Riassumere le bellezze di Tokyo è un’impresa pressoché impossibile. La capitale del Giappone racchiude l’essenza del Paese, incastonata in mille contraddizioni e velocità differenti. Ci sono quartieri giovani e dinamici che non dormono mai, altri che conservano ancora i templi e un passato pulsante. Tra i grattacieli e i centri commerciali non mancano spazi verdi e vicoli, dove assaggiare le prelibatezze di pesce o dove visitare i mercati e fare incetta di sushimi e sushi o decidere di visitare dei caffè a tema.

Una delle metropoli più affascinanti del mondo, Tokyo, è l'unione perfetta tra storia millenaria e modernità. Scopri le sue attrazioni più belle e non perdere di vista le migliori attrazioni del Giappone.

  • Palazzo Imperiale di Tokyo
  • Santuario Meiji
  • Mercato del Pesce di Tsukiji
  • Parco di Ueno
  • Tempio Senso-Ji
  • Quartiere di Shibuya
  • Tokyo Sky Tree
  • Isola artificiale di Odaiba
  • Quartiere di Shinjuku
  • Museo Nazionale di Tokyo

Palazzo Imperiale di Tokyo

L’oasi verde di oltre un chilometro quadrato in cui sorge il palazzo imperiale farà in modo che vi sentiate proiettati in un’altra dimensione. Si trova, però, a soli 10 minuti dal quartiere degli affari Marunouchi. La struttura sorge dove precedentemente era stato costruito il castello di Edo. Il maniero fu la sede degli shogun Tokugawa, stirpe reale che governò il Paese dal 1603 fino al 1868. Successivamente il palazzo divenne la residenza permanente della famiglia imperiale dal lontano 1869. Come è capitato a moltissimi edifici anche il palazzo imperiale è stato distrutto durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e successivamente ricostruito secondo la versione originaria.  Il primo progetto aveva optato per una commistione di stili per quanto concerne gli interni.

 L’ingresso nella zona interna è sporadico e riservato a rarissime occasioni (tra cui il compleanno dell’imperatore) durante le quali è possibile ammirare i giardini e le sue piante mirabilmente curate ed eleganti. In primavera lo spettacolo che regalano i ciliegi del parco è indescrivibile. Nei fossati intorno all’edificio si possono noleggiare delle barche, che con la bella stagione vanno a ruba perché danno la possibilità di godersi il panorama da una prospettiva unica. Qui c’è anche una pista di jogging molto popolare dove numerosi giapponesi si danno appuntamento.

Santuario Meiji

Tokyo offre anche momenti di pace e di tranquillità come quelli che vivrete nel santuario di Meiji, circondato da un’area verde che riesce a isolarsi dal cuore frenetico della capitale. È un gioiello della religione shintoista che si trova non distante dalla stazione di Harajuku. È senza dubbio uno dei luoghi simbolici più amati perché qui viene venerato l’imperatore Meiji insieme alla sua consorte, l’imperatrice Shoken. Qui potrete passeggiare in mezzo alla natura del Parco Yoyogi, ma soprattutto conoscere una parte di storia molto affascinante. Il santuario venne completato nel 1920, otto anni dopo la morte dell’imperatore.

La figura di Meiji è centrale nella storia del Giappone in quanto può essere considerato il primo imperatore dell’epoca moderna. Sotto di lui il Paese si avviò a uno straordinario processo di modernizzazione che smantellò il vecchio sistema, iniziò un’apertura importante verso l’estero e decise di spostare la capitale a Tokyo. La sua scomparsa è stata vissuta con grande dolore e si è deciso di onorarlo con il santuario e un parco formato da 100 mila alberi che furono donati dai giapponesi. Gli edifici che ammirate risalgono però al 1958 in quanto tutto il complesso è stato distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale.

L’area sacra del santuario è contrassegnata da una porta torii rossa in legno: una volta varcata, si attraversa un sentiero fatto di ghiaia e ci si lascia il rumore della civiltà alle spalle. La struttura è formata da diversi edifici, tra cui una struttura più grande dove avviene la preghiera. All’interno di alcuni edifici si possono acquistare portafortuna e amuleti. Da visitare c’è anche una Sala dei Tesori. Una sorta di museo, costruito un anno dopo la realizzazione del santuario, che mostra una collezione di cimeli e abiti personali appartenuti all’imperatore e all’imperatrice.

Mercato del Pesce di Tsukiji

È stato il mercato del pesce più grande del mondo e copriva un’area vastissima, che era stata ricavata da un interramento. Nel 2018 l’area è stata trasferita a Toyosu, anche se all’esterno si vendono ancora alimentari e altre merci. Quest’area storica era formata da due sezioni: una in cui avvenivano le aste dei tonni e operavano i grossisti e una seconda in cui si svolgevano tutta una serie di attività commerciali tra cui la vendita di pesce porzionato, minuto ed essiccato. A pieno regime il mercato del pesce poteva contare su 65 mila persone tra venditori, operai e personale accreditato.

Quotidianamente venivano venduti più di 700 tipi di pesce, alghe e crostacei. C’era anche un’area in cui proliferavano le botteghe dove si vendeva un po’ di tutto: attrezzi da cucina, lame, pentolame, lacche e ceramiche a prezzi molto convenienti. In alcuni posti era anche possibile farsi affilare le lame. La nuova sede di Toyosu ha rappresentato un passo avanti dal punto di vista sia commerciale che turistico. L’area dedicata al mercato è cresciuta del 150% e sono stati costruiti diversi padiglioni tutti collegati tra di loro. Il mercato, che è stato collegato a una stazione della metro, è suddiviso in tre edifici principali: due dedicati ai prodotti ittici e uno alla compravendita di verdura e frutta.

Parco di Ueno

È il centro dell’omonimo quartiere e si snoda su un’area vastissima. All’inizio della sua storia il parco era parte di un tempio Kaneiji, uno dei più influenti e grandi della città. Solo verso la fine del 1800 quando durante la guerra civile venne distrutta buona parte del tempio, divenne un parco pubblico. Oggi durante la vostra passeggiata potrete ancora vedere diversi edifici: un felice connubio tra cultura e natura. Il parco vi conquisterà con le sue luci e i suoi colori. Laghi, boschi e colline sono attraversati da meravigliosi sentieri circondati da meravigliosi alberi di ciliegio, che in primavera regalano l’incanto del rosa. In autunno l’area diventa, invece, un mosaico di tonalità fiammeggianti e dorate con gli aceri che inondano i sentieri di foglie rosse.

Una delle attrattive più famose del parco è sicuramente lo stagno Shinobazu, che si trova nella parte sud-occidentale e presenta un isolotto al centro su cui svetta la piccola sala del tempio dedicato alla dea Benten. Attorno si snoda un percorso ideale per scattare le foto del lago, ora circondato dai fiori di loto, ora con lo sfondo dei grattacieli. C’è anche la possibilità di affittare dei pedalò con cui effettuare un bellissimo giro panoramico.

Il parco ospita anche un grande zoo e alcuni tra i più importanti musei di Tokyo: il Tokyo National Museum, di cui parleremo più avanti e il National Museum of Nature and Science dedicato alla storia naturale e alla scienza. È un luogo particolarmente adatto da visitare con i bambini che si divertiranno con una vasta collezione di dinosauri e altri animali e potranno divertirsi con vari esperimenti chimici. Accanto al parco c’è pure il pittoresco mercato di Ameyoko: un’ottima tappa per acquistare prodotti tipici e souvenir.

Tempio Senso-Ji

Qui arriviamo in uno dei simboli di Tokyo, il tempio buddista più antico e più importante della città. Durante la sua storia millenaria ha subito diversi rifacimenti grazie alla stirpe reale degli shogun Tokugawa. Il luogo, costruito in onore della divinità Bodhisattva Kannon, è circondato da una moltitudine di ciliegi. Durante l’anno la struttura organizza cerimonie religiose. L’edificio si trova all’interno di un muro perimetrale che custodisce un complesso formato da diverse strutture, giardini e pagode. Molte costruzioni sono andate distrutte durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Il maestoso portale di ingresso è caratterizzato dalla presenza di una lanterna di carta, che rappresenta un simbolo di protezione e prosperità. Ai lati ci sono le statue di due divinità: Raijin (dio del tuono) e Fuijin (dio del vento). Superato l’ingresso si entra in una lunga via caratterizzata da negozietti che spuntano ai lati e vendono prodotti tipici giapponesi. Alla fine troverete il secondo cancello che dà accesso al tempio. La sala principale è suddivisa in due aree: la zona sacra al chiuso e la zona sacra sul cortile. L’intero complesso è ricco di vegetazione: c’è anche uno stagno in cui sguazzano colorati pesci d’acqua dolce.

Quartiere di Shibuya

È il quartiere dei giovani e della movida. Colorato, spensierato e creativo. Una zona pittoresca dove fare shopping, concedersi una pausa nei caffè stravaganti e a tema che incontrerete. È un’area stracolma di locali dove divertirsi tra karaoke, discoteche e pub. Passeggiare alla sera in mezzo ai vicoli illuminati dai neon sarà un’esperienza unica, così come vedere il mare di gente che avanza o si arresta a ogni semaforo all’incrocio più trafficato al mondo. L’area dell’intrattenimento si sviluppa attorno alla stazione. A pochi passi da qui troverete la statua di Hachiko, il cane divenuto famoso grazie al film hollywoodiano e diventato un punto di riferimento per incontrarsi.

A est della stazione di Shibuya si trova un complesso commerciale ideale per gli appassionati di dolci e gastronomia. Al suo interno è ospitato un teatro dove sono organizzate rassegne, iniziative culturali. Dai piani più alti si potrà avere una vista unica di tutto il quartiere. Shibuya 109 è uno dei luoghi dello shopping più in voga tra le ragazze e conta oltre 100 negozi distribuiti su 10 piani, insieme a ristoranti e caffè.

Un altro luogo particolare del quartiere è il Tokyu Hands, soprannominato “il negozio della creatività”. Si tratta di un departement store che vende ogni genere di prodotto utile per la cucina “fai da te” e gli hobby. Center Gai è, invece la strada pedonale centrale che offre negozi di accessori o dedicati ai videogames, boutique di abbigliamento. È il luogo in cui gli impiegati e i giovani si ritrovano dopo il lavoro per bere qualcosa. Nelle vicinanze c’è un’altra chicca: Spain-zaka. Si tratta di un pittoresco quartiere spagnolo. Sul vicolo si affacciano locali e ristorantini che animano questa stradina.

Tokyo Sky Tree

È la torre più alta al mondo con i suoi 634 metri. Questa struttura d’acciaio offre un contributo valido alle telecomunicazioni del Paese ed è stata anche trasformata in un osservatorio panoramico unico. La Tokyo Sky Tree è stata progettata con materiali di ultime generazione per poter resistere ai movimenti tellurici che in Giappone sono piuttosto frequenti. Di notte la magia si ampia visto che il sistema di illuminazione colora in maniera unica il panorama circostante. La torre è suddivisa in tre sezioni: la base della torre (Tokyo Solamachi), dal piano 340 al piano 350 (Tembo Deck), dal piano 445 al piano 450 (Tembo Galleria).

Alla prima area si arriva superano l’ingresso B1. Al 1à piano troverete rappresentata sulle pareti laterali la mappa urbano-culturale della civiltà Edo sulle sponde del fiume Sumida. Al 4° piano troverete la biglietteria, un centro informazioni, una piccola rassegna artistica e un negozio di souvenir. Per arrivare al primo Osservatorio dovrete prendere il Tumble Shuttle, l’ascensore più rapido del Giappone, capace di raggiungere il 340° piano in meno di 50 secondi. Qui avrete un bar che propone assaggini, mentre al 345° piano potrete trovare un vero e proprio ristorante.

Al 35°° piano potrete finalmente raggiungere il primo Osservatorio.  Il vostro sguardo vagherà tra fiumi, strutture architettoniche, cupole di santuari e parchi naturalistici. Raggiungendo il 450° si può raggiungere il punto più alto della struttura (Punto Sorokara). Si tratta di una specifica area caratterizzata da pareti che sono a specchio e illuminate in maniera soffusa: un’atmosfera che riuscirà a trasmettere al visitatore sensazioni uniche, insieme ad effetti audio, che variano a seconda delle condizioni climatiche.

Isola artificiale di Odaiba

Questo quartiere ideale per le famiglie con bambini sorge su due isole artificiali che si trovano nella Baia di Tokyo. Troverete tutto quello che vorrete per divertirvi: negozi, musei, hotel, centri sportivi, parchi divertimento e centri commerciali: uno dei più interessanti è sicuramente Venus Fort che vi stupirà per le sue ambientazioni del passato con colonnati, portici e fontane. Camminate per le vie per fare un po’ di shopping negli imperdibili negozi, godendovi la vista spettacolare, magari al tramonto, del ponte Rainbow Bridge che collega l’isola con la restante parte di Tokyo. Oltre alle normali corsie per le auto ospita anche percorsi pedonali su ambo i lati.

Accanto al ponte potrete ammirare una replica della Statua della Libertà, che fu eretta nel 2000. Passeggiando per il quartiere non potrete non notare la famosa riproduzione del robot Gundam, che con i suoi 20 metri svetta nel centro commerciale DiverCity. Per provare poi un’esperienza tradizionale potrete andare all’Oedo Onsen Monogatari, dove troverete vasche coperte e all’aperto che vengono alimentate da sorgenti termali naturali che si trovano a circa 1400 metri di profondità. Ci sono diversi trattamenti disponibili, oltre a punti di ristoro e intrattenimenti.

Per chi vuole fare un tuffo nella creatività potrete visitare il Teamlab Borderless, che fu creato da alcuni creativi all’avanguardia. I giochi di specchi e di luci vi lasceranno a bocca aperta. Il quartiere vi regalerà anche altre sorprese, a cominciare da Joypolis, un parco dei divertimenti al coperto. Vi aspettano giochi, animazioni ed esperienze di realtà virtuali. Per finire la giornata potrete fare una visita alla sede futuristica della Fuji Tv o concedervi un giro sulla ruota panoramica di Odaiba, una delle più alte al mondo con i suoi 115 metri.

Quartiere di Shinjuku

È forse il quartiere che rappresenta meglio Tokyo. Un quartiere che non dorme mai, ricco di grattacieli, di centri commerciali e di locali. Una zona che riesce a unire lo spirito commerciale con una forsennata vita notturna. La maggior parte delle serate si sviluppano attorno al Golden Gai, una zona che si snoda tra microscopici bar che assicurano un’atmosfera piacevole e intima. Il contesto urbano del quartiere di Shinjuku è dominato dalle torri del complesso del Tokyo Metropolitan Government Building dove avrete la possibilità di salire per ammirare gratuitamente la città dall’alto. Il Municipio, grazie alla sua incredibile location, è diventato il simbolo della città.

In questa parte si alternano numerosi grattacieli, molti dei quali ospitano uffici ed hotel prestigiosi, come il Park Hyatt, che è stata la cornice del film “Lost in Translation” con Scarlett Johansson.  Per regalare alcuni spazi di relax e di tranquillità, tra i grattacieli e gli edifici moderni sono state concepite numerose aree verdi in cui avrete la possibilità di ritagliarvi momenti di tranquillità. Una delle vostre passeggiate non potrà trascurare “la stradina dei ricordi” (Omoide Yokocho). Ci troviamo nella parte nord-ovest della stazione immersi in una serie di vicoli in cui respirerete la vecchia Tokyo con i suoi locali intimi. Racchiuso tra i grattacieli troverete una delle principali attrattive della zona: il Santuario di Hanazono”.

Un’oasi di preghiera e silenzio che è stato fondato nel 1600. Oltre alla sala principale che spicca dopo aver attraversato la scalinata, è presente un piccolo altare che si raggiunge un tunnel circondato dagli alberi di ciliegio. In primavera il santuario offre una cornice indimenticabile con la natura che lo colora con le sue delicate forme. Accanto alla stazione troverete anche il quartiere della comunità coreana. Qui avrete a disposizione ristoranti, negozi che propongono diverse specialità. Shinjuju è anche molto popolare per i suoi grandi magazzini.

Museo Nazionale di Tokyo

Si tratta del luogo perfetto per curiosare tra gli antichi reperti archeologici e i capolavori dell’arte. Il museo si trova all’interno del Parco Ueno e offre una collezione di oltre centodiecimila opere (89 sono classificati come beni nazionali e oltre 600 come beni nazionali importanti). Ogni ala dell’edificio può essere considerata un vero e proprio museo ed è quindi consigliabile ipotizzare un’intera giornata per visitare l’edificio. Nell’iconico edificio principale Honkan si possono trovare la storia e l’arte del Giappone attraverso diversi elementi tra cui: spade di Samurai, costumi del teatro Kabuki, oggetti lavorati e cesellati e molto altro ancora. L’intera collezione è accompagnata da pannelli informativi in inglese.

La collezione comprende, in particolare, oggetti d’arte di quei Paesi che erano attraversati dalla Via della Seta. Al primo piano sono raccolti principalmente ceramiche, ma anche ami medievali e dipinti. Al primo piano possono essere ammirati reperti in ferro, armi e ceramiche. Il museo ospita anche un centro di ricerca e informazioni, oltre a negozi e perfino un ristorante. Uno spazio molto importante è dedicato a una panoramica che abbraccia il resto dell’Asia con reperti e oggetti d’arte cinesi, indiani e di diversi paesi. La galleria dei tesori dell’Horyujii offre una collezione di più di 300 importanti elementi buddisti che provengono dal tempio omonimo di Nara.  

Negli spazi espositivi trovano uno spazio le mostre temporanee, la galleria che è stata dedicata all’archeologia giapponese e una sala apposita per le rassegne tematiche. Il museo è circondato da un giardino in stile giapponese che può essere visitato in primavera e in autunno, insieme alle sale da tè del museo.  L’edificio fu fondato nel 1872, dal 1882 occupa la sede attuale. Nel 1923 fu quasi totalmente danneggiato a causa di un terremoto e successivamente subì una lunga chiusura durante la Seconda Guerra Mondiale.

Parti per il Giappone con Costa Crociere

Non ci resta molto da aggiungere. Visitare Tokyo sarà ottenere il lasciapassare verso un mondo magico e incantato, ma anche verso un ambiente che sa essere dinamico, creativo e sempre proiettato al futuro. Vi aspetta una vacanza completa in cui vi immergerete in una cultura millenaria e in cui vi sembrerà spesso di rimanere in bilico tra tante dimensioni. Un vortice di natura, cultura e intrattenimento. Un film che riuscirà ad avere più colonne sonore e stili e che vi sorprenderà a ogni scena. Salite insieme a noi e scoprite la magia dell’Estremo Oriente.

Parti con Costa Crociere