Se non conoscete questi borghi, è il momento di scoprirli in crociera.

"Questo è solo un assaggio, perchè molti borghi si aggiungeranno via via alla lista delle escursioni Costa"

Il panorama italiano è reso prezioso da gioielli tanto piccoli quanto luminosi, che disegnano da centinaia di anni il profilo di monti, colli e insenature aggiungendo alla meraviglia della natura il tocco dell’arte: sono i borghi, ricchezza inestimabile ripartita tra le regioni del Belpaese. Un patrimonio che il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo celebra proclamando il 2017 Anno dei Borghi e che l’associazione I Borghi più belli d’Italia difende e promuove dal 2001 con manifestazioni e iniziative sempre diverse. Ed è proprio dalla collaborazione con queste due realtà che nascono le nuove escursioni Costa alla scoperta delle bellezze nascoste che rendono l’Italia unica nel mondo. Un progetto nato da un’idea di viaggio legata al ritorno alle origini della bellezza, al piacere di sorprendersi di fronte a luoghi alternativi rispetto alle mete più battute e al valore di entrare in contatto con la gente del posto, da sempre custode dell’anima dei borghi. Per scoprire al meglio queste perle potrete passeggiare tra le loro vie al vostro ritmo, addentrandovi liberamente nella loro arte, nella loro storia e nei loro sapori per coglierne il volto più autentico. E così dal porto di Savona vi troverete a Seborga, autoproclamatosi principato negli anni Cinquanta, dove potrete fare i vostri acquisti con il Luigino, la moneta coniata nella zecca cittadina, indifferente al fatto che l’Italia non riconosca l’indipendenza del borgo. Da Napoli, invece, seguirete il richiamo della storia tra le rovine dell’anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, secondo per dimensioni solo al Colosseo: da qui, ai tempi dell’antica Capua, prese il via la rivolta di gladiatori guidata da Spartaco, che tra il 73 e il 71 a.C. mise a repentaglio il controllo della Repubblica romana sull’Italia. A Salemi, tappa che raggiungerete da Palermo, vi attendono i ricchi sapori della cucina siciliana e un museo curioso, quello del pane rituale, che narra la tradizione paesana di creare per le festività religiose di tutto l’anno alcuni pani finemente lavorati. E da Civitavecchia potrete andare a Orvieto e alla sua maestosa cattedrale che sembra un dipinto anche dal vivo, o al Pozzo di San Patrizio, profondo 54 metri: sono tanti i turisti che, seguendo la leggenda, gettano una moneta al suo interno per assicurarsi di tornare da queste parti. Sempre in Lazio vi attende anche Civita di Bagnoregio, la “città che muore”, un luogo incantato che sorge al centro di una valle di calanchi scolpiti dal tempo. L’erosione della collina minaccia questa piccola frazione di soli 16 abitanti che raggiungerete lungo un ponte pedonale, donandole allo stesso tempo un fascino unico. Ma questo è solo un assaggio, perché molti borghi si aggiungeranno via via alla lista delle escursioni Costa, per raccontarvi in tanti modi diversi il meglio dell’Italia.