La capitale estone è una vera perla del Mar Baltico che merita di essere scoperta in tutti i suoi aspetti. In molti conoscono il passato sovietico di Tallinn, ma in pochi sanno che questo pezzo di storia in realtà si è stratificato a delle radici medievali che, fortunatamente, sono ancora presenti e visibili in molte zone della città.

Passeggiare tra le vie della Città Vecchia è proprio come prendere la macchina del tempo e ritrovarsi nel pieno della vita medievale di Tallinn, tra botteghe artigiane, chiese ed edifici di pietra originali, che non sono state scalfite dal tempo e dalla storia.

Tallinn ha molto da offrire non solo agli appassionati di storia e ai nostalgici che vorrebbero essere nati in un’epoca diversa, ma anche per gli amanti della natura: a pochi chilometri dalla città si trova infatti una riserva naturale con una flora e una fauna uniche e davvero inaspettate.

Ecco quali sono i posti che visiteremo e scopriremo insieme, facendo un viaggio nella storia, nella cultura, nelle tradizioni e anche nella natura di questa magnifica città:

Città vecchia di Tallinn

Cominciamo il nostro viaggio dal cuore di Tallinn, ovvero dalla sua Città Vecchia. Può sembrare incredibile, ma il centro storico di Tallinn è rimasto fermo al Medioevo: gli spettacolari palazzi, la piazza, gli edifici monumentali e i cortili nascosti che vedrete non sono delle ottime ricostruzioni, bensì sono quelli originali, costruiti in pietra con i colorati tetti spioventi. Non sorprende affatto, dunque, che la Città Vecchia di Tallinn sia Patrimonio dell’Umanità Unesco.

La Città Vecchia di Tallinn sembra uscita da un libro di fiabe antiche, e l’atmosfera che ancora oggi si respira in questo pittoresco centro storico è altrettanto magica e antica, con le botteghe artigiane che vendono i loro prodotti, la piazza che si anima con il mercato, vecchi magazzini adibiti a gallerie d’arte e deliziose caffetterie all’aperto dove sorseggiare un tè mentre si ammira lo scorrere della quotidianità della capitale estone.

Nel centro nevralgico della Città vecchia di Tallinn sono molte le cose da vedere, dal Palazzo del Municipio nella cui piazza vengono celebrate feste e si svolgono eventi di ogni genere, all’antica Farmacia. Scopriamo insieme tutti questi luoghi di interesse.

Municipio

Non possiamo non partire dal Municipio della città vecchia di Tallinn, sia per il suo valore in quanto municipio, sia perché è uno dei simboli della capitale estone sia perché si tratta di un edificio architettonicamente molto interessante.

Il Municipio fu costruito tra 1402 e il 1404; è completamente originale (fatta eccezione per la guglia che fu distrutta durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale e ricostruita in seguito) e per questo è l’unico esemplare di municipio in Europa in stile gotico baltico.

Sapete chi è il Vecchio Tommaso? E’ il guardiano di Tallinn e sventola fiero sulla bandiera segnavento posta proprio in cima alla guglia del Municipio. Secondo la leggenda Tommaso era un giovane contadino che vinse dei giochi primaverili indetti dall’elite tedesco-baltica di quel periodo centrando con la balestra infuocata un pappagallo di legno posto in cima a un’asta. Il suo ceto sociale non gli permetteva di ricevere il premio stabilito, ma come ricompensa gli venne proposto di lavorare per tutta la vita come guardiano della città.

Quando ormai in età molto avanzata morì, i bambini a cui lui era solito donare dolciumi e caramelle, non vedendolo più, chiedevano insistentemente ai genitori che fine avesse fatto, e così loro decisero di mettere in cima alla guglia del municipio una banderuola in suo onore; dissero ai figli che il Vecchio Tommaso era lì, sul punto più alto del Municipio a controllare che facessero sempre i bravi. Ci sono anche altri due personaggi importanti sulla facciata del palazzo: sono due statue a forma di drago scolpite dall’artista Daniel Pöppel

Raeapteek

Sul lato opposto del Municipio di Tallinn si trova la Raeapteek, ossia la farmacia municipale della città. E’ forse la più antica farmacia in attività in Europa (i registri riportano che nel 1422 fosse sotto la gestione del suo terzo proprietario) e, varcando le sue porte, non solo si possono acquistare i rimedi di cui tutti i viaggiatori possono avere bisogno, ma si può scoprire un pezzo della sua storia: in una stanza sul retro c’è una piccola esposizione di medicinali e attrezzature mediche e farmaceutiche che risalgono al periodo che va dal XVII al XX secolo.

È anche il più vecchio esercizio commerciale di Tallinn e la sua storia è strettamente legata a quella della famiglia Buchard. Ben dieci generazioni di Buchard, infatti gestirono la Raeapteek nel corso di più di 300 anni, tra il 1582 e il 1911.

Membro di spicco di questa famiglia fu Johann Burchart V che ebbe la “fortuna” di iniziare la sua carriera nel 1710, quando l’epidemia di peste nera che si era abbattuta sull’Europa arrivò a Tallinn; inoltre, quando Tallinn fu invasa dai russi durante la  Grande guerra del, fu uno dei primi a fornire le medicine all'Armata Russa, diventandone poi il dottore ufficiale nel 1716. Il buon nome della famiglia Buchard crebbe così tanto che fu proprio uno dei suoi membri, Johann Burchard VI, a essere chiamato nel 1725 al capezzale di Pietro il Grande a  San Pietroburgo.

Nel medioevo, naturalmente, i farmaci e i rimedi venduti dalla Raeapteek erano decisamente diversi da quelli a cui siamo abituati: non era difficile trovare succo di mummia (un liquido a base di polvere fatta con resti di mummie), api bruciate, polvere di pipistrello, pozione di pelle di serpente e polvere del corno dell'unicorno per i malanni più difficili da guarire, ma anche marmellate, biscotti, caramelle balsamiche, canditi, marzapane e alcolici.

La farmacia inoltre vendeva cancelleria e altre cose di uso quotidiano, come polvere da sparo, grasso di balena, cera, candele e torce, e fu la prima attività commerciale a vendere il tabacco

Piazza Raekoja

Piazza Raekoja è la piazza del Municipio, dove si trovano tutte le cose che vi abbiamo raccontato finora.

Piazza Raekoja è da sempre il luogo d’elezione per tutti gli eventi cittadini, oltre a essere un vivace luogo di ritrovo pieno di bar e ristoranti. E’ qui che si svolgono concerti ed eventi musicali, il mercato cittadino, il suggestivo e folkloristico mercato medievale “Old Town Days” e il “Jöuluturg “un bellissimo mercatino di Natale, forse uno dei più belli d’Europa grazie alla sua atmosfera unica, pieno di bancarelle di specialità e artigianato locali. Nel periodo natalizio, la Piazza del Municipio viene arricchita da un enorme albero addobbato e la tradizione vuole che Tallinn sia stata la città che ha dato inizio alla “gara” tra alberi di Natale nelle piazze delle principali città d’Europa.

Al centro della piazza è possibile ammirare una pietra rotonda con una rosa dei venti: questa segna il punto della piazza da cui è possibile avvistare le cime delle cinque guglie della città.

Palazzo Kadriorg

Il Palazzo Kadriorg è in qualche modo il simbolo della supremazia raggiunta dalla Russia sull’Estonia dopo la Grande guerra del Nord. Fu infatti costruito per Caterina I su progetto dell'architetto veneziano Nicola Michetti, e prima dell'indipendenza dello stato estone nel 1918 si chiamava Catherinethal, che significa “la valle di Caterina”.

Dal canto suo Caterina non dimostrò mai particolare interesse per questa tenuta, così Palazzo Kadriorg cadde in disuso, ma la sala grande ha mantenuto ad oggi le iniziali dell’Imperatrice e gli stucchi raffinati da lei voluti.

Oggi Palazzo Kadriorg è oggi la sede della Collezione d'arte straniera del Museo d'Arte dell'Estonia e, nel parco circostante il cui progetto venne affidato all’epoca alla giardiniera Ilya Surmin, è presente un edificio moderno e avveniristico che ospita il Museo KUMU; la collezione permanente del KUMU raccoglie tutta l'arte estone dal XVIII secolo in poi, comprese le opere del periodo sovietico e l'arte noncomformista.

Cattedrale di Aleksandr Nevskij

Parlando di testimonianze della potenza russa in Estonia, la Cattedrale di Aleksandr Nevskij, collocata sulla cima della collina di Toompea, ne è senz’altro una delle più importanti e imponenti - e anche per questo non è molto amata dagli abitanti della città di Tallinn che hanno chiesto più volte che venisse abbattuta.

Si tratta di una cattedrale ortodossa dall’innegabile bellezza il cui modello si rifà evidentemente alle più antiche e importanti chiese di Mosca; è caratterizzata da cinque cupole a cipolla, da colori pastello al suo interno con ricchissimi mosaici e un vasta collezione di icone religiose.

Nei campanili della cattedrale ci sono undici campane che arrivano direttamente da San Pietroburgo, e la più grande di esse pesa 15 tonnellate.

La Cattedrale di Aleksandr Nevskij è tuttora in attività, così come lo sono le campane che suonano tutte insieme per richiamare i fedeli alla messa. 

Cattedrale di Toompea

Restiamo sulla collina di Toompea per visitare questa volta la Cattedrale di Toompea, la cattedrale luterana che divide la collina con quella cristiana ortodossa di cui abbiamo appena parlato. La sua facciata è decisamente più semplice, completamente bianca con un solo campanile nero e gli altri tetti spioventi; inizialmente era addirittura fatta interamente di legno.

All’interno della cattedrale è presente un imponente organo, un meraviglioso artefatto costruito per la prima volta nel 1878 seguendo i dettami romantici dell’epoca, per poi essere in ricostruito nel 1914 e definitivamente nel 1998.

Vi sono anche diverse tombe che vanno dal XIII secolo al XVIII secolo e che hanno gli stili più vari: ci sono sargofagi di pietra, tombe che presentano gli stemmi delle antiche famiglie tedesco baltiche e molto altro.

Riserva naturale di Kõrvemaa

Quella della Riserva naturale di Kõrvemaa è una bella storia. Si trova a circa 50 chilometri a est di Tallinn e durante l’epoca sovietica gran parte dei suoi 130 chilometri quadrati erano utilizzati dall’esercito come area di addestramento militare. Era, di fatto, il più grande poligono militare di tutta l’Estonia.

Una volta raggiunta l’indipendenza nel 1991, l’Estonia si ritrovò con questo immenso pezzo di terra completamente vuoto e inutilizzabile poiché da sempre inadatto alla coltivazione di qualunque cosa: il suolo era povero di sostanze nutritive, e tutta la zona era dominata da boschi e paludi.

Infine, dopo aver riscontrato la presenza di specie rare o in via di estinzione in questa regione, è stata presa la decisione di farla diventare una riserva naturale. Nella Riserva naturale di Kõrvemaa è possibile avvistare l’orso bruno, il lupo grigio e la lince eurasiatica, insieme ad altre specie protette di uccelli come la cicogna nera e l’aquila reale.    

Paludi di Kõnnu

Proprio perché la Riserva naturale di Kõrvemaa era un’area militare e dunque è aperta al pubblico da non molto tempo, una delle cose più belle da fare quando si visita Tallinn è proprio partire all’avventura e visitarla di persona facendo un’escursione guidata.

Le paludi di Kõnnu sono una delle attrazioni principali della Riserva naturale di Kõrvemaa. Gli acquitrini delle paludi si alternano a una fitta vegetazione bassa contraddistinta da pini endogeni, e questo susseguirsi di acqua, piante e torbiera dà vita a uno scenario molto suggestivo e decisamente inedito.

I più avventurosi potranno addirittura attraversare le paludi - armati naturalmente di scarpe idonee a camminare per chilometri sul terreno morbido e scivoloso della torbiera - arrivare fino a una torre d’avvistamento del periodo sovietico e ammirare dall’alto tutta l’area circostante della riserva. Un’esperienza davvero unica nel suo genere.

 

Laghi di Järvi

Abbiamo detto che le paludi di Kõnnu sono tra le attrazioni principali della Riserva naturale di Kõrvemaa. Ebbene, un’altra delle attrazioni più interessanti della riserva è senza dubbio costituita dai laghi di Järvi. I laghi hanno sempre il loro fascino per la pace che sono in grado di infondere unita a un tocco di piacevole malinconia (gli amanti dello spleen sanno bene di cosa stiamo parlando).

I laghi di Järvi, nella fattispecie, sono laghi naturali immersi nel verde che uniscono queste caratteristiche a un paesaggio lacustre davvero spettacolare. Avventurarsi sulle loro sponde non è così estremo come attraversare le paludi (ci sono infatti delle passerelle di legno che portano ai laghi) e ciò che troverete al vostro arrivo sarà davvero gratificante.

I laghi di Järvi sono anche il posto ideale fare una pausa durante l’escursione e fermarsi per un picnic. Il lago Pikkjärv, per esempio, che è quello più orientale tra tutti, ha una superficie di cinque ettari,  è circondato da una foresta mista di pini e abeti rossi, la sua riva nord-orientale è sabbiosa e adatta alla balneazione e c’è addirittura la possibilità di campeggiare. 

Via Vene e Pikk Tanav

Dopo essere stati immersi nella natura, torniamo nel pittoresco centro storico di Tallinn. Sono due le vie principali, la Vene e la Pikk Tanav, da percorrere se si vuole entrare realmente nel vivo della storia di questa città.

La Vene è la strada dove anticamente si ritrovavano i mercanti russi per sbrigare i loro affari e oggi è forse la via di Tallinn che più di ogni altra mostra la bellezza dell’architettura medievale tipica della città in tutto il suo splendore. L’apoteosi di tutto questo è sicuramente rappresentata dal Passaggio di Santa Caterina, una piccola strada completamente di pietra caratterizzata da contrafforti originali che sostengono edifici del XV secolo.

Se un tempo la Vene era il luogo del commercio dei mercanti russi, oggi la via è piena di botteghe e laboratori artigiani dove vetro, ceramica, gioielli e tessuti vengono lavorati seguendo metodi tradizionali.

Lungo la Vene si trova anche il Linnamuuseum, il museo civico di Tallinn che sarà una vera scoperta per tutti coloro che vogliono capire più a fondo la storia delle tradizioni artigiane tipiche della capitale estone.

Pikk Tanav è invece la strada più lunga della città, attraversa la Città Vecchia e arriva fino alla collina di Toompea. E’ anch’essa una via molto antica e pittoresca, ciò che offre di sensazionale, oltre a diversi monumenti importanti, sono gli edifici che fino all’inizio del XX secolo erano stati adibiti a sede delle Gilde, le corporazioni che raccoglievano e rappresentavano i lavoratori di diverse professioni. 

Grande Gilda

E a proposito di Gilde, al numero 17 di Pikk Tanav si trova la sede della Grande Gilda o  Gilda maggiore. Rispetto alle altre, questa gilda era la più importante - come è anche piuttosto intuibile dal suo nome - perché riuniva i mercanti più importanti della città, quelli che erano all’altezza di avere un ruolo pubblico.

La casa della Grande Gilda venne costruita nel 1410, è un tipico esempio di architettura anseatica e tra le sue mura hanno avuto luogo le strette di mano più importanti del Medioevo.  Oggi ospita l‘Ajaloomuuseum, il museo della storia e della cultura estone. 

Proprio di fronte alla casa della Grande Gilda è possibile ammirare la Chiesa dello Spirito Santo, una chiesa luterana che è stata la prima del Paese a celebrare le funzioni in lingua estone.

La Chiesa dello Spirito Santo è caratterizzata da una torre ottagonale, grandi finestre gotiche, e soprattutto da un bellissimo orologio finemente intagliato e dipinto che risale alla fine del XVII secolo, ed è opera di Christian Ackermann.

All’interno della chiesa, troviamo invece uno stupendo altare maggiore, intagliato e dipinto con colori rosso e oro da Bernt Notke, che raffigura la discesa dello Spirito Santo sui dodici apostoli durante la Pentecoste. 

Torre delle Monache e torre Kuldjala

La Città Vecchia è caratterizzata da diverse torri di avvistamento che corrono lungo tutte le mura. Segnaliamo in particolare la Torre delle Monache, una delle torri che si trova nella parte della Città Bassa alla fine della scalinata di Patkul che è perfettamente conservata, e la Torre Kuldjala che fornisce un ottimo esempio di architettura difensiva medievale del XIV secolo.

E’ possibile salire in cima alla Torre Kuldjala, ammirare la Città Vecchia da lì, e, per qualche minuto, vestire i panni di un’antica vedetta medievale.

Basilica di San Nicola

La Basilica di San Nicola nella Città Vecchia rende omaggio a uno dei santi più antichi e affascinanti, San Nicola di Bari, il patrono dei marinai, ed è infatti una delle chiese più antiche di Tallinn.

Costruita in pietra calcarea, oggi non è più un luogo di culto, ma non per questo è meno interessante: ospita infatti un imperdibile museo di arte sacra pieno di pezzi importantissimi per la storia della religione e per la storia dell’arte. Tra questi, vi sono per esempio la pala d’altare del XV secolo che raffigura la vita di San Nicola e l’eroica vicenda di San Giorgio con il drago e, un frammento di sette metri (sui 30 metri complessivi dell’originale) del capolavoro di Bernt Notke “Danza Macabra”. Questo famosissimo affresco ritrae una serie di scheletri che danzano insieme al Papa, all’imperatore, al re - nientemeno - e a una nobildonna sulle note della musica di una cornamusa, rappresentando così il noto “memento mori”. 

Castello medievale

Il Castello Medievale di Tallinn domina la città dall’alto della collina di Toompea. In origine era costruito in legno, e si pensa che proprio da questo castello la capitale estone abbia preso il suo nome: si racconta che nel 1219 fu occupato dai danesi che vinsero sugli estoni durante la battaglia di Lyndanisse (che si trovava vicino al castello); a quel punto i danesi decisero di rinominare tutta l’area con la dicitura latina di Castrum Danorum, “il castello danese”, che in estone venne poi tradotto come Taani (n) linna, ovvero proprio la “Tallinn” che tutti conosciamo.

Oggi il castello è stato per la maggior parte ricostruito e ospita il Parlamento dell'Estonia.

Scopri Tallin con Costa Crociere

Parti con Costa Crociere alla scoperta di Tallinn, della sua incredibile storia, dei musei che raccontano la storia pre e post sovietica. Lasciati incantare dalla sua atmosfera antica, dal fascino della sua Città Vecchia perfettamente conservata dal Medioevo, dalla natura incontaminata che ospita specie protette a soli pochi chilometri dal centro della capitale  e da tanto altro ancora.

Parti con Costa Crociere