UN ANGOLO STORICO DI SARDEGNA

  • Porto

    Olbia/Costa Smeralda

  • Livello di difficoltà

    Facile

  • Tipologia

    Giro turistico, Degustazione

  • Prezzo

    Adulti

    EUR65.0

  • Durata ore

    5.0

  • Codice escursione

    0109

Descrizione

Immergiamoci nella natura e nella storia della regione della Gallura, di cui conosciamo gli "abitanti" più longevi, ovvero i celebri olivastri millenari, e visitiamo due caratteristici paesi: Luras e Telti.



Cosa vediamo
  • Luras
  • Museo Etnografico della Gallura
  • Valle di Carana
  • Telti
  • Degustazione di Mirto


Cosa facciamo
  • L'escursione, con partenza dal porto, ci porta a scoprire l'interno della regione della Gallura, a contatto con la natura incontaminata e lontano dalle luci e dalla confusione della costa.
  • La prima tappa è prevista a Luras, un vivace paese dalle origini incerte; pur essendo situato nel cuore della Gallura, ha conservato il dialetto sardo tipico della regione occidentale di Logudoro. Gli studiosi ipotizzano che questo lindo paese sia stato fondato da una colonia di 4000 ebrei deportati in Sardegna dall'Imperatore Tiberio nell'anno 19 d.C.
  • Dopo una breve visita del paese, ci rechiamo al Museo Etnografico della Gallura dove, tra gli oltre 5000 pezzi esposti, si ritrova anche il martelletto che si ritiene venisse utilizzato dalla cosiddetta “Femina Accabadora", ovvero colei che poneva fine alle sofferenze umane: una sorta di eutanasia ante litteram.
  • Terminata la visita, ci rechiamo alla Valle di Carana, dove si possono ammirare alcuni fra gli alberi più antichi d'Europa: gli olivastri millenari, il più antico dei quali ha una circonferenza alla base del tronco di oltre 12 metri.
  • Proseguiamo poi alla volta di Olbia, con una sosta a Telti per visitare il piccolo centro storico e il nucleo abitativo del paese, sviluppati attorno alla piazza del Duomo dove sorge la Chiesa di Santa Vittoria, dove possiamo ammirare il colore del granito locale e i vari murales.
  • Prima di rientrare alla nave, non può mancare una degustazione del prodotto tipico locale: il Mirto, liquore prodotto dalle bacche dell'omonima pianta.

Cosa c'è da sapere
  • I posti a disposizione sono limitati, si raccomanda pertanto di prenotare per tempo.