Un viaggio è spesso l’occasione per assaggiare nuovi cibi e prendersi una pausa dalla routine quotidiana, fatta (anche) di disciplina, per quanto riguarda l’alimentazione e l’esercizio fisico. A volte, però, a fine vacanza si può rischiare di ritrovarsi appesantiti. Ebbene, godersi il viaggio dal punto di vista gastronomico e nello stesso tempo non perdere la linea non è un’utopia. Ne abbiamo parlato con un esperto in diete e nutrizione, il dottor Fabrizio Malipiero, referente ASAS (Associazione per la Salute correlata all'Alimentazione e agli Stili di vita), che ci ha fornito alcuni consigli.

"Prendersi cura di sé in vacanza passa sia attraverso una corretta alimentazione, sia dal ritagliarsi dei momenti solo per sé, per dedicarsi alla forma fisica e coccolare la mente, creando uno stato di benessere generale, che ricarica e dona energia. "

Per prima cosa, occhio ai buffet

Di solito sono ricchi, vari e colorati, quindi invogliano ad assaggiare molte pietanze, mischiando l’antipasto con il dolce, la pasta con il riso, la carne con il pesce, in un mix di sapori e quantità di calorie eccessive. «Il consiglio è di riempire il piatto una sola volta, con quantità di cibo tali che non facciano più letteralmente alzare dalla sedia per dirigersi al buffet». Nessuno suggerisce di trasformare il piatto in una piramide di cibo ma è meglio un piatto davvero pieno (possibilmente da cibi che siamo sicuri ci piacciano), piuttosto che uno mezzo vuoto che saremo costretti a rimpinguare continuamente, perdendo il controllo della misura.

La dieta dissociata

I nemici giurati della linea sono i carboidrati raffinati, gustati in qualsiasi momento della giornata. Il motivo? Sballano l’andamento dell’indice glicemico, inducendo un senso di fame perenne, che spinge alla ricerca di altri carboidrati. «Cercare di dire stop dopo le 3 del pomeriggio a pizza, pasta, dolci & co.: oltre quest’orario vanno privilegiate pietanze a base di proteine, come carne e pesce o legumi, che aggiungono alla dieta anche un buon apporto di fibra. E non bisogna dimenticare mai di accompagnare tutti i pasti da frutta e verdura: grazie al contenuto di fibre permettono di assorbire meno grassi e carboidrati degli altri cibi».

Scale al posto dell’ascensore

È possibile approfittare della conformazione delle navi, strutturate in diversi ponti, per tenersi in forma: un trucco semplice ma efficace è di abbandonare l’ascensore a favore delle scale: «L’ideale è fare le scale sin dal mattino appena svegli, prima di fare colazione: serve ad attivare il metabolismo che resterà in attività per tutta la giornata, pronto ad assorbire i pasti futuri». Sapere, inoltre, che 15 minuti di sali e scendi dalle scale bruciano circa 130 calorie costituirà un motivo in più per distogliere dall’uso dell’ascensore.

Alcol? Sì, con moderazione

In vacanza, sono molte le occasioni per concedersi un bicchiere di vino, ma sarebbe meglio non esagerare: «Le quantità di alcol consentite da linee guida sono: 2 bicchieri e mezzo al giorno per gli uomini e uno per le donne (fonte: INRAN, Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione); meglio il vino della birra, perché quest’ultima, contenendo lieviti, fermenta nello stomaco, provocando gonfiore». Occhio anche alle calorie: se un boccale di birra o un bicchiere di vino bianco si aggirano intorno alle 150 calorie, un cocktail a base di superalcolici, come un Cosmopolitan o un Cuba libre possono arrivare a più di 200 calorie a bicchiere. Inoltre, bisogna cercare di essere sempre idratati, ricordandosi di bere molta acqua, arrivando a consumarne in estate anche due litri al giorno: «è proprio l’idratazione interna che permette di controllare il senso di fame perché contribuisce a mantenere il senso di sazietà, sia nel breve che nel lungo periodo». È stato studiato inoltre che integrare i liquidi persi, a causa della sudorazione, allevia il senso di stanchezza connesso al caldo e riduce il conseguente rischio di insonnia.

Muoversi a bordo: Pilates, Yoga, Cycling

Prendersi cura di sé in vacanza passa sia attraverso una corretta alimentazione, sia dal ritagliarsi dei momenti solo per sé, per dedicarsi alla forma fisica e coccolare la mente, creando uno stato di benessere generale, che ricarica e dona energia. Ecco i corsi fitness e le proposte Spa per tenersi in forma in crociera, lasciandosi invogliare dal movimento delle onde, che distendono la mente e liberano i pensieri. E ricordiamoci che lo iodio, in cui si è immersi 24 ore su 24, dà una marcia in più per accelerare il metabolismo e bruciare calorie con più efficacia. Che cosa avete a disposizione sulle navi Costa? Una lezione di Pilates, per esempio, perfetta sia per chi vuole scoprirlo per la prima volta, sia per chi è già un praticante, che lavora sullo sviluppo della forza addominale di base, sul miglioramento dell'allineamento posturale e sul riequilibrio del corpo. O una seduta di Yoga, basata su un mix di posizioni e tecniche di respirazione, che insegna a lasciarsi andare per imparare a meditare, purificare e disinotossicare il corpo e la mente. O, ancora, potete mettervi a pedalare con una sessione di Cycling, che rafforza cuore e polmoni, mentre rimodella fianchi, cosce e glutei, oltre a essere un fantastico scarico di tossine fisiche e mentali. E come alternativa o complemento, potete scegliere un trattamento come il "Massaggio esotico al lime e zenzero", per rigenerare la vostra pelle con un delicato peeling e il corpo con un massaggio completo, o il "Trattemento snellente ionitermico", che combina delicate manipolazioni e ingredienti marini per agire su cellulite, ritenzione idrica e peso in eccesso nelle zone dello stomaco, delle cosce e dei glutei. Prenotate in anticipo su mycosta.it o informatevi presso la Spa una volta a bordo.

1 of 5