I CONTRASTI DI CEFALONIA

  • Porto

    Argostoli/Cefalonia

  • Livello di difficoltà

    Moderata

  • Tipologia

    Giro turistico, Culturale, Pasto non incluso

  • Prezzo

    Adulti

    EUR50.0

  • Durata ore

    4.0

  • Codice escursione

    00IW

Descrizione

Dalla magica atmosfera delle Grotte di Drogarati alle meraviglie architettoniche di Cefalonia, un'isola ricca di storia e di tesori paesaggistici.



Cosa vediamo
  • Cefalonia
  • Grotta di Drogarati
  • Villaggio di Agia Efimia
  • Monastero di Sant'Andrea
  • Castello di San Giorgio


Cosa facciamo
  • Ad Argostoli scendiamo dalla nave e saliamo a bordo del nostro pullman per andare alla scoperta del ventre di Cefalonia: la grotta di Drogarati. Scoperta 300 anni fa, la grotta ha circa 150 milioni di anni ed è stata aperta al pubblico nel 1963. Ci lasciamo avvolgere dall'atmosfera magica che caratterizza questa grotta, ricca di stalattiti e stalagmiti. Per l'acustica singolare, nella stanza più grande, chiamata "la stanza dell'apoteosi", si tengono spesso concerti.
  • Dopo aver visitato questo luogo incantevole, ci dirigiamo verso Agia Efimia, un villaggio di pescatori situato sulla costa orientale di Celafonia e circondato dalle montagne che formano la valle Pilaros. Bagnato dalle acque cristalline del Mar Ionio, questo villaggio segue un ritmo pacato, in armonia con la natura. Qui passeggiamo tra i vicoli caratteristici, dove possiamo deliziare il palato in piccole taverne e caffetterie di eccellente qualità.
  • Proseguiamo la nostra escursione alla volta del monastero di Sant'Andrea, o Agios Andreas, importantissima meta di pellegrinaggio dell'isola poiché conserva ciò che si ipotizza sia la pianta del piede destro di Sant'Andrea. Possiamo ammirare le numerose opere d'arte, tra cui gli affreschi risalenti al XIII e XVII secolo venuti alla luce dopo il grave terremoto del 1953. Ci troviamo di fronte a uno dei maggiori tesori artistici dell'isola!
  • Dal monastero di Sant'Andrea scorgiamo le rovine del castello di San Giorgio, il più antico castello dell'isola, ancora circondato da alcune costruzioni legate alla sua storia, come rovine di chiese e spalti con feritoie e vedette. Dopo la dominazione turca, nel 1500 i Veneziani occuparono il castello costruendo una cinta difensiva esterna. Intorno al castello si sviluppava la capitale dell'isola, un villaggio di 14.000 abitanti oggi disabitato. Quando nel 1757 Argostoli divenne capoluogo di Cefalonia, ebbe inizio il declino del castello.

Cosa c'è da sapere
  • Si raccomanda un abbigliamento consono ai luoghi di culto visitati (per le donne è auspicabile un foulard che copra le spalle; sono vietati i pantaloni corti sia per gli uomini che per le donne).
  • Non è permesso il flash all'interno della chiesa.
  • Si raccomanda di indossare scarpe comode.