Destinazione che vai… tradizione di mare che trovi. Ve ne accorgerete in diversi luoghi che visiterete durante le vostre crociere: miti, leggende e usanze antiche continuano ad animare tanti luoghi di mare in tutto il mondo. E spesso da questi miti sono nati dei souvenir portafortuna particolari e caratteristici, da portare a casa come ricordo!

"Perché il mare è salato? Durante il vostro tour in battello lungo i canali di Stoccolma, non potrete fare a meno di pensare a un'antica leggenda..."

Malta, lo sguardo di Osiride

A Malta, se guardate bene le luzzu, le coloratissime barche dei pescatori, noterete che… vi guardano anche loro. Sulla prua spiccano dipinti gli occhi di Osiride, antica divinità egizia. Un simbolo magico che secondo la tradizione fu portato qui oltre duemila anni fa dai Fenici. I pescatori di Malta lo usano ancora oggi, convinti che li protegga in mare. Anche voi potete affidarvi all'occhio di Osiride: scegliete il vostro “amuleto” in uno dei variopinti negozi dell'isola.

In Francia si “ribattezzano” le barche solo a Ferragosto

Visitando Honfleur, splendida cittadina della Normandia, osservando le tante barchette ormeggiate nel suo delizioso porticciolo potrete chiedere conferma a un "lupo di mare" del posto di una curiosa tradizione francese. Nel mondo marinaro, cambiare il nome di una barca equivale a cambiarne l’anima, e il nuovo nome va assolutamente comunicato agli dei del mare per avere la loro approvazione. Per farlo nel modo giusto, proprio in Francia c'è un rituale unico: il cambio di nome si fa solo il 15 agosto, e la barca deve veleggiare di bolina (controvento), disegnando un percorso a zig zag con una serie di virate. Chiedete pure conferma!

Perché il mare è salato?

Durante il vostro tour in battello lungo i canali di Stoccolma, non potrete fare a meno di pensare a questa antica leggenda. Si narra che in un tempo antico, il re di Svezia donò al re di Danimarca due gigantesse per utilizzare delle macine magiche in grado di produrre ogni cosa. Un giorno le gigantesse, stanche e arrabbiate con il re che non le faceva riposare mai, si allearono con i nemici, che dopo aver attaccato la Danimarca, le rapirono con una nave. A bordo, alle gigantesse venne chiesto di produrre del sale con le macine: ne fecero così tanto da far affondare la nave. Ancora oggi continuano a macinare in fondo al mare, perché nessuno ha detto loro di smettere… Ed ecco spiegato il mare salato!

1 of 2

Credits Photo: Shutterstock