ISOLA DI TINOS

  • Porto

    Mykonos

  • Livello di difficoltà

    Moderata

  • Tipologia

    Degustazione

  • Prezzo

    Adulti

    EUR105.0

  • Durata ore

    8.0

  • Codice escursione

    024R

Descrizione

Un'intensa giornata dedicata all’isola di Tinos, con la visita alle chiese di Nostra signora di Tinos, celebre per la miracolosa icona della Vergine che custodisce, il Monastero di Kechrovouni, lo spettacolare paesaggio della pianura di Volax, punteggiato dai massi vulcanici l’elegante villaggio di marmo bianco di Pyrgos, patria di molto famosi scultori e le incantevoli colombaie di epoca veneziana di Tarambados.



Cosa vediamo
  • Nostra signora di Tinos
  • L’icona miracolosa
  • Monastero di Kechrovouni
  • Il villaggio di Volax
  • Il villaggio di Pyrgos
  • Museo degli artisti di Tinos
  • Il Museo Giannoulis Halepas
  • Le colombarie di Tarambados


Cosa facciamo
  • Arrivati all’isola di Tinos ha inizio il tour con la visita alla chiesa di “Nostra signora di Tinos”, che si trova nella città.
  • Il complesso architettonico è stato costruito attorno ad un’icona miracolosa che secondo la tradizione è stata trovata dopo l’apparizione della Vergine a suor Santa Pelagia, la quale le ha rivelato il luogo in cui l'icona era stata sepolta. L’icona è da molti ritenuta responsabile di numerosi miracoli. L’icona è stata all’epoca ritenuta opera di San Luca Evangelista, una possibilità che non può essere né confermata, né smentita. La chiesa, costruita in stile rinascimentale, è stata inaugurata nel 1830 e da allora è un importante centro di pellegrinaggio cristiano in Grecia.Proseguiamo l’escursione con una visita dell’imponente Monastero di Kechrovouni*, risalente all’XI-XII secolo, che si distingue per la singolare architettura. Qui Santa Pelagia ha avuto la visione che l’ha guidata a scoprire la miracolosa icona della Vergine Maria.
  • La nostra prossima meta è il villaggio di Volax. Questo piccolo borgo situato all’interno dell’isola si trova in una pianura incastonata tra le rocce e imponenti massi granitici. Una delle località più interessanti da visitare, in quanto la sua architettura è unica in tutta l’isola. Molte delle case sono state realmente edificate sopra un masso! Grandi massi grigi e quasi perfettamente tondi sono disseminati nella pianura e sulle colline che circondano Volax, a creare un paesaggio affascinante e un fenomeno geologico unico. I grandi macigni rotondi di origine intrusiva che circondano la località creano un effetto seducente per il visitatore, data la loro particolarità. Volax è da sempre la patria dei cestai. Dopo una breve pausa proseguiamo il tour dell’isola con il villaggio di Pyrgos, famoso per le sculture di marmo . E per essere il paese natale di molti famosi scultori e per ospitare molte botteghe di scalpellini e intagliatori di legno, oltre alla Scuola di Belle Arti. Alla fine del XVIII e all’inizio del XIX secolo Pyrgos è stato il centro di una importante tradizione scultorea, alimentata dalla presenza di un ottimo marmo locale. Il marmo è visibile ovunque; sopra le variopinte porte delle case, sulle fontane, nel cimitero, che ospita stupende sculture e negli edifici interamente costruiti in marmo che fanno di Pyrgos un museo d’arte a cielo aperto. Gli stretti vicoli imbiancati, le case, le chiese e i fiori dalle tinte vivaci che decorano le facciate e i balconi delle case si sposano meravigliosamente con l’aspetto aristocratico del marmo bianco, offrendo al borgo un aspetto davvero elegante.
  • Visiteremo il museo che raccoglie le opere degli artisti di Tinos e il museo Giannoulis Halepas
  • Sulla via del ritorno passeremo nel villaggio di Tarambados, dove potremo ammirare le famose colombaie , imponenti torri di pietra, fittamente decorate con tavolette di pietra locale, con posatoi ornamentali e passaggi per i piccioni. I Veneziani portarono per primi le colombaie nell’isola, con le loro caratteristiche torri in miniatura.

Cosa c'è da sapere

0