LE ACQUE TERMALI DI MYVATN E IL MUSEO DI LAUFAS

  • Porto

    Akureyri

  • Livello di difficoltà

    non disponibile

  • Tipologia

    Giro turistico, Percorso naturalistico, Balneare, Culturale

  • Prezzo

    Adulti

    EUR135.0

  • Durata ore

    5.0

  • Codice escursione

    02DE

Descrizione

Ci regaliamo una favolosa pausa di relax in una Spa esclusiva, dove possiamo immergerci nelle benefiche acque geotermali a un passo dal lago Myvatn, seguita da un'incursione negli usi e costumi del tempo che fu in un suggestivo museo del folklore.



Cosa vediamo
  • Lago Myvatn
  • Myvatn Nature Baths
  • Bagno e relax nelle acque geotermali
  • Museo del Folklore i Laufas


Cosa facciamo
  • Lasciandoci alle spalle Akureyri, raggiungiamo il lago Myvatn, considerato una delle meraviglie naturali del mondo, circondato da scenari frutto di ripetute eruzioni vulcaniche e dell'attività sismica che nel corso dei secoli hanno modellato una serie incredibile di formazioni laviche, crateri, grotte e montagne.
  • La nostra meta sono le terme Myvatn Nature Baths, una Spa moderna e raffinata, dove possiamo rilassarci in un ambiente completamente naturale, immersi in acque azzurre e lattiginose e avvolti in nuvole di vapore che fuoriescono da una profonda fenditura della superficie terrestre.
  • Il complesso è dotato di una caffetteria, spogliatoi e docce, tre bagni di vapore e una favolosa piscina esterna geotermale di 5000 m2 mantenuta a una temperatura costante di 38-40 gradi.
  • Le acque calde e lenitive delle terme naturali di Myvatn contengono una miscela esclusiva di minerali, silicati e micro-organismi di origine geotermale che ci restituisce un meraviglioso effetto rilassante e una sensazione di benessere indimenticabile.
  • Dopo questa esperienza eccezionale, riprendiamo il viaggio per visitare il Museo del Folklore di Laufas, in origine una masseria con annessa canonica.
  • La fattoria, interamente ricoperta da zolle erbose, risale al 1866 e al suo interno sono esposti i più disparati utensili legati alla ruralità della vita domestica e agricola dei possidenti locali di quel periodo. Poteva ospitare da 20 a 30 persone, alle quali era consentito l'unico svago di recarsi alla canonica, dedicata a San Pietro e costruita accanto alla fattoria l'anno precedente.
  • Facciamo quindi ritorno a Akureyri ammirando comodamente seduti gli splendidi panorami che si susseguono.

Cosa c'è da sapere
  • I posti a disposizione sono limitati, si raccomanda pertanto di prenotare per tempo.
  • Guide in lingua italiana disponibili in numero limitato; qualora non fossero disponibili, l'escursione sarà condotta in inglese.