Se l'emozione dei 5 sensi avesse un luogo specifico, sarebbe la Costiera Amalfitana. L'hanno eletta a luogo dell'anima Ibsen e Steinbeck, l'hanno cantata poeti di tutte le epoche, l'hanno scelta come luogo d'elezione i Romantici per le struggenti visioni tra mare e colline. E Costa l'ha selezionata come location per la sua campagna 2017, con Shakira come testimonial e i richiami al grande cinema di Fellini: non esiste luogo migliore per raccontare le antiche tradizioni che ancora oggi sono vivide, l'accoglienza genuina, l'integrazione fra l'uomo e la natura e il gusto per il bon vivre, tipici del Bel Paese. Una vacanza in questi luoghi è indimenticabile: non è certo un caso infatti che tutta la Costiera sia Patrimonio Unesco. I 42 chilometri di questo tratto di riviera campana sono un concentrato di bellezza, poesia ed eccellenze del territorio. A partire da quella più profumata e colorata: il limone.

"Un bicchiere di limoncello artigianale al tramonto su una terrazza di Ravello, con vista sui giardini di limoni e il mare sullo sfondo."

Un frutto che vale oro

Lo chiamano "l'oro della penisola": grande, irregolare, rugoso, con una scorza giallo chiaro come il sole che qui splende tutto l’anno. La presenza del limone la percepisci dai colori giallo-verdi e dall'aroma frizzante che si sprigiona a partire dai limoneti di Positano fino a Vietri sul Mare e raggiunge il suo apice proprio nel centro della costa, ad Amalfi, luogo del limone “Sfusato”: un’eccellenza assoluta e icona dell'enogastronomia italiana. Solo qui, benedetto da un microclima unico, cresce questo "limunziello" particolare, che è il più ricco al mondo di vitamina C. E solo qui si possono respirare la storia e la cultura che sprizzano da questo agrume, come il suo profumo inebriante che si diffonde appena si apre la polpa. Un frutto dagli effetti benefici sul nostro organismo (è un potente antiossidante e antinfiammatorio) e dall'aroma verace, dolce, che ispira positività, come la gentilezza della popolazione della Costiera, sempre pronta ad accogliere i turisti e a mostrare loro le proprie tradizioni.

Esperienze sensoriali all’insegna dell’italianità

Il limon amalphitanus è l'essenza stessa della Costiera. E degustarlo, nelle varie ricette in cui è protagonista, è una di quelle esperienze sensoriali che solo in Italia si possono fare. Ad esempio una colazione a base di granita di limone in uno dei bar di Piazza Umberto I ad Atrani, il borgo più piccolo della Penisola, ai piedi della scalinata della chiesa di San Salvatore. Oppure un assaggio di limoncello artigianale, perfetto come souvenir della propria vacanza, per gli amici, in ricordo del tramonto sulla terrazza di Ravello, con vista sui giardini e il mare sullo sfondo. O ancora una merenda con una “delizia al limone” (dolce a cupola a base di uova, mandorle e limoni) in una pasticceria di Minori affacciata sulla spiaggia. E perché no… un piattino di questo frutto dorato al naturale, con un po' di sale e zucchero, su una delle scalinate di Amalfi. Esperienze e sapori unici; in una sola parola: Italia.

1 of 8