LE MERAVIGLIE D’ORIENTE – DA XI’AN A PECHINO (5 giorni/4 notti) -&nbsp; (Camera Doppia)<b> </b>

  • Porto

    Shanghai

  • Livello di difficoltà

    Moderata

  • Tipologia

    Giro turistico, Percorso naturalistico, Culturale, Pasto incluso

  • Prezzo

    Adulti

    EUR2990.0

  • Durata ore

    94

  • Codice escursione

    02SZ

Descrizione Addentriamoci nel cuore dell’impero cinese alla scoperta dei suoi tesori più preziosi: dall’eccezionale Esercito di Terracotta alla grandiosa Grande Muraglia. Un’escursione ricca di fascino in cui l’incanto della tradizione orientale ci lascerà senza fiato!

Cosa vediamo Giorno 1 
  • Volo da Shanghai a Xi’an  
  • Cena e Spettacolo Tang Dynasty Show   
Giorno 2       
  • Esercito di Terracotta
  • Volo da Xi’an a Beijing
Giorno 3
  • Grande Muraglia Cinese - Passo di Juyong
  • Stadio Nazionale di Pechino
Giorno 4
  • Piazza Tienanmen e Città Proibita (sosta fotografica)
  • Tour degli hutong in risciò
Giorno 5
  • Volo da Beijing a Hong Kong


Cosa facciamo GIORNO 1
  • Lasciamo il porto di Shanghai per dirigerci verso l’aeroporto, dove ci imbarchiamo sull’aereo che ci condurrà nel cuore della Repubblica Cinese, a Xi’an. Punto di partenza della Via della Seta e capitale di 13 dinastie, con oltre 3100 anni di storia Xi’an si classifica senza dubbio tra le più importanti città della Cina, anche grazie alla sua posizione strategica che le permette di promuovere i flussi culturali ed economici e ai suoi punti panoramici e i suoi tesori artistici che la rendono una delle mete turistiche più popolari del Paese.
  • Una volta atterrati, raggiungiamo l’elegante Sofitel Xian On Renmin Square Hotel e dopo aver effettuato il check-in ci dirigiamo al Tang Dynasty Complex per assistere al celebre Tang Dynasty Show. I costumi tradizionali, le straordinarie scenografie e l’ottima musica dal vivo di questo spettacolo tradizionale cinese accompagnano una gustosa cena a base di cucina tipica cantonese: un tuffo nel passato e nella cultura orientale più autentica.  
GIORNO 2
  • Dopo la colazione e il check-out cominciamo il nostro tour: ci rechiamo presso il Mausoleo del primo imperatore Qin Shi Huang, in cui si trova lo straordinario Esercito di Terracotta
  • Dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1987 e acclamato come ottava meraviglia del mondo, questo stupefacente insieme di statue è composto da migliaia di riproduzioni di guerrieri di terracotta, poste a guardia della tomba dell’imperatore: un esercito simbolico, destinato a servire il regnante cinese anche nell'Aldilà. Di queste statue sono state riportate alla luce circa 100 cavalli di terracotta, 18 carri di legno e 8000 guerrieri vestiti da corazze e dotati di armi, ciascuno dei quali alto circa 1,36 m e del peso di oltre 300 kg. 
  • Scolpiti in modo estremamente realistico, soldati a cavallo, fanti in marcia, alabardieri, arcieri e balestrieri si dispongono in formazione di battaglia fila dopo fila, dando vita a uno spettacolo dall’atmosfera davvero impressionante. 
  • Dopo aver gustato un leggero pranzo al sacco siamo pronti a lasciare Xi’an: saliamo a bordo del transfer che ci porta all’aeroporto e facciamo rotta verso Beijing. Cuore del continente asiatico e di numerose dinastie, l’attuale capitale della Cina conserva il fascino della tradizione e della storia orientale, pur mostrando un volto moderno e proiettato verso il futuro. 
  • Una volta atterrati ci dirigiamo al lussuoso Regent Beijing Hotel per un po’ di meritato riposo.
GIORNO 3
  • Dopo una sfiziosa colazione, ci dirigiamo verso la Grande Muraglia Cinese, più precisamente al Passo di Juyong. Situato nel distretto di Changping, in una valle lunga 18 km chiamata “Guangou”, il Passo di Juyong è uno dei tre grandi Passi della Grande Muraglia, assieme a quello di Jiayuguan e quello di Shanhai, e permette di accedere a una delle sezioni più famose della Grande Muraglia. Costruita a partire dal 215 a.C. circa per volere dell'imperatore Qin Shi Huang e lunga ben 8852 km, la Grande Muraglia è stata dichiarata dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità nel 1987 e inserita fra le Sette Meraviglie del Mondo Moderno nel 2007. 
  • Dopo la visita, ci fermiamo in un ristorante tipico, dove possiamo assaporare alcune delle specialità locali. 
  • Ripartiamo alla volta dello Stadio Nazionale di Pechino che ha ospitato le cerimonie di apertura e di chiusura e alcune gare dei Giochi della XXIX Olimpiade. Per via della sua forma è stato soprannominato 'Nido d'uccello', ma secondo i progettisti Herzog e De Meuron esso rappresenta molto di più: “una scultura gigantesca, un intreccio di linee caotiche e convergenti, una superficie porosa, una montagna da penetrare e da arrampicare. Una piattaforma pubblica davvero capace di stimolare e legittimare l'aggregazione”. 
  • Dopo una pausa ritemprante trascorsa in hotel non possiamo non recarci in un ristorante locale ad assaggiare la celebre “anatra alla pechinese”, una pietanza davvero imperdibile per chiunque visiti la città che le ha dato il nome!
GIORNO 4
  • Dopo aver fatto colazione riprendiamo la nostra visita avviandoci verso uno dei luoghi più rappresentativi della città: Piazza Tienanmen, il cuore simbolico della nazione cinese. Coi suoi 440.000 metri quadrati, Piazza Tienanmen è la sesta piazza pubblica più grande al mondo, ma ciò che la rende davvero peculiare è la sua importanza storica: è stata infatti scenario sia della proclamazione della Repubblica Popolare Cinese da parte di Mao Tse-tung nel 1949 che delle dimostrazioni di massa della Protesta Democratica Cinese del 1989. 
  • Attraversando la Tienanmen (“porta della Pace Celeste”) che dà nome alla Piazza, giungiamo alla Città Proibita, dove effettuiamo una sosta fotografica. Questo complesso composto da 980 edifici divisi in 8.707 camere per quasi 500 anni è stato abitazione degli imperatori delle dinastie Ming e Qing, nonché centro cerimoniale e politico del governo cinese. Insieme alla Grande Muraglia, dal 1987 fa parte dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. 
  • Dopo aver gustato un pranzo tipico in un ristorante locale intraprendiamo un divertente tour in risciò per gli hutong, i celebri vicoli formati da file di siheyuan, le tradizionali abitazioni pechinesi. 
  • Rientriamo in hotel per una pausa di relax e usciamo a festeggiare la nostra ultima giornata nella capitale cinese con un’invitante cena a base di specialità del posto.
GIORNO 5
  • Siamo giunti al termine della nostra tappa pechinese, perciò effettuiamo il checkout, raggiungiamo l'aeroporto e ci imbarchiamo sul volo per Hong Kong
  • Una volta atterrati saliamo a bordo del transfer che ci conduce finalmente alla nostra nave.

Cosa c'è da sapere
  • I posti a disposizione sono limitati, si raccomanda pertanto di prenotare per tempo. 
  • Tutti i pasti sono inclusi. 
  • Guide in lingua italiana disponibili in numero limitato; qualora non fossero disponibili, l'escursione sarà condotta in lingua inglese. 
  • Per partecipare all'escursione è necessario avere con sé il passaporto e il visto turistico per l'ingresso in Cina richiesto al momento dell'imbarco.
  • Si raccomanda di indossare scarpe comode.
  • L'escursione è sconsigliata agli ospiti che hanno difficoltà motorie.