Sir Walter Scott e Robert Burns.

Da non perdere la storica cattedrale cittadina, quella di St Giles, oltre al Parlamento, che si è trasferito in una sede molto moderna. Le strade acciottolate dell’Old Town e le meraviglie in stile Georgiano della New Town fanno parte del Patrimonio Unesco. Tra le altre curiosità c’è sicuramente la visita alla distilleria dello Scotch Whisky Heritage Centre. Un modo per degustare e imparare tutti i segreti del Whisky.

Invergordon

Castelli, pianure sconfinate e nebbie che regalano un’atmosfera carica di mistero e leggenda. Benvenuti a Invergordon, cittadina che si trova a circa 30 chilometri da Inverness. Il porto della cittadina è un luogo vivo che offre un’atmosfera intima con i suoi ristoranti e caffè. L’attrazione principale si trova nelle vicinanze ed è il famosissimo lago di Loch Ness.

Questo specchio d’acqua lungo 37 chilometri è diventato famosissimo grazie alle leggende di Nassie, il mostro che da decenni alimenta la fantasia e la creatività di scrittori, appassionati di misteri e turisti. Il contesto poi aiuta: il lago è profondo, perennemente velato di nebbia e sovrastato da montagne silenziose e cupe. Le acque sono sovrastate dal castello di Urquhart, che a seconda del meteo, vi permetterà di osservare un particolare paesaggio lacustre.

Isole Shetland

La nostra prossima tappa sono le isole Shetland, un arcipelago formato da 100 isolotti che ogni giorno sfidano la furia degli elementi. Siano a 80 chilometri dalle Isole Orcadi. I cittadini sono quasi più vicini idealmente alla Scandinavia che alla Scozia. Per arrivarci bisogna prendere il traghetto da Aberdeen o dalle Isole Orcadi, o è possibile prendere un volo. Sarete catapultati in un patrimonio storico che ha più di 6000 anni, dall’epoca neolitica fino ai giorni nostri. Ci saranno reperti dell’Età del Ferro, monoliti fino alle antiche fattorie.

A conquistarvi sarà il fascino selvaggio e aspro del paesaggio. Chilometri di litorali circondati da spiagge mozzafiato, maestose formazioni rocciose, brughiere rigogliose di erica e scogliere scolpita dall’erosione del vento. Un esempio di tanta bellezza è l’Hermaness National Nature Reserve, un rifugio per migliaia di uccelli marini. Dall’alto di una scogliera avrete una prospettiva privilegiata per godervi le bellezze naturali.

Lerwick

La cittadina di Lerwich rappresenta il fulcro delle Shetland, visto che concentra un terzo della popolazione. Il suo porto è un ambiente movimentato, visto che è un viavai di pescherecci, traghetti e navi che attraversano il Mare del Nord. Attorno si sviluppano pittoreschi vicoli (closses) che risalgono versa la parte nuova della città in stile tardo-vittoriano e scendono verso il mare. A Lerwick si può visitare lo Shetland Museum, che ospita una collezione dei reperti archeologici trovati sulle Isole e oggetti che raccontano la caccia alle balene. Su una spiaggia si ergono i resti del Fort Charlotte, possenti mura difensive risalenti al VII secolo.  La cittadina è rinomata per i suoi piatti a base di pesce.

Isole Orcadi

Siamo all’estrema punta Nord della Scozia, qui appaiono una settantina di isole, l’arcipelago delle Orcadi. Potrete vivere un viaggio a contatto con la natura dove rimarrete sospesi nel tempo, a cominciare dall’incontro con gli antichissimi Menhir, passando per i castelli preistorici e le fortezze. Sarete conquistati dalla bellezza delle scogliere che si tuffano in un mare cobalto. In estate le rocce e le insenature saranno abitate da colonie di pulcinelle di mare, mentre vi potrà capitare di vedere nuotare delle foche.

Le cittadine principali sono Kirkwall e Stromness. La prima è il vero avamposto per andare alla scoperta dell’arcipelago. L’attrattiva principale della città è la Saint Magnus Cathedral, una maestosa costruzione risalente al 1137, edificata con l’arenaria rossa. Stromness è un villaggio di pescatori pieno di fascino, il porto è incantevole e potrete perdervi in un centro storico da cui partono una serie di piccole vie e vicoli da scoprire. Le Orcadi rappresentano un’oasi naturalistica, ma non mancano i siti storici come Skara Brae, un esteso villaggio neolitico che si affaccia su una bellissima spiaggia bianca a forma di mezzaluna.

South Queensferry

Ogni turista che viene in questo ridente villaggio di pescatori, nelle vicinanze di Edimburgo, ci lascia il cuore. Immaginatevi cottage colorati, tendine di pizzo e fiori. Aggiungeteci ville signorili con giardini e scorci meravigliosi da raggiungere camminando. Avrete anche strade pittoresche, viali stretti ed acciottolati, una fila di ristoranti e pub che preparano piatti tipici. La cittadina deve il nome a Santa Margerita di Scozia che attraversava il fiordo per andare nella sua cappella che si trovava nel castello di Edimburgo.

Tra le attrazioni principali c’è sicuramente il Forth Bridge, un ponte ferroviario sospeso, che è stato completato oltre 125 anni fa, è che è stato inserito tra i Patrimoni dell’Unesco. Saranno diversi i ponti che potrete ammirare, visto che la cittadina era un tempo uno dei porti principali per salire a bordo dei traghetti per Fife. Un modo unico per muoversi potrebbe essere una gita in barca: incontrerete la fauna selvatica e potrete avere informazioni sulla storia delle Isole.

Glasgow

Una città di grande bellezza e fascino architettonico, che ha saputo trasformarsi e valorizzarsi negli ultimi 20 anni. La prima cosa da ammirare è sicuramente George Square, la grande piazza dedicata a Re Giorgio III. Dal 1820 venne abbellita con hotel, case in stile georgiano, statue e la stazione della ferrovia. Non si potranno trascurare la cattedrale e il suo fascino che si perde nei secoli. Tra le chicche a misura di famiglia c’è, sul lungo fiume, il Glasgow Science Centre, che offre oltre 300 attrazioni interattive. I visitatori dovranno per forza fare, poi, una capatina alla Galleria d’Arte moderna (Goma).

Qui sono custodite collezioni di artisti del 1900 provenienti da tutto il mondo. Potrete entrare nella sezione dedicata alla Pop Art inglese, americana e alla fotografia. All’esterno potrete ammirare la statua del Duca di Wellington. Il Kelvingrove Museum ospita, invece, un’esposizione di dipinti europei dal 1400 al 1600. Un percorso che svela tesori italiani (Tiziano, Botticelli, Giorgione), fiamminghi (Rembrandt e Rubens) e ha una tappa anche nell’arte contemporanea (Van Gogh, Gauguin, Cezanne). Da ammirare è anche il faro della città, che negli anni è diventato, oltre alla sede di un giornale locale, un centro espositivo, che ospita bar e ristoranti. Alla fine del sesto piano potrete ammirare un panorama unico di Glasgow.

Highlands scozzesi

Rappresentano una delle regioni più affascinanti e difficili da descrivere della Scozia. Sono un mix di arte, cultura, paesaggi affascinanti, gente ospitale e piatti gustosi. Attraverserete montagne maestose, laghi sorprendenti e panorami che sapranno sempre sorprendervi, a cominciare dal parco più esteso della Gran Bretagna, il Parco Nazionale dei Cairngorm: avrete montagne, cascate, foreste, sentieri per fare trekking o andare in bicicletta.  Scoprite anche l’ampia valle di Glencoe, attraversata da paesaggi mozzafiato e strade solitarie e sentieri.

Potrete pure fare delle passeggiate sui pony. La storia delle Highlands sarà scandita anche da numerosi castelli in un gioco di storia e saghe. Uno dei più conosciuti è quello di Eilean Donan, che si trova su un isolotto ed è collegato alla terraferma da un ponte. Nella parte settentrionale potrete pure osservare i delfini che giocano nella costa di Moray o camminare all’ombra del Ben Nevis, la vetta più alta della Gran Bretagna. Senza dimenticare le isole, tra cui quella di Skye. La città più importante della regione è Inverness, tra i villaggi più pittoreschi non bisogna dimenticarsi di Plockton, formato da un pugno di case bianche che si affacciano su una baia riparata.

Isole Ebridi

Sono delle isole che sanno stupire, innanzitutto per le spiagge di sabbia bianchissima su cui si mischiano le acque dell’Oceano. Si tratta di 200 isole affusolate che si distendono per 200 chilometri, sfidando tutti i giorni la furia degli elementi atmosferici, con l’acqua che si infrange sulle scogliere. L’entroterra è dominato dalle catene montuose, alternate a brughiere e laghetti. Come per altre isole anche qui la natura prevale sull’uomo. In questo arcipelago non c’è particolare turismo, ma si vive di agricoltura, della pastorizia e della tessitura.

Tra le regioni più importanti c’è quella di Harris famosa per le sue colline. Saranno diversi gli sperduti villaggi che troverete, come per esempio quello di Gearrannan con le sue fattorie. Un sito archeologico particolarmente suggestivo è quello di Calanais, con una cinquantina di menhir, alti fino a 5 metri che sono disposti a cerchio. Sull’isola di Lewis troverete la pittoresca Stornoway, un posto un po’ fuori dal mondo.

Castelli scozzesi

Per ogni luogo della Scozia c’è sempre un castello da visitare. Nel Paese sono più di 3000, più o meno uno ogni chilometro quadrato o poco più. Il nostro tour parte da uno dei più famosi, quello di Edimburgo. È uno dei più popolari perché ospita i gioielli della Corona, la “pietra del destino”. Andate a visitarlo e assistete allo sparo del cannone dell’orologio.  Se volete affidarvi a un colore, c’è poi il bianco del Blair Castle, reso particolarmente affascinante dalla natura che lo circonda. Se volete vivere l’incanto di una fiaba c’è il Dunrobin Castle, lungo l’itinerario che conduce al punto più a nord della Scozia, capo Duncansby.

Per una giornata a misura di bambini, c’è il castello di Stirling, residenza prediletta dei reali della famiglia Stewart. Un viaggio tra cortigiani in costume, servi e guardie del corpo. Glamis ha invece un tocco letterario, visto che è stato rappresentato nell’opera Macbeth di Shakespeare. La sua eleganza è data da torrette appuntite e merlature. Ci trasferiamo nelle Highlands. Balmoral è stata addirittura scelta come dimora privata della Famiglia Reale. Quando non è presente i visitatori possono curiosare nella sala da ballo, la più grande del maniero e ammirare i bellissimi campi e giardini.

Parti per la Scozia con Costa Crociere

La Scozia è una storia che non ha bisogno di presentazioni o di troppi preamboli. Bisogna solo leggerla, viverla e lasciarsi trasportare dalle sue vicende, dalle pagine dei suoi paesaggi che cambiano a ogni angolo, dai suoi personaggi leggendari o dalle sue meraviglie architettoniche. Sarà un viaggio senza tempo, storico, fantasy, pieno di sorprese e in cui la natura sarà tra i protagonisti principali. Il libro della Scozia è a tua disposizione, per sfogliarlo, per volare con la fantasia e anche per disegnare il prossimo itinerario insieme a noi.

Parti con Costa Crociere