Ci aspetta un viaggio nel Mediterraneo che toccherà alcune delle città più affascinanti. Vi va di giocare con noi e di vivere le destinazioni attraverso le opere d’arte? Scoprirete non solo capolavori noti, ma anche attrazioni davvero particolari. Dalla Spagna, all’Italia con una capatina in Grecia. Non vi servirà nulla, nemmeno un bagaglio, solo un po’ di fantasia e voglia di sognare: seguiteci.
Da Mirò a Botticelli, dai murales di Atene ai tunnel sotterranei di Napoli: un viaggio senza confini.

“Pavimento Mirò” - Barcellona

Il legame tra l’artista catalano Joan Mirò e la città è stato praticamente indissolubile. E per capirlo basta fare una passeggiata per le strade. Conoscevate il “Pavimento Miró”? Un mosaico che si trova in Plaza de la Boquería, al centro del viale La Rambla, realizzato da Miró per dare il benvenuto alle persone che arrivano in città dal mare.

“La Nascita di Venere” - Firenze

Eccoci in Italia, più precisamente a Firenze. La bellezza si respira ovunque in questa meravigliosa città. Sandro Botticelli con la celebre “Nascita di Venere” riesce a coglierla al meglio. L’opera, diventata un simbolo estetico e di raffinatezza, è custodita negli Uffizi.

I tunnel sotterranei - Napoli

A caccia di curiosità ci spostiamo a Napoli. Nel cuore del centro storico si trova, infatti, l’ingresso alla città sotterranea: un vero e proprio dedalo di cunicoli che si snoda sottoterra. Qui è possibile ammirare i resti dell’antico acquedotto greco-romano, i rifugi antiaerei della Seconda Guerra Mondiale, un antico teatro e perfino tracce di manufatti risalenti all’era preistorica.

Arco delle meraviglie - Bari

Sempre all’insegna della sorpresa facciamo una capatina a Bari. Nei vicoli della città vecchia, c’è l’Arco delle Meraviglie. La leggenda racconta che fu costruito in una sola notte per consentire il passaggio da una finestra a quella di fronte di due innamorati che abitavano in quei palazzi e il cui amore era osteggiato dalle rispettive famiglie.

Graffiti di Exarchìa - Atene

L’ultima destinazione di questo viaggio artistico non poteva che essere Atene, la culla della civiltà occidentale. In mezzo a tanti tesori e opere d’arte abbiamo scelto una prospettiva particolare, quella della creatività. Un esempio ne sono i graffiti del quartiere bohémien di Exarchìa. Una mescolanza di tecniche e stili pittorici differenti che spesso sono veicoli di messaggi pungenti e attuali. Il quartiere è il ritrovo di artisti, poeti e scrittori.

Abbiamo viaggiato senza tempo alla scoperta di capolavori classici, surrealisti o di opere contemporanee. Prepariamoci a riapprezzare bellezza, storia e creatività: ora è il tempo di sognare insieme a voi.